lunedì, novembre 29, 2010

Novembre 2010. Il meglio.




A un passo dalla fine del 2010 la top del meglio annovera più o meno nell’ordine Gil Scott Heron , Paul Weller, Sharon Jones, Coral, Soft Pack, Johnny Cash, Isobel Campbell/ Mark Lanegan, Asa, Corinne Bailey Rae, Kula Shaker, Mavis Staples, Janelle Monàe, Tom Jones, Carl Barat.
Per gli italiani June, Statuto, Massimo Volume, Tre Allegri Ragazzi Morti, Il Pan del Diavolo, Guignol, , No Guru, Andrea Chimenti, Paolo Apollo Negri, JJ Vianello, Cut, Svetlanas, Vessel, Ojm, Electric Sixty Nine, Maddalena Conni.


ASCOLTATO

ASA - Beautiful imperfection
Dalla Nigeria tra soul, african sound, atmosfere bluesy.
Voce stupenda, mood deep black, grandi ed essenziali gli arrangiamenti.
C’è drammaticità e spensieratezza, mai banalità e un’anima Afro sempre bene evidente. Eccellente.

JAMIROQUAI - Rock dust light star
Funk disco pop. Il consueto, buon Jamiro sound. Niente di nuovo o sconvolgente, ma livello altissimo.

FUZZTONES - Preaching to the perverted
It’s only garage punk but we like it.
Ai Fuzztones puoi chiedere solo di suonare come i Fuzztones.
E loro lo fanno bene, come sempre. Energia, garage, Music Machine, fuzz, un po’ di Doors, una splendida citazione di “The end” dei Beatles in “Come to me”.
Semplice.

MADDALENA CONNI - Sto sempre in casa come Mina
Cantautrice piacentina alle prese con un sound secco, minimale in cui si mischiano pop e indie rock, reggae e soul, country blues e atmosfere 50’s e 60s’.
Interessante e personale. Da ascoltare.

ELECTRIC SIXTY NINE - Cornelius the Colonel
Eccellente terzo album della band lombarda tra Black Crowes, folate Hendrixiane, Wolfmother, psichedelia, Beatles tardo 60’s, Who, funk rock 70’s.
Bello, professionale, maturo, impeccabile.

LAST KILLERS - Violent years
Garage, guitar rock, energia, coolness, beat, blues and roll, Velvet Underground. C’è anche Brian Auger in un brano. Gran bell’album dalla Romagna profonda.

GANG - Tribe’s Reunion
Un live che celebra i 25 anni dell’esordio “Tribe’s union” (1984) , interamente riproposto con la formazione originale e con l’aggiunta di tre cover di Clash e SLF.
Passione, sincerità, onestà.

RAY DAVIES - See my friends
Ha fatto dei brani troppo belli e buona parte sono qua (“Till the end” con Alex Chilton è splendida) ma perchè brutalizzarli con Bon Jovi, Springsteen o i Metallica (“You really got me”) ??

ASCOLTATO ANCHE:
LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA (salutato da tanti come capolavoro, continuo a ritenerlo poco interessante, pesante e noioso, per quanto Vasco Brondi sia una persona lucidissima e notevole), CUT IN THE HILL GANG (Rifanno oscuri brani blues e soul, con il piglio dei Black Keys e un taglio grintoso, garage e primitivo), TV BUDDHAS (proto punk dalle parti di Richard Hell e primi Ramones. Strasentito)PARTING GIFTS (gente da Oblivians, Ettes e Black Keys tra garage punk, beat, surf. Divertente), BRIAN ENO (Brian Eno è un genio ma ‘sto disco è palloso all’ennesima potenza), MANGES (100% Ramones and roll), WOODEN WAND (lennoniano acustico con un bel retro gusto 60’s), MONSTER MAGNET (Stoner, Stooges, Hawkwind. La consueta ruvida e rozza classe), MADAME LINGERIE (dalle parti di Interpol, Editors, Teatro degli Orrori, Baustelle), ELIZABETH (pop italiano con riferimenti diretti a Oasis, Who e Brit pop. Piacevole), BODYNTIME (guitar rock tra sapori stoner e occhiate ai Pearl Jam), TRIGGERFINGER (buon hard psych stoner rock dal Belgio), STEREOLAB (solita zuppa space lounge pop), VENUA (pop complesso tra 60’s e 90’s , molto interessante. Presente i Lombroso ?), MAMBASSA (veterani dell’indie pop italiano. Un ottimo ritorno tra canzone d’autore, Smiths, pop. Bello), NOBUNNY (sgangherato popsurfgaragebeat...mah, hanno un po’ stufato queste cose qua), ANACONDAS (ottimo surf beat con varie influenze, vicini ai Men From Spectre)




LETTO


J.S.Hirsch - Hurricane - Il miracoloso viaggio di Rubin Carter
L’incredibile storia del pugile Rubin Carter (immortalato da Dylan nell’epica “Hurricane”), anni di ingiusta e dura galera per un omicidio mai commesso, condannato per ragioni razziali e “burocratiche”, la riabilitazione, l’alcool, la vittoria finale.
Senza compromessi.
Libro lungo e a tratti difficile, ma concreto, spietato, denso, vero.

JIm Carroll - Jim entra nel campo di basket
Il tragico, drammatico, ma anche lieve e spesso divertente, “viaggio” di Jim Carroll (quello dell’ottimo album “Catholic boy” ) dai campi di basket all’eroina.
Lode all’abilità dell’autore di trascinarci nella lenta, quasi impercettibile, discesa nell’inferno. Grande libro.

Angelo Politi - Una vita da gadano
Il proseguio di “Son tre giorni...” (http://tonyface.blogspot.com/2010/10/angelo-politi-son-tre-giorni-che-la-mia.html).
Angelo Politi affina la sua verve da gadano con un nuovo libro ancora una volta allo stesso tempo divertente, profondo, sbruffone, policamente scorrettisismo, gradevolissimo da leggere.
E poi c’è perfino una parte intitolata Tony Face...come posso non parlarne bene ?
http://snaporazblast.wordpress.com/

La voce di Stratos
Libro con vari contributi ma soprattutto DVD/film di L.D'Onofrio e M.Affattato con l'intera storia di DEMETRIO STRATOS con immagini e brani inediti. Emozionante e splendido.

VISTO

“Shrek 4”
Il primo rimane inarrivabile, ma rimane un must e il 4 è sempre piacevole.
“Dracula di BramStoker”
Ultra gotico, epico, simbolistico, grandguignolesco ma tremendamente efficace.
E fa spesso veramente paura.
“Taxi Driver” e “Il cacciatore”
Da vedere e rivedere una volta l’anno. Mitici.




COSE & SUONI

Sul sito www.pepperland.it aggiornamenti costanti (by me) dal mondo Beatles
E a fine mese un riassunto del mio meglio su www.piacenzasera.it




CANZONI
Jamiroquai - Rock dust light star
Asa - Ok ok
Beady Eye - Bring the light
Baker Brothers - Once I had a friend

CALCIO e SPORT
Niente di interessante dalla scena calcistica. Mediocrità generalizzata.
Balbettano Cagliari (Donadoni ? mah..) e Piacenza.
Bene il Piacenza Basket.



IN CANTIERE

giovedì 2 dicembre: Bellrays al Bloom di Mezzago (MI)
sabato 4 dicembre: Fidenza “La Vecchia Talpa” . Presentazione “Mod..” di Luca Frazzi. Mod-ero io.
mercoledì 8 dicembre - To Beat Parej a Torino. NoStrange+Sick Rose + Tony Face Dj set e jam session con Lilith
sabato 11 dicembre : Lilith & the Sinnersaints a Bologna all'Estragon al “Joe Strummer Tribute” (ore 22.50)
giovedì 16 dicembre : Lilith & the Sinnersaints a Piacenza “Baciccia” (ore 22.30)

venerdì 14 gennaio: Lilith & the Sinnersaints a Milano “Cox 18” (poi a Cremona, Bologna, Varese, Pisa)

25 commenti:

  1. Alberto Galletti29 novembre 2010 10:35

    Tremendissima davvero la storia di R. Carter, mi ci appassionai tantissimo negli '80s ascoltando la canzone di Dylan (la mia preferita tra l'altro).

    Ho dedicato un ascolto in stile GSH ai The June nel w/e, ti ringrazio ancora per averli segnalati, il disco è una bomba! Una cosa però, quando suonano dal vivo avrebbero bisogno di qualcosa in più a mio avviso in quanto suonando in tre manca uno strumento, e pezzi come Green fields and rain e I'm looking out ovviamente non rendono, peccato perchè secondo me avrebero un impatto enorme.
    E grandi STP ma li voglio ascoltare ancora, però che bel cd davvero.

    RispondiElimina
  2. Ieri mentre sistemavo i canali di quella m.... di digitale terrestre da mia madre, sono rimasto colpito da una voce a me sconosciuta.
    Bella, femminile, soul, italiana, italiana che cantava soul in italiano.
    Dopo beve ricerca scopro trattasi di Nina Zilli, cantante piacentina all'album di esordio.
    Questa sera scaric... pardon, mi fermo a comprare l'album.
    Qualcuno di voi sà darmi buone motivazioni per fermarmi o viceversa proseguire?

    ciao a tutti.

    Ps: Flavio, quegli stronzi della caldaia hanno telefonato stamattina che non potevano vernire... vengono venerdì...

    RispondiElimina
  3. Con Nina Zilli ci ho suonato per un po'.
    Appena sono andato via è giustamente diventata famosa.
    L'album è leggerino ma merita, lei è brava.

    I June hanno di solito un tastierista anche dl vivo.

    Visto che siamo già a tre commenti pertinenti:
    DIGITALE TERRESTRE: non vedo più nulla !!
    LA7 , Mtv, Iris, spariti !!!!

    RispondiElimina
  4. il meglio di Novembre: Wikileaks

    p.s: album di Nina Zilli è godibile

    RispondiElimina
  5. dai davide, il digitale terrestre ci ha permesso di vedere ieri sera "shine a light" degli stones su un fantomatico canale "rai 5" che manco sapevo esistesse. anchio ho problemi di sintonia con mio minitv da 5 pollici (l'unico vezzo di tv in mio possesso al momento, escludendo quello della famigghia). ho perso la7 con il suo tg delle 20 che è almeno guardabile senza vomitare sopra allo schermo.

    tornando agli stones versione scorsese, bello! sorprendenti positivamente anche certe versioni di vecchi brani. avevo preso l'album (audio) ma il film non l'avevo ancora visto. commovente il pezzo di muddy waters suonato col discepolo buddy guy (se non sbaglio questanno 74enne)

    poi stanotte sono andato a wigan a vedermi il film "soul boy", storiella molto molto leggerina su un background northern soul ambientato nel 1974 tra stoke ot ed il wigan casino appunto.

    dicevano che soul boy sta alla scena northern come quadrophenia a quella mod. dissento su questo giudizio, benchè quadrophenia fosse pieno di difetti, errori logistici/storici, e luoghi comuni, e la base stessa del film discutibilissima, aveva molta più sostanza di soul boy. bello però me lo riguardo magari stasera :)

    RispondiElimina
  6. tony pure con la zilli pre-fama hai suonato?
    dopo brando hai mollato la zilli..masochista!

    davide: il tuo messaggio a flavio e' gia' leggenda!!hahah!!

    proporrei cambiamento del nome: tonyface"cazzipropri"blogspot

    mi unisco alla crociata contro il digitale: a me perde la sintonia una volta al giorno ormai (se non di piu'), quindi reimpostare da capo..e persi raisatextra ecc comparse una serie di reti inutili..
    ma da chi/che cazzo dipende??
    perche' quella triglia bollitra di gasparri non ce lo dice?

    C

    RispondiElimina
  7. bello shine a light!

    flavio: dicci poi della cladaia

    RispondiElimina
  8. Wikileaks: Berlusconi inetto, puttaniere, incapace, inaffidabile.
    Embè ? E le rivelazioni quali sono ?

    Con la Zilli suonai quando in Chiara e gli Scuri.
    Poco tempo, tra ska, calypso, beat, un po' di soul, pop.

    Io mi sono perso Rai Storia il canale su cui passavo più tempo.

    RispondiElimina
  9. davide ho chiesto a quelli della caldaia di mandare conferma scritta qui sul blog di tony della nuova data.

    ciao f

    ps: il cagotto mi è passato

    RispondiElimina
  10. devo ricordarmi di: pagare l'enel, prenotare tagliando x la macchina e cambiare le gomme
    c

    RispondiElimina
  11. WIKILEAKS ha detto solo delle ovvietà,temo proprio che si risolverà in una balla di fumo.

    RispondiElimina
  12. da quel (poco) che ho sentito e letto finora la cosa puo "scioccante" è la rozzezza e povertà di linguaggio, sia in senso stretto di parole usate che più largo di contenuti, di questi alti diplomatici americani che purtroppo bene o male contribuiscono a tirare i fili del nostro futuro. siamo a livello di bar sport.

    RispondiElimina
  13. Grazie Tony delle info, confesso che fino a ieri non ne avevo sentito parlare della ragazza.

    Grazie Cristiano per il commento... ma devi cambiare le gomme della macchina per via di quella legge del c.... (a proposito ma è poi veramente passata?) che prevede che in lombardia nei mesi invernali dobbimo avere gomme da neve o catene a bordo?

    RispondiElimina
  14. Sul digitale terrestre
    (tecnologia obsoleta da terzo mondo)
    le cose positive sono:

    Rai Movie (film 24 h. alcuni notevoli)
    Rai Storia (doqumentari 24h.)
    Rai 4 (da mettere al posto di rete 4)
    Rai 5 (idem come sopra - ogni tanto si vede Philippe Daverio).

    Le catene sono per ora obbligatorie solo nelle provv. di Sondrio, di Varese e di Como (e lì ne hanno ben donde).

    Sono contentissimo che al Cpt. sia passato il cagotto.

    RispondiElimina
  15. Concordo con le impressioni espresse sui JUNE

    Green Fields and Rain è davvero un salto nell'Inghilterra later 60's, è un album suonato bene e cantato di più, potente e raffinato insieme, semplice, maturo. Ricco di suoni, di dettagli. Originali con un'anima british.

    Mi piace un casino, grazie a Tony per il suggerimento.

    Ma siamo sicuri che sono emiliani e non di Liverpool?! Ah ha ha

    RispondiElimina
  16. Davide, le cambio ormai di abitudine, quella legge e' una cassata e prima dell'intervento di Tarkus pensavo fosse solo una voce (in the darkness). le catene non so manco cosa siano, ricordo solo che mio padre quando "tentava" di metterle sulla 128 (vedre pisello)cristonava abbondantemente.

    Il cagotto toglie serenita' ed inficia alcune operazioni.
    Mi rincuora pensare che il Capt ne sia uscito.

    Cristiano

    RispondiElimina
  17. C'e' relazione tra la puntata "dal Cassani" del post precedente ed il cagotto del Capitano?
    C

    RispondiElimina
  18. qualcuno ci spiega perche' il digitale fa cosi cagare? c'e relazione fra il digitale ed il cagotto?

    RispondiElimina
  19. si è vero l'album di vasco brondi è un po' palloso e i testi hanno perso qualcosina, resta comunque una artista rispettabilissimo con ancora tante cose da dire

    RispondiElimina
  20. E' rispettabilissimo, soprattutto quando leggo le sue interviste, ma la musica la trovo insopportabile.
    Ancora meno tollerabile è l'aura di "nuovo De Andrè" (??) che gl iè stata cucita da vari kritici italici.

    RispondiElimina
  21. è risaputo e confermato (anche da fonti non certo "d'opposizione" alla cricca berlusconi/gasparri e catarri vari***) che il digitale terrestre è una tecnologia obsoleta. lo era già quando fu pomposamente annunciata dal sopracitato ministro anni fa.

    il digitale terreste è stato imposto al popolino della RIDB (rep-it-delle-banane) perchè il produttore dei decoders, o dei diritti sul tale tecnologia in italia, era legato commercialmente a silvio berlusconi. non solo. la RIDB ha pagato una barcata di soldi (e chissà in quale isoletta sono andati) per gli "incentivi" all'acquisto dello stesso decoder. cioè il decoder ha valore commerciale diciamo 50 eur, noi lo compriamo a 30 "hurrà! grazie governo! cazzo che culo che abbiamo" i 20 eur però ce li mette lo stato per noi e vanno... chessò ipotizzo... 10 al produttore e 10 al possessore dei diritti. quindi pagando lo stato ce lo paghiamo ancora noi.

    peccato che: il decoder vale in realtà commercialmente 20 Eur xchè tecnologia sorpassata (e tutta la struttura per far funzionare le trasmissione) quindi inculati doppiamente.

    ***ricordo aver sentito trasmissioni tecniche CRITICISSIME dalla radio della confindustria!

    RispondiElimina
  22. A proposito delle "Luci della centrale elettrica" ho scovato questo bellissimo inedito che sono sicuro vi piacerà. Pensatelo con sotto la solita schitarrata MI- DO SOL RE (o simile).

    Titolo: "I problemi di tua madre con i farmaci"

    E ricordo cara Adele le tue gonne anni '70
    con i fiori e gli stivali scamosciati
    mentre camminavamo mano nella mano
    sul lungomare apatico di Viserbella
    e i piloni della luce mi sembravano soldati muti
    che si curvavano ossequiosi al nostro passaggio

    e tua madre ormai schiava dell'insulina
    e tua madre ormai schiava dell'insulina

    poi vedevo le commesse di via Indipendenza
    affrettarsi verso casa con la speranza
    di un orgasmo finalmente soddisfacente
    e che il fumo ti uccide e che il fumo ti uccide
    non c'era scritto sui pacchetti di mio padre

    le pale degli impianti eolici mi salutano
    quando percorro quelle strade di campagna
    lastricate di disperazione e solitudine
    e ripenso al nostro amore morto in una soffitta
    e allora decido che è davvero arrivato il momento
    anche per me di comprare un impianto fotovoltaico

    e tua madre ormai schiava dell'insulina
    e tua madre ormai schiava dell'insulina

    e lo spread con il bund tedesco
    ha superato ormai i 200 punti base
    ma assicuratori e bancari non esistono nella realtà
    assicuratori e bancari non esistono nella realtà
    e sono solo il frutto di sogni lisergici
    che ci disturbano fino all'alba

    e tua madre ormai schiava dell'insulina
    e tua madre ormai schiava dell'insulina

    (ad libitum a sfumare)

    Alan ;-)

    RispondiElimina
  23. boh..mi sembra la solita deprimente lagna tagliavene

    RispondiElimina
  24. In effetti voleva essere una presa in giro dei testi del Brondi che trovo anch'io piuttosto lagnosi e soprattutto scritti un po' a cazzo (lo spread con il bund è un semplice copia/incolla dal sito di Repubblica:-) ). Però mi fa piacere che qualcuno, anche solo per una frazione di secondo, l'abbia trovato plausibile, magari mi propongo come nuovo autore delle canzoni delle Luci ;-)

    RispondiElimina
  25. Intanto ciao a tutti da alex di empoli.poi passo ai complimenti per il bel libro uscito quest anno(non c è paragone secondo me con il primo che gai scritto)e per la carriera artistica,ho apprezzato anche il cd acquistato direttamente da tiziano di area pirata.Volevo alcune informazioni riguardo i 2 libri di modchronicles:sono stati tradotti in italiano?e se si, sono usciti già nelle librerie?é veramente
    bello venire su questo blog,sentir parlare di modernismo,politica e altri argomenti:continua cosi,quando torni a mettere i dischi in zona passo a conoscerti.ciao

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails