lunedì, settembre 12, 2011

Free Cinema





Il FREE CINEMA fu un movimento cinematografico inglese, culturale, sociale e politico attivo tra gli anni 50 e 60 di forte contestazione del cinema britannico dell'epoca.

Verso la metà degli anni 50 LINDSAY ANDERSON, KAREL REISZ, LORENA MAZZEETI e TONY RICHARDSON fondarono la nuova corrente, presentata il 5 febbraio 1956 a Londra con tre opere caratterizzate dal manifesto programmatico del nuovo stile :credere nella libertà, nell'importanza dell'individuo e nel significato della quotidianità.

Strettamente legati agli scrittori “Angry Young Men” John Osborne, Harold Pinter, Dorothy Lessing, John Braine, Shelagh Delaney e Alan Sillitoe), mettevano in risalto gli eroi ribelli delle classi popolari che si esprimevano con l'accento della loro provincia, che ritroveremo nei film di Ken Loach e ponevano la collera come denuncia di una società senza gioia.

Al movimento aderirono anche altri registi come Joseph Losey, John Schlesinger, Jack Clayton, Richard Lester, Desmond Davis, Clive Donner e Ken Loach; e attori britannici del calibro di Tom Courtenay, David Warner, Malcolm McDowell, Richard Harris, Albert Finney, Dirk Bogarde, Robert Stephens, Stanley Barker, Anthony Hopkins, Richard Burton, Alan Bates, Edward Fox, James Fox, Brian Cox, Terence Stamp e le attrici Vanessa Redgrave, Julie Christie, Rita Tushingham, Lynn Redgrave; l'attore americano Laurence Harvey e l'attore australiano Peter Finch.

Dieci film per comprendere meglio il FREE CINEMA

I giovani arrabbiati, regia di Tony Richardson (1958)
Sabato sera, domenica mattina, regia di Karel Reisz (1960)
Giungla di cemento, regia di Joseph Losey (1960)
Billy il bugiardo, regia di John Schlesinger (1963)
Tom Jones, regia di Tony Richardson (1963)
Non tutti ce l'hanno, regia di Richard Lester (1965)
Morgan matto da legare, regia di Karel Reisz (1966)
Modesty Blaise, la bellissima che uccide, regia di Joseph Losey (1966)
Via dalla pazza folla, regia di John Schlesinger (1967)
L'incidente, regia di Joseph Losey (1967)
Se..., regia di Lindsay Anderson (1968)

47 commenti:

  1. cazzo se ne frega,e' morto gino latilla

    RispondiElimina
  2. Massima espressione artistica insieme alla Nouvelle Vague e alla Commedia all'Italiana.
    Film che ti cambiano la vita!

    RispondiElimina
  3. sono stato fortunato parecchi anni fa c'era stata una rassegna al Cinema Massimo,due giorni di full immersion
    ricordo bene Sabato Sera Domenica ,mattina e Morgan Matto da legare (che mi ricordava Julian Cope)
    Cristiano

    RispondiElimina
  4. forte l'Internazionale FC

    RispondiElimina
  5. Gasperini non arriva a Novembre.

    RispondiElimina
  6. Lo spirito mod ispirava il free cinema?
    Rabbia & Stile anche sul grande schermo?

    Fabio T.

    RispondiElimina
  7. Altroche, credo che la relazione tra l etica mod, il free cinema e gli angry young men nella letteratura fossero palesemente legati.

    RispondiElimina
  8. Richard Lester un grande! Basti pensare a A Hard Day's Night!

    Via dalla pazza folla di Schlesinger: la fotografia è di un altro grandissimo, Nicolas Roeg (già collaboratore anche di Lester), che poi passaerà alla regia, L'uomo che cadde sulla terra e soprattutto A Venezia...un dicembre rosso shocking (uno dei film più disturbanti di sempre) non han bisogno di presentazioni... Ma non so se si parla ancora di free cinema...


    W

    RispondiElimina
  9. Grande Tony.

    Ne ho visto uno soltanto, ma questo lo tengo come pro-memoria per l'inverno. Concrete jungle mi viene in mente una canzone di Marley.
    Richard Lester un grande! Lo citammo già parlando di cricket a proposito del film "How I won the war".
    Di Sabato sera, domenica mattina non avevamo già parlato a proposito del libro? Si trovera?

    A.G.

    RispondiElimina
  10. Non ho mai cercato nulla in rete ma meriterebbe trovare qualche cosa.
    C'era anche "Sapore di miele" (A taste of honey,titolo che piace a noi Beatlesiani)di T.Richardson.
    Di Sabato Sera ho il libro,mentre in bancarella trovai "Billy the Liar" in vhs e lingua originale (non si capisce niente).
    A Linsday Anderson e' stato dedicato "Tutti giu x terra" di davide Ferrario (dal romanzo di G.Culicchia,carino il film,cosi cosi il libro)
    C

    RispondiElimina
  11. il Free Cinema E' il cinema Casula!

    RispondiElimina
  12. Solo casula che sanno leggere e scrivere.

    RispondiElimina
  13. merce rara da queste parti

    RispondiElimina
  14. Scherzi a parte il Free Cinema e uno dei monenti culturali piu alti ed interessanti del secolo scorso. Rabbia, adolescenza, salto nel vuoto, anti autoritarismo, fanculo agli ordini.
    SUPER !

    RispondiElimina
  15. me...mer....merce...r..a...r...rara...
    d-d...da...q...este?...paaa....paa...rti...parti

    mercie rarra da cueste patri!

    RispondiElimina
  16. Albert Finney casula sooper.
    Irraggiungibile Arthur Seaton in "Sabato Sera" (che omaggiamo in Way To Beat),Billy il Bugiardo nella versione teatrale,alla regia nell"Errore di Vivere"del 68,titolo supercasula, Poirot in "Assassinio sull'OExpress"..

    C

    RispondiElimina
  17. Casula d'essai - "Quardophenia".
    Sinossi: Alberto e i suoi amici casula, sottocultura giovanile dedita al dubbio gusto e ai bei vestiti, si recano in vacanza a Marina di Sarzana. Tra una discussione e l'altra su film, palate di dischi e squadre di calcio, si snodano le avventure dei vari personaggi, sempre alle prese con concerti improbabili, alcol di infima qualità, goliardia e donne in carne e poco raccomandabili. Il loro passatempo preferito? Lunghe pennichelle in spiaggia con una balla fuori dagli slip, in favore di famiglia villeggiante...cosa che scatenerà una megarissa casula contro tutti al bagno La Turbina. Alberto, dopo aver messo in discussione i valori in cui credeva, scoprirà invece che essere una casula è una figata...fino alle estreme conseguenze: la sua folle corsa casula finirà con un tuffo nelle acque del Po a bordo di un Motron...ma il finale resta aperto.

    Colonna sonora mozzafiato

    RispondiElimina
  18. at the barbera gate!

    RispondiElimina
  19. Che si pronuncia QUARDOEFGNA!

    RispondiElimina
  20. pensavo si chiamasse Guardophregna
    http://www.urbandictionary.com/define.php?term=fregna

    RispondiElimina
  21. Visti quasi tutti...ricordo bene "Morgan matto da legare" : una metafora surreale della contestazione studentesca,prima del 68 !
    E MODESTY BLAISE,con Monica Vitti,tratto da uno dei migliori fumetti inglesi di Peter O'Donnell,praticamente una 007 al femminile ma molto più casula di James Bond stesso
    (la versione italiana TRASH,invece,era il JAMES TONT interpretato da Lando Buzzanca...mitico)

    Invito Mich a impostare un bell'articolo sul Lando nazionale,quello è molto più adatto alla popartx,maybe...

    RispondiElimina
  22. The loneliness of the long distance runner...altro film memorabile!
    Fabio T

    RispondiElimina
  23. Purtroppo non ho visto nessuno dei film in questione, ho letto i libri di Sillitoe da cui sono stati tratti The loneliness.... e Sabato sera, domenica mattina, mi piacerebbe un casino vedere le versioni cinematografiche. Billy il Bugiardo versione movie ha qualche connessione col telefilm che davano in Rai quando avevo circa sei o sette anni? Ho dei ricordi confusi...
    Ps: about Quadrofregna, le donne in carne e poco raccomandabili sono un must!
    Charlie

    RispondiElimina
  24. D'accordo con Charlie
    C

    RispondiElimina
  25. @Charlie: la sit-com che diedero per un breve periodo anni fa in tv era "lievemente" ispirata al film omonimo. Credo tu sia l'unico a ricordarla.

    RispondiElimina
  26. Le ricordo anch io, molto vagamente

    RispondiElimina
  27. Le sit-com inglesi erano fantastiche (poi le hanno abolite trasmettendo solo roba americana).
    Oltre a "un uomo in casa", da cui erano nati "George e Mildred" e "il nido di Robin", c'era anche "caro papà", che non hanno mai più dato. Fawlty Towers invece non l'hanno mai trasmesso.

    RispondiElimina
  28. @ Tarkus: Dici che mi devo preoccupare?? :-)

    charlie

    RispondiElimina
  29. @Tarkus: infatti io mi ricordo la versione USA di un uomo in casa, "tre cuori in affitto", che allora mi piaceva molto, però...equivoci e battute a sfondo sessuale a go-go...George e Mildred l'ho scoperto dopo...

    W

    RispondiElimina
  30. ricordo anche io Tarkus,fantastiche!
    C

    RispondiElimina
  31. Fawlty Towers! ha ha ha grande Tarkus!!! Un delirio.

    "Man about the house" fortissimo, ne ho rivisto qualche episodio alla tele inglese due anni fa, hilarious! Mildred assolutamente spietata.

    Potremmo fare una nuova serie dal titolo "Man in (or about) a dugout" ambientato a Milano, eh Tarkus, riderebbero in parecchi

    A.G.

    RispondiElimina
  32. E' più casula il sidecar o la Lambretta?

    RispondiElimina
  33. Sidecar & Motobecane: Casula Hot Rod!

    RispondiElimina
  34. George e Mildred magnifici, si! Peccato esser cresciuti con le sit-com USA 'all american family'. Col senno di poi, l'unica serie yankee dell'epoca veramente all'altezza era Sanford & Son, che aveva anche una sigla da discoteca casula.

    W

    RispondiElimina
  35. Ce l'ho la versione della sigla di Sanford & son (gran telefilm) di Quincy Jones! gran pezzo!

    A.G.

    RispondiElimina
  36. La sigla di Sandford and sn l abbiamo fatta per anni con il Link Quartet. Credo ci sia anche registrata su qualche album o compilation

    RispondiElimina
  37. George indaffarato con la pipa: Non mi tira la pipa..
    Mildred: Non ti e' mai tirato niente,George

    C

    RispondiElimina
  38. Grandi! Altro che Starsky & Hutch Theme!
    Su quale album o compila si trova?

    W

    RispondiElimina
  39. AhAhAh, invece nella versione USA, la signora Roper a Stanley gli dava direttamente dell'impotente...grettezza USA!...

    RispondiElimina
  40. ha ha ha credo di avere anche quella

    A.G.

    RispondiElimina
  41. ha ha ha ha ha
    Inarrivabile Mildred!!!

    A.G.

    RispondiElimina
  42. Mildred assoluta, George succube.....ma vi ricordate il vicino di casa giovane, spocchioso e odiosamente Tory con i baffi? mi pare avesse un figlio buffissimo di nome Tristan...a proposito di casula ma Arcibaldo se lo ricorda nessuno? il grande Carrol O'Connor che vomitava battutacce politically uncorrect su tutte le minoranze etniche e sui polacchi come il genero che altro non era che il futuro regista Rob Reiner...assolutamente fantastico e decisamente casula!!!!!!!!!!
    Charlie

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails