sabato, settembre 15, 2012

Greetings from Usa : LA



Torna ad allietarci con un reportage americano , il nostro White (in arte Matteo Bianchi), questa volta con qualche riga su LOS ANGELES (dopo S.Francisco la scorsa settimana)

L.A. Casula:
Dopo San Francisco, ci metto LA: la città degli angeli mi ha colpito più di quanto mi sarei aspettato, soprattutto grazie al Gaino, parmigiano che vive a LA da vent'anni, che ci ha fatto da cicerone, cuoco e guida spirituale alla scoperta dei luoghi di culto cinemarocknroll: l'Hyatt Hotel, dove i Led Zeppelin scorrazzavano in moto nei corridoi del settimo piano, il Whisky a go-go, il vicolo dietro al Viper dove è morto River Phoenix, l'hotel Chateau Marmont dove è morto John Belushi, il Guitar Center con le impronte delle mani dei Guitar Heroes (anche Lou Reed!?!?!), il Circle Bar a Santa Monica, il bar preferito da Charles Bukowski...non potevano mancare una visita al Teatro Cinese e sulla Walk of Fame, ma con un pigmalione come il Gaino (uno dei primissimi punk parmigiani, tra l'altro) è tutt'un'altra immersione nel mondo del cinema, di cui è profondo conoscitore di storia e aneddoti...
Molti turisti italiani restano delusi perchè disorientati:
LA si estende per oltre 120 km lungo la costa e non ha un vero centro storico...il "centro" si sposta in continuazione...bisogna imparare a conoscerla e a viverla (certo, una cosa che ho capito, è che per vivere bene in USA ci vogliono i soldi - in fondo è così ovunque, ma lì un po' di più)...

Di LA mi hanno colpito la luce, l'atmosfera, la California è veramente incredibile...
Venice Beach è un gran posto, con La Blue House di Jim Morrison proprio sul broadwalk che fa un certo effetto, e poi è bellissima la parte storica di Venice con i canali superstiti...
il Gaino ci ha spiegato che Venice è stata concepita all'inizio del '900 da un certo Abbott Kinney sul modello di Venezia ed ha avuto un forte richiamo e successo fino agli anni '20, poi nella zona hanno trovato il petrolio, Venice è bruciata in un misterioso incendio e oggi resta una piccola parte della cittadina originale, riqualificata, a testimonianza del passato..
la spiaggia resta il luogo più famoso (se uno uno refrattario alla vita da spiaggia come me, ci si è trovato bene..) bohemienne e mistico, una cosa un po' difficile da spiegare e da capire, un po' come tante cose in America...come Las Vegas, l'apoteosi dell'americanata, un'enorme scenografia, inutile, superflua, torrida, dove tutto è concesso (in un Paese dove quasi tutto è proibito) e ogni divertimento e intrattenimento è di casa, una città/luna park nel deserto...
eppure affascinante e tentatrice (solo per una notte o un week end)...
Insomma, è difficile parlarne in poche in poche righe...

5 commenti:

  1. Ci andai due anni di fila nell'estate del 2000 e l'estate del 2001,fu una rivelazione assoluta.Il primo anno ci capitai per caso, grazie a un mio amico che mi chiese di aiutare una troupe cinematografica. Arrivai all'aeroporto LAX e nel giro di due ore visto il traffico mi ritrovai davanti all'Oceano Pacifico a Laguna Beach Orange Country.Los Angeles e le zone limitrofe,tipo Hermosa Beach,Downey,Long Beach,Culver City,Venice,Fullerton,Carson mi riportaromp allla golden era dell'Hardcore Americano primi anni 80,Black Flag,TSOL,Adolescents e D.I.,Angry Samoans,ecc..Capii subito che questa era una citta' basata sul traffico automobilistico,all'incontrario di New York che e'una grande isola pedonale...le stazioni radio trasmettevano di tutto,in particolare musica messicana,soul & funk,e rock d'ogni tipo...passai due settimane a fare l'autista x la film crew,L.A.- Orange County giornalmente...radio accesa in macchina,Earth Wind & Fire,Mary Jane Girls,Love Unlimited Orchestra,Barry White,Funkadelic,The Brother Johnsons,Quincy Jones cio'che mi ricorda l'esperienza in California....mi innamorai di una ragazza canadese,ci rincontrammo l'anno dopo...Paul Musu 67

    RispondiElimina
  2. Grande Wite!
    Mi ci ritrovo..e spero di ritrovarmici anche l'anno prossimo(?)
    Tanx for reporting
    C

    RispondiElimina
  3. Bella Wite, belin ti invidio da matti

    RispondiElimina
  4. Eh, ragazzi, vi auguro di poterci andare/tornare...nel bene e nel male, è un grande Paese, e poi, cazzo, è la culla del r'n'r...

    CASULA!

    W

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails