giovedì, settembre 12, 2013

Don Mc Cullin



Don McCullin è considerato uno dei più grandi fotografi del nostro tempo, in particolare relativamente ai reportages guerra (pur se si è concesso una parentesi musicale con i Beatles nel 1968, ha esordito rappresentando la periferia londinese più povera e oscura e ultimamente paesaggi).

Nato a Londra nel 1935, Don Mc Cullin cresce a Finsburry Park, nel 1961 la costruzione del Muro di Berlino, nel 1964 fotografa la guerra civile a Cipro e compie il suo primo viaggio in Vietnam poi in Nigeria (1968), Cambogia (1970), Pakistan (1971), Uganda (1972), in Medio Oriente per la guerra del Kippur (1973), a Phnom Penh nel 1975.
Segue negli anni tutti i maggiori conflitti fino a dire basta alla guerra perchè “consumato dalla tragedia e dalle sofferenze che vedeva in continuazione”.

Fino all’avvento di internet la fotografia era temuta in quanto unica testimonianza effettiva di ciò che accadeva veramente sul fronte o in situazioni sociali precarie dove regna la disuguaglianza.
Da lì in poi le maglie si sono ristrette e anche i fotografi, come i giornalisti, sono stati spesso “embedded” ovvero accodati agli eserciti e obbligati a documentare ciò che era utile al potere.

Don Mc Cullin è anche quello che ricevette nel 1968 una telefonata da Paul Mc Cartney che gli proponeva un servizio sui Beatles (che inizialmente non prende sul serio e ritiene uno scherzo e realizzerà il 28 luglio) e che ha documentato con una serie di foto straordinarie il set del film “Blow Up” di Antonioni.
Un suo scatto in Irlanda del Nord viene utilizzato dai Killing Joke per la copertina del primo album.
Dopo anni in cui si è dedicato a paesaggi è tornato recentemente sui fornti di Iraq e Siria.

“Se tu vedi una cosa e vuoi essere educato e dici "scusi posso scattare una foto", quella cosa è comunque cambiata, non è più la stessa o non c'è più per niente.
Quindi si ruba.
Io sono sempre vicino, non fotografo da molto lontano.
La fotografia non ha nulla a che vedere con gli obiettivi, l'attrezzatura.
Non importa cos'hai nelle mani.
Potete regalare a qualcuno la macchina fotografica più costosa che ci sia sulla faccia della terra ma non vuol dire che farà buone foto se non ha cuore.
"

12 commenti:

  1. Splendido.
    Grazie per tutte le notizie originalissime che fai conoscere.
    Tob

    RispondiElimina
  2. Nel servizio sugli scarafaggi Macca indossa un completino rosa, c'è pure una torta di compleanno in giro. Usai una di quelle foto tempo fa per la copertina di una cassetta da tenere in macchina.
    Sempre affezionato a Finsbury Park, North London rule ok!

    RispondiElimina
  3. bello il primo dei KJ! cover inclusa..

    Con la stessa filosofia ho rubato istanti della vita di Galletti da vero casula

    >C

    RispondiElimina
  4. Bellissima la foto dell'album dei Killing Joke

    RispondiElimina
  5. La foto è stata scattata a Derry in Irlanda del Nord l'8 luglio del 1971 durante alcuni scontri esercito inglese e gruppi di giovani che nell oscatto stanno fuggendo dai gas lacrimogeni

    RispondiElimina
  6. Re-equiem Re-equiem

    C

    RispondiElimina
  7. ho voglia di sentire gli Steeplejack

    RispondiElimina
  8. l'attore e' jon voight?

    RispondiElimina
  9. Mi piace molto la foto con i bimbi e la scritta No Nazis in Bradford. Notevole la frase di McCullin posta in calce al post.

    Charlie

    RispondiElimina
  10. ah,ce li ho i primi 2 lps dei KJ ,.mi piacevano all'epoca (ma in seguito sono diventati 'stucchevoli' ,ammettiamolo,..sempre lo stesso 'ripetitivo' tedioso suono 'ab infinitum'),.però non sapevo che la copertina del 1° lp derivasse da quella foto

    RispondiElimina
  11. Il primo e' veramente atomico..poi li ho un po mollati..ma REQUIEM e la successiva WARDANCE..wow!

    C

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails