venerdì, febbraio 26, 2016

Get Back. Dischi da (ri)scoprire



Ogni mese la rubrica GET BACK ripropone alcuni dischi persi nel tempo e meritevoli di una riscoperta.
Le altre riscoperte sono qui:

http://tonyface.blogspot.it/search/label/Get%20Back

BOOKER T and the MG’s - McLemore Avenue
Impressionato dall’ascolto di “Abbey Road” il grande Booker T. decide di rendergli immediatamente omaggio rifacendolo completamente in chiave, tipicamente per la sua band, strumentale.
L’album uscirà nei primi mesi del 1970, pochissimi mesi dopo la pubblicazione di quello dei Beatles.
Ma non basta, la band lo ripropone attraverso quattro lunghi medley che accorpano varie canzoni (ma non nella stessa sequenza di quella dei Beatles) con l’esclusione delle sole “Octopus garden”, “Oh darling” e “Maxwell’s silver hammer”.
Il risultato è stupefacente, originalissimo e riuscito.
Una nota curiosa in aggiunta arriva dal chitarrista Steve Cropper che registrò dopo le parti di chitarra:
“Booker mi disse tutte le note da suonare, io non avevo neanche ascoltato l’album dei Beatles, forse un pezzo alla radio e così non mi sono seduto a tirare giù le parti.
Lui mi fece vedere tutto quello che dovevo fare e io ho suonato esattamente quello che mi ha detto lui.
Quando poi ho finalmente ascoltato “Abbey Road” rimasi davvero sorpreso, con conoscevo per niente quelle canzoni.”


TIM MAIA - Racional vol. 1 e 2
Grandissimo artista brasiliano (già nei 60’s nella beat band degli Sputnkis) che dai primi 70’s infila una luna serie di album tutti intitolati semplicemente con il suo nome (....) con qualche rara eccezione.
Il tutto improntato ad un rhythm and blues/soul sempre veloce, frizzante, divertente e coinvolgente con elementi di musica brasiliana.
Nel 1975 esce con due volumi dell’album “Racional” (riferimento ad una filosofia religiosa ascetica che ha messo fine, per poco, ad un periodo di abusi di ogni giorno di cui permea i testi dei lavori), gioiello di funk soul tra Curtis Mayfield, Isaac Hayes, Funkadelic con le consuete dirette influenze di musica brasiliana, tropicalismo, bossa nova, samba, reggae.
Doppio album stupendo, solare, dallo spettro sonoro ampissimo.

DAVE PIKE - Jazz fot the jet set
Raffinato modern cool jazz targato 1966 per il grande vibrafonista (con Herbie mann, Gil Evans, Paul Bley, tra gli altri).
Brani danzerecci, pieni di groove alla Booker T con la marimba di Pike in primo piano ma con l’organo del “mostro” Herbie Hancock a condire il tutto con maestrìa ed eleganza (valga per tutte una versione felpata e jazzy di “Sunny”).

18 commenti:

  1. Di Tim Maia ho un pezzone da qualche parte 'Balanço'.
    Incidentalmente 'balança' o 'balanço' è il movimento che il grande Rivelino descriveva a proposito delle sue finte in movimento.

    RispondiElimina
  2. Ho sempre pensato, associando le due cose, che la cosa ci stà.
    Futèbol a ritmo do samba.

    RispondiElimina
  3. Una manifestazione dell'attività umana purtroppo persa e dimenticata da tempo.

    RispondiElimina
  4. OT ... ma neanche tanto.
    Ho guardato in uno scaffale e (ri)trovato un vecchio 45 dei Time Pills : Be the Same.
    Era in buona compagnia, li' vicino c'era il primo Specials/Selecter e Day in Day out/Limelight/Chain of Command degli XTC. WOW!!!

    GMV

    RispondiElimina
  5. Mais oui, lo tiro fuori, e' ante '70.
    Quindi un po' prima dei 45 suddetti, dai che il Boss si offende...

    GMV

    RispondiElimina
  6. Ne ho uno anch'io Phonola early 60s , perché si offende?
    Ci vogliono 4 pilazze enormi

    RispondiElimina
  7. Si non ho scritto benissimo, non volevo intendere che il suo 45 giri e' coetaneo del mangiadischi ..

    Toppa peggio del buco ????

    GMV

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS Credo sia un Phonola (fra l'altro sponsor della Samp, sorry) anche il mio, tutto arancione...

      GMV

      Elimina
  8. Pheega arancione anche il mio (e un po bianco) vuoi veder che è lo stesso

    RispondiElimina
  9. Sponsor in tempi per fortuna dimenticati

    RispondiElimina
  10. Anche se ci giocava Greame Souness, mio idolo assoluto. Poi si rifece andando ai Rangers

    RispondiElimina
  11. Personalmente Mc Lemore Avenue pur piacendomi non mi ha mai gasato più di tanto

    RispondiElimina
  12. Il disco di Tim Maia invece è una bomba

    RispondiElimina
  13. Ottima musica as usual Boss e bello il singolo dei Time Pills
    Grande Gallo..Rivelino col suo tocco felpato e la Balança!!
    Mangiadischi a pile Minerva verde! Ce l'ho ancora io anche se era di mia sorella.Il suo 1° 45 giri in assoluto Crocodile Rock di E.John. Andava con 2 pile da 4,5 e aaveva la puntina sotto..cosa che fegava tutti almeno la prima volta
    C

    RispondiElimina
  14. Subito ad ascoltare "Jazz for the Jet Set" di Dave Pike... Paul67

    RispondiElimina
  15. AHo' i giradischi Phonola andavano da dio. Come tutte le cose vintage, Boss inclusi ahaahaha

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails