lunedì, gennaio 28, 2013

Di cosa parliamo quando parliamo di musica: le edizioni DeLuxe



Negli anni 70 e 80 spendevo giorni (e tanti soldi) alla disperata ricerca di qualche bootleg (anche su cassetta) che mi desse l’opportunità di ascoltare qualche inedito, outtake, provino, demo di Beatles o Who.
Poter mettere le mani su un “Paperback writer” a velocità diversa con l’ 1,2,3,4 iniziale scandito da Paul, senza i cori, che emozione. Oppure uno tra le migliaia di demo che Pete Townshend preparava per gli Who.
Ricerche difficili che spesso non erano coronate da particolare successo (qualità pessima, versioni appena accennate..ricordo un bootleg di Hendrix che prometteva un “Day tripper” con la partecipazione di Lennon…in realtà una confusissima versione che avrebbe potuto suonare chiunque).

La crisi della discografia e  la consapevolezza che fanatici un po’ coglioni come il sottoscritto non mancheranno mai hanno reso il mercato dell’inedito, della bonus track, della versione rimirata, del provino, della versione in sala prove, nel 99% insignificanti, piuttosto florido.
E allora versioni DeLuxe con i contenuti suddetti, Rarities album etc etc a pioggia !!

Ho apprezzato tantissimo, da fan e da amante della musica, operazioni come l’”Anthology” dei Beatles o il recente “Quadrophenia” con i demo originali.
Opere che completano la storia dei gruppi e la rendono più interessante e definitiva.
Ma quella che è ormai diventata una prassi consolidata per OGNI GRUPPO mi porta a chiedermi se tutto questo è davvero necessario.
Se davvero gli Stones o gli Oasis, i Beatles o i Black Flag, i Sonic Youth o gli Arctic Monkeys abbiano bisogno di un simile compendio, di un’aggiunta in più o se la loro opera non sia già sufficientemente completa con quello che abitualmente decidono di realizzare.
Crogiolandomi nel dubbio mi vado a riascoltare un’affascinante versione di “Happiness is a warm gun” dei Beatles in cui per 30 secondi entra un basso tuba che non avevo mai sentito su nessun bootleg.

28 commenti:

  1. Sono consolato posso entrare nel club del fanatico un po’ coglione che ha acquistato bootleg inascoltabili negli anni '80. Perlomeno l'arrivo del cd ci ha fornito di stampe di qualità sonore superiori corredate da libretti fotografici per veri feticisti.

    RispondiElimina
  2. Io sono nel club da tempo...soprattutto negli anni 80 ho comprato cose che voi umani....poi mi sono redento ma di fronte a libretti supercolorati con foto che gaurderò una volta e demo che ascolterò al massimo due, come si fa a resistere ?

    RispondiElimina
  3. Innominabile in arrivo al terzo binario.

    RispondiElimina
  4. tuuuut tuuuuuuuuuut arriva l'innominabile

    RispondiElimina
  5. io mi crogliolo col sax di Lady Madonna e Lennon che accenna A Quick One!
    C

    RispondiElimina
  6. innominabile e catenacci RIP?

    RispondiElimina
  7. innominabile in versione deluxe?

    RispondiElimina
  8. Irriverent Escapade28 gennaio 2013 11:15

    Ah ah per pochissimo tempo(rinsavita in tempo o troppe bufale comprate) sono entrata anch'io nel clubino suddetto..
    Paradossalmente, oggi,prima di comprare una edizione Deluxe devo appurarmi che ne valga veramente la pena.O forse mi manca la "caccia", l'idea di avere per le mani quella cassettina che racchiude suoni solo per pochi.

    RispondiElimina
  9. ho commentato proprio ieri sul blog di un caro amico welleriano...non è completamente nel tema di discussione di oggi, ma è una condizione e convinzione personale che qui da tony avevo già espresso in passato

    http://musiccornershop.blogspot.it/2013/01/angryjust-thought.html

    comunque ieri ho anche scoperto, a distanza di oltre un mese dallo scaricamento, che "stoned out of my mind" sul the gift deluxe è una demo cantata in falsetto, non ci avevo fatto caso, abbastanza ridicola. il falsetto dona a jagger, ma al paolino di quei tempi....mah... fra l'altro il the gift deluxe non l'ho ancora comprato e non so se lo farò. il super deluxe della foto mancopucazzo, anche se deve essere davvero bello a vedersi ed aprirsi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. RIPORTO IL COMMENTO PER I PIU PIGRI
      I'm becoming very radical with age... once I used to buy again and again an album I liked, searching for the perfect 'audiophile' version. Then the digraceful decision I made in the mid 80s to follow the only "future of music" (CD) means I bought again all my fave albums. And again and again (how many bloody remasters re-did Costello in the last 20 years?) Now I think and I strongly believe an album should be played the way it was originally conceived and released. No cleaning, no remixes, no bonus tracks. I have the original vinyl of Revolver and still sounds good enough. All the rest is fan's exploitation.

      Elimina
  10. d'accordo anche io!
    eppoi ricordo un commento del Capt su Milanomods che in sostanza diceva "..tanto loro sanno che noi siamo coglioni e compriamo e ricompriamo e ricompriamo.."
    remember Capt?
    C

    RispondiElimina
  11. Il problema (almeno il mio) che poi tutti questi inediti li ascolto un paio di volte a dir molto e archivio. Perchè meritano non più di due ascolti.

    RispondiElimina
  12. Ma quello che conta veramente per te è AVERLO (anche se non vuoi ammetterlo)

    RispondiElimina
  13. Puoi quasi averlo sai
    e non ricordi cos'è che vuoi

    RispondiElimina
  14. Vero. L'importante è avercelo lì. Della serie: adesso ho tutto dei Beatles (o Jam, o Who o Stones o...) e sono a posto.
    Poi anche se non li ascolto ce li ho.

    RispondiElimina
  15. Io negli '80 per alcune bands ho comprato veramente tutto. Non solo album e singoli, ma anche i mix. Poi sono rinsavito. Ma continuo a comprare i cd, anche se ora va la musica liquida (definizione che chissà perchè mi fa venire in mente quando ti si rompe la lavatrice e tutta la casa si allaga...).

    Fabio T.

    RispondiElimina
  16. Premesso che anche io faccio parte del club che ha fatto incetta di bootleg prima, di mp3 dopo e di versioni Deluxe oggi (mi confermate che la successione temporale è corretta?) comunque farei una distinzione tra edizione deluxe fatta bene, curata graficamente e con materiale effettivamente inedito, ed edizione deluxe dozzinale con la solita solfa fatta solo per spillare qualche soldo giocando sui sentimenti.

    RispondiElimina
  17. Io non ce l'ho mai avuta questa roba qui dei bootleg e delle versioni extra. I bootleg si sono sempre mediamente sentiti da schifo, le versioni con un brano in più o peggio versioni remix non mi sono mai piaciute le canzoni belle sono sul disco al limite qual che sporadica versione su live ufficiali. Mi sono sentito sempre un po sfigato, ma non ho mai dubitato delle mie convinzioni, con pochissimi soldi a disposizione ho sempre comprato un altro disco, mai una diversa versione di qualcosa che avevo già, per quale motivo, poi?

    RispondiElimina
  18. ma ditemi voi... tra le tante idiozie che ho comprato nella vita precedente cè questa
    http://www.amazon.co.uk/45-rpm-The-Singles-1977-1979/dp/B00005AYG1
    e ovviamente questa
    http://www.amazon.co.uk/45-rpm-The-Singles-1980-1982/dp/B00005BADU

    ma che senso ha comprare dei surrogati cd di singoli che hai già (vinili originali e presi all'epoca di uscita) e che comunque hai già anche in "digitale", tra le edizioni in cd degli albums e le raccolte?

    è ridicolo vedere quelli che erano 7 pollici in versione 5 pollici. è totalmente senza senso, eppure li comprai, e non li ho mai sentiti.
    non so neanche se possano avere un valore commerciale aumentato, non credo. valore affettivo 0

    RispondiElimina
  19. lol è vero,..io ho un bootleg dei Dead Kennedys francamente inascoltabile,..è tutta una cosa di feticismo,...però proprio oggi mi riascoltavo 'rarities' di quando ero nel forum/gruppo del fanclub dei KNACK,..e damn c'erano alcune cose fantastiche,..tipo una great versione di 'Not fade away' live al L.A. forum 1980,...e anche una versione acustica su una radio di ' the Kids are alright',gean band the Knack, idem i 20/20.....ricordo poi uno stupendo live acustico sulla rai dei Soul asylum,..avevo la cassetta,..è andata a puttane, purtroppo

    RispondiElimina
  20. p.s. e comunque Day Tripper della Jimi Hendrix Experience con Lennon è in realtà la versione di Radio One con Robert Wyatt ai cori.
    Wyatt non è Lennon ma insomma... ci fa sempre la sua figura :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco...quindi l'ho presa in quel posto due volte..grazie per aver girato il dito nella piaga :)

      Elimina
  21. si metta a 90 gradi Bacciocchi!

    RispondiElimina
  22. Grande Mich, The Knack davvero una grande band!

    RispondiElimina
  23. ha ha ha ha ha Mich, beccati questo!

    http://www.youtube.com/watch?v=AQ-GHxulq_E

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails