domenica, aprile 24, 2016

Manicomio di Cogoleto



La fine del mondo è la rubrica domenicale che va ad esplorare i luoghi abbandonati dalla storia, particolari o estremi.
I precedenti post:

http://tonyface.blogspot.it/search/label/La%20fine%20del%20mondo

Il Manicomio di Cogoleto (Genova) fu costruito nel 1911 si estende per un milione di metri quadrati (il più grande in Italia).
Fu concepito per essere affiancato al vecchio manicomio di Quarto dei Mille a causa del sovraffollamento.
Già nel 1926 fu evidenziato dalla Commissione di Vigilanza sui manicomi a causa del suo sovraffollamento e a mancanze di legge ma prosegue la crescita aumentando il numero di padiglioni.
Il manicomio provinciale è stato definitivamente chiuso nel 1999.

Vi fu ricoverato nel 1933 il pittore Gino Grimaldi che realizzò le sue opere all’interno della Chiesa del manicomio.
Negli anni 20/30 per giustificare l’internamento, le diagnosi dei medici parlavano di stravizi, abuso di alcol, gelosie ed esaltazione religiosa, passando per le conseguenze del parto e i disturbi delle mestruazioni nelle donne. Anche gli orfani rimanevano rinchiusi nelle strutture psichiatriche.

Il luogo doveva essere riqualificato come Polo Culturale ma al momento rimane nell'abbandono e nel degrado.

https://www.youtube.com/watch?v=Q39s7ICGIUY

Info e foto: http://www.giacomodoni.com/persistenze/manicomio-di-cogoleto/
Thanx Davide Liberali

4 commenti:

  1. Si vede da in fondo alla tua via Cortez?

    RispondiElimina
  2. A volte scartabellando tra cartelle psichiatriche degli anni dai '40 fino ai primi '70 ho trovato alla voce diagnosi di ricovero cose come "idiotismo di alto grado", "inadeguatezza morale", "ninfomania reiterata e verificata", "manifesta propensione all'impudicizia/delinquenza "...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero Pibio..anch'io ho letto tante cartelle..
      C

      Elimina
  3. Avrebbero dovuto internare chi internava

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails