mercoledì, ottobre 06, 2010

Cultura 60's : le biglie





Strumento ESSENZIALE per il divertimento di ogni bambino tra i 60's e i primi 70's, le BIGLIE DI VETRO sono ormai un oggetto da collezione sconosciuto da tempo alle nuove generazioni.

In genere di vetro (con varianti su trasparenza, disegni e anche formato - biglie minuscole, normali e biglioni), ne esistevano anche in acciaio ma non avevano particolare considerazione.

Vendute in sacchetti di plastica a rete acquisivano valore oltre che per possesso numerico, per la rarità di certi esemplari.

45 commenti:

  1. Mitico Tony Face!
    Un tuffo nell'infanzia,
    un'infanzia da highlander!
    Fu un post molto antico, uno dei primi.
    http://tarkus-magicmac.blogspot.com/2008/11/toys_20.html
    Hold on.

    RispondiElimina
  2. Bello ma incompleto, non si può parlare di anni '60 e biglie senza citare le biglie da spiaggia in plastica, quelle con i cicilisti: Sercu, De Vlaemink, Balmamion, Poulidor, Motta, Basso, Gimondi, Merckx... :)

    RispondiElimina
  3. Alberto Galletti6 ottobre 2010 09:27

    Grande Tony-Face!

    Le ho usate poco correvano bene solo sulle superfici dure,sulla sabbia affondavano, ma ne ho avute parecchie. Quelle di plastica (rigorosamente piccole)erano siluri, ma le vendevano solo al mare, quindi a casa solo biglie di vetro (piccole) e grandi incazzature per lo scarso controllo (vallo a dire ai ragazzini di oggi!)per il resto Merckx, solo Merckx.

    RispondiElimina
  4. MAI VISTE quelle con i ciclisti !!!
    Ma io fino alla fine dei 60s' non sono MAI uscito dalla provincia di Piacenza.

    W Merckx sempre !

    Il post mi è venuto in mente ieri sera quando a casa ho scoperto un cassetto piene di biglie

    RispondiElimina
  5. Il problema con quelle dei ciclisti è che si rompevano con una facilità estrema:
    potevi schiacciarle sotto i piedi quando perdevi
    o se tiravi troppo forte si crepavano.

    RispondiElimina
  6. Alberto Galletti6 ottobre 2010 09:57

    Vero. Ma giocarci era uno sballo.

    RispondiElimina
  7. Da qualche parte dovrei avene ancora, di quelle con i ciclisti. Per i piu'....vecchi, in alternativa alle biglie, erano mitiche le corse ciclistiche con i tappi della minerale, alla quale incollavamo le foto piccole dei ciclisti. Pista disegnata con il gesso sul cemento. Fai giocare adesso i bambinetti che ti mandano a fare in culo! Mo a sette anni vogliono la Playstation. Comunque della serie "ci si divertiva con poco". (per forza, eravamo poveri in canna!).

    RispondiElimina
  8. Alberto Galletti6 ottobre 2010 11:09

    A meta '70s i succhi G avevano i tappi con le bandiere degli stati, perfetti per le corse!
    Per disegnare la pista anche schegge di mattoni (i gessetti bisognava ciularli a scuola, ma eravam troppo sfigati). Top per quanto riguarda i tappi erano (dalle mie parti)Spumador rosso scritta oro; Wurher (verde); San Pellegrino (rarissimi, stella nera bordata di rosso)

    RispondiElimina
  9. mitiche quelle di vetro ma ASSOLUTAMENTE INDISPENSABILI quelle coi ciclisti!!!

    vedo che bene o male abbiamo tutti la stessa memoria..
    quelle ciclistiche di plastica (che si rompevano o crepavano in centro) erano sinonimo d'estate e mare!!

    ambitissima quella di MERCKX , forse le mie favorite erano quella ROSA con GIMONDI, MOSER biglia verde e BITOSSI (!!) quella blu!

    madonna che emozione..

    C

    RispondiElimina
  10. Ma dove sono cresciuto ? Mai viste quelle con i ciclisti !

    RispondiElimina
  11. ma davvero tony?? da non crederci..

    (qualcuno mi dica..c'erano anche quelle coi pilotoi formula 1 o ricordo maldestramente?? non so se me lo sono sognato..)

    C

    RispondiElimina
  12. Se le facessero ora con i faccioni dei politici? Che bello tirare dei legni indice/medio. Magra soddisfazione, ma in mancanza d'altro...........

    RispondiElimina
  13. Mai viste quelle dei piloti di F1
    ma forse è un gap generazionale.

    Tony: secondo me quando scendevi a giocare
    i tuoi amici coalizzati dicevano:
    "oh arriva Tony, nascondete le biglie coi ciclisti!".
    http://www.flickr.com/photos/gattasorniona/220174532/

    RispondiElimina
  14. No me le ricorderei , facevo ciclismo, ero appassionatissimo, prendevo l'Epo e il nambutotrambolone (solo tracce però)

    RispondiElimina
  15. Alberto Galletti6 ottobre 2010 11:46

    Cos'è? Cristo si è fermato a S.Rocco al Porto? o a Castelsangiovanni?

    Mai stato neppure in colonia ?

    Bella C: BITOSSI, un grande! Piaceva a tutti

    RispondiElimina
  16. Tony e' un finto vecchio. Se la tira tanto che si ricorda questo e quello ma in realta' ha 16 anni e non sa di cosa parla. Questo vuoto sui ciclisti ne e' la conferma. Ce el avevo anche io quelle coi ciclisti... Si faceva la pista in spiaggia tirando per i piedi i bambini/fratelli piu' piccoli che scavavano il solco col, si puo' dire?, culo

    RispondiElimina
  17. Erano il passatempo preferito nei cortili delle CASE FIAT...ci costruivamo dei percorsi con la sabbia e facevamo una specie di gara a stecchette,ma da noi i BIONI (cioè quelli d'acciaio) erano più considerati invece,valevano fino a 10 volte più delle biglie di vetro,tanto che i nostri padri cercavano sempre di recuperarne qualcuno in fabbrica,la FIAT li usava per i cuscinetti a sfera delle auto o dei camion.
    Quelli con i ciclisti (ma anche i calciatori) erano di plastica e si trovavano nei distributori automatici vicino alle cartolerie.

    RispondiElimina
  18. Bitossi citato anche da EELST in "Sono Felice", canzone dedicata a Gimondi. A me il ciclismo fa cagare. L'ho detto

    RispondiElimina
  19. Alberto Galletti6 ottobre 2010 11:48

    Quelle con i piloti fecero la loro apparizione a fine anni '80, ma noi continuammo con i ciclisti.
    Ricordi balneari....

    RispondiElimina
  20. A proposito di colonia estiva e povertà:
    qualcuno ricorda i giochi con i noccioli delle pesche?

    RispondiElimina
  21. Bitossi detto?..........vediamo se lo sapete. Vi ricordate, vecchietti, l'inculata che prese nel mondiale di Gap (mi sembra, neh), fottuto sulla linea del traguardo da Marino Basso (uno dei piu' ricercati nelle biglie)? Mi sembra di ricordare un anno, al circuito di Chignolo Po (ai tempi famosissimo) dove i due manco si cagavano di striscio. Secondo me si erano anche menati...

    RispondiElimina
  22. Alberto Galletti6 ottobre 2010 12:15

    Del mondiale di Gap sapevo (poi), ma il Circuito di Chignolo Po, proprio non lo ricordo, tu eri andato?

    Tempi da Mitropa...

    RispondiElimina
  23. Ostia se andavo! C'erano dei pienoni da fare paura, volatone a sessanta (e mica con le superbici di adesso), il mitico Patrick Sercu che se li mangiava tutti e poi, tutti con le gambe sotto il tavolo dalla Puga, trattoria famosa per...l'unto che girava, e non solo nei piatti. e mi ricordo, anche, un giovane Brunone Pizzul, che ai tempi cianciava di ciclismo, ciocco marcio. Gallo, prova a chiedere lumi a tuo papa'Gino. Per la cronaca, Bitossi era soprannominato Cuore Matto (da una tachicardia spaziale di cui era affetto).

    RispondiElimina
  24. le biglie dei ciclisti si usavano specialmente in spiaggia, con piste di sabbia fatte dai bambini "più grandi" e paraboliche spettacolari, anche il giro della morte i più raffinati. qui nell'eastend milanese si usavano le classiche biglie di vetro (come nella foto 2 ricordo quelle "standard" e quelle un po più grandi (ma non ricordo l'uso di queste ultime). due spanne, l'altra mano (quella con la biglia) appoggiata al mignolo della spanna e tiro col pollice a fare da molla. con l'appoggio al migliolo si rubavano un po di centimetri importanti, roba da litigate terribili...

    organizziamo un torneo?

    RispondiElimina
  25. oh ragazzi, scusate ieri non sono intervenuto perchè di ritorno da capri... ;) poi a dire il vero quella coppetta lì vinta solo da squadre inferiori non mi stimola la discussione...

    RispondiElimina
  26. ps: io non ricordo un "uso" delle biglie di vetro a mò di gara, con la pista etc. il nostro gioco era il colpire le altre biglie per portarle via all' "avversario". un po come per le figurine panini che scendevano dal muro e coprendo le altre si portavano via le mazzette intere. ai tempi le panini NON erano adesive! ma in cartoncino leggero. un trucco: le si piegavano per il lungo per avere maggior controllo sulla caduta

    RispondiElimina
  27. Per chi non ha mai visto le biglie di plastica con i ciclisti (!?) ecco qui una foto.
    Un'altra foto
    Una pista
    Un'altra pista

    RispondiElimina
  28. C'erano quelle con i piloti di F1!!!
    io ho ancora quelle di De Angelis, Warwik, Tambay, Boutsen e il mio adorato Michele Alboreto...sigh...

    RispondiElimina
  29. Un vero tuffo nell'infanzia questo post...
    Ricordo molto bene quelle biglie come quelle dei ciclisti al mare.
    E sono piacevlmente sorpreso che molti abbiano parlato di Bitossi: era il mio ciclista/biglia preferito!!!
    Altri due giochi classici dell'epoca (figurine a parte): uno era 'costruire' in casa una pista delimitandola con dei numeri di topolino.
    Una volta fatta la pista si usavano modellini di macchine di formula uno (o altro) e si lanciava il dado, ogni punto di dado la macchina avanzava di una piastrella... ricordi Cap?
    Altro gioco mitico consunto dall'uso e' stato per me il giocagoal, versione 'povera', diciamo, del subbutteo:

    http://www.pagine70.com/1/giochi/imagepages/image31.htm

    ammetto anche una certa vena guerrafondaia con i plastici e soldatini della atlantic...:

    http://www.soldatinidautore.it/articoli/riflettori%20su/articolo0006.html

    RispondiElimina
  30. In dialetto veneto, o slang infantile che parlavamo noi, non so, le biglie in vetro le chiamavamo "bagoghe" quelle trasparenti e "americane" quelle in vetro bianco con i segni colorati

    RispondiElimina
  31. che flashback!!!!!!!!

    -Grande Bitossi "cuore matto"!!!
    Onorato di averlo citato x primo..

    -Un plauso a ALLALIMO x aver nominato BALMAMION, mio compaesano!

    -Avevo appunto un vago ricordo dei piloti di F1,come Pibio mi comnferma.. ma nei mid-80s le uniche biglie con cui giocavo erano probabilmente le "mie"..ehm...

    -Dave. ho avuto ancora un altro "tarocco" del Subbuteo, poi pero' mi regalarono quello vero (e io piciu a regalare tutto anni fa..)

    _"Cuore matto" era il soprannome anche di qualche calciatore o ricordo male??
    (i calciofili ricorderanno il povero renato Curi, ma non volevo far la battuta..)

    -D'amble' ricordo che coi noccioli di albicocca "levigati" su un lato sul marciapiede ne facevamo fischietti

    Cristiano

    RispondiElimina
  32. Dalle mie parti andavano forte MOTTA e GIMONDI,come ciclisti...

    RispondiElimina
  33. .....Gimondi un fenomeno, Motta l'incompiuto. Per qualche tempo furono nella stessa squadra e il giornalismo sportivo di allora conio' il termine Gimotta. Una fantasia della madonna!

    RispondiElimina
  34. Eh no, eh??? ;-D

    Le biglie furono anche parte iscindibile nelle ricreazioni di molti di coloro che siamo stati bambini nei primi 80s.

    Eccome!

    RispondiElimina
  35. cosi piccoli, gia' sybariti

    RispondiElimina
  36. Ma è possibile farsi quasi spuntare una lacrimuccia sul Giocagoal e sui plastici dell'Atalantic? Stiamo proprio invecchiando... ;)

    RispondiElimina
  37. anche gli Atlantic..spariti
    C

    RispondiElimina
  38. Alberto Galletti6 ottobre 2010 17:54

    Ciao Carlo, chiedero senz'altro lumi al Gino,anche per la corsa! Mi farò quattro risate pensando ai frequentatori locali noti mischiati alle celebrità dell'epoca.

    RispondiElimina
  39. Mai usate ne collezionate, una sucata galattica.

    Poi sull'asfalto e in salita o discesa (dove abitavo) non funzionavano. Nemmeno le "grette" cioè i tappi delle bottiglie che avevano decisamente una grip migliore.

    Solo battaglie a cannette (cerbottane) con le cannette rigorosamente da pagine di Skorpio o Lanciostory perchè era la carta migliore. Poi venne lo stucco, ma è un'altra storia...

    Niente biglie e niente ciclisti, la bici è da pianura roba da padani maoisti, i ciclisti per strada li metterei sotto ah ah ah

    con rispetto per gli amici mods,

    andate in scooter!!!!

    RispondiElimina
  40. andrea, bici mezzo di pianura?? vieni a farti un giro con me a vedere il culo che si fanno dalla mezza montagna in su! 8cosa che in passato facevo anch io!)

    Cristiano

    RispondiElimina
  41. ciao Cristiano

    sino all'avvento delle mountain bike, dalle mie parti vedere un ciclista era una rarità, non mi ricordo l'uso della bici (se non in campagna ad agosto) in tutta la mia gioventù, anni 70 e 80, perciò il binomio biglie-ciclisti non è nei miei ricordi. L'unica bici che ho usato l'ereditai da mio fratello sino al primo 50special anche quello ereditato (15anni)

    Non riesco proprio a farmi piacere il ciclismo, pur essendo uno sport popolare e faticoso, che ha formato caratteri e dato lustro allo sport italiano nel mondo. Non lo seguo.

    Aggiungo che in strada, le orde dilettantesche, sono spesso un pericolo e lo sanno e se battono i cog....i e questo non mi garba affatto.

    RispondiElimina
  42. ps

    di ciclisti (blucerchiati) ce n'erano e ce ne sono ancora tanti in giro ah ah

    RispondiElimina
  43. haha!! Ciao Andrea! ma io son d'accordo con cio che dici..
    Non ho mai avuto una mountain bike (e non mi piacciono), non ho mai fatto agonismo e spesso impreco coi ciclisti "bardati" di tutto punto che se ne fottono di tutto e tutti e stanno in mezzo alla strada (non che questa appartenga solo alle auto ma un minimo di rispetto reciproco!!).

    Come sport non l'ho mai seguito piu' di tanto e il "link" riguardava le BIGLIE di PLASTICA.

    Anni fa pero'ho iniziato una bella abitudine con alcuni amici..biciclette "basiche", tenda ecc e via verso giri anche di un cento km fino ad un lago od un campeggio (NOTA BENE....NO SALITE!!!!! che non c'abbiamo il fisico). Quindi un classico da Torino era andar veso i Laghi (d'Orta,Maggior ecc).

    Cose del passato..ora la bici la uso x spostamenti ordinari di vario tipo, brevi comunque haha!!

    ciclisti blucerchiati...hahah!!

    Ciao!

    C

    RispondiElimina
  44. Alberto Galletti9 ottobre 2010 14:36

    Ma Gepìn Olmo era di Celle Ligure o no? Milano-Sanremo etc. insomma parecchio ciclismo in Liguria...

    Carlo mio papà dalla Puga non ricorda di esserci stato, ma a Chignolo ci ha visto Fausto Coppi (per me ha dell'incredibile), Ercole Baldini (iridato la settimana precedente!), Fiorenzo Magni e pure Bitossi, ma prima del 70.

    Ti aspettavamo giovedì sera!

    RispondiElimina
  45. ciclisti in liguria
    http://www.pianetagenoa1893.net/?action=read&idnotizia=8228

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails