venerdì, aprile 16, 2010

Mod Heroes: Paul Weller e Statuto







L’uno, Weller, il primo singolo lo ha stampato nel 1977, con i Jam, gli altri, gli Statuto, nel 1986.
Ora tornano entrambi con i nuovi lavori, l’uno più bello dell’altro, sunto di maturità, classe, personalità, stile e rabbia.

PAUL WELLER in “Wake up the nation” si lascia alle spalle le smanie da “Album bianco” di ”22 dreams” e scrive uno dei suoi migliori episodi dai tempi dei Jam.
Sedici brani brevi, diretti, minimali, solo apparentemente scarni, in realtà ricchi di sapienti arrangiamenti, mai invasivi, ma determinanti nel personalizzare ogni episodio.
Se “Moonshine” e la title track aprono all’insegna del rock più sanguigno, “No tears to cry” ci porta in pieno clima Northern soul e il basso di B.Foxton riporta inevitabilmente ai Jam in “Fast car..”
Il trio “Andromeda”, “In Amstedam” , “She speaks” parla linguaggi psichedelici, mentre “Find the torch burn the plans” è un commovente inno dall’incedere mid tempo che merita di entrare tra le migliori cose scritte da Paul nei tempi.
“Aim high” è puro Curtis Mayfield, mentre in “Trees” scrive una mini opera in cinque atti di grande fascino e spessore compositivo spaziando in varie atmosfere.
Riempiono un po’ di spazio senza lasciare il segno “Grasp and still connect” e lo strumentale “Wahtever next” che riprende il tema melodico di “Find the torch”.
Il discreto singolo “7+3” introduce ad una sorta di escursione in certa disco-wave evoluta fine 70 (presente Blondie ?) e lascia spazio all’unica ballad semi acustica, l’immensa e psichedelica “Pieces of a dream”, prima del fragore finale nella tiratissima “Two fat ladies” con i Little Barrie.
Tutto bello.

Gli STATUTO invece scrivono il loro miglior album di sempre.
Eccellente sound, canzoni superbe, mature, personalità e riconoscibilità ancora più marcate , perfetta fusione di stili in un unico: quello degli Statuto.
Dalla bellissima intro tra pop e inserti reggae di “Amici (Davvero)” al primo singolo dallo stiloso incedere soul ska di “Bella come il sole” a “Controcalcio” di Ruggeri dal piglio 79 che si stempera nelle atmosfere Beatles/Oasis di “E’ già domenica”, uno dei vertici dell’album, tanto quanto la successiva, splendida rilettura di “Una città per cantare” (di e con Ron alla voce). Si parla di Subbuteo nel mod soul rock di “Un elegante gioco da salotto” mentre è puro ska “O fortuna”.
“Rabbia&stile” ci riporta agli Statuto dei primi singoli, di “Io Dio” o “Ghetto” e il titolo riassume tutto. Uno degli episodi migliori.
Irresistibile il ritornello “Canterai canterò” , tiratissima “Io salgo”, si torna dalle parti giamaicane con “Per non fare male” e Un ragazzo come me” ed è invece dalla Motown che arriva il tempo di “Pupazzo di neve” la “A town called malice” italiana, mentre chiude una versione in chiave rocksteady del classico dei Righeira “Vamos a la playa”.
Il meglio degli Statuto è tutto qua.

Di loro si è già parlato su questo blog in dettaglio:
Statuto (3 aprile 2009), Paul Weller (27 mag 08)


14 commenti:

  1. L'album di Paolino dovrebbe arrivare a breve, l'ho pre-ordinato in vinyl tempo fa... Ma l'ho sentito in streaming e la tua review e' molto precisa.

    OT, ho visto l'altro ieri Sharon Jones @ Koko, e ieri i Lucky Soul, entrambi bellissimi concerti (ambienti diversi, Koko strapieno mentre al Cargo c'e posto per 150-200 persone), entrambi per il lancio dei nuovi album. Sto mettendo i video su YouTube, ve li linko a breve!

    RispondiElimina
  2. Quell odi Paolino va ascoltato a lungo.
    Al primo ascolto sembra un po' semplicistico, invece è un lavoro complesso e molto particolare.
    Con Gil Scott Heron mio album dell'anno (difficile superarli !)
    Ma anche quell odi Sharon viaggia bene anche se è meno "sorprendente"

    RispondiElimina
  3. è uscito oggi il "nuovo" singolo degli stones "plundered my soul", in realtà uno scarto di "exile on main st" (album nella mia top 10 di tutti i tempi) che sarà incluso anche nel deluxe edition dell'album.

    l'ho sentito dal pc in parte e male, e non è malvagio (stile exile/southern rock ballad) me lo scaricherò legalmente a casa stasera (la casa discografica è stata in grado di blindare ogni fuoriuscita illegale fino a ieri, quando hanno iniziato a suonarlo alle radio :)

    però non so se questo pezzo sia uno di quelli sui quali jagger e richards ci hanno messo le mani adesso, ma, cosa assai sgradita a me, i glimmer twins hanno sovrainciso/riregistrato voce e chitarre su alcuni outtakes di exile per renderli idonei alla pubblicazione. un brano (pforse proprio questo, dovrei controllare) è stato ricantato di sana pianta (con jagger a imitare se stesso di 40 anni fa..) con testo scritto adesso, perchè esisteva solo una base strumentale.

    per me è una cagata pazzesca fare ste cose, specialmente su exile, per il valore affettivo oltre che artistico, di quell'album... boh..

    RispondiElimina
  4. "Plundered.." non è male, niente di esaltante, anche se è un evidente scarto.

    Suona in effetti molto "perfettino" per gli standards di "Exile" notoriamente suonato con una certa approssimazione (ad esempio Keith suona spesso il basso, ci sono ospiti che hanno aggiunto parti durante delle mezze jam).

    mah, era proprio necessario ?

    RispondiElimina
  5. a proposito di stones, stasera suonerò a mod radio il master di "dance little sister" (da its only rnr) prima che fosse passato al taglia/cuci/remixa del produttore. un po più lungo quindi di quello poi pubblicato. i fans degli stones noteranno differente mixaggio, un doppio middle eight, poi segato ed una coda più lunga. roba da "anorak" come dicono gli inglesi... :)

    grande ed originale suono della chitarra ritmica in quel pezzo.

    f

    RispondiElimina
  6. all'inizio l'album di Weller mi sembrava come un'incompiuta, ma poi è cresciuto ascolto dopo ascolto. non avevo dubbi, quest'uomo riesce sempre a sorprendermi.
    ciao.

    RispondiElimina
  7. io attendo in negozio..in compenso (con notevole ritardo rispetto ad alcuni di voi)ho tra le mani (cioe' in macchina) il "nuovo" OCS
    C

    RispondiElimina
  8. Che sia di primo impatto che alla "lunga" continua a non convincermi

    RispondiElimina
  9. ma parli degli OCS?

    RispondiElimina
  10. Ciao Tony,l album e'fantastico,cosi'pure il concerto tenuto alla bbc:http://www.bbc.co.uk/programmes/b00rr8bv.Lunico mio dispiacere e'non trovare piu'White alla batteria.

    RispondiElimina
  11. ma quando dovrebbe uscire l'album di paolino nostro?
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  12. io sapevo la settimana dopo pasqua invece..un casso
    C

    RispondiElimina
  13. Paolino dovrebbe essere già nei negozi. Quello degli Statuto domani

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails