domenica, dicembre 30, 2012

Soul Time. Il meglio dei dischi soul 2012



Nei resoconti precedenti sui migliori album italiani e stranieri sono entrati parecchi titoli di (NEW) SOUL (e derivati) da “Talking Book” di MACY GRAY, “Soul Overdue” di MARTHA HIGH, “Yes we can” del progetto AN APPLE DAY senza dimenticare THE SOUL SAILOR & the FUCKERS - The effects of gettin wilder , B.E.S.T. “Shilly Shally” / “Wonderful”, JESSICA LAUREN FOUR - s/t, MIKE PAINTER QUINTET & VIOLA ROAD - Hammond voice.

Per i SOUL LOVERS un breve elenco di titoli usciti nel 2012 assolutamente meritevoli di ascolto e di spazio.

Ad incominciare dallo splendido SLIM MOORE AND THE MAR KAYS – Introducing (splendido 70’s soul funk in stile Curtis Mayfield, uscito alla fine del 2011. Una vera scoperta. Grande voce black e atmosfere perfettamente retrò).
HANNAH WILLIAMS and the TESTMAKERS all’esordio con “A hill of feathers” per la “nostra” preziosissima RecordKicks: sound pieno e diretto, eccellente uso della sezione fiati, ritmica che segue le orme del Curtis Mayfield dei primi 70’s (“The kitchen strut”), voce impressionante per potenza e “negritudine”. Deep soul che si mischia in continuazione con il 70’s funk, lente ballate di sapore Otis Redding e Aretha Franklin .
CODY CHESNUTT - Landing on a hundred A dieci anni da un esordio solista clamoroso in cui si immergeva nella black music a 360° mescolando di tutto, torna Chesnutt con un lavoro meno funambolico, più omogeneo e “normalizzato”.
Anche se stiamo parlando di un colto e riuscito viaggio nei territori più creativi del 70’s soul da dove estrae omaggi a Marvin Gaye, Isaac Hayes, Al Green, Stevie Wonder e si immerge in atmosfere care a Sly, Curtis Mayfield e ai Funkadelic.
Il tutto con una voce, una verve, arrangiamenti e spessore compositivo da veterano.
QUANTIC + ALICE RUSSELL - Look around the corner
Un delizioso album in cui si mischiano soul, latin jazz, Sergio Mendes, Jullie Driscoll. Cool e raffinato.
DOJO CUTS featuring ROXIE RAY - Take from me
Il ritorno del soul funkers australiani coincide con uno splendido album (pubblicato dalla RecordKicks) moderno, attualissimo ma con le radici che attingono a piene mani dai migliori 60’s e primi 70’s grooves.
La voce di Roxie Ray fa il resto e li porta a rivaleggiare con Sharon Jones ai vertici del genere.
LEE FIELDS & THE EXPRESSIONS - Faithful Man
Lee Fields è in giro dai 70’s ma al successo è arrivato da poco.
Con un prezioso soul funk a ritmi bassi (Joe Tex, Sam Cooke, l’Otis Redding più quieto, Al Green, i soul blues in 6/4 di James Brown) ma crudo, vintage, sincero.
THE NEW MASTERSOUNDS - Out on the faultline
Tornano i funkers inglesi con un superbo album super groovy dove ad infuocati deep funk alla Meters si affiancano echi del boogaloo di Jack McDuff (qullo di “Hot barbecue”), azzardi proto disco (ci sono rimandi perfino al primo Jamiroquai), Hammond grooves di prima qualità.
Un bellissimo album, intenso , da ballare, ascoltare, godere fino in fondo.
BETTYE LAVETTE - Thankful and thoughtful
Nome leggendario, festeggia i 50 anni di attività nel music business con un album in cui coverizza con gusto blues, soul e funk alcuni brani poco noti di Dylan (“Everything is broken”) , Neil Young ("Everybody Knows This Is Nowhere"), Tom Waits (“Yesterday is here”) , Black Keys, perfino “Crazy” di Gnarls Barkley's e un brano di Jon Bon Jovi.
Classe, eleganza, raffinatezza, un ottimo album.
JEFF HERSHEY & THE HEARTBEATS - Soul music vol. 1
Freschezza soul e norther nsoul in questo saltellante esordio.
Siamo dalle parti di Jackie Wilson , Sam Cooke, Otis ma con un tiro da dancefloor del Wigan Casino o il Twisted Wheel nei primi 70’s.
Talvolta i brani sono un po‘ scontati prevedibili ma l’atmosfera è sempre perfetta !

Un paio di singoli:

NICOLE WILLIS and the SOUL INVESTIGATORS - Tell me when/It’s alla because of you
Dopo anni di assenza discografica torna la grandissima Nicole Willis con un nuovo singolo che prelude al secondo album della carriera, “Tortured soul” in uscita all’inizio 2013.
Due elegantissimi brani di mid tempo soul la title track, più lenta e nel Marvin Gaye mood di “What’s goin on” o della “Thin line between love and hate” dei Persuaders. Assolutamente affascinante.

DEEP STREET SOUL - Hold on me / This love ain’t big enough
Super funk soul (sulle orme di Sharon Jones per capirci) dall’Australia con un singolo da paura con la stupenda “Hold on me” sul lato A e una cover di Charles Bradley splendidamente riuscita sulla B side. GREAT !

Dall’Italia ancora due titoli:

HAMMOND EXPRESS “Another Steppin Soul” (uno dei progetti dell’Hammondista Francesco Gazzara tributa omaggio ad una serie di grandi del soul con eccellenti reinterpretazioni Hammond jazz ed alcuni ottimi brani di propria composizione. Cool Stuff )
LUCA SAPIO “Who knows” (Ex voce di Accelerators e Quintorigo affronta la difficile ARTE del SOUL con coraggio e ampio dispendio di mezzi, registrando a NY sotto l’egida della Daptone Il risultato è un album di deep soul che suona perfettamente 60’s/Daptone su cui la voce di Luca non sfigura)

E qualche compilation:

AA.VV. The world of Daptone Records
Un must per i cultori del new soul questa raccolta allinea 20 brani dei migliori gruppi dell’etichetta americana Daptone Records spaziando come sempre tra le più svariate gamme del soul, rhythm and blues, funk, boogaloo, gospel, hammond beat. Ci sono re e regine /Sharon Jones, Sugarman Three, Busod Band, Charles Bradley con la Menahan Steet Band) e nomi meno conosciuti.
Solo groove, ritmiche travolgenti, suoni vintage proiettati nel presente e nel futuro.

VV.AA. - Santa’s Funk & Soul Christmas Party
Ho sempre odiato i dischi natalizi ma se in questi giorni avete bisogno di una colonna sonora adatta questo album della Tramp records è stupefacente.
Niente jingle bells e solite melodie con le renne in sottofondo ma 13 brani di torrido rhythm and blues , funk e soul che di natalizio hanno solo il titolo.
Non ci sono grandi nomi (eccetto Jimmy Reed che spara un funk blues da paura e Vernon Garrett con due brani di cui il funk blaxploitation “Christmas groove” è una delle vette dell’album).

AA.VV. - The Craig Charles Funk & Soul Club
Craig Charles è un notissimo Dj (ma non solo) londinese specializzato in black music in tutte le sue direzioni, sulla scena dai 70’s e conduttore di un seguitissimo programma sulla BBC.
In questo album della Freestyle (la sua prima compilation) raccoglie 19 brani che abbracciano tutto lo scibile black tra nuove bands e vecchi classici.
E poi ancora valanghe di soul, reggae, funk, perfino jive, il latin funk della Incredible Bongo Band che rifà “Satisfaction”.


6 commenti:

  1. Irriverent Escapade30 dicembre 2012 12:29

    Tanta roba buona...davvero :-)

    RispondiElimina
  2. http://www.youtube.com/watch?v=HsbET0OTaqA

    pop dì oltre cortina, la 'orietta Berti' Estone,..great:)

    RispondiElimina
  3. http://www.youtube.com/watch?v=fSoFdbrikGw

    i Mikronid (il baffo al centro sembra Marco Ferradini,..)

    RispondiElimina
  4. Devo dire che da quando mi sono messo di impegno a cercare di ogni nel New Soul ho scoperto una scena attivissima e piena di gioielli !
    Grandi dischi davvero !
    Cosa che non ho trovato nel (nuovo) blues, solo qualcosina nel jazz

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails