mercoledì, marzo 02, 2016

Chad il mod di "Quadrophenia"



Il ragazzo della iconica fotografia che compare sulla copertina e nel booklet interno (dove è chiamato Chad) di QUADROPHENIA (The Who, anno di grazia 1973) si chiamava Terry Kennett.
La foto venne scattata da Graham Hughes il 24 agosto 1973 mentre quelle interne da Ethan A. Russsell.
Terry "Chad" fu reclutato da Pete Townshend che lo notò in un pub vicino allo studio di registrazione (i Ramport Studios, a sud di Londra, visibili in molte delle foto del booklet).
Nel bel mezzo del servizio fotografico "Chad" gli disse che doveva presentarsi in tribunale accusato di aver rubato un autobus!
Russell lo accompagnò in aula e quando il giudice gli chiese che lavoro facesse rispose
Faccio il modello per gli Who.
Russell confermò e Chad fu rilasciato.

Gli altri ragazzi che compaiono nelle foto erano amici e conoscenti di Chad, alcuni vicini all'estetica mod, altri rivestiti per l'occasione.
Ad aiutare a ricostruire il look dei mods dei 60's fu chiamato Linden Kirby (accreditato sul disco solo come Linden), un original mod.
La Vespa invece arrivò da un fratello dei ragazzi anch'esso mod nei 60's.
Lo scooter, in pessime condizioni, venne restaurato da un collaboratore degli Who (che nei 60's era però un rocker...) ma che ricordava bene come i mods accessoriavano i loro mezzi di trasporto.
Fece cromare le scocche, aggiunse un po' di specchietti e il mezzo fu pronto per gli scatti.
Una volta utilizzato, uno dei simboli più ricordati nella storia del rock, venne abbandonato per strada davanti agli studi, vandalizzato e dopo poco tempo caricato su un camion della spazzatura.
Terry Kennett è morto nel 2011.

Tra le particolarità del booklet l'ambientazione molto cruda, minimale, lontana da ogni spettacolarizzazione, con immagini forti e decisamente poco glamour (alcune ispirate direttamente dal cult film del 1969 "Bronco Bullfrog").
Il mercato extra inglese (soprattutto quello americano dove gli Who sono sempre stati fortissimi) faticò parecchio a capire ciò che Townshend voleva rappresentare, una cultura, uno stile di vita, al 100% brit, incomprensibile oltre oceano.

17 commenti:

  1. Povera Vespa, che fine ingloriosa ...

    GMV

    RispondiElimina
  2. Coincidenza rivedevo su sky "the story of Q" con interviste alle due mod-girls delle foto amiche sia degli Who che di Chad..molto interessante..vederle oggigiorno negli stessi luoghi del booklet e ancora con "abiti impeccabili" (per citare gli Statuto)

    C

    RispondiElimina
  3. Ricorda il fotografo che l'ultima volta che vide la Vespa era sul cassone di un camion della spazzatura. La osservò con un po' di rammarico.
    Uno dei simboli della storia del rock che avrebbe fatto la fortuna di un locale in cui esporla oppure un figurone sul palco degli Who durante i brani di "Quadrophenia" o addirittura poteva comparire come cameo nel film...bah

    RispondiElimina
  4. O meglio ancora nel mio garage.....

    RispondiElimina
  5. non che quella del film faccia poi una fine migliore........

    RispondiElimina
  6. Non oso pensare alla scena, mi vengono giu' i lacrimoni.
    Non tanto perché e' un simbolo, ma perché e' una Vespa GS, porcaputtana.
    Come cazzo si fa ad abbandonare un mezzo del genere ? E poi ad accanirsi su di esso ?
    Se qualcuno toccasse il mio PX lo sbrano....

    GMV

    RispondiElimina
  7. Tra l'altro originale 60's (forse 50's ? non me ne intendo) appartenuta ad un mod.
    Ma nei 70's fino verso la fine tutto ciò che aveva a che fare con il passato recente era da buttare, vecchio, fuori moda.
    Probabilmente al tipo hanno allungato un po' di sterline per liberarsi del "vecchio rudere" e una volta utilizzato nessuno aveva voglia di portarlo a casa.
    La lasciarono in strada, mezza rotta...diosanto !

    RispondiElimina
  8. Beh, per dargli un'eta' precisa bisognerebbe guardarla un po' piu' da vicino (andro' a vedere il booklet del vinile)
    Cmq la costruirono da 1955 al 1964, per cui hai ragione, Boss.
    In ogni caso un mezzo da qualche migliaio di Euro.

    GMV

    PS non sono cosi' ferrato in materia, ho guardato sul prezioso scooterdepoca.com.

    RispondiElimina
  9. Su FB mi dicono che valgono dai 12.000 ai 20.000 euro se ben tenute...e l'hanno buttata nel rudo !

    RispondiElimina
  10. Mi sembra un po' tanto.
    Sul sito vespaforever.net c'e' una sezione dedicata alle quotazioni; un GS va dai circa 5000 ai 7500, con un incremento del 44% in caso di mezzo conservato (e quindi originale in tutte le sue parti) e completi di targa e documenti.
    E' un riferimento, poi il mercato degli appassionati fa un po' come vuole, non mi stupirei se qualcuno si svenasse....

    GMV

    RispondiElimina
  11. 10mila euro per una GS a posto ci vogliono tutti.

    RispondiElimina
  12. aggiungo per i collezionisti che nel mastodontico Director’s Cut/Super Deluxe Edition Box Set c'e' l'unica foto a colori del nostro CHAD in sella al suo scooter..bellissimo scatto che ho appeso a casa

    C

    RispondiElimina
  13. Sarei tentato di dire , ma probabilmente sbaglio modello che a Santa ce l'avesse Canepari...sicuro non era un et3 e nemmeno un PX...era un vespone probabile 150/175...Gallo o Botteron visto che abitava dalle vostre parti vi dice niente??...
    hasta
    Clodoaldo

    RispondiElimina
  14. Grande Canepari! Chi l'ha più visto.
    Dalle nebbie remote del mio cervello non più funzionante direi una 125TS, una delle più belle in assoluto!
    E la mia preferita!!!

    RispondiElimina
  15. Questa!

    http://www.annunci-vespa.it/ads/vespa-ts-125-restaurata/

    RispondiElimina
  16. Ecco!!..una s c'era!!..ed ora che lo ricordi era proprio la ts..
    Hasta
    Clodoaldo

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails