venerdì, aprile 09, 2010

Addio a Malcom Mc Laren





Ormai PURTROPPO i necrologi dei NOSTRI si sprecano.

Addio anche a MALCOM MC LAREN, che se ne è andato a 64 anni per una rara forma di cancro.
Per metà imbonitore e faccendiere del pop e per metà geniale scultore di materia "rock" rimane nella storia come il sapiente "inventore" dei SEX PISTOLS, dopo il fallimento del tentativo di (ri)proporre i New York Dolls in chiave politico provocatoria con le bandiere sovietiche lle spalle e lo slogan "Better Red than Dead".

Ebbe alcune geniali intuizioni con Duck Rock nel 1983 dove mischiò (anticipando i tempi) hip hop, country, world music, folk africano e sudamericano.
In "Fans" dell'anno successivo rivisita "Carmen", "Madame Butterfly" e "Turandot"in chiave hip hop
In "Waltz Darling" dell'89 si fa affiancare da Jeff Beck, Bootsy Collins e un'orchestra sinfonica per poi esplorare house ed ethno pop.

Non male per uno che non sapeva suonare nulla.

16 commenti:

  1. fondamentale.
    rip
    c

    RispondiElimina
  2. Molto maltrattato ai tempi ma in ealtà autore di alcune cose di grande pregio (con il senno di poi), anche se un grande trafficone

    RispondiElimina
  3. Era un geniaccio,anche se alcune sue scelte (sopratutto dopo i SP) le trovavo discutibili...l'esatta trasposizione in musica del concetto di situazionismo e di assalto alla "società dello spettacolo".

    RispondiElimina
  4. Trovo ingiusto dichiarare McLaren erede in materia Pop del situazionismo. Come giustamente indica Toni, era comunque un trafficone e uno che guardava molto i soldi e i benefits.

    Sicuramente ha fatto cose brillanti, per carità. Ma spogliamolo un'attimo d'ogni carica politica e sociale sovversiva e ricordiamo che non era altro che un (efficiente) businessman.

    In ogni modo, RIP.

    A

    RispondiElimina
  5. Sono completamente d'accordo con Albertzz. Sono anche influenzato dal (per me) imperdonabile e squallido sfruttamento dei Pistols dopo che la band implose. RnR swindle e compari vari.

    Resta comunque un genio pazzo e sporcaccione :)
    RIP
    f

    RispondiElimina
  6. cash from chaos..piu' coerente di cosi!!
    C

    RispondiElimina
  7. a proposito di santificazioni e tali geni (anzi geni tali).... ma sono l'unico a considerare veramente, ma veramente poco, gli squallor, che ormai (visti l'altra sera da chiambretti) vengono messi sull'altare della genialità? bah...

    RispondiElimina
  8. corsi e ricorsi,Capt..direi il rigurgito dei "20 years ago" o giu di li. guarda quanti minchia "anni 80" han riesumato attribuendo loro chissa quali ispirazioni attuali..bah
    C

    RispondiElimina
  9. gli Squallor sono sempre stati degni del loro nome e a me personalmente non hanno mai fatto ridere.
    Anzi li ho sempre odiati profondamente (soprattutto quando tutti ti rispondevano ad un tuo "ciao" , "comprati Arrapaho".
    Che ppalle !

    RispondiElimina
  10. ps: ho ascoltato Eli Paperboy Reed. Molt ointeressante anche se un po' troppo "misto" come influenze e un po' "deviante" verso il pop, ma comunque bello.

    RispondiElimina
  11. inzomma meglio il vecchio Whoopee-Cushion messo a tradimento !
    (e pierpaolo? e Berta vieni giu che ho un toro nelle mutande?..pero' ne sappiamo eh)
    C

    RispondiElimina
  12. Malcom Mc Laren fece parte dell'Internazionale Situazionista negli anni 60,da quanto risulta ne trasse spunto(specie per quanto riguarda il concetto di società spettacolare)anche nel lancio mediatico dei Sex Pistols...tutto ciò non ha niente a che fare con presunti slanci rivoluzionari o eversivi,la connessione non va letta in questi termini secondo me,ma esiste eccome.

    RispondiElimina
  13. Io comunque quando l'ho saputo ci sono rimasto di merda, era a suo modo un genio, il lancio mediatico dei Sex Pistols era tutta opera sua, poi ha fatto cose interessanti anche dopo.
    Che poi pensasse solo ai soldi... All you need is cash!

    RispondiElimina
  14. Per conto mio la sua grandezza stava proprio nel fatto che pensava ai soldi e LO DICEVA apertamente e senza paraventi ideologici o pseudo-culturali,CASH FROM CHAOS è esattamente la rilettura in chiave post-politica di Debord e Vaneghiem:lo scandalo della verità senza preconcetti morali o falsamente ipocriti.
    Probabilmente non era neanche vero,ma il fatto stesso di elevarlo a VALORE era una provocazione assoluta,che ha reso grande il primissimo punk del 77.
    Io credo addirittura che "The great r'n'r swindle" come film sia a suo modo un capolavoro di non-sense e di anarchia nel senso puro del termine...al contrario invece altri film musicali del periodo li ho trovati noiosi e scontati,perchè non dicevano niente di più di quanto si poteva ascoltare su disco.
    Oggigiorno poi nel mondo dei video-clip aleggia una mediocrità spaventosa,alle pochissime idee musicali fanno eco ancor meno idee visive.

    RispondiElimina
  15. Ciao Ursus!

    "Malcom Mc Laren fece parte dell'Internazionale Situazionista negli anni 60"

    ... Si, questo è quello che McLaren diceva. Ma uno sguardo attento ci indica due cose:

    1) L'IS non arriva mai ad attecchire fino in fondo in Inghilterra, dove invece esploderà King Mob che si considera una scissione dell'IS in quanto quest'ultima troppo legata ai valori della borghesità.

    2) Per un breve McLaren gira con alcuni membri di King Mob, in effetti, partecipando a qualche atto di vandalismo; ma non sarà mai accettato come uno di loro. Nella sua radicalizzazione e abbandono totale della vita comoda, King Mob chiarisce poi in numerose occasioni il ruolo ricoperto da McLaren.

    Quindi potremmo parlare di un voglio-ma-non-posso (appartenere a KM), e un posteriore sfruttamento dell'ideario poeticoterroristico di KM che farà incazzare anche tanto gli ex-membri del gruppo. Ma nient'altro.


    Ciauz!

    AlbZZZ

    RispondiElimina
  16. il re dei fantocci è morto, ecchissenefotte.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails