sabato, marzo 04, 2017

LInk Quartet - Minimal Animal



Come è noto ho avuto una parte nella storia del Link Quartet, dal 1993 al 2005 circa, pertanto è sempre un piacere ascoltare le nuove produzioni della band, che ha successivamente proseguito una carriera proficua e ricca di soddisfazioni.

Nel nuovo capitolo in uscita per la tedesca Soundflat Records il Link Quartet, dopo una serie di escursioni tra sonorità più articolate, a tratti quasi fusion e vari inserimenti vocali, torna alle origini con tredici brani autografi, rigorosamente strumentali, dove su ritmiche funk si intrecciano i virtuosismi di Hammond e chitarra.
Siamo dalle parti di Meters e Booker T riviste con il piglio modernista di Brian Auger, James Taylor, New Mastersounds etc.

Come sempre ottimo groove, un'inedita, curiosa e intrigante escursione nel rocksteady in "Peacock steady", quasi un'ora di buona musica.
Support !

5 commenti:

  1. Sempre grandi.
    Ho visto che il mese prossimo suonano a Borghetto, cercherò di non mancare.

    RispondiElimina
  2. Ciao GMV tutto bene?
    Ci vediamo al campo davanti all'entrata, 14,30?
    Clima giusto per una partita di rugby

    RispondiElimina
  3. Tutto (quasi) sotto controllo, ok per le 14 e 30.

    A dopo GMV

    RispondiElimina
  4. Bene. Se i quasi dovessero prendere il sopravvento avvisami qui per l'una e mezza così non parto.
    A dopo

    RispondiElimina
  5. Support LINK4t!
    C

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails