martedì, novembre 10, 2015

L'educazione sessuale nelle scuole



L’educazione sessuale “è obbligatoria in tutti i paesi dell’Unione tranne che in Italia, Bulgaria, Cipro, Lituania, Polonia, Romania e Regno Unito”.

In Italia decenni di proposte ma neanche una legge in materia.
Nelle scuole i corsi sono lasciati all’iniziativa dei docenti.
In Svezia già nel 1955 diventò obbligatorio l'insegnamento in tutte le scuole, in Danimarca e in Austria nel 1970.
I genitori non possono chiedere che i figli siano esentati. In Olanda i primi programmi nascono negli anni ’60.
In Francia nel 2001 l’educazione sessuale divenne obbligatoria in tutte le scuole di ogni ordine e grado con almeno tre diversi cicli di lezioni durante l’anno.
La Germania, dopo la riunificazione, nel 1995, ha reso obbligatorio l’insegnamento in tutto il paese.
Perfino il Pakistan ha introdotto corsi in materia sessuale nelle scuole.

In Italia non esiste una legge, nonostante ci sia richiesta di formazione, con gli istituti che organizzano incontri e i consultori che offrono corsi nelle scuole.
Se ne parla da decenni ma tra veti incrociati vari non si è mai arrivati ad un soluzione.
L’11 gennaio 2011 papa Benedetto XVI condannava la “minaccia alla libertà religiosa delle famiglie in alcuni Paesi europei, là dove è imposta la partecipazione a corsi di educazione sessuale o civile (…) che riflettono un’antropologia contraria alla fede e alla retta ragione”. Contro i corsi a scuola si è scagliato il 26 marzo 2014 anche il cardinale Angelo Bagnasco

19 commenti:

  1. Troppo Vaticano..Medioevo
    C

    RispondiElimina
  2. Purtroppo è l'esemplificazione perfetta di chi poi alla fine decide un certo tipo di cose

    RispondiElimina
  3. Argomento delicato.
    Ovviamente richiede grado di civiltà e maturità si da parte del legislatore che dell'elettorato, per non parlare poi del corpo insegnante.

    PS: non che io sia d'accordo, anyway.
    E' ovvio comunque che in regime di democrazia la spunta la maggioranza, ed è ovvio che la maggioranza (anche se vota nei modi più disparati), è cattolica o si attiene a tale morale. Giusto così, tanto più che poi si risolverebbe nel solito scontro ideologico tra blocchi di opinione contrapposti, lasciando in mezzo i ragazzi (l'unica cosa che conterebbe veramente), vittime del solito strazio ideologico.

    RispondiElimina
  4. Quello che manca è una legge.
    Che dica: questo si, questo no.
    Ma in Italia nemmeno quella

    RispondiElimina
  5. Non si può (e non si deve!) fare una legge su un'argomento del genere se la maggior parte della popolazione non è d'accordo.

    RispondiElimina
  6. Infatti..il punto e' "solo" quello e pertanto siamo alle solite, in Italia
    C

    RispondiElimina
  7. SONDAGGIO: quanti hanno avuto un'educazione/informazione sessuale ai tempi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo alle solite perché le tue idee (come le mie del resto), sono in minoranza, per cui va accettato così com'è.

      Elimina
  8. Ci sono già anche troppe leggi fatte senza nessun consenso alla base che obbligano la gente a fare quello che non vogliono in situazioni che non lo richiedono.
    sono limitazioni delle libertà personali , dittatura.

    RispondiElimina
  9. E' ovvio che dove esistono tali leggi il consenso trasversale della gente è ampio e rispecchia il 'senso comune', qui no.

    RispondiElimina
  10. Fare educazione sessuale a scuola eviterebbe una percezione del sesso ignorante e purtroppo spesso becera.
    Credo che se fosse introdotta nel programma scolastico sarebbe ben accetta dalla maggioranza della popolazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia figlia (quinta elementare, scuola pubblica) quest'anno comincera un percorso dii Educazuone Affettiva.
      Faranno tre incontri:
      1) chi sono io ? ( consapevolezza di se)
      2)il corpo che cambia
      3) Amore attrazione affetto

      Direi sempre meglio di niente

      Cristina

      Elimina
  11. Ma siccome lo devi chiedere prima....

    RispondiElimina
  12. Ogni tanto penso che botta di fortuna sarebbe stata se il papato fosse rimasto ad Avignone...

    RispondiElimina
  13. SUPER OFF TOPIC, scusate ma:

    Rischiano addirittura l’ergastolo. La pena che in Italia viene inflitta agli assassini (e che non sempre concludono dietro le sbarre). In Nepal, invece, fanno sul serio. Arrestati e rilasciati solo dietro il pagamento di una cauzione (tra i 400 e i 4.000 euro), cinque calciatori nepalesi sono stati accusati di tradimento per aver truccato alcune partite giocate tra il 2011 e il 2014. Si tratta del capitano della nazionale Sagar Thapa - uno dei giocatori più rappresentativi della storia del calcio locale, a cui è stata subito tolta la fascia da leader - del vicecapitano Sandip Rai, del portiere Ritesh Thapa e degli ex Bikash Singh Chhetri e Anjan KC.
    Sagar Thapa con la maglia del Nepal. 

    Gli inquirenti accusano i cinque calciatori di tradimento in base alla legge del 1989 sui «crimini contro lo Stato», in particolare di «aver tentato di mettere in pericolo la sovranità, l’integrità e l’unità del Nepal». La massima pena prevista è l’ergastolo.

    RispondiElimina
  14. giusto..a morte i traditori!
    C

    RispondiElimina
  15. Ci manderei Doni in Nepal.
    A parte che se fosse lasciato al giudizio degli ultras dell'Atalanta forse gli ocnverrebbe il Nepal.......

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails