martedì, ottobre 09, 2012

Frank Sinatra e i Beatles



L’incrocio tra Beatles e Frank Sinatra è sempre stato abbastanza nebuloso e a tratti pure conflittuale.
I Beatles contribuirono ad affossare il successo di Sinatra nei 60’s relegandolo ai pur sontuosi e ben retribuiti show di Las Vegas e ad alcuni periodi di silenzio in cui Frankie meditò il ritiro.
Pare che in questo senso i suoi giudizi sui Beatles non fossero particolarmente lusinghieri (sicuramente non quelli del figlio che nel 1977 dichiarò, maledicendo “il giorno in cui erano nati” che i Beatles “avevano rovinato il mondo ! Responsabili di buona parte della degenerazione giovanile essendo i primi a rendere accettabile sputare in faccia all’autorità”).

Nonostante ciò inserì nei 70’s nei suoi show (e successivamente incise) il brano di Harrison “Something” (pare che talvolta lo abbia presentato come “il miglior brano di Lennon e McCartney”...) che definì “la più bella canzone d’amore degli ultimi 50 anni”.
Dei Beatles propose anche “Yesterday”.
I Beatles non esclusero l’idea di scrivere qualcosa per Frank.

E se George pensò a “Isn’t a pity” (brano del 1966 poi finito su “All things must pass” nel 1970) e John a "Nobody Loves You (When You're Down and Out)" poi finita su “Walls and bridhes” (1974) ("l’ho sempre immaginata cantata da Sinatra, non perchè ma è molta Sinatresca . Ne farebbe una canzone perfetta.
Hey Frank mi senti ? Hai bisogno di una canzone che non è una nullità ?
Qui ce n’è una per te con gli arrangiamenti dei fiati e tutto fatto apposta per te. Ma non chiedermi di produrla”
), Paul invece ripescò una dei suoi primissimi brani, “Suicide” (composta addirittura nel 1956 !) provinata nelle session di “Let it be”, poi inserita in pochi secondi nel suo primo album solo nel 1970 alla fine di “Hot sun/Glasses”.
Nel 1974 ne registrò un ulteriore versione completa e la spedì a Frank Sinatra (anche se alcune fonti accreditano l’invio al 1966) che rifiutò il brano (reputandolo uno scherzo) che lo stesso Paul ha successivamente definito come “orribile”.

George Harrison, Frank Sinatra e Patty Boyd si incontrarono durante le session di registrazione di “Cycles” di Frankie, uscito nel 1968 (vedi foto).

Nel 2010 è uscito un articolo/burla di Guy Bartlett Williamson dal titolo Sinatra sings the Beatles su http://thegreatestcritic.wordpress.com/ che cita un ( improbabile e palesemente falso) album tributo di Sinatra ai Beatles con ben 28 brani dei Fab Four registrato nei primi 70’s ma mai venuto alla luce per volere dei dirigenti della sua etichetta discografica.

18 commenti:

  1. Off Topic: apprendo della scomparsa di Luca "Lupus" Carpi chitarrista dei Raw Rower. Ironia della malasorte..a dieci anni dal decesso di Giuseppe Codeluppi,suo predecessore e fondatore del gruppo.
    RIP

    Cristiano

    RispondiElimina
  2. Sinatra e i Beatles, personaggi agli antipodi...ma 'Something' cantata da Frank a me è sempre piaciuta moltissimo.

    RispondiElimina
  3. Stamane e' arrivato MOJO in edicola..due copertine disponibili: una coi JAM e l'altra con gli ZZ TOP.
    Indovinate quale mi e' arrivata...
    C

    RispondiElimina
  4. Pibio ti evocavamo sull'altro post.
    dai racconta

    RispondiElimina
  5. Dai Pibio, qualsiasi cosa, sarà caduta in prescrizione ormai...

    W

    Zizì!

    RispondiElimina
  6. come on come on Pibio come on such a joy

    RispondiElimina
  7. Take it eeeeeeeeeeeeeeasy!

    RispondiElimina
  8. take it eeeeeeeeeeeeeeasy!

    RispondiElimina
  9. Il figlio di Sinatra......uhm un figlio di...?

    Charlie

    RispondiElimina
  10. Personaggino da incendiare...grande invece la figlia Nancy...

    Visto che qui bazzicano alcuni pericolosi tifosi genoani , Frankie volle farsi seppellire con la bandiera del Genoa nella bara in quanto grande tifoso rossoblu.

    RispondiElimina
  11. Frank Sinatra odiava i Beatles (mai quanto Elvis) perchè gli rubarono definitivamente la scena, in particolare quella femminile. Comunque a me è sempre piaciuto parecchio.
    E' sepolto con la CRAVATTA del GENOA, lui disse di essere un grande genoano, ma aveva sicuramente più a che fare con la famiglia della madre (amtissima) di Chiavari e a quanto pare tutti dei nostri. Non credo che sapesse distinguere un rigore da un corner, ma va bene lo stesso.

    RispondiElimina
  12. Infatti mi sono sempre stupito di questa presunta "passione" per il calcio...

    RispondiElimina
  13. Esiste una testimonianza di un incontro in una sua visita nella superba in cui viene esplorato l'argomento. Vedrò di recuperarla.

    AG

    RispondiElimina
  14. DEVI RECUPERARLA per il nostro book

    RispondiElimina
  15. Sssshhhhhhhhhhh!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  16. Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah!

    W

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails