giovedì, febbraio 04, 2016

The Hateful Eight di Quentin Tarantino



Premesso che con Kubrick, Truffaut, Scorsese, Antonioni, Coppola, Wenders, Jarmusch, Pasolini, Fellini, Herzog, Stone (più o meno in quest'ordine) QUENTIN TARANTINO è uno dei miei registi preferiti, e che di conseguenza il mio giudizio (poco competente in materia) è, a prescindere, di parte, credo che THE HATEFUL EIGHT sia un gran bel film.

Tre ore in una stanza (in una sorta di tragica allegoria della società americana), mai noiose, mai banali, piene di citazioni, dialoghi e attori superbi, una ripresa maniacale di ogni battito di ciglia, espressione, con angolazioni sempre diverse, suspense che si mantiene sempre altissima e un soggetto che non manca mai di stupire.
In mezzo i consueti litri di sangue, teste spappolate, crudeltà gratuite e scorrettezze di ogni genere (l'unica protagonista donna seviziata dall'inizio alla fine, l'uomo di colore costantemente apostrofato come nigger).

Tarantino o lo si ama o lo si odia.
La mia posizione è stata già espressa dall'inizio e di conseguenza il consiglio è di andarvelo a vedere.

16 commenti:

  1. Boss ma l'hai già visto ieri appena uscito fresco freschissimo? Wow..
    Io non vedo l'ora di andarci..actually sono uno che lo ama (e ieri ha visto su sky per la 1589 volta Pulp Fiction mentre seguivo con l'altro orecchio le gesta eroiche della Gobba...sorry Gallo)
    C

    RispondiElimina
  2. ah ma forse e' gia uscito la settimana scorsa..

    RispondiElimina
  3. No esce oggi ma l'ho avuto prima da Amici degli amici amereggani

    RispondiElimina
  4. Inglese con sottotitoli in italiano. Rende meglio. Sentito nei trailer il doppiaggio italiano ed è un'altra cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solita annosa domanda..meglio o peggio?
      C

      Elimina
  5. Questo è un film dai mille particolari che il fan dovrebbe riguardare più volte (tre ore...) e quindi l'inglese con il sottotitolo ti toglie già un bel po'.
    Ma sentire le inflessioni del razzista del sud, quelle del nero, le voci originali è un'altra cosa. Secondo me meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yes probabilmente...a volte il doppiaggio nel cercare di rendere queste inflessioni rischia di dare (perlomeno in italiano) un sapore un po' troppo "regionale" e da caratterismo..penso al classico piemontese,veneto,toscano,siciliano, sardo ecc
      C

      Elimina
  6. Sono un fan della lingua originale (ovvio che uso i sottotitoli anch'io pur masticando un discreto inglese)
    Ultimamente mi son preso su dvd la serie completa del Prigioniero (con Patrick Mac Goohan) e le prime due annate del Santo con Roger Moore..
    Sono tutt'altra cosa rispetto all'edizione doppiata, anche se qualche sottotitolatura e' veramente buttata li' alla "dog dick".
    I prossimi saranno quelli di Agente Speciale (The Avengers) con Patrick McNee e le varie Honor Blackman, Diana Rigg e Linda Thorson ...

    GMV

    RispondiElimina
  7. Prossima settimana me lo vedo. Tarantino mi piace anche nelle sue prove meno celebrate come Grindhouse- Death Proof....poi ho in comune con lui la passione della suadente Uma...

    Charlie

    RispondiElimina
  8. io ancora non l'ho visto [solo perché mi è venuta una pancreatite da ricovero ospedaliero...] ma so già che l'amerò follemente.
    sulla fiducia su Quentin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Patalice questo e' un blog di sedicenti tuttologi Casula.."una pacreatite DA ricovero ospedaliero"?
      Dicci meglio
      ciao!

      Elimina

Related Posts with Thumbnails