lunedì, ottobre 18, 2010

Oba Mah



Non è difficile fare meglio dei criminali alcolizzati e cocainomani (padre e figlio), di Bill Coccobello Lewinsky o dell'ex attore rintronato che lo hanno preceduto.
Nessuno si aspettava rivoluzioni particolari nel "paradiso" del capitalismo, soffocato da potentissime lobbies, nè che con un colpo di bacchetta magica BARACK OBAMA mutasse il corso di una storia che non ha nessun interesse e voglia di cambiare.

Ma ogni giorno i bombardieri e soldati americani (e non solo) del Nobel per la Pace 2009 continuano a provocare "danni collaterali" in Afghanistan, e tanti di loro tornano in una bara o mutilati (fisicamente e psicologicamente), Guantanamo è tuttora in funzione, i poveri sono rimasti poveri, i ricchi sono diventati più ricchi, gli sfruttati sfruttati come sempre, le armi circolano da una strage all'altra.

Per un attimo ci avevamo anche creduto.
Ma non è più tempo di illusioni, evidentemente.
I had a dream....

42 commenti:

  1. Purtroppo e' il mondo intero che sta andando a farsi fottere. Anch'io avevo una speranziella che Obama potesse, non dico cambiare, ma migliorare la situazione. Per il momento speranza delusa. Se poi guardiamo a casa nostra, siamo messi anche peggio, in tutto e per tutto. Almeno negli States pare che la democrazia non stia morendo. Qui, invece, se non stai dalla parte del capo sono cazzi....

    RispondiElimina
  2. Bè, peggio che in Italia ci sono pochi altri paesi al mondo (cosiddetto occidentale)

    RispondiElimina
  3. Alberto Galletti18 ottobre 2010 10:53

    Un insignificante peso-piuma.

    RispondiElimina
  4. Io lo rispetto perchè amico di Stevie Wonder.
    Deve combattere quotidianamente con quelli che in USA comendano veramente: le lobbies
    degli armatori, degli arabi e degli ebrei, il tutto condito da un'opposizione repubblicana conservatrice, gretta e meschina come non mai.
    E' riuscito a smuovere masse di afroamericani disillusi dalla politica imperialista di oltre mezzo secolo. E non è poco. In questi giorni si è detto propenso ad appoggiare la richiesta di referendum popolare per la legalizzazione della Maria in California.
    E' un gioppino sì, ma un gioppino simpatico, và.
    Sua moglie invece la trovo sexy.

    RispondiElimina
  5. Anch'io lo rispetto e credo che possa fare molto meno di quanto voglia.
    Nonostante ciò che ilNobel per la Pace bombardi a destra e a manca...mah

    RispondiElimina
  6. ...e ma sono/siamo in missione di pace....lo dice tutti i giorni anche il nostro ministro della difesa....

    RispondiElimina
  7. beh, han dato pure il nobel per la pace a Kissinger...

    RispondiElimina
  8. In effetti...ma il Nobel per la Pace "preventivo" non si era mai visto.
    I risultati sono comunque questi....

    Nel 2010 la guerra ai taleban costerà agli Usa circa 105 miliardi di dollari, 200 morti americani, incalcolabili quelli afghani.

    RispondiElimina
  9. Per certi versi mi ricorda la figura di Pertini : messa lì come simbolo di un passato importante,ma nella pratica privo di possibilità di cambiamento e con scarsa autorevolezza...intendiamoci:gli USA sono una repubblica PRESIDENZIALE,ma nessuno da solo può fare i miracoli.
    Sarebbe già una svolta storica,però,se introducesse la sanità pubblica e desse il via a certi programmi ambientalisti,un minimo di speranza vorrei conservarla.

    RispondiElimina
  10. Alberto Galletti18 ottobre 2010 16:20

    Sarà anche amico di Stevie Wonder ma per tirarsi fuori da un Afghanistan in modo appropriato ci vuole una personalità di spessore superiore, oltre che conoscenze specifiche etc. e non mi sembra che il nostro Obama ne sia dotato, portato al potere dall'esasperazione e dalla superficialità paga ora un caro prezzo alla sua pochezza, girato come una trottola da chi comanda veramente in casi di tali "vuoti di potere". Non riesce neppure ad incidere in ambito nazionale, se non per questioni comunque secondarie.

    RispondiElimina
  11. La sgradevole impressione è proprio quella suggerita da Alberto

    RispondiElimina
  12. Il Nobel per la Pace lo prese anche Arafat che di terrorismo fece largo uso, Monaco 72 (vedere film di Spielberg, bellissimo), Intifada delle moschee (oltre 1000 civili ebrei massacrati dai kamikazzi), ad esempio, ma la lista è lunghissima.
    Le sinistre europee tacquero (è scritto giusto?) sempre, anzi solidarizzarono con il Raiss. Bravi! Complimenti allo "statista" che ha dato al suo popolo uno Stato sovrano e indipendente. Ecco il Premio Nobel!!

    La signora Obama è "sister", afroamericana vera, figlia di un operaio acquedottista, oltre ad essere molto sexy, è una con le palle, più di Pluto Obama, dovrebbe fare lei la Presidente degli Usa. Lui al massimo il ministro dell'ambiente o dello sport.

    RispondiElimina
  13. Meglio che non dica niente.
    Mi permetto solo di invitare molti di Voi a leggere libri di storia.
    Cmq tutto giusto: Obama è un pagliaccio pavido che non ha fatto un cazzo ; Karol Wojtyla uno stronzo perchè non ha concesso l'uso dei preservativi in africa nè (qui la ha fatta veramente grossa!) l'aborto ai fedeli cattolici.
    Complimenti.
    2010 anni di storia passati per un cazzo.
    I veri leader sono stati i comunisti 'di cashmere' come Bertinotti, che hanno avuto il merito di far cadere il governo Prodi e consegnare l'Italietta nostra , per secoli, alla cricca Berlusconi e soci.
    Avanti o popolo. alla riscossa, bandiera rossa, bandiera rossa...

    RispondiElimina
  14. Caro Davide, il senso del post è diverso.
    Nessuno (tanto meno il sottoscritto) pensava a cambiamenti radicali o epocali con l'avvento di Obama alla presidenza degli USA.
    Ne ho parlato un paio di volte sia nel novembre 2008 che nel gennaio 2009, con tiepida speranza.
    Dopo due anni, a metà mandata, la speranza si è affievolita, e tanto, e spiego anche il perchè.
    Perchè probabilmente NON E' POSSIBILE cambiare.

    Dal mio post del gennaio 2009

    "Obama è un INTELLETTUALE. e da troppo tempo negli USA mancava un presidente così"
    Thurston Moore dei Sonic Youth

    In queste parole per me c'è tutto, incluso un briciolo di speranza di VERO cambiamento.

    RispondiElimina
  15. Mah Tony, forse mi sono espresso male.
    Di certo abbiamo una posizione diversa rispetto alla cosa.
    Intendevo dire che io apprezzo le persone che, nell'ambito delle loro possibilità e delle loro funzioni, cercano di fare qualcosa.
    Karol W lo ho citato perchè essendo nuovo di questo blog ho letto anche post e commenti vecchi.
    Io non sono nè particolarmente religioso nè tantomeno vicino alla chiesa, però ho apprezzato l'uomo KW perchè, a mio avviso, ha contribuito sensibilmente a migliorare la società in tantissimi settori.
    Poi è ovvio che essendo stato il Papa non si può pretendere che innondi l'africa di preservativi.
    Anche perchè se lo avesse fatto la chiesa non sarebbe più stata chiesa ma qualcos'altro.
    Ognuno ha le sue regole e dogmi, criticabilissimi, ma tant'e'.
    Il parallelo con Obama è in questo senso.
    Obama non credo stia tutto il giorno a giocare alla playstation o a cantare 'I wish'.
    Lotta quotidianamente contro tutto e tutti (compreso probabilmente qualche potente che lo ha appoggiato) per fare le sue riforme.
    Io sarei incazzato con lui se avesse tradito qualcuno dei punti del suo programma, che andasse a rilento era ampiamente prevedibile.
    Non lo criticherei nè avrei senso di sfiducia son convinto che col tempo inciderà, magari poco ma inciderà, esattamente come fece KW.
    E io preferisco che fà poco magari con grandi sforzi, rispetto a chi vuole il 'tutto subito' di Finardiana memoria.
    Proprio perchè così si fanno, a mio parere, cose come quelle fatte da Bertinotti: sgambetto il mio poco simpatico compagno di viaggio e mi lascio sorpassare da uno 1.000 volte peggio di lui.

    In ogni caso Mods forever.

    RispondiElimina
  16. Sottoscrivo Davide in buona parte,sopratutto sul finale riguardo a Bertinotti...se vi ricordate lo mandai a cagare proprio su questo blog (in periodo elettorale) e perciò venni insultato e bistrattato da un esponente della "nuova sinistra".Dispiace davvero dire che "avevo visto giusto"...non me ne vanto affatto,anzi,mi sarebbe proprio piaciuto sbagliare in quel caso.
    Ma gli esponenti di certi salotti radical-chic continuano ad essere ottusi tuttora,lo dimostrano i loro interventi su facebook e in altri siti,per cui credo proprio che porteranno acqua ai mulini di Arcore ancora per molto.

    RispondiElimina
  17. Tu pensa che sono stato iscritto a Rifondazione per anni ed anni e che approvai pure lo sgambetto, per poi AMARAMENTE ed emorroidicamente ricredermi, purtroppo.

    Forse abbiamo confuso Obama con Martin Luther King/Malcom X/Stevie Wonder e abbiamo pensato ad una Soul Nation che cambia inno e ci mette "Hit the road Jack".

    RispondiElimina
  18. Alberto Galletti19 ottobre 2010 14:17

    Certo Tony.

    Obama è il presidente degli USA e non il leader di una minoranza oppressa o che ha qualcosa da rimostrare, e si comporta come tale. Mi meraviglio che qualcuno riponesse in lui cotante attese.
    A mio parere una bocciatura (o due) gli avrebbero fatto bene.

    RispondiElimina
  19. io lo voto sempre,Matteo

    C

    RispondiElimina
  20. Però se non altro gli ammeregani nel 2008 hanno dimostrato di avere un briciolo di cognizione/lealtà politica. Dopo 8 anni di NeoCon e 2 o 3 disastrose guerre iniziate allegramente e (una volta tratto profitto) chissenefrega come finiscono, hanno detto "basta!"
    Lo stesso McCain era un repubblicano (stimato) di buon senso, poi chissà...
    Ma in Italia! dopo 20 anni di catastrofe continua, con un Welfare sparito, la sanità che fra un po' verrà privatizzata, la scuola a rotoli, spese militari diventate insostenibili, il più alto tasso di indebitamento, disoccupazione, cassaintegrazione, etc etc., se a marzo si voterà sapete chi vincerà? Io temo di saperlo. Questa è la cosa che mi fa più schifo. Abbamo perso il senso delle cose. Non dico noi qui, dico la maggioranza delle persone nel nostro paese.
    Ma com'è possibile che una forza come la Lega Nord, che promette l'irrealizzabile da 20 anni sia in crescita di consenso? dove sono i risultati da premiare il giorno delle elezioni? Non ci sono. Da noi (piacenza) si vede il Tg3 della Lombadia. E putualmente, alle 19.30 di ogni giorno, si parla di aziende che chiudono a Bergamo, Varese, Mantova, Brescia, Monza, Vimercate, Sondrio, Pavia, Lodi, Cremona. Questi sono i risultati. Possibile che ancora oggi si sia chi da la colpa di tutto questo alla "plutocrazia UE" o al "complotto mondiale degli zingari-comunisti"? E il Partito Azienda? Mi rifiuto di credere che la posizione particolare di tanti italiani sia migliorata al punto di premiarlo per l'ennesima volta. Va bè, c'è la crisi. Ma si sa da dove è venuta e perchè! E da noi invece si cerca di curarla togliendo anche le poche regole rimaste come un fragile guard rail su di un burrone. Come pretendere di curare un diabetico in iperglicemia con flebo di zucchero puro.
    Detto questo capisco una piccola percentuale di irriducibili, ma non è possibile una tal credulità, che sfiora l'atto di fede, e che sforna cifre tali da sostenere un Governo con una maggioranza come quello uscito dalle urne nel 2008. Non capisco, e più mi sforzo meno capisco. Davvero.

    RispondiElimina
  21. I partiti perdono voti da tempo.
    E' semplicemente perchè un sacco di gente NON VA PIU' A VOTARE.
    Come fai a votare il Pd che lecca il culo all'Udc o certa "sinistra radicale" che non si capisce cosa dice ? O un comico ? O Di Pietro ?
    Come si fa a votare certa gente pappa e ciccia con il Vaticano e che è schierata "a sinistra" ?

    La gente non ci va.
    Ci va la medio borghesia quella a cui la lega promette di difendere l'orticello.

    Ricordiamoci che, ad esempio, uno come Pinochet perse il referendum 53% contro 44%, dopo tutt quello che aveva fatto.
    E per un sacco di italiani Berlusconi ha fatto bene e la Lega pure.

    Non c'è PIU' la "sinistra". E' finita.

    RispondiElimina
  22. Alberto Galletti19 ottobre 2010 17:08

    Io voto Pibio.

    Ci credo che vedi TG3 Lombardi, stai sotto al Monte Penice!

    RispondiElimina
  23. SI,il fatto più rilevante è quello che dice TONY : "Non c'è più la sinistra"...perchè è da almeno 20 anni che questi continuano a frantumarsi,dividersi,litigare per poi riconciliarsi,cambiare nomi,simboli,distintivi,falci e martello,asinelli,querce e cazzate varie...non c'è neanche l'ombra di un PROGETTO comune e l'unica cosa che sembra ancora tenerli in piedi agli occhi di un elettorato stanco e rassegnato è l'odio verso Berlusconi.
    Ma dovrebbe essere ormai chiaro che l'odio non serve a nulla,perchè quando viene espresso nei modi banali e moralistici attuali al massimo ti può far ridere per qualche barzelletta o per qualche battuta satirica...al di là non c'è una mazza,solo spartizione di poltrone e lotterie sui nomi (infatti a pochi mesi dal probabile voto nessuno sa ancora quali saranno i candidati della "sinistra")e perciò sono preoccupato esattamente come Pibio,ma alla realtà dei fatti non vedo nessuna alternativa...vi basta leggere i dibattiti sui social forum per rendervi conto di quali siano le preoccupazioni dell'opposizione : la commemorazione del CHE,il dibattito sullo stalinismo oppure "Lucio Battisti era veramente fascista ? " e assurdità del genere...non serve nemmeno aver letto Marx o Bakunin per capire che questi hanno perso i contatti con la realtà popolare da anni e che per recuperare un minimo di credibilità dovrebbero CAMBIARE dalla testa ai piedi,sopratutto buttare a mare una dirigenza logora e incapace...per cui si vota IL MENO PEGGIO,chi ha ancora intenzione di farlo,chi si è rotto le palle se ne va in campagna.

    RispondiElimina
  24. E infatti i nuovi schieramenti sono : la destra ultrapopulista e fascia di Berlusca e Lega, il centro destra Fini Casini e il centro PD/IDV e forse Casini se sta di qua.
    poi ci sono le percentuali da 3, 4, 5% dei grilli, sinistre e 'ste minchie

    RispondiElimina
  25. Attenzione : se le minkie si mettessero insieme,perchè separate come sono adesso dubito che raggiungano il 3% (e sono ancora ottimista)...

    RispondiElimina
  26. Io una cosa che non capisco è come possano esponenti del PDL e della lega pure, parlare come se non fossero loro a governare quando si parla di qualcosa che non va bene.
    Ci avete fatto caso?
    Bisognerebbe far questo, in Italia la pressione fiscale è troppo alta, bisognerebbe far quest' altro,l'italiano medio se ha un prelievo fiscale oltre al tot% si sente derubato...
    Cazzo, siete voi al governo, fatelo!

    RispondiElimina
  27. Molto banalmente credo che in Italia manchi una sinistra normale e una destra costituzionale e liberale cioè normale, per la sinistra l'occasione poteva essere il 1989 anno del crollo del Muro e di seguito dei regimi totalitari dell'Est, bicentenario della Rivoluzione francese ed ingresso del PCI nell'Internazionale socialista.
    Occasione mancata per i gruppi dirigenti di Psi e Pci di sanare la scissione del '21 che aprì le porte al fascismo.

    E' andata in un altro modo, peccato!

    "l'Italia è un museo di aborti, di cose che restano a metà" G.Gaber (1976)

    RispondiElimina
  28. Più pragmaticamente B deve morire (non ritirarsi, ma proprio morire).
    Da quel momento, dopo un periodo di sfascio, tentativi di golpe e di secessioni, tornerà tutto più normale.

    RispondiElimina
  29. una piccola precisazione, per quanto rifondazione sia stata una spina nel fianco del governo Prodi, non fu Bertinotti a farlo cadere bensi' Mastella, offeso perchè gli avevano inquisito la moglie.

    Quanto a Obama, ricordate che è sempre il presidente degli Stati Uniti, che sono una democrazia piuttosto complicata dove ci sono ( e ci sono sempre state) classi di interesse molto piu' importanti del presidente stesso, anzi decidono loro chi sarà il presidente e gestiscono direttamente la politica del paese, se poi quello che hanno messo alla casa bianca non si attiene alle direttive c'è sempre un Oswald che puo' risolvere il problema, come Mr. Wolf.

    Giampaolo

    RispondiElimina
  30. il II governo Prodi fu sbaraccato dal voltafaccia di Mastella. Ma il I cadde per la "questione delle 35 ore", sulle quali Berty fu irremovibile. E a lui la storia non lo assolverà sicuramente.

    RispondiElimina
  31. la questione delle 35 ore non fu così determinante ben piu' gravi danni fece l'opposizione all'intervento in Kossovo e non so se la storia lo asolverà per questo, io sì pero'.

    Se la sinistra per andare al governo deve fare la destra tanto vale che ci teniamo la destra...

    Giampaolo

    RispondiElimina
  32. giusto giampaolo

    Cristiano

    RispondiElimina
  33. Bertinotti o no...la sinistra NON HA UN PROGRAMMA.
    E infatti non solo ha lasciato fare a Prodi qualsiasi porcheria (compreso l'indulto x ogni sorta di delinquente,politico o meno) ma non ha impedito la crescita di pdl e Lega nord con proposte alternative,mascherandosi dietro un lassismo e un buonismo da libro Cuore...ancora adesso quando si trattano temi importanti come l'immigrazione clandestina o la legalità non prende nessuna posizione chiara,si limita a indicare slogan generici come pace,solidarietà,laicità ecc... ma in modo astratto,che non presuppone regole ma solo diritti cosidetti "acquisiti" (che in realtà non lo sono affatto) ed è questo uno dei TANTI motivi per cui molti lavoratori e caslinghe che un tempo si riconoscevano nel PCI,oggi vanno verso altri soggetti,primo fra tutti la Lega che con tutto il suo populismo e massimalismo appare comunque un partito rigoroso e intransigente (non lo è,ma fa in modo di sembrarlo).Se poi vogliamo ancora foderarci gli occhi con i prosciutti dell'ideologia,bene...tanto la musica non cambierà,perlomeno a breve o medio termine.

    RispondiElimina
  34. Condivido lo spirito e il taglio del commento di URSUS, aggiungo che quando larghe fette di working class virano a destra non è un bel campanello e la sinistra, che nei portafogli è borghese, mette la testa sotto la sabbia, vuol dire che se non spunti qualcosa per la tua gente di concreto, le persone si affidano al lato più "animale" dell'essere umano per difendere la propria condizione sociale, virando a destra perchè la destra interpreta meglio quel lato del nostro essere appunto animali sociali. La risposta è cimentarsi con la responsabilità di governare, più con i fatti che con i sogni.

    RispondiElimina
  35. Sono costretto a prendere atto che il sistema di distrazione di massa messo in atto dal berlusconismo imperante funzioni ottimamente.
    Ho infatti la presunzione di affermare che legalità e immigrazione clandestina non sono i mali principali di questo Paese, non dico non siamo problemi ma esiste una scal di priorità, certo se vengono incessantemente riproposti in tutte le salse dai media diventano il problema n.1 e così vengono percepiti dalla 'pancia' del paese, ma credete davvero che si commettano piu' reati rispetto e 15 o 30 anni fa? E' il contrario, ma un governo reazionario che controlla direttamente o indirettamente i media non ve lo rivelerà mai, la paura è il collante principale di questo povero paese dal tessuto sociale ormai inesistente, tutti compatti a difendere i propri miseri privilegi specialmente se minacciati da un nebuloso personaggio che viene da lontano, ha abitudini diverse dalle nostre e manco si capisce quando parla.
    rimango dell' idea che i problemi fondamentali del paese siano la corruzione della classe politica, che genera sprechi e favorisce l'aumento del debito pubblico e l'organizzazione criminale piu' potente del mondo, che è molto meno appariscente del rumeno che ci sfila il portafoglio sull'autobus ma vi assicuro che crea disagi infinitamente maggiori.
    Fin quando ci fermeremo a pensare ai micro problemi tralasciando le macroporcherie faremo il loro gioco... ideologia non è una parolaccia, è una situazione ottimale cui è legittimo aspirare, la stella polare è lontana non per questo è meno bella.

    GIAMPAOLO

    RispondiElimina
  36. Infatti il mio era solo un ESEMPIO di come la sinistra non affronti le situazioni quotidiane della popolazione di OGGI...dopo di che la premessa sui mezzi di comunicazione sulla scala di priorità è ovvia,non c'è paragone sulle necessità di fare piazza pulita al VERTICE,con la percezione pura e semplice del proprio orticello di casa. Il guaio è che le IDEOLOGIE (e qui sta il loro enorme limite) non sanno neppure interpretare i nuovi fenomeni di populismo e di riflusso nel privato...e per ideologie intendo TUTTE,non solo quelle che passano di moda e che rimangono a guardare impassibili che lo sfacelo avanzi.
    Anche quelle di Berlusconi e soci sono ideologie,solo che agli occhi dell'UOMO QUALUNQUE (di antica memoria) appaiono come PRAGMATICHE ed efficaci,tutto il contrario dell'utopismo e dei principi idealizzati che enuncia la sinistra,in un caso o nell'altro sono 2 modi costruiti per non cambiare nulla,nè in senso rivoluzionario,nè in senso riformistico.Il LORO gioco lo abbiamo già fatto da tempo,perdendo completamente l'identità originaria e regalandola alla chiesa cattolica,che tutto è tranne che stupida ed ingenua.

    RispondiElimina
  37. il vaticano e la chiesa sono quelli che vincono sempre
    da secoli et secoli.............

    RispondiElimina
  38. e ci credo sono ovunque, dalle favelas di Bahia ai consigli di amministrazione delle holging, sono uno Stato, fino al 1871 c'era un capo di Stato religioso come in Iran......

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails