mercoledì, gennaio 29, 2014

Il Mundialito 1980



Prosegue la rubrica ASPETTANDO IL MONDIALE che ogni settimana proporrà un racconto o una storia relativa all'appuntamento quadriennale che si svolgerà quest'anno in Brasile.

Qui le altre puntate: http://tonyface.blogspot.it/search/label/Aspettando%20il%20Mondiale

Non propriamente legata ai Mondiali di calcio ma degna di essere raccontata è la storia del Mundialito svoltosi in Uruguay dal 30 dicembre 1980 al 10 gennaio 1981 e a cui furono invitate le sei nazionali che avevano vinto almeno una volta il campionato mondiale.
L’Inghilterra rifiutò e fu sostituita dall’Olanda – seconda nel 1974 e nel 1978.
Il torneo fu in realtà organizzato nel tentativo di legittimare la giunta fascista militare di Aparicio Méndez e con la benedizione della Fifa del brasiliano Joao Havelange che ufficialmente voleva celebrare il cinquantenario della prima Coppa Rimet, disputatasi nel 1930 proprio in Uruguay e vinta dai padroni di casa.
In Sudamerica vigevano i frutti del Plan Condor, una strategia multinazionale per la sistematica eliminazione degli oppositori in patria e all’estero, elaborato dai regimi militari con il sostegno e la copertura della Cia e l’appoggio di Henry Kissinger, premio Nobel per la pace (....) e segretario di stato americano tra il 1968 e il 1977, appassionato di calcio e che aveva favorito sanguinarie e spietate dittature in buona parte del continente tra desaparecidos, repressioni di ogni genere, torture etc

Pesante fu il coinvolgimento della Loggia P2 strettamente legata ai regimi di argentini e uruguyani dove Licio Gelli aveva ospitalità, varie proprietà in loco e collaborazioni di ogni tipo.
Ma il Mundialito 1980 segnò la prima tappa della scalata al potere mediatico del giovane imprenditore Silvio Berlusconi tessera P2 n° 1.816 che per la prima volta rompe il monopolio della Rai e con la sua ReteItalia, società della Fininvest, acquisisce i diritti per la trasmissione delle partite.
La RAI scese a patti con Berlusconi e comprò la possibilità d itrasmettere in diretta le(due) partite dell’Italia. Nel frattempo Corriere della Sera e Giornale (controllati da P2 e Berlusconi) e Gazzetta diedero all’evento un’ampia eco, invitando ad organizzare viaggi in Uruguay per vedere le bellezze del paese e le partite e ignorando un appello firmato da oltre 40 giocatori italiani(pare di Roma, Lazio, Bologna e Fiorentina, ma l’elenco non venne mai reso noto) in cui si contesta la dittatura ma su cui molti poi negano il loro coinvolgimento mentre altri come Castagner e Santarini lo confermano, e le proteste in Olanda contro la partecipazione al torneo.

Alla fine comunque il Torneo si svolge ed è subito chiaro che l’Uruguay lo DEVE VINCERE, a partire dall’esordio nel suo girone contro una svogliata Olanda (priva dei campioni Crujiff, Neeskens etc), piegata 2 a 0 con qualche aiutino e contro l’Italia che finisce in 9 dopo aver subito un rigore inesistente, con il raddoppio di Victorino, uno dei vari brocchi passati anche per l’Italia (nel Cagliari ovviamente...).
La terza inutile partita del girone tra azzurri e Orange finisce noiosamente 1-1 con gol dell’esordiente Ancelotti e tutti felici a casa prima.
Nell’altro girone giochi più aperti con l’Argentina di Maradona che batte in rimonta 2-1 la Germania e poi pareggia 1-1 con il Brasile di Socrates, Cerezo e Junior che nell’ultima strapazza i tedeschi di Rumenigge, Magath e Briegel con un sonoro 4-1. Finalissima prevista e calcolata tra Uruguay e Brasile che i bianco celeste vincono 2-1 e portano a casa uno dei trofei più inutili e controversi della storia.

49 commenti:

  1. Kissinger, Mendez, Havelange, Gelli....tutti nella pentola a cuocere a fuoco lento insieme a chi acquistò i diritti tv. Torneo utile per lo sdoganamento del peggio che il Cono Sur dell'America Latina abbia mai prodotto; certo che nel giro di poco tra Mondiale, Mundialito e "balconate" del vecchio Karol estabiliSHITment del mondo che conta si impegnò non poco per dare visibilità agli sgherri sudamericani. Finito il pistolotto, scusate. Domanda: gli inglesi rifiutarono per motivi politici?

    Ps: all'epoca Don Pepe era alla macchia. Un grande!

    Charlie

    RispondiElimina
  2. Ufficialmente per congestione del calendario della Football League che sappiamo essere assai fitto nel periodo natalizio, con in più il 3° turno di FA Cup ai primi dell'anno.
    In realtà una balla in quanto quando giocano il V Nazioni di rugby il campionato inglese si gioca regolarmente (ad esempio)

    RispondiElimina
  3. Non era in quell'occasione che qui organizzarono il torneo di capodanno vinto dall'Ascoli che battè clamorosamente la Juventus in finale?
    Chi c'era dietro? La CIA, istruita dal simpatizzante juventino Kissinger amico dell'Avvocato oppure la CGIL che ottenne un'umiliazione della potente industria accordandosi per far perdere la Juve, tramite l'amicizia del vecchio segretario Lama (noto juventino) e l'Avvocato stesso?

    RispondiElimina
  4. Torneo ridicolo. L'unica bella cosa e' stata la scoperta di Victorino.....non per altro, perche' e' stato uno dei tanti sopranomi del grande, povero amico Sem (con la e).
    Molto meglio il Maialito.

    RispondiElimina
  5. Grande Sem! Figura fondamentale del calcio della bassa. Detto anche Coutinho se non erro?

    RispondiElimina
  6. Io ricordo il ferocissimo Diogo, difensoraccio dell' Uruguay e se non sbaglio fu in quell'occasione che Pizzul se ne uscì con la famosa frase '...evviva il gioco alla paesana degli uruguagi' , con chiaro senso di frustrazione,, o forse era la mondiale del 90, boh?

    RispondiElimina
  7. Credo che Tony dovrai rivedere le tue smaccate simpatie per il Penarol

    RispondiElimina
  8. Penso abbia battuto tutti i record, il Sem. Qualsiasi nome terminasse in ...tinho era buono.
    Anche il "sem X sem - trentaSem" non era male.

    RispondiElimina
  9. che cazzate di tornei..shameshameshame

    meglio gli Animals!

    C

    RispondiElimina
  10. A Is Arenas!!!
    Que viva la Celeste comunque y Penarol!!!

    Charlie

    Ps: che torneo era quello con Juve e Ascoli in finale?

    RispondiElimina
  11. Torneo di capodanno, si chiamava così

    RispondiElimina
  12. altra bella cazzata made in italy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La più grande cazzata rimane quella di fermare i campionati perché giocano le nazionali.

      Elimina
  13. comunque il rigore per l'uruguay contro l'italia era netto!
    alberto

    RispondiElimina
  14. Risposte
    1. sicuro, io lo ricordo netto. loro picchiarono, ma anche gli italiani fecero degli interventi da codice penale.
      alberto

      Elimina
  15. alberto anonimous e' sir indigo moog?

    RispondiElimina
  16. sì sì, il feroce Diogo penso fosse lì al Mundialito se non ricordo male, c'era mica anche Ruben Paz (n. 10?)poi al Genoa??,..Victorino sembrava un gran bomber poi andò al Cagliari non combinò nulla,..tipo Anastopoulos all'Avellino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruben Paz, si non male, arrivò al Genoa come parte di un trio uruguayano voluto dal Professor Scoglio in sieme al grande Perdomo, un picchiatore di vecchia scuola sudamericana con quasi nessuna dimistichezza con il pallone. Famosissima la presa per il culo di Boskov.

      Elimina
    2. Per fortuna il terzo era Pato Aguilera

      Elimina
  17. poi forse c'era un'ala che si chiamava Morales?

    RispondiElimina
  18. sì,controllato, n.11,...
    http://it.wikipedia.org/wiki/Coppa_d'Oro_dei_Campioni_del_Mondo

    grandissimi Wijnstekers e Wildschut nell'Olanda , me li ero dimenticati:)

    RispondiElimina
  19. grande Ramon Diaz, l'ho visto dal vivo 3-4 volte , ed era veramente forte,..pensa che coppia che aveva l'Argentina, Maradona/Diaz(pi Kempes):)non malaccio)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diaz l'anno dello scudetto del trap fece un girone di ritorno strepitoso
      alberto

      Elimina
    2. E' stato un grandissimo centravanti, quell'anno all'inter fu forse il suo migliore. Scartato troppo in fretta dal Napoli

      Elimina
  20. Gallets: dalll'altro post "animalista"

    Vai con LOVE IS !
    Una river deep stratosferica,una To Love somebody che l'originalke sparisce, una Ring of Fire che levati, I'm An Animal, I'm Dying fantastiche, Coloured rain dei traffic mitica..l'inno psycho-rock Gemini...e solo un pezzaccio blue ma bello bello..se non sbaglio gia con Andy Summers,il futuro poliziotto, alla guitar..
    Poi mi dici
    cheers

    C


    RispondiElimina
  21. Grande Cris! Periodo Sun Francisco very good! Anche Wind of change niente male!

    W

    RispondiElimina
  22. esatto Wite! il Burdon goes West strafighissimo!
    C

    RispondiElimina
  23. haha:) è vero, Perdomo,me l'ero dimenticato:),,...c'era mica anche uno stopper al Verona chiamato Gutierrez??,..altro 'esteta' del calcio:),..picchiava come un fabbro,...concordo su Wind Of Change era un bel disco , ma i Love GRANDISSIMI, great band...

    ps: Christiàn , but i Pylon di cui si parlava che erano? il gruppo di Pilùn?? (aka Piloni,...un Uomo Una Leggenda:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricordo alla Lazio un Gutierrez, sara lo stesso?

      Elimina
  24. e Taribo West:?) ..un Grande:)

    RispondiElimina
  25. Ah ah ah il barbuto Piloni, panzetta e portiere di riserva della Juventus metà anni 70, titolare invece a Pescara con retrocessione sparata insieme a (in ordine sparso) Nobili, Zecchini, Repetto e compagnia...

    RispondiElimina
  26. ahaha! massimo piloni! il 2 portiere della juve che probabilmnete in fatto di presenze riusci solo a battere Alessandrelli...presenze ZERO1

    Zecchini invece lo citavamo tempo fa con Mich..era un proto-grunge del calcio italiano

    C

    RispondiElimina
  27. E invece Alessandrelli entro una volta all'ultima giornata al posto di Zoff, con la Juve 3-0 sull'Avellino all'intervallo e nel secondo tempo 3-3 con un paio di frittate del nostro eroe.

    RispondiElimina
  28. ahaha vero! meglio se non entrava..
    C

    RispondiElimina
  29. haha , esatto, grandissimo Piloni nell'album Panini al Pescara con barba pre-Don (o frà?) Cionfoli:),..e con Ciampoli, Zucchini, Di Michele , Bruno Nobili (forse anche Mosti??),...il più grande n. 12 della storia,..insieme a Alessandrelli,giustamente,... Cipollini dell'Inter e Amos Adani del Bologna ( e il grande Pigino del Torino,..quello coi riccioli biondi:)

    è vero Sir, penso che Gutierrez giocò anche nella Lazio:),...uno 'stopper' vecchi tempi :),...tipo partite nei 'campini del prete',..altrochè zona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amos Adani aveva la fascia in testa alla Tomaszewski lo ricordo nelle figurine

      Elimina
    2. ha ha ha ha ha ha ha ha Pigino lo avevo dimenticato.
      Nevio Favaro?

      Elimina
  30. haha grandi Zecchini e Repetto:),...e Orazi:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orazi, si capigliatura improbabile, fu anche alla Roma?

      Elimina
  31. w zecchini,then ed il mitico Guisasola!!

    RispondiElimina
  32. yeh,esatto, Sir, anche alla Roma ai tempi di Ciccio Cordova e Peccenini più o meno ,..ricordo l'album Panini,..poi anche al Pescara,..poi c'era mica uno che si chiamava Prunecchi? :),...e il Bresciano Loris Boni?? (prima alla Samp. ai tempi circa di Lippi, Maraschi, Magistrelli e co.? :)

    RispondiElimina
  33. La Rometta del Senatore Evangelisti, presidente Marchini la cui figlia Simona noto personaggio televisivo stava con Cordova medesimo, fantastico, roba da Febbre da cavallo ha ha ha ha.
    Loris Boni fu protagonista di un alterco rimasto famoso nella Pavia calcistica quando venne al Fortunati (all'epoca ancora denominato Comunale di Via Alzaia) con il Novara nei primi anni 80 e si beccò un pugno in piena faccia non ricordo più da chi dopo aver insultato qualcuno del pubblico, mi è sempre stato sui coglioni.

    RispondiElimina
  34. è vero, Cordova era con la Marchini, ed era quella Roma..boh, Loris Boni lo ricordo sulle figurine, baffi color biondo-rosso e capelli lisci lunghi,...era un mediano/incontrista ,come si diceva allora..tipo all'epoca Furino o 'Pinna' Marini,..poi c'era anche Bonci al Cesena all'epoca ,.ma quello giocava ala-centrattacco come dicevano allora:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bonci giocò anche nel Genoa, ricordo la figurina, veniva dal Parma mi pare

      Elimina
  35. poi nella Roma ricordo De Nadai haha grande,.. e il mantovano Walter Negrisolo,..Ginulfi secondo portiere,...Spadoni etc.,..ma anche Garuti e Massimelli del Bologna o Pagliari (quella che sembrava Gesù Cristo) della Fiorentina erano Grandiosi:),..o i rigori di Casarsa,..well,tempi 'epici' ,un altro tipo di football

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails