venerdì, gennaio 17, 2014

RITA PAVONE - Masters



Prosegue la rubrica GLI INSOSPETTABILI ovvero una serie di dischi che non avremmo mai pensato che... Dopo Masini, Ringo Starr, il secondo dei Jam, "Sweetheart of the rodeo" dei Byrds, Arcana e Power Station, "Mc Vicar" di Roger Daltrey, "Parsifal" dei Pooh, "Solo" di Claudio Baglioni, "Bella e strega" di Drupi, l'esordio dei Matia Bazar e quello di Renato Zero del 1973, i due album swing di Johnny Dorelli, l'unico dei Luna Pop," I mali del secolo" di Celentano, "Incognito" di Amanda Lear, si arriva al NUOVO ALBUM di RITA PAVONE, uscito da pochissimo.

Le altre puntate de GLI INSOSPETTABILI qui: http://tonyface.blogspot.it/search/label/Gli%20Insospettabili

La Rita nazionale è da poco tornata sulla scena, dopo 20 anni di silenzio.
Con un doppio CD di 30 brani (!!).
15 classici americani dell’ambito crooner jazz rifatti poi in italiano con diversi arrangiamenti.
E il risultato è sorprendente.
La Pavone ha una voce soul, potente, adattissima a certe sonorità (ascoltare il jazz swing di “All nite long”) anche se non tutto è riuscito e certi arrangiamenti sono quantomeno discutibili.
Ma quando si torna al jazz blues (“Under your spell again” di Buck Owens o “Lazy river”) si piomba in pieno stile Broadway e la Nostra ne esce alla grande pur se talvolta una certa enfasi (tipica del suo stile vocale) può infastidire chi non ama questo tipo di approccio.
La parte in italiano è altrettanto ben fatta, con momenti raffinati (“Pioggia” e “Tu mi tieni”) e un bel beat rhythm and blues (“Sono fatti miei”).
Non affannatevi alla ricerca dell'album ma se capita date un ascolto e rimarrete piacevolmente stupiti.

69 commenti:

  1. Leggere nell'elenco degli insospettabili "il secondo dei Jam e "Sweetheart of the rodeo" dei Byrds insieme a Zero, Masini, Baglioni ecc, mi suona un po' strano

    RispondiElimina
  2. Il tutto va sempre contestualizzato ovviamente.
    In ogni caso questa rubrica (come il blog) è impostata al divertimento a cui aggiungo un pizzico di provocazione e l'invito a superare i pregiudizi.
    Alla fine l'album di Zero è ottimo ad esempio e l'ho scoperto solo ora. Quello di Rita Pavone è divertente e gradevole.
    Poi magari mi ascolto un po' di SSDecontrol e Million of Dead Cops....

    RispondiElimina
  3. penso solo che il secondo dei Jam e Byrds non siano dischi insospettabili per i fruitori del tuo blog

    RispondiElimina
  4. Uhmmm invece non sai quante volte ho sentito dire peste e corna di "This is modern" e "Sweetheart..." proprio da appassionati e fans di Jam e Byrds

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sweetheart capisco, Modern World rules OK

      Elimina
    2. Tony, chi dice peste di Sweetheart è un fake! disco imprescindibile!

      Elimina
    3. e' solo imprescindibilmente moscio,Pibio

      Elimina
  5. Infatti Sergio, pero come diceva il Boss devono essere contestualizzati anche nell'ambito delle discografie delle band in questione e cioè...nella discografia dei Jam FORSE il secondo e' quello considerato "meno riuscito" o meno popolare,non da me che l'adoro..Cosi come quell'album da cowboys sul cavallo bayo-giddapp giddapp dei BYRDS lo si puo' rivalutare,per colpa di Wite, dopo i loro primi 5,e dico 5, capolavori..
    Quintessenza dei discorsi casula.

    Della Pavone avevo sentito che sarebbe tornata in pista..
    Gianburrasca forever

    casula

    C

    RispondiElimina
  6. Poi se il Boss e' riuscito ad incuriosire qualcuno col primo di renato Zero (ed io col secondo) la missione e' centrata.

    C

    RispondiElimina
  7. @ Gallo: producici il QI di Hribesch,danke

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo confessarti invece che a me Hrubesch è sempre piaciuto parecchio, invece. QI non saprei, non che i calciatori mediamente fossero delle cime, cosa diciamo di Spillo?

      Elimina
    2. un italiano sara SEMPRE piu intelligente di un tedesco

      Elimina
    3. uhmmm dubito fortemente, più geniale o più furbo senz'altro, più intelligente è un altro paio di maniche

      Elimina
    4. ..che sicuramente NON riguarda i tedeschi...
      C

      Elimina
  8. Negli insospettabili mettete anche Nino Ferrer. e' uscito un po' di tempo fa un cofano, INTEGRALE mi sembra, con 14 cd!, spendendo sui 25 eurini. C'e ' dentro di ogni, anche tracce prog, oltre al suo R&B storico.
    Rita Pavone me lo recupero al volo. Questa cantava, altro che balle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nino Ferrer era preso "sottogamba" qui da noi, non altrove....

      Elimina
    2. beh mica tanto sottogamba visto che come altri "stranieri" in Italia ci ha campato e buon per lui con buon successo...
      C

      Elimina
    3. Ciao Cris, sottogamba nel senso che lo consideravano un "canzonettaro" , uno da roba leggerina...

      Elimina
    4. Ciao Cri, era considerato e MERITATAMENTE per quello che era..un canzonettaro perche' quello era la sua cifra musicale..e che cifra,dico sul serio.
      Poi si e' volontariamente allontanato dalla ribalta per dedicarsi ad arti piu' intimiste,tornando in Francia.
      La stima ed il riconoscimento che ricevette in Italia fu adeguato e meritato..
      Ora pero vorrei sentire tutto cio che non conosco e grazie al box riempiro questi miei vuoti..

      Una curiosita: un sincero ed efficace tributo lo forniva il Link Quartet che dal vivo rifaceva la sua Il Baccalà,con tanto di cantante/sosia (nvolontario) veramente tosto. Ho sentito tanti kidz chiedere di chi fosse quell'indiavoltao R&B..!
      Per dettagli chiedere ovviamente al Boss
      Cheers,Cri

      C

      Elimina
  9. E canta ancora da paura. Ha una voce impressionante.
    Alcuni brani è meglio saltarli ma ce ne sono parecchi davvero sorprendenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cantante dei LQ non nella formazione attuale, o si?

      Elimina
  10. non si puoì guardare botulinica com'e' ma canta bene

    RispondiElimina
  11. Beh, se prendi il cd mica la vedi. Se lo scarichi addirittura non c'è neppure il pericolo di incappare nella copertina e/o booklet vari.

    RispondiElimina
  12. A proposito di gente che canta, a questo punto mi aspetto riscoperta dell'(ex) Aquila di Ligonchio che è uscita in questo periodo con una sorte di "operazione nostalgia" un po' furbetta ma che anni fa aveva sfoderato passioni soul e blues interessanti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho ascoltato il nuovo della Zanicchi che si prospettava simile alla Pavone ma è orrendo !

      Elimina
    2. Difatti lo ho definito "furbetto" mica buono....
      Vai indietro di almeno dieci anni

      Elimina
    3. Brr...la Zanicchi pentolara no dai...
      Esageruma nen
      (se no vi dico SUL SERIO che adoro "Chiatarra suona piu piano" di Di Bari..e non scherzo mica

      C

      Elimina
    4. Orpa Cris, non è facile ma se tu fai una enorme operazione di lavaggio con il quale elimini prezzi giusti, candidature politiche e quant'altro,potresti aver qualche sorpresa

      PS. mai pensato scherzassi su Nicola di Bari

      Elimina
    5. Tra l'altro "La prima cosa bella" di Nicola Di Bari era suonata da Franz Di Cioccio, Premoli e altri del giro PFM....

      Elimina
  13. Interessante il box di FERRER!
    C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti interessa , è appena stata pubblicata una raccoltina su Mixcloud, intitolata proprio Nino Ferrer da modtoday

      Elimina
    2. Grazie IE!..mi cerco il box too
      C

      Elimina
  14. anonimo, l'Italia esiste dal 1861(o 1866 , dipende),..quindi tu, per la legge transitiva,.... ti reputi più intelligente di Goethe? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma l'unificazione tedesca è l'unica successiva a quella italiana, e non appena unificati che fecero? assediarono e misero la Francia a ferro e fuoco!!!

      Elimina
    2. ma pibio.., è l'una.e dieci (o sono le due meno cinquanta, dipende),... quindi tu, per la transitive law di Michele ti reputi..,. più intelligente di Confucio?.. :)

      Bibendum

      Elimina
  15. grande LINK QUARTET!
    Come si chiama il cantante sosia,Tony?
    J

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indigo se non sai non rispondere,please

      Elimina
    2. talmente bene che non sai il nome

      Elimina
    3. Già, forse è la tua presenza che mi confonde le idee, lo sai che Hrubesch ad Atene era capitano?

      Elimina
    4. o si che lo so..uno stronzone a capo di una mandria di bovi...yawn...ancora ste storie...
      C

      Elimina
    5. eh?
      SUCAAAA!!!!!!!!
      ahahaha...

      Elimina
  16. io invece , più umanisticmente (ehhh aver studiato L'Umanesimo qualche anno servirebbe :)) penso che ci siano persone Intelligenti sia negli attuali Stati di Italia o Germania o Malta o dove ca** vuoi,..non è il tuo caso purtroppo:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mentre invece è certamente il tuo, neh?

      ma va là, va là, va là...
      (but let's go, let's go, let's go...)

      Elimina
  17. "talvolta una certa enfasi (tipica del suo stile vocale) può infastidire chi non ama questo tipo di approccio" Ecco, appunto. A me la Pavòn sta simpatica ma... dopo due pezzi non reggo più quella timbrica fastidiosa :)

    RispondiElimina
  18. Oggi e' venerdi..e si vede!

    Un post su Rita Pavone e 40 commenti su (nell'ordine):

    -Byrds e Jam, RenatoZero, il QI di Hrubesch e quello (basso) in generale dei Crucchi se comparato a quello degli Italiani (cito Lilith...MA A TE LE BARZELLETTE NON HANNO INSEGNATO UN CAZZO?), Nino Ferrer e canatante sosia del Link Quartet (con nome errato fornito da Sir Gallets), Iva Zanicchi Nicola Di Bari, la PFM come sessionmen, l'Unificazione di Italia e Germania (aridaje)...

    Solo questo e' TonyBlog
    Unico ed inimitabile

    C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ C: Vero perdo colpi, anche dal vivo ormai.
      Nicola di Bari è quello di 'Il cuore è uno zingaro'? da bambino mi piaceva.

      Elimina
  19. Bela Gallo. Ti ricordi chi era soprannominato Horst a S.Cristina? Eh Eh Eh......Famoso anche per essersi "stappato" una bottiglia di spumante.....nell'occhio, un vecchio capodanno al Collegio.
    Nino Ferrer sara' stato anche un canzonettaro, ma, credetemi, in quel box, im mezzo anche a fuffa, c'erano una saccata di idee.

    RispondiElimina
  20. Ha ha ha ha Horst era Fucacè (almeno questo lo ricordo), mio coscrittone tra l'altro e grande fan di Renato Zero oltre che dei Culture Club, musicalmente sempre maltrattato, tappo dello spumante nell'occhio di diritto nelle leggende della Bassa.

    RispondiElimina
  21. C, Cris sto facendo confusione, era già capitato....

    RispondiElimina
  22. Alberto/Indigo: vai tranquillo bro...sempre sulla cresta!
    Un casula precisoide non e' un vero casula.
    Quanto ai vari C-Cri-Cris.. io sono sempre Cristiano (C) e Irriverent Esc e' Cristina..
    Altri "C" dichiarati non ce ne sono..
    Ribadisco la mia urgenza x il box di Ferrer come suggerisce C-arlo (madonna..un tappo spumante nell'occhio e' gia da epica!)

    C-ristiano

    RispondiElimina
  23. SI, ma il bello era l'occhio nero "perfetto", dopo qualche minuto dal fattaccio! Un quindici giorni-tutti, il Walterone se l'e' portato in giro, eh...

    RispondiElimina
  24. Ha ha ha ha ha vero, troppo da sfigato!

    RispondiElimina
  25. Torno a dire che il box di Nino merita. Come merita, anche se non c'entra un cazzo, il box di Ry Cooder, con i suoi primi 11 dischi (3 eujri circa l'uno). A chi piace....a me tantissimo.

    RispondiElimina
  26. Ry Cooder grandissimo, passero da Pavia così me lo presti!
    Il bello del Fucacee è che nonostante il soprannome derivato da uno dei più grandi centravanti-panzer di sempre riusciva a giocare (male) solo in porta, ovviamente se dovevamo 'far numero'.

    RispondiElimina
  27. ahaha! il vero "occhio nero" da circo!! rotondamente perfetto
    C

    RispondiElimina
  28. Primi dischi di Ry Cooder bellissimi! Io ho Into The Purple Valley e Paradise and Lunch, stupendi!... se non sbaglio Ry suonò nel primo album di Caprain Beefheart... un geabde

    W

    RispondiElimina
  29. geabde = grande

    Il cofano magari me lo scofano...

    W

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Se vi riferite alla foto che gira della Rita Pavone rifatta non è altro che fotoshop . In ogni modo il suo nuovo album è ben fatto e lei ha ancora una gran voce. Lei è unica nelle cover. Se non l'avete mai ascoltata cercate su you tube "Stai con me" che è una cover di stay by me o preghero' di Celentano. E' insuperabile (per me naturalmente).

    RispondiElimina
  32. http://www.youtube.com/watch?v=BBpNj6XUyAk

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails