mercoledì, marzo 04, 2015

Lipsi Dance



Nel 1959 le autorità della DDR (Repubblica Democratica Tedesca) preoccupate per l’arrivo del rock n roll che, nonostante le restrizioni, stava facendo breccia tra i giovani dell’epoca, inventò un ballo “alla moda” che avrebbe dovuto sostituirlo, la LIPSI DANCE (dalla provenienza dei compositori, Lipsia).
Gli autori furono il compositore Renè Dubianski e la coppia di ballerini Helmut e Christa Seifert.
Il tutto cantato da una delle interpreti più famose della musica tedesca dell’est, Helga Bauer.
La musica era una sorta di calypso/cha cha cha in 6/4 e che passava dai 2/4 ai 4/4 ovvero abbastanza complesso da ballare tanto che scomparve in breve tempo dalla circolazione.
Una "musica di stato", concepita da qualche burocrate nell'intenzione di preservare l'integrità morale della gioventù (il ballo non prevedeva mosse ardite nè un'eccessiva vicinanza tra le coppie).
Fecero peggio negli anni seguenti altri regimi comunisti (Romania e Albania in particolare) che imposero alle canzoni contenuti inneggianti alla patria o di derivazione musicale esclusivamente nazionale (folk locale in prevalenza).

LIPSI DANCE

https://www.youtube.com/watch?v=0Qbc9VUBy_8

18 commenti:

  1. Guardate il video : c'era anche l'equivalente socialista di Don Lurio !!!!

    GMV

    RispondiElimina
  2. Niente trasgressione, niente elettrificazione, tutto molto tranquillo..non erano certo dei degenerati.

    RispondiElimina
  3. Nonostante ciò in DDR arrivarono rock n roll, beat, prog e infine anche il punk...

    RispondiElimina
  4. Il tutto sotto l'abile regia, protezione e normalizzazione di Erich Mielke.

    RispondiElimina
  5. Sono molto stupito del fatto che nonostante la ferrea repressione e il controllo totale, fosse possibile l'emergere di "scene" alternative come capelloni, punk etc

    RispondiElimina
  6. beh ogni "dittatura" ha la sua sacca underground..fisiologico
    C

    RispondiElimina
  7. Ehhh però in DDR non era così semplice fare l'alternativo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da nessuna parte se andiamo a vedere..Galletti puntualizza giustamente sulla veridicità
      C

      Elimina
    2. In generale poi non è mai stato, appunto, facile da nessuna parte. In Usa i poliziotti di Los Angeles si "allenavano" a massacrare di botte gli hardcore punx perchè essendo tutti sbandati, tossici o scappati da casa, nessuno gli avrebbe rotto le palle.
      Da sempre lo fanno con i neri.
      Diciamo che in DDR magari finivi dentro per 10 anni

      Elimina
    3. a proposito..hai visto che bella scena a Skid Row?
      C

      Elimina
    4. Anche a quello mi riferivo

      Elimina
  8. Tutto finto, come il campionato di calcio e tutto il resto, repressione a parte.

    RispondiElimina
  9. Peccato che Giovanotti non sia nato nella DDR, Mielke lo avrebbe senz'altro sistemato prima del crollo del muro facendolo girare con un ciondolo della Trabant al collo!

    RispondiElimina
  10. nelle due foto in bianco e nero sembra che ballino sulle scale :-)

    RispondiElimina
  11. Dancefloor Ostalgie :-)

    Charlie

    RispondiElimina
  12. ....scommetto un cent al saloon (come farebbe Kit Carson dopo una galoppata da Nogales alla riserva Hopi con Tiger Jack) che se il Faxio fosse vissuto in DDR avrebbe anche colà trovato la via per fare interviste ai 'divi' di regime dell'époque:),... certi personaggi sono sempiterni :),...c'erano già ai tempi di Socrate , Talete e Aristofane:)

    RispondiElimina
  13. complesso da ballare e faticoso da ascoltare, causa proprio la ritmica che si scontra con un arrangiamento che di solito viaggiava altrove...

    se la sente il jova ci fa un su un rap

    RispondiElimina
  14. L'altra notte su Rai 5 c'era la storia degli Hurrican 3, un trio di skaters nella DDR di fine 70.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails