domenica, aprile 13, 2014

I Jam nel 1977 e Jon Savage



Il 18 dicembre 1977 (le foto sono d quel concerto) i JAM suonarono all'Hammersmith Odeon di Londra (preceduti dai New Hearts di Ian Page e Dave Cairns, futuri Secret Affair). Un paio di settimane dopo JON SAVAGE (autore poi di biografie su Kinks, Sex Pistols, saggi sul punk e dell'ottimo "L'invenzione dei giovani") su SOUNDS li maltrattò così:

La discoteca suona Bad Company , Queen etc. Rassicurante.
I Jam sono un prodotto cross-over prodotto ben confezionato - energico , "moderno" , punkoide a sufficienza per venderlo a migliaia...
Hanno dimostrato chiaramente che esiste un mercato per un melodico e veloce “divertimento” destinato a crescere nel 1978. Lo riempiono con brio e stile....

I Jam sono diventati star e ce lo hanno fatto vedere.
Un'ora di lunga attesa per un set di 45 minuti.
Ripercorrono gran parte dei loro due album : 'I’ve changed my adress’ , 'London Traffic ' , ' Carnaby Street' , ecc - veloci, professionali, competenti. E così freddi e sterili. Gran parte del materiale finisce in un imbuto: la line- up a tre ( chitarra / basso / batteria ) è usta in unmodo limitato - il ritmo è sempre frenetico , il suono sempre acuto , la voce sempre urlata... il tutto finisce per essere molto bidimensionale.
Tanto fumo e nessuna arrosto.
Tutto superficiale..
Il pubblico risponde, ovviamente, per reazione pavloviana (vale a dire " Ho pagato i miei soldi e io maledizione me la voglio spassare") e in maniera sincera ma per l'atmosfera che gira nel teatro, i Jam potrebbero anche dei burattini.
Di sicuro fanno molto bene quello che hanno scelto di fare: saltare , tenere in piedi lo spettacolo....

In nessun momento escono dalla prevedibilità - corrono rischi - o si mettono in gioco.
Sono sul palco, irraggiungibili, star, quasi infastiditi di comunicare davvero con il pubblico, noi. Almeno i Clash , per esempio , in una situazione analoga ( grande concerto) hanno la grazia e l'umanità per cercare di uscire dalla loro immagine , per colmare il divario tra il pubblico e l’artista performer , cercando di coinvolgere il pubblico ...

Ma ci sono altri elementi più disturbanti.
Guardando duro a quello che proiettano dal palco e che sono sul palco, il modo in cui viene presentato, diventa chiaro (non importa quello che potrebbero dire nelle interviste), che sono profondamente conservatori, se non reazionari.
Vestiti, ovviamente , in un vago cliché " moderno" per stupire i ragazzi.
OK , forse è troppo per pensare che siamo finiti in un trip da star, ma c'è di più .
La loro immagine è di stretta e diretta uniformità.
Camicie bianche / cravatte nere / vestiti.
Tutti uguali. Freddi, regolari. L'illuminazione è bianca. Gli unici colori sono il rosso della Rickenbacker di Weller - ne ha tre , esattamente le stesse - e le Union Jack (una su un amplificatore, due sulla batteria di Buckler).
Quest'ultima cosa è ambigua: andava bene come pop-art nel 1965, comprensibile alla luce della loro revivalismo senza vergogna degli Who, ma sono così inconsapevoli delle sue più sinistre connotazioni nell'anno del blitz nei media del Fronte nazionale ?
Naturalmente.
In questi tempi, però, ogni tipo di tale sciovinismo a livello di massa, mostrato così autorevolmente e ostentatamente, può essere solo pericoloso nel lungo periodo e sono sicuro che non lo ignorano....

Abbastanza.
Forse sono solo stanco e ingenuo.
Sono pienamente consapevole che non ho sottovalutato alcun dubbio, ma non ho disprezzato un concerto così da molto tempo, per motivi provenienti da fuori di me che sono difficili da definire. Ci ho provato, può essere che mi sbaglio.

18 commenti:

  1. ovvero: i contemporanei parlano SEMPRE male di quello che sta succedendo, perchè "prima" era meglio.
    :-)

    The Real WC

    RispondiElimina
  2. Ho letto il libro sul punk scritto da Jon Savage e da esso avrebbe potuto estromettere almeno 150 pagine che allungano il brodo senza aggiungere nulla di significativo. Dall'articolo si evince che l'antipatia dell'autore è legata ad una pura questione politica nei confronti dei The Jam... ma poi chi ha detto che le band debbano sempre mettersi a disposizione del pubblico come se fosse una festa paesana? Credo sia giunta l'ora di ritornare a prendere le dovute distanze come accadeva nel mainstream statunitense degli anni settanta/ottanta. Lo Zeppelin non è ancora stato abbattuto.

    RispondiElimina
  3. Concordo pienamente col giornalista.
    La fama di Weller in patria riguardo all'essere/apparie è nota.
    Io lo adoro comunque.
    Ma il carissimo amico londinese Ben suo coetaneo nonchè eastender ogni volta che gli chiedevo qualcosa al riguardo mi ha sempre risposto 'fake wanker' addirittura lui era ad Hammersmith quando suonarono prima dei Clash che lui e i suoi amici (e quasi tutti) stavano aspettando: era ilo momento buono per andare a pisciare o a prendersi da bere' mi dice, 'un vero sfigato'.
    Credo che abbia a che fare con il carattere di Weller, parecchio timido e molto scostante (il boss credo possa confermare)
    Ma ad ogni modo a me piace e chissenefrega

    RispondiElimina
  4. Esatto Albe infatti PW aveva risposto ad una giornalista
    Why can I be a fucking revivalist when I'm fucking 18?
    Semplice (fin troppo) semplice..e risposta perfetta.
    Tipo..Mi stai chiedendo su quale macchina del tempo sono salito per essere cosi uguale a quelli di dieci anni prima e ti rispondo "su nessuna"..metto la mia Urgenza (l'ArgentoVivo) con i treaccordi di Musica migliori che mi vengono con le Parole migliori che mi vengono..questa e' la mia Canzone.
    questo sono IO.

    La legittima domanda in tempi caldi di BNP in Britannia trova una semplice ed esausiva risposta: PopArt
    Basta chiedere no? ed ascoltare magari la risposta..

    Gli Statuto da sempre devono spiegare il perchè del tricolore sul palco e Viva Italia..e continuano a farlo tutte le volte che il discorso viene fuori.
    Chiedere numi non costa nulla no?
    Ascoltare la risposta idem.

    C

    RispondiElimina
  5. Secondo me molto più semplicemente il giornalista ce l'aveva con PW per qualche motivo, probabilmente perchè stava avendo successo e lui no

    RispondiElimina
  6. il giornalista faceva semplicemente il giornalista..poteva anche non avercela con PW.
    .poteva dire buono/no buono- bravo/no bravo ma di solito da un giornalista si pretende di piu (lo stile ed il contenuto e' un altro paio di maniche)

    C


    RispondiElimina
  7. un saluto a Lou Cats dagli amici torinesi

    RispondiElimina
  8. ahahahaha!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. E comunque almeno nel finale il giornalista si pone il dubbio di aver scritto un mucchio di cazzate, oggi tutti hanno certezze e le persone piene di certezze sono pericolose.

    Charlie

    RispondiElimina
  10. Io sono pieno di dubbi e sono senz'altro pericoloso (per me)

    AG

    RispondiElimina
  11. perche' tu sei un uomo VERO (nel senso anglofono di "Real")..e' per questo che ti amiamo

    C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buono, credo che la verità stia altrove.

      AG

      Elimina
  12. e poi essere pericoloso almeno per i centravanti e' gia molto...ahah!
    C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stò meditando un clamoroso rientro sulle scene ovali...

      AG.

      Elimina
  13. Come Flanker?

    Charlie

    RispondiElimina
  14. Forse nel '77 era un pò presto per capire il futuro di Weller.
    Certamente che si è sbagliato di parecchio !
    Comunque mi ricordo che in quei giorni tutti dicevano più o meno la stessa cosa.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails