mercoledì, dicembre 18, 2013

Teddy Bear



Oggi il nostro Andrea Cortez Bernini ci apre un mondo orsachiotto di cui personalmente non sospettavo l'esistenza...

C'è un legame antico tra l'infanzia dei bambini inglesi e americani con l'orso Teddy.
“Have no trouble have no care” cantava Peter Gabriel in "Me and my Teddy bear".
Simbolo di wilderness e calore famigliare, rassicurante compagno di giochi e conversazioni.
Fu per iniziativa del Presidente americano Theodore Roosvelt, repubblicano e massone, promotore dell'istituzione dei grandi parchi naturali alla fine dell'800, per preservare e tutelare le specie nei loro habitat, che nacque e divenne popolare l'orso Teddy.
La storia narra di una battuta di caccia in Mississipi nel 1902, in cui il Presidente si imbattè in un giovane orso, intrappolato dalla squadra, e ordinò di liberarlo.
Fu battezzato Teddy Bear e il business dei giocattoli organizzò la manifattura e la distribuzione in larga scala.

Il compositore John Walter Bratton nel 1907 scrisse la sinfonia "The Teddy Bear's Picnic".
L'infanzia passa la mano all'adolescenza e poi all'età adulta.
Molte delle “High Hopes” dal sapore pinkfloydiano svaniscono o si stemperano, “the grass was greener, the light was brighter, the taste was sweeter...the water flowing, the endless river, forever and ever”.
Ma come cantava Elvis, nella complicità dei giochi c'è un Teddy bear, “I dont wanna be a tiger cause tiger plays too rough, I dont wanna be a lion cause lions aint the kind you love enough just wanna be your Teddy bear”.

33 commenti:

  1. belle foto, rendono l'idea del legame con quel bambino che è il padre dell'uomo

    "a child is the father of the man" B.Wilson

    RispondiElimina
  2. Ha ha ha ha grande Cortez! Io il mio ce l'ho ancora, un cane non un orsacchiotto, un po malmesso ma resiste avrà 40 anni..
    Let the children play

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io ho ancora il mio orsetto, bianco e giallo e consumato da innumerevoli lavaggi.
      si chiama proprio Teddy, e oggi vive sulla libreria del soggiorno, di fianco ai dischi e ai cd.

      The Real WC

      Elimina
    2. Bello...non faccio fatica ad immaginare quando ti sposta i dischi di nascosto..ahah!
      C

      Elimina
  3. ah Andrea Cortez si chiama Bernini?,..well, great surname ,..mie due bisnonne e una trisnonna si chiamavano Bern (Berni in Italiano),.deriva da Bear infatti,...anche l'Ursus /D'Ursus in Latin penso derivi dallo stesso très sympathique 'animal' come direbbero i Pink Floyd 1977 circa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa Michele, questa me la devi proprio spiegare: come fai ad avere DUE bisnonne con lo stesso cognome?

      The Real WC

      Elimina
    2. Quindi per astrazione è come se fosse ..Bernini=piccoli orsi ?
      Perchè qui c'e' già un Piccoli Galli..

      C

      Elimina
  4. Curioso e simpatico questo post. Effettivamente non avevo mai tenuto conto di quanti Teddy Bear si incontrano nelle canzoni...io ricordavo solo (let me be) your Teddy Bear di Presley che mia figlia canta al suo orso Gigi...
    Interessante anche la riflessione sull'origine dei cognomi di Mich.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma, Michele, sei sicuro che Berni abbia medesime radici di Bear?

      Elimina
    2. http://www.youtube.com/watch?v=JVygiX0KEEw

      Elimina
  5. IE nello stemma della città svizzera di Berna, ovvero Bern, è raffigurato un orso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, non ci avevo pensato...perdonatemi l'arteriosclerosi

      Elimina
  6. Con J.W.Bratton nasce la multimedialità, passando da Hanna & Barbera sino alla filastrocca a tempo di valzer "We All stand Togheter" di McCartney.

    Rupert the Bear nacque nel 1920 come striscia pubblicata sul Daily Express, era una creazione di Mary Tourtel (The story of a little bear liost) che colpita da cecità passò il testimone al disegnatore Alfred Bestall, il personaggio di Rupert venne umanizzato nelle nuove tavole, maglia rossa pantaloni e sciarpa gialle, era l'orso dell'infanzia di Paul che orfano dei Beatles torna alla memoria dell'infanzia e nei primi 70's tramite la McCartney Production acquisì i diritti del fumetto Rupert the Bear. (fonte luca perasi - McCartney recording sessions 1969-2011)

    Il presidente T.Roosvelt è scolpito sul Monte Rushmore in South Dakota, insieme a Washington, Jefferson e Abraham Lincoln

    RispondiElimina
  7. Io però visti i recenti sviluppi toglierei subito il Teddy Bear dalle mani di Saville!!
    Anyway bel post, possibile che abbiano fatto una serie di Cartoon con Teddy Bear o sbaglio? (detto per inciso non lo sto confondendo con Whinnie Pooh....il quinto celebre componente dell'omonima band). Chiusura di stampo MODernista: meglio un Teddy Bear che un Teddy Boy!
    Ora basta, di cazzate ne ho già sparate abbastanza...

    Charlie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo so charlie, della mia infanzia ricordo l'orso Paddington con stivali blu, montgomery e valigia, era una serie cartoon inglese, ho ancora il "pocket" paddington che presi nella tabaccheria giocattoli sotto casa, circa 40anni fà

      cortez

      Elimina
  8. Si forse Jimmy Saville sarebbe da togliere.
    Roosevelt non sparò all'orso che venne catturato dagli altri cacciatori e legato, non se la sentì e ordinò di lasciarlo libero, divenne così l'orso di Teddy, che era il suo soprannome o diminutivo di Theodore.
    Teddy Sheringham rimane il miglior Teddy di sempre.

    RispondiElimina
  9. OTs:

    HAPPY BDAY KEEF RICHARDS (sul podio dei miei 3 guitar heroes in assoluto)..70!

    RIP Ronnie Biggs uno degli "anti-heroes" Casula per eccellenza

    C

    RispondiElimina
  10. Keef immenso e stop.
    Biggs, mah...onore per la rapina, ridicola la storia con i Pistols

    RispondiElimina
  11. per parafrasare lui e i Pistols..No one is immortal
    Ammettiamo che grazie ai Pistols tanto mondo giovane lo conobbe..
    Cameo talmente "ridicolo" e indimenticabile da essere di conseguenza straordinariamente Casula!


    Bella la storia Cortez! Non conoscevo tanto background dell'Orsetto.
    Non ne ho mai avuto uno mio..
    Quando mia sorella senior ha dismesso il suo per ragioni di età l'ho rilevato io e lo facevo mazzulare con la Scimmia,dismessa pure lei, dell'altra mia sorella.
    Si sono massacrati per mesi fino alla fine dei loro tessuti.
    Verdetto ai punti per la Scimmia,più agile,aggressiva ed imprevedibile del suo pacioso avversario.

    Go Cortez G

    ..Meglio un Teddy Bear che un Teddy Boy..bella Charlie ahaha!

    C






    RispondiElimina
  12. bravo Andrea, infatti nel simbolo di Bern ci sono Orsi:),...proto-germanico Bernaz= orso,.Old Norse birna= she-bear,..anglo-saxon e old english beorn,...Faroese bjørn :)

    well, Real rompicazz,...avevano lo stesso cognome perchè eran lontani cugini ,...sei molto curioso vedo:) che sei dell'ovra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era solo una curiosità, grazie!
      comunque questo spiega diverse cose.

      The Real WC

      Elimina
  13. w il calcio delle Far Oer siempre

    Bjorn Borgia:)

    RispondiElimina
  14. noms de famille de la Suisse Romande: Berney - D’un ancien nom germanique Bernhari, "armée de l’ours".

    RispondiElimina
  15. copiato/incollato da un sito d'etymhologie:),...vabeh W les ourses:)...très symphatiques 'animals',..a bit wild but che possiamo farci?? :)

    RispondiElimina
  16. e tu' bisnnonna come s'appellava real anonymous rompicazz? :),...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da parte di padre, ovviamente: Ciccuttini.

      The Real WC

      Elimina
    2. che poi scusa: di me sai nome e cognome (Walter Ciccuttini), di te si conosce solo il nome (Michele).
      Mi sembri molto più anonimo tu di me :-)

      The Real WC

      Elimina
  17. ahhhh cazzo non lo sapevo Walter:) scusami, quindi is Walter...credevo tu scrivessi anonimamente,....vabeh anche Walter deriva da là,...come Gualtiero,./Walthari era nome di un re longobardo,..c'è anche un villaggio che si chiama Gualtieri da queste parti e prende il nome appunto da un tipo che si chiiamava Walthari(poi Walter),,.sorry, credevo tu fossi un anonimo :)

    RispondiElimina
  18. dio mio, quali perle di cultura.
    non son degno di te.

    The Real WC

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails