mercoledì, novembre 17, 2010

Fred Perry







Nelle foto Paul Weller, Oasis, Damon Albarn e il Boss del Blog.

Nata da un’idea imprenditoriale dell’ex campione di tennis (e ping pong, fu Campione del Mondo) FRED PERRY, che creò negli anni 30 l’omonima linea di abbigliamento ed ebbe, ed ha, nelle T-Shirts il capo più conosciuto.

Alla fine degli anni 50, prodotta in diversi colori (grazie anche ad un’idea, accolta, dei tifosi del West Ham che chiesero che ne fosse prodotta una serie con i colori sociali), divenne un capo essenziale dei primi MODS, che fecero diventare, per la prima volta, l’abbigliamento sportivo parte integrante del look giovanile.
Elegante, smart e cool, facile da lavare e adattabile anche ad un’estetica più ricercata.

Alla fine dei 60’s e all’inizio dei 70’s divenne essenziale nel look degli Skinheads, Suedeheads e Rude Boys, fu popolare nel giro Northern Soul e restò radicata pure all’interno della neonata scena Punk (la ritroviamo indossata da Sham 69, Buzzcocks, Shane Mc Gowan dei Pogues e naturalmente Jam).
Il Mod revival, il film “Quadrophenia” , la scena new ska Two Tone riportano in modo massiccio l’uso della Fred Perry nella sottocultura giovanile.

Ma dai mid80’s il gusto della scena giovanile vira verso la cultura Casual e successivamente in quella Acid e parallelamente hip hop, dove il fascino dello stile Fred Perry non attecchisce.

Sarà il giro Brit Pop (Blur, oasis, Ocean Colour Scene) a riportare sulle copertine delle riviste musicale e dei dischi il caratteristico alloro che dopo 50 anni ancora non ha smesso di essere uno dei massimi della coolness e della identità di strada.

Avevamo parlato dei Dr.Martens qua
http://tonyface.blogspot.com/2010/04/50-anni-di-dr-martens.html


53 commenti:

  1. Alberto Galletti17 novembre 2010 08:48

    Quintessentialy british!!

    Riallacciandomi a un tuo intervento di ieri, ricordo di avere una foto del grande Paul Van Himst (che fu anche in "Fuga per la vittoria")in divisa dell'Anderlecht fine '60 (di cui fu una bandiera) Fred Perry bianca,con corona d'alloro color malva e i bottoncini: fichissimo!

    Absolutely smart!

    RispondiElimina
  2. Bobby Moore neo campione del Mondo (furto ai crucchi) del 1966 girava spesso in Fred Perry, capo comunque usato spesso dai calciatori inglesi

    RispondiElimina
  3. http://24.media.tumblr.com/fFsbqlx6uh0gmsleGRSBHGKZo1_500.jpg

    RispondiElimina
  4. Il più feego è l'ultimo in basso!

    RispondiElimina
  5. Alberto Galletti17 novembre 2010 12:04

    Ehm...Tony,si tratta di polo shirts (anticamente erano tennis shirts ma l'appellativo è in disuso da tempo oramai)le T-shirts sono un altra cosa.

    L'Anderlecht usava polo Fred Perry per giocare.

    Grande Bobby Moore! Ho una "famosa" canzone Bobby Moore was innocent dei Serious Drinking (un nome un programma!)riferita al famoso arresto di Bogotà per furto in una gioielleria,ha ha che mito! Secondo me era più furto della finale del '66, dove dopo il gol-non gol del 3-2, ne fu realizzato un altro: 4-2 risultato finale.

    Siam sicuri che quello lì è D.Albarn? Mi sembra quasi John Terry, confermo: il più feego è l'ultimo in basso!

    RispondiElimina
  6. Ecco un altro componente della banda del Segno Rosso : "si tratta di polo shirts le T-shirts sono un altra cosa".

    Non è ancora arrivato l'altro Boss della banda a vedere se manca un accento o un'acca ??

    Che gente ! Che gente ! Teppisti da strada, ecco cosa siete !

    RispondiElimina
  7. Alberto e Cristiano, sempre voi 2!
    (secondo me hanno anche le tasche piene di raudi e pirat)

    RispondiElimina
  8. ho quella verde indossata dall'inseminatore di giovinette, la prima ed ultima fred perry "limited edition" che acquisterò... te la vendono (a caro prezzo) come limitata a 1000 pezzi nel mondo, salvo poi dopo che è andata sold out ripetere l'operazione più volte. comunque devo dire che è molto curata e fatta bene.

    ho avuto anche una fred perry limited edition dei prisoners ma giuro al momento non mi ricordo che fine ha fatto, forse non l'ho mai indossata perchè allora troppo larga (adesso mi andrebbe bene..)

    giusta l'osservazione di galletti, è una polo.
    un'altra "debacle cremonini", questa poi esteticamente gravissima, da mettere nell'elenco

    RispondiElimina
  9. Alberto Galletti17 novembre 2010 14:40

    Gravissima altrochè.
    Cavoli, dopo cotanta disquisizione mi cadi su una buccia di banana simile...altro che segno rosso,con due sottolineature!! ha ha..
    Confermo la mia estrazione dal puro e semplice teppismo da strada, in tasca comunque ho solo la biro rossa ha ha ha...
    Per ora sono solo ma attendo conferma dal mio sub-Boss-della-banda il grande Popivoda; ringrazio il Captain per l'appoggio e lo invito ad unirsi a noi. Potremo così creare l'inappellabile giuria dell'ambitissimo "Premio Debacle Cremonini" (che per me ha già un vincitore ad un mese e mezzo dalla chiusura delle ostilità).In palio una biro rossa!

    RispondiElimina
  10. Quindi il Capitano possiede la Fred Perry verde lega? Io a questo punto mi sentirei di consigliargli anche un bel borsello:
    http://gossip.whyfame.com/paul-weller-weds-27-years-younger-hannah-andrews-7295
    o la nuova mini coi colori del Palermo:
    http://www.rpmgo.com/special-mini-cooper-by-paul-weller-on-auction-for-charity
    Cercasi stile disperatamente!

    RispondiElimina
  11. Alberto Galletti17 novembre 2010 15:06

    'azz! Terribile davvero.

    RispondiElimina
  12. A proposito della mini del Palermo Weller ha dichiarato:
    “I’ve always loved and driven MINIs so when I was given the opportunity to design a bespoke Mini Cooper I wanted to create something that reflected the mood and colours associated with the Mod era, which was also the classic Mini’s hey day. I’d already expressed these colours in a shirt I designed for Ben Sherman a few years ago, so it made sense to me to continue the theme using a MINI Cooper as a palate.”

    cosa aveva bevuto ?

    RispondiElimina
  13. Alberto Galletti17 novembre 2010 15:13

    Ho letto!
    He's a shocker!

    Not to mention la sua vita sentimentale

    RispondiElimina
  14. uomini col borsello....aaarghh!!

    tony, peccato non trovare neanche un'acca o accento a sto giro.
    ma col prode Galletti e col "Debacler" capt Stax non ti molliamo.
    Intanto Galletti ha gia previsto il vincitore del premio "Debacle Cremonini" per il 2010 (indovina chi e').

    Biro Rossa Non Perdona
    L'estrazione STREET la nostra cultura
    raudi e miccette

    (a nessuno viene in mente che OGGi le fred perry se le mette anche il mio macellaio, suo nonno, suo nipote piciu e "middle-men" assortiti??
    che dite?
    Piu' aumenta la richiesta/moda, piu' si alzano i prezzi..
    e noi coglioni ma comprare..

    Cristiano
    (Biro Rossa Crew)

    RispondiElimina
  15. Alberto Galletti17 novembre 2010 15:50

    Uff..bentornato,cominciavo a pensare di esser stato abbandonato...

    Bah, io l'ultima Fred Perry l'ho pagata ancora in lire me le metto ancora e affanbagno il macellaio e tutti gli altri. Il vero problema è che ci rovinano la reputazione,per il resto, si sa, la qualità si paga!

    raudi e miccette
    W la biro rossa

    RispondiElimina
  16. Alberto Galletti17 novembre 2010 15:58

    Comunque a proposito di teppa autentica, i quattro ceffi della foto sopra a quella del boss capitanati dal tizio in the foreground, mi sembrano davvero di alto livello!

    RispondiElimina
  17. eeehh ma Tony e' un volpone e ci fa gli scherzetti..Ai Quattro Fighi della foto manca UN batterista..ed e' x cio che sotto ce n'e' uno EGREGIAMENTE all'altezza!!
    ubi major

    Biro Rossa "C"

    RispondiElimina
  18. ...ah, per quello senz'altro, tra l'altro si è messo in T-SHIRT Fred Perry,così è a posto. Ma è troppo signore per mischiarsi coi ceffi e non intendevo musicalmente, ah il nostro "biscotto Gallagher"!

    RispondiElimina
  19. Ma uno come me che si veste all'OVS può essere un Mods o è un po' tagliato fuori fin dall'inizio ;-)

    RispondiElimina
  20. io vesto OVS senza problemi
    C

    RispondiElimina
  21. Ecco lo sapevo, emarginato anche da voi. "Morrò pecora nera" :-)

    RispondiElimina
  22. Alberto Galletti17 novembre 2010 17:32

    Ascolta, non ti allarmare: secondo indiscrezioni trapelate proprio qui, il boss-TonyFace, stà lanciando una nuova linea (economicissima) di
    T-SHIRT FRED PERRY a prezzi assolutamente concorrenziali il che ti permetterà di acquisire la dotazione minima.

    RispondiElimina
  23. Anche se non sono un saxofonista mi sento di spezzare un'ancia a favore di Tony: esistono le T-Shirt della Fred Perry, io ne posseggo due. Costano cmq un'esagerazione, poco meno delle polo.

    RispondiElimina
  24. io dovrei essere poco sopra la trentina di capi, tra polo maglioni cardigan pantaloni t-shirt (ebbene sì) scarpe, senza contare la tracolla per l'università e il portafoglio... con mio fratello si pensava di tirar su una serata e farci sponsorizzare dal signor john frederick perry. in persona.
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  25. Alberto Galletti17 novembre 2010 18:17

    Son le slim-fit girocollo? ne ho un paio anch'io, ma il tessuto è lo stesso delle polo, solo non hanno il colletto.

    Devo confessare però che negli ultimi anni (polo a parte) preferisco di gran lunga Ben Sherman.

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  27. Vista indossata al gagliardo Roger Moore nella serie televisiva "The Saint", non ricordo il colore...era in b/n ah ha ha

    per restare in tema, si fa per dire, il capo più cool per me è il giubotto Harrington Baracuta, costa una fucilata ma indossato è... this is England

    RispondiElimina
  28. Innanzitutto il mio prodromico appoggio a Tony per la 'questione Cremonini'.
    Cremonini è dei nostri.
    Punto.
    Riguardo le FP vi svelo un piccolo aneddoto: il Capitano sembra che abbia 400 FP in realtà ne ha solo 4.
    Come fà?
    Sua madre è l'unica al mondo che riesce a mettere in lavatrice una FP, ad esempio, verde con strisce sul collo e stemma rossi, e la stessa esce (perfetta) gialla con striscie e stemma blu.
    In pratica il Capitano ha una FP nuova ad ogni lavaggio.
    Come faccia sua madre, non si è mai capito.

    RispondiElimina
  29. Ah beh, certo. Paul Weller porta il bucato a lavare dalla mamma. me lo vedo proprio :)

    RispondiElimina
  30. confermo le mie fred perry camaleontiche. quella beige/bordi blu mutata in giallo banana/bordi verde campo irlandese è ormai una leggenda metropolitana. alla fine il tessuto era così fine che è diventata come le magliette a rete dei marinai dello skydiver di ufiana memoria....

    RispondiElimina
  31. per restare in tema lavaggi sbagliati su marchi mod, la più grossa delusione è stata una polo lambretta, assemblata a grossi rombi neri/marroncini/beige tipo arlecchino (più brutto a leggerlo che a vederla, era anche elegante a modo suo) acquistata non a poco, che al primo lavaggio si è scolorita a chiazze diventando come un arlecchino leopardato... e quindi buttata via indossata 2 volte porca troia! ho ricomprato lo stesso modello in seguito, ma fred perry.

    RispondiElimina
  32. Alberto Galletti18 novembre 2010 11:18

    diffidare delle imitazioni....

    RispondiElimina
  33. Famosi erano ivestiti presi a Carnaby negli 80's dal "cinese" , ovvero l'embrione di quello che diventerà Merc.
    Un misto di Terital e Rayon che ti faceva sudare solo a guardarlo.
    Dopo una camicia e un paio di calzoni ho smesso.
    La camicia resiste ancora come allora però. stessi colori, stesso odore, stessa consistenza.

    RispondiElimina
  34. Alberto Galletti18 novembre 2010 11:45

    Quando ci andai io ('90) lì c'erano i Paki che vendevano robaccia di pelle finta t-shirtacce varie, ci son tornato 'sta primavera e ho visitato (con piacere stavolta) il negozio Merc.

    Che fine hanno fatto "Lino & i Mistoterital" ?

    RispondiElimina
  35. a me "la cinesa" ha tentato di fare il pacco su un paio di sta-prest..mi sono incazzato di brutto..ma proprio di brutto
    C

    RispondiElimina
  36. il cinese, la cinesa, merc su carnaby, l'altro in Canton Street.
    c'e' da far chiarezza!!!!!!!!!
    spiegate,signori

    RispondiElimina
  37. In una sordida trasversale di Carnaby Street c'era un sordido negozietto chiamato "Merc" in cui un signore di evidenti origini orientali, accompagnato dalla sua signora, permetteva di trovare cose eccellenti per noi giovani mods (fu lui a buttarmi in mano il primo dei Prisoners, che comprai riluttante per scoprire poi uno dei miei album preferiti di sempre) e rifilava allo stesso modo pacchi colossali (soprattutto in fatto di abbigliamento).

    RispondiElimina
  38. Alberto Galletti18 novembre 2010 15:40

    devo aver frainteso...

    L'unico negozio che riesco a ricordare in una trasversale di Carnaby St. è The Face (ma guarda..)

    RispondiElimina
  39. erano due i negozi, uno di fronte all'altro, nella sordida vietta laterale, corta e chiusa, di carnaby st. non mi vengono i nomi adesso ma sono (erano?) famosi nel giro. le mie fred perry camaleontiche arrivano proprio da lì... probabilmente tarocche cinesi antelitteram...

    RispondiElimina
  40. In compenso Carnaby Street è diventata una merda. Sparita la scritta "welcomes the world" sostituita da una sintetica "welcome to Carnaby Street". Sparite le piatrelline colorate. Spariti i negozi alternativi e le bancarelle per far posto a eleganti negozi di griffe (Prada, D&G...). L'unico negozio Mod è una boutique costosissima (Merc) dove una t-shirt con target costa più di 50 sterline e con lo spirito del mod-ism non c'entra più nulla; infatti ci vanno i figli di papà modaioli col portafoglio pieno. Effetti della globalizzazione?

    RispondiElimina
  41. Il negozio che dite voi forse è quello che per primo (inizi anni ottanta) vendeva le felpe della lonsdale.

    RispondiElimina
  42. pensa che i jam (testo così-così del buon foxton) dicevano già nel 1977 che carnaby st. era una merda...

    RispondiElimina
  43. Ieri sera c'era Philippe Daverio ospite di San Toro. E' molto intelligente e assolutamente contrario a una gestione privatistica dei musei e dei siti archeologici.

    RispondiElimina
  44. ma Daverio è quello che parla come il Prof Tommaselli?
    http://www.youtube.com/watch?v=97Y1YcglV1o

    RispondiElimina
  45. il "negozietto" deI CINESI e' "SHERRY" in Canton Street (traversa microscopica senza uscita di CStreet)..e' quello dei "pacchi" che dicevamo Tony ed io, tuttora in auge .
    In Carnaby Street c'e' MERC ed un altro di fronte..carissimi.

    Gia nel 77 come dice CAPT Carnaby era una merda ed ora,come sottolinea Tarkus, ancora di piu'..
    Mi viene in mente in parallelo "Walking down King's Road" degli SQUIRE in cui si dice che anche quest'ultima "ha fatto la fine di Carnaby Street..", questo nel 78/79

    Cristiano

    RispondiElimina
  46. Ho visto san Toro..Daverio ha fatto interventi acuti e "concreti",in mezzo a tanti blabla

    nell'eloquio oltre che a Tommaselli potrebbe ricordare anche Mariannini

    C

    RispondiElimina
  47. Carnaby sarà stato pure uno schifo per noi giovani mods sbarbati arrivare là agli inizi degli 80's era come entrare in paradiso.
    E il "cinese" lo sapeva bene.....

    RispondiElimina
  48. infatti quella percezione era solo x i Londoners, x noi era proprio il paradiso, dici bene..ed il Cinese aveva il simbolo della sterlina al posto delle pupille

    C

    RispondiElimina
  49. Aveva anche il potere soprannaturale di ricordarsi di te o un incredibile dote di FINGERE di ricordarsi di te e fartelo credere.
    Tutte le volte che tornavo, dopo magari sei mesi/un anno, mi sfoderava un sorrisone e... "welcome my italian friend".
    Ci sono rimasto quando sono tornato appunto sei mesi dopo aver acquistato il primo dei Prisoners (del cui acquisto non ero tanto convinto) e mi ha chiesto "allora, avevo ragione eh sui Prisoners ?"....o lo ha rifilato a tutti e domandato a tutti...e dire che di gente ce ne passava...boh.
    Maledetti cinesi !

    RispondiElimina
  50. Non c'entra niente con le Fred Perry (solo di produzione italiana Beta SpA di Verrone BI, mi raccomando), ma devo dire che hai proprio una faccia da cinema, Tony...ricevuta mai nessuna proposta in merito? Fabio T.

    RispondiElimina
  51. Si, per una parte ne "I miserabili" e una comparsa ne "I derelitti".

    RispondiElimina
  52. ...io sono passato da Fred Perry a Burberry, finisce sempre per erry ma cambiano le righine con i quadretti...:-) le slim fit comunque vestono una meraviglia, made in London naturalmente...

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails