lunedì, settembre 13, 2010

Addio a Claude Chabrol

Il regista francese Claude Chabrol è morto oggi all'età di 80 anni.
Protagonista della Novelle Vague con Truffaut e Godard, un immenso cineasta, libero, impertinente, politico.

16 commenti:

  1. hai copiato il post da tarkus

    RispondiElimina
  2. ma non è morto ieri?

    RispondiElimina
  3. Una "pietra emiliana" del Cinema d'Autore,
    uno dei mitici fondatori della Nouvelle Vague (sembra che lui non abbia mai rivisto un suo film).
    Sono molto triste (non poteva morire Tarantino?).

    RispondiElimina
  4. Io copio SEMPRE un sacco di cose dal blog di Tarkus (a parte le cose sull'Inter...anche se ho un figlio nerazzuroi e moglie juventina. ma grazie a manitù nessun milanista. Il cane, pastore tedesco, nostalgico DDR, tiene per il Magdeburgo), ma un omaggio a Chabrol era doveroso

    RispondiElimina
  5. Però, dài, Tarantino ha fatto anche cose ottime (Le Iene, Pulp Fiction e il primo tempo di "Dal tramonto all'alba" sono più che buoni. Il secondo tempo è una cagata pazzesca)

    RispondiElimina
  6. Che fortunato hai un cane? Io non l'ho più dall'anno scorso... (ha lasciato un vuoto enorme, ti invidio molto).
    Per me Tarantino sta' al cinema come Marylin Manson alla musica (mi rendo conto di essere un pò nazi ma il Cinema ritengo sia assolutamente europeo con qualche rara ecczione). Se non c'è poesia in un film manca qualcosa. Poi uno che se ne esce dicendo che il cinema italiano è noioso... (pensa i carpiati nelle bare di Rossellini, Pasolini, De Sica, Risi, Ferreri,...).

    RispondiElimina
  7. non poteva morire berlusconi?

    RispondiElimina
  8. e invece è morto Zignoli, il 3 del Cagliari del miracolo scudetto...

    RispondiElimina
  9. di Tarantino anche Kill Bill I e II non erano male e l'ultima improbabile sceneggiatura di Bastardi senza gloria (ebrei "apache" massacratori di nazi) è un capolavoro di citazioni da Mel Brooks allo splatter, scena finale con citazione di mussoliniana memoria: il cinema è l'arma più forte...bruciate bastardi!

    RispondiElimina
  10. Alberto Galletti13 settembre 2010 20:32

    Trovo il cinema un incomparabile perdita di tempo.

    Zignoli me lo ricordavo al Milan...o forse no?

    RispondiElimina
  11. Ricordi bene, dopo lo scudetto cagliaritano fece la sciocchezza di andare al Milan credo per 5 6 anni...

    RispondiElimina
  12. No cinema davvero Galletti??

    Potresti trovare molto interessante il Museo Del Cinema a Torino. vale una gita?
    Cristiano

    RispondiElimina
  13. Alberto Galletti14 settembre 2010 19:15

    Eh, C qualche film molto caro ce l'ho anche, ma non supero la decina. Non sopportando il cinema in quanto finzione il pensiero di un museo ad esso dedicato mi fa venir gli stranguglioni. (quando a vengo a Torino te lo spiego)

    C'era pure Biasiolo in quel Milan maglia a righine sottili più Bet, presidente il petroliere Buticchi che si sparò per suicidarsi ma non ci riuscì,restò per sempre cieco erano sfigatissimi,(avevan vinto fino a li lo stesso numero di scudetti del Genoa) senz'altro meglio di adesso.

    RispondiElimina
  14. No, AlbertoG, gli STRANGUGLIONI no,pleaseeee

    C

    RispondiElimina
  15. Alberto Galletti15 settembre 2010 22:13

    Cos'è, non si può dire?

    RispondiElimina
  16. haha!! no..tranquillo. non e' come "GERMANIA".
    ti auguravo solo di non averne (di stranguglioni) comunque. sai che te vojo bbene
    C

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails