giovedì, giugno 19, 2014

L'accendino BIC



Uno degli oggetti più ricorrenti nella vita quotidiana di ognuno (fumatore o meno).
Uno degli oggetti con meno valore e di cui si ha meno cura, reperibile, ovunque, a prezzo irrisorio, passa di mano in mano senza particolari problemi, spesso regalato o gentilmente lasciato ad altri. L'ACCENDINO BIC può vantare sei milioni di esemplari venduti OGNI GIORNO in tutto il mondo, un numero incalcolabile di imitazioni e un posto d’onore nelle collezioni permanenti del MoMA di New York e del Centre Pompidou di Parigi.

Umberto Eco lo ha definito «il capolavoro del design moderno, nato volutamente brutto e diventato bello perché pratico, economico, indistruttibile e unico esempio di socialismo realizzato, capace di annullare ogni diritto di proprietà e di distinzione di stato».
    Nel 1973 il barone Marcel Bich, imprenditore torinese di origine valdostana che divenne successivamente francese), già protagonista della costruzione dell’impero della penna a sfera, dop aver acquisito due anni prima la Flaminaire, una fabbrica di accendini francese, lanciò un accendino a fiamma regolabile, resistente, economico e assicurato per tremila accensioni ottenendo un immediato, nuovo, successo.
  Il primo accendisigari moderno nacque in Germania agli inizi del 1800, quattro anni prima dell’invenzione del fiammifero ma le prime versioni tascabili iniziarono a comparire agli inizi del Novecento, ma si trattava di oggetti di lusso, pensati per durare una vita che in pochi si potevano permettere. Negli anni successivi iniziarono a diffondersi i primi modelli automatici e nel 1935 arrivò il primo accendino a gas butano.  

      Oggi Bic è la terza marca francese conosciuta nel mondo dopo Dior e Chanel, la prima negli Stati Uniti.
Non è mai cambiata la tecnologia né la forma dell’accendino concedendosi solo le più fantasiose personalizzazioni e variazioni a livello grafico.

27 commenti:

  1. Che sarebbe la nostra vita senza il BIC?
    oggetto bello e multifunzionale..
    confesso non senza vergogna che non sono mai riuscito ad usarlo per aprire le bottiglie
    C

    RispondiElimina
  2. Forza Gallo,presto in pista!
    C

    RispondiElimina
  3. Da non fumatore, mai toccata una sigaretta, è uno degli oggetti che più ho avuto tra le mani nella mia vita

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Incendiare !
      A parte accendere la stufa a legna con cui ci scaldiamo d'inverno e il fornello è un oggetto che ti capita in mano comunque.

      Elimina
  5. Grande! Penso di averne persi più di quanti ne abbia acquistati! Rosso fuoco il mio preferito.

    Cris, per aprire le bottiglie vai con la misura più grande, mi raccomando! Si può fare! Anche io ho imparato relativamente tardi (essendo noto bradibus casulonis)!

    Ingnoravo totalmente che l'origine fosse made in Italiy!

    W

    RispondiElimina
  6. Tanx Wite..in effetti mi fai pensare alla Small-size introdotta relativamente piu tardi,credo (quando?)
    Come vedi il Bradipus Casulonis e' specie diffusa..

    Ah dimenticavo..per il "popolo" l'accendino Bic e' sempre stato "La MACCHINETTA" (es..Devo accendermi una cicca..hai la macchinetta?)

    C

    RispondiElimina
  7. Pure io non fumo, mai fumato, e quindi ho usato l'accendino poche volte anche perchè una volta per fare il coglione ho appiccato, involontariamente, un piccolo incendio sulla messa in piega della tizia che a scuola stava di banco davanti a me. Confesso che passai un brutto quarto d'ora anche se spensi la fiammata al volo "applaudendo" con le mani sul suo ciuffo....minchia mi ero pure scottato e in fase di punizione sta cosa non fu giudicata nemmeno come piccolo attenuante. Detto ciò la tizia poi è diventata prima folk singer un pò sfigata e attualmente lavora nel mondo delle agenzie di viaggi. Che le sue scelte abbiano dipeso anche dal mio piccolo incendio?

    Charlie

    RispondiElimina
  8. O.T.

    venerdì - sabato e domenica TRE EVENTI consecutivi a Torino : SPAZIO 211 ospita un lungo festival in cui si alterneranno band di varia nazionalità.
    I No Strange suoneranno sabato 21 verso le ore 21,30 come gruppo storico all'interno del D.I.O. FEST (seconda giornata più improntata sulla psichedelia).
    Cristiano si facesse mai vedere una volta,boia faus !

    RispondiElimina
  9. ahahaha! Grande l"applauso" di Charlie! e che ingiustizia non averne tenuto conto in Assise..

    altro impiego hooligano era lo scaldare il posteriore della vittima,che doveva essere però rigorosamente in jeans,fino all'imbrunimento del pantalone e salto verticale (con urlo) del malcapitato (TryThisAtHome)

    C

    RispondiElimina
  10. Ahhaahah!

    Per non parlare di utilizzi piropetomani rischiosissimi!

    W




    BIC propelled playlist:

    1) Play with Fire - The Rolling Stones
    2) Light My Fire - The Doors
    3) Fire - The Jimi Hendrix Experience

    Vi lascio continuare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. troppo peligrosi Wite
      mai provati
      C

      Elimina
  11. Fire in Cairo - The Cure
    Ring of Fire - Johnny Cash version
    I'm on fire - del Boss

    se vogliamo andare sul rock un tantino più truzzeggiante pure Fire woman dei Cult aveva un suo perchè

    Charlie

    RispondiElimina
  12. Eminem è andato ancora più in là con il brano Lighters

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottimo! ha centrato il soggetto!

      Fire on the Mountain-Grateful Dead
      Fire-Arthur Brown
      Fire (Elements section)-Brian Wilson/BBoys

      il primo che canta sul blog Smoke on the water/FIRE in the sky gli diamo FUOCO

      Qui gli Alarm con un bel chorus Fire!Fire!Fire! di Mike Peters dal vivo (spero sia questo perche non riesco ad aprirlo).

      http://www.youtube.com/watch?v=DA-38UzrqEM

      Sono abbastanza inguardabili,tranne chitarrista Dave Sharp invece molto figo..

      Sapete che prima di diventare ALARM si chiamavano SEVENTEEN ed erano una Mod Power Pop Band (un singolo in attivo,che ci sta)

      C

      Elimina
  13. Il BIC a cui tengo di piu me lo donò Cristina S. (Boss sai chi e') autoprodotto col logo dei "LOVE" a Firenze Flog proprio in occasione della straordinaria data di Arthur Lee di Forever Changes.
    Arthur si e' ammalato e ci ha lasciato pochi mesi dopo e quel Bic ha da allora un significato in più..
    C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CRistaina ci ha riempiti di BIC con logo di Link Quartet, Lilith etc che conservo ovviamente gelosamente

      Elimina
  14. Ahaha! immagino..
    Ma dei No Strange non ne esistono?
    Ursusse?
    C

    RispondiElimina
  15. A little bit of love, a little bit of hope
    A little bit of strength, some fuel for the fire

    (Fire Fire Fire)

    RispondiElimina
  16. Fire Spirit e Jack On Fire da Fire of Love lp,...Seventeen bel gruppetto davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Mich sapevo che sul Power Pop ti avrei trovato...Presentat Arm!
      C

      Elimina
  17. In effetti, l'accendino col logo della band è un merciandaising niente male... vuoi mettere con le spille...

    Ah, l'unico problrma dei BIC è quando si inceppa la rotella: lì è la fine

    W

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fighissima l'idea col logo (ma non quelli della foto..si vede che il Boss si e' dato al metttal)

      Se parte la rotella this is the end
      C

      Elimina

Related Posts with Thumbnails