lunedì, aprile 18, 2016

Il prezzo dei biglietti dei concerti



I prezzi dei biglietti per i concerti sono in costante aumento.
Non quelli dei piccoli eventi o dei club ma sicuramente quelli dei grandi nomi.
Spesso irrinunciabili per gli appassionati che temono possa essere "l'ultimo tour"...

Ad esempio vedere Vasco allo stadio Olimpico di Torino costava da 34 a 50 euro nel 2008, e da 42 a 65 euro nel 2013.
Per il prato in pochi anni si è passati da 36 a 55 euro.
Per i Muse erano 36 e 45 euro nel 2010, a San Siro, nel 2016 si è arivati tra 47 e 70 euro.
Un biglietto per Bruce Springsteen sul prato è salito dai 45 euro del 2012 fino ai 55 del 2013 e fino agli 85 per le due date italiane di luglio.
I Kraftwerk a Verona variano dai 45 euro sulla Gradinata ai 115 per la "poltronissima Gold".
Per i pur modesti, per popolarità, Last Shadow Puppets si va dai 30 ai 35 euro.
Ciliegina sulla torta i 300 euro per David Gilmour a Pompei.
Il tutto al netto di prevendite varie.

In Usa è già attiva l'opzione che permette di vedere i concerti dal palco, con successivo incontro con gli artisti o addirittura cena con loro, autografi, foto etc etc.
Il dibattito è aperto tra chi spinge per una sempre maggiore esclusività (e quindi prezzi accessibili a pochi) e chi invece vorrebbe provare a mantenerli entro certi limiti.

La percezione è che si stia provando ad alzare l' "asticella dei prezzi" progressivamente per verificare se il pubblico comunque resiste e accetta. Vedremo fino a che punto.

32 commenti:

  1. Direi che l'unica cosa è non andarci...

    RispondiElimina
  2. Più o meno quello che faccio io.
    Unica eccezione la farei per Paul McCartney e gli Who..non so gli Stones

    RispondiElimina
  3. Stesse dinamiche del campionato inglese di calcio. Per quindici anni è andata così ora comincia a cambiare un po.
    A vantaggio degli organizzatori di concerti la mancanza di rivalità nello spettacolo musicale rispetto a quello calcistico e quindi un bacino d'utenza sterminato. Il trend ovviamente continuerà, ci saranno sempre 15mila persone che riempiranno un palazzetto.

    RispondiElimina
  4. possiamo affittarci direttamente i musici a casa..spendere per spendere almeno non dobbiamo neanche uscire
    C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli Who a casa mia per 110 euro o anche 150 li chiamo subito, hai il numero di telefono?

      Elimina
    2. certo! tu rispondi ai miei sms e te lo darò ))))
      C

      Elimina
  5. Porca tro!a, un mese fa ho scoperto che i Cure suonano a Milano a novembre, mi attivo per i biglietti (il prezzo non sarebbe stato un problema) solo per scoprire che i biglietti per due date al Forum eran stati bruciati in un pomeriggio ben prima di Natale.

    RispondiElimina
  6. Quello è un altro problema ancora. Spesso/talvolta i biglietti vengono bruciati non tanto dagli spettatori ma da agenzie che poi li rivendono a prezzi maggiorati in rete.
    Immagino colluse con gli organizzatori.
    Quindi se tu il biglietto lo avresti pagato 50 euro ora se lo vuoi ti costa, che so?, 70....

    RispondiElimina
  7. Mi sono già attivato per cercare di entrare comunque e probabilmente gratis........

    RispondiElimina
  8. OFFTOPIC:

    GLASGOW RANGERS ARE BACK!!!!!

    hahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://video.gazzetta.it/rangers-old-firm-nuovo-festa/fc7ff584-054e-11e6-a284-3d6a6abb8809?playlistId=b4f0b0ee-79e8-11e3-b322-c9e919454f4d


      yes! yes! yes!
      yeeeeess!!!!

      Elimina
  9. ehehe...
    anche il Parma è risalito. Per ora in Lega Pro.
    Prossimo anno Lega Pro con Parma, Piacenza, Cremonese, Pavia, Padova, Pistoiese, Pisa, Alessandria (se queste ultime no vanno su...)

    RispondiElimina
  10. Pisa e Pistoiese girone B.
    Nel quale rischiano di finire anche Parma e Reggiana, dipende da chi scende dalla serie B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo! tu rispondi ai miei sms e te lo darò ))))
      C

      Elimina
    2. here you are
      +443332721235 (Pete)
      C

      Elimina
  11. anonimo delle 12:42:

    chi va a vedere vasco nel 2016 è giusto che paghi, anzi dovrebbe pagare anche il doppio...prendendo spunto da pasolini...ti piace la merda??? e allora mangia la merda!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche chi va a vedere David Gilmour nel 2016...

      Elimina
  12. Ma qualcuno si ricorda degli autoriduttori? Musica gratis....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anonimo delle 12:48

      ma anche chi se ne frega..se una volta era "alternativo" andare ai megaconcerti/megaraduni adesso lo è assolutamente il contrario...cosa c'è di rock, alternativo nel dare 50/100/300€ ad un impresario colluso con le 3 case discografiche multinazionali rimaste...che si fottano...se sei "contro" adesso vai a vedere il concertino in uno dei pochi centri sociali rimasti o in uno delgi ultimi sfigati localini che ancora ci provano a fare musica live...comprandoti il cd o la t-shirt del gruppo al banchetto...

      300€ per un concerto? e mi fanno anche un servizietto all'uscita? che se li tenga...che venga sommerso da una valanga, non di fango...ma di merda

      Elimina
    2. certo..il motivo per cui da ragazzino mi spiegavano perchè in Italia non venivano più i grandi nomi a suonare..
      C

      Elimina
  13. Mai andato a vedere un concerto perché alternativo 😝😝😝

    RispondiElimina
  14. Ehi Cris guarda qua: grande giornata di sport e amicizia tra i popoli ieri al Radish Cricket Ground di Lodi:
    http://www.ilgiorno.it/lodi/cricket-immigrati-1.2073818

    RispondiElimina
  15. Vorrei sottolineare il fatto che non solo i prezzi sono aumentati ma sono quasi completamente sparite le manifestazioni gratuite patrocinate da comuni, regioni, partiti o aziende. Io ho un'eta più giovane della media dei lettori qui ma dai 14-15 anni in poi sono riuscito a vedere gratis una marea di band. Ora mi vengono in mente Sonic Youth, Mercury Rev, Henry Rollins, Residents,Moby, John Spencer, Pavement, Skunk Anansie, Deus, Ministry, Therapy, Cypress Hill, Calexico, Nick Cave, Tricky, Melt Banana, Fantomas, Vinicio Capossela, Gotham Project, Karate, Motorpsycho, Misfits, Hives, Blonde Redhead, Ben Harper, Black Rebel Motorcycle club più praticamente tutti, ma proprio tutti, i gruppi "indie" rock e HipHop della scena degli anni 90, tranne i Marlene, loro non li ho mai beccati aggratis...
    Ovviamente non sempre ero un fan, ancora mi ricordo un concerto degli Ska P come uno dei 10 momenti musicalmente più brutti della mia vita, ma cmq senza cacciare una lira feci belle esperienze e scoprii sonorità che difficilmente avrei approfondito di mia iniziativa. Se fossi nato qualche anno prima sono sicuro avrei beccato pure i Not Moving da qualche parte.

    RispondiElimina
  16. Erano anni in cui i Comuni e le Province (e i partiti) avevano soldi da spendere. Le Feste del'Unità negli anni 80 e 90 portavano il meglio della musica ovunque ma in generale molti comuni facevano lo stesso.
    tra mille mangerie (tra l'altro).
    Però si facevano le cose e spesso gratis (o prezzi popolari). Ora non ci sono più neanche i soldi per piangere,

    RispondiElimina
  17. Quindi io per vedere i Cure devo andare con il Gallo oppure anche lui è sold out?
    Ps: in finale vincono gli Hibs e tutto lo stadio canterà Sunshine of Leith :-)

    Charlie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Dipende dal Rama
      2) Delusional!
      3) ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha

      Elimina

Related Posts with Thumbnails