mercoledì, febbraio 15, 2012

Roma 2020



Il Governo Monti per cui non nutro alcuna simpatia ha detto NO alle Olimpiadi di Roma nel 2020.
E lo applaudo.
La bava alla bocca, i palazzinari, sindaci indecenti, affaristi, mafiosi, politici che già si preparavano ad una cascata di tangenti se la ricaccino in gola.

Siamo con le pezze al culo, sull'orlo del baratro e questi pensano alle Olimpiadi.
Si parlava di spese per otto/dieci miliardi di euro.

Per i Mondiali di calcio nel 1990 abbiamo speso l'equivalente di un miliardo e 160 milioni di euro attuali, ovvero l' 84% in più del previsto.
Ai mondiali di nuoto del 2009 le piscine non erano pronte, sommerse (è il caso di dirlo) da inchieste giudiziarie.


Sicuro che con Roma 2020 sarebbe andata meglio !!!
Pare che una parte della crisi greca derivi dalle perdite folli per le Olimpiadi di Atene del 2004.
Per una volta: bravo Monti.

33 commenti:

  1. Condivido tutto!
    Grande Tony face.

    RispondiElimina
  2. Concordo Tony. Con la merda che ci sta' sommergendo, questi delinquenti erano pronti a sbafare ancora, alla facciaccia nostra. Fanno sempre piu' schifo! Compresi quegli atleti che "sponsorizzavano" alla grande IL GRANDE EVENTO. Ma per piacere...E il sindaco fascista della capitale che minaccia le dimissioni! Ma gari! Rientrate, poi...avevate dubbi?

    RispondiElimina
  3. ottimo blog, ottimi articoli brevi e concisi.

    RispondiElimina
  4. io c'ho ancora Italia 90 che brucia..e il Delle Alpi costruito a spizzichi e mozzichi in modo scandaloso.
    Il sapere dell'affair Grecia/Olimpiadi non poteva lasciarci in balia delle solite decisioni mafiose e tangentiste.
    Bravo Monti,magari sara' la prima e ultima volta che lo dico, ma bravo.
    C

    RispondiElimina
  5. Lo stadio di Bari per compiacere Matarrese, una cattedrale nel deserto da 60.000 posti, privo da anni di manutenzione, cade a pezzi e ospita Bari Cittadella o Bari Gubbio....quati soldi PUBBLICI, NOSTRI, sono andati a finire li ?

    Quanti soldi avremmo tirato fuori NOI per fare l'impianto per il Tiro con l'Arco o la palestra per il Taek Won Do o il Badminton ??

    Monti è un banchiere, un capitalista bla bla bla ma almeno ha un minimo di cervello e di "amor patrio" per lasciare perdere le cazzate.

    RispondiElimina
  6. Grazie Sergio.
    Cerco sempre di scrivere il più sintetico possibile ed esprimere quello che devo dire.
    Cosa che non riesco e non posso fare quando si parla di musica....ehehehe...

    RispondiElimina
  7. Bella storia, applaudo pure io.

    Laurent

    RispondiElimina
  8. un'altra picvcola parentesi si potrebbe apreire per le Olimpiadi Invernali di Torino.
    Pare che "alcuni" impianti creati ex novo x l'evento (e utilizzati degnamente) giacciano inutilizzati e "sfitti" malgrado le richieste delle federazioni straniere che li richiedono x allenarsi..misteri piemontesi e piu' in grande al''italiana.
    fanculo
    C

    RispondiElimina
  9. Olimpiadi in BELGIO!

    AndBot

    RispondiElimina
  10. In Belgio a Ostend!
    Trofeo Marvin Gaye per la maratona!
    C

    RispondiElimina
  11. Tutti squalificati per bongia (cocaina)!

    Io, al governo, vorrei uno come il Bocia della Curva Nord Atalanta.

    AndBot

    RispondiElimina
  12. Oltre al quotone 100% alla decisione del Monti volevo socializzare con voi il giramento di coglioni a manetta che mi è venuto ieri sera quando dopo aver dato la notizia il tg ha dato spazio alla banda PDL/PD/e banda Casini: tutti si lamentavano della decisione, alcuni, come l'ineffabile AlteroSCLEROTICO Matteoli minacciava di far cadere il governo, promettevano vendetta e Retro-Manno minacciava dimissioni poi (ahinoi) ritirate. Cioè, dopo finanziare draconiane, dopo il massacro dello stato sociale, dopo l'assalto al mondo del lavoro NESSUNO di questi ceffi ha detto nulla anzi ha lodato il governo E ORA x una scelta sensata e condivisibile spaccano i coglioni a Monti? Siamo un paese da ridere. Mi viene in mente ALLA MIA NAZIONE di Pasolini...chissà forse una immersione totale nel mediterraneo ci salverebbe da questi cialtroni.
    Charlie
    ps: olimpiadi casula in Belgio!!!

    RispondiElimina
  13. Ormai è sempre più chiaro e lampante che qui tutti hanno le mani in pasta.
    Sono affaristi che con la scusa di un simbolo di partito si succhiano i soldi pubblici. Che sarebbero finiti a valanga in una minchiata come le Olimpiadi a Roma. E ci stavano già facendo due (o tre) conti.

    Tra l'altro: Difesa, 40 F-35 in meno "Taglio di 30mila militari"
    Un'altra notizia un minimo confortante.
    In realtà di aerei F-35 ne comprano 90 invece che 130 ed è ugualmente un calcio nei coglioni a chi viene poi falciato da aumenti, tasse etc (presente quanto cazzo costa un aereo del genere ?? Quanti posti di lavoro ci salvi ??).
    Per la madonna da chi ci dobbiamo difendere con 90 nuovi aerei, chi dobbiamo attaccare ?? Non siamo in PACE ??

    Va bè torniamo alle cose serie:
    dobbiamo organizzare un viaggio vacanza Casula con Vino Nuvo Bonrada in Belgio per vedere le Olimpiadi.
    Facciamo che le fanno ad Anversa e andiamo là a vederle.
    Metti che poi non ci sono vorrà dire che saremo costretti a passare le serate in birreria.....

    RispondiElimina
  14. Birreria belga:sarebbe un degnissimo piano B

    charlie

    RispondiElimina
  15. Oh, casuloni, becaatevi questo!


    Peggiore inizio di sempre: Sanremo non è Zelig, per Dio! E poi Luca e Paolo, non c'è niente da fare, proprio non mi sono simpatici. Il balletto d'apertura è suggestivo, però troppo hollywoodiano.

    Dolcenera: sembra uno scarto dal repertorio dei Baustelle (quindi una cacchetta al quadrato). L'arrangiamento pompato cerca di sopperire alla pochezza della scrittura. Resta comunque la miglior canzone che io abbia mai sentito uscire dalla bocca di Dolcenera. Voto 4

    Samuele Bersani: filastrocca stralunata in stile "nuovo cantautore" anni '90 e infatti suona vecchia. Voto 5+

    Noemi: La sua classe riesce a valorizzare persino una canzone di quella cosa inutile che risponde al nome di Federico Moro. L'interpretazione vale 8, la canzone 5, la media fa 6+

    Francesco Renga: Sto tipo deve andare a zappare la terra! Odio la sua voce impostata del cazzo che canta da una vita sempre la stessa canzone del cazzo. Voto 0

    Chiara Civello: Vorrebbe essere "popolare" ma è un popolo immaginato in un salottino radical-chic. Potrebbe piacere moltissimo in area Pd. A me che sono un comunista vero dovrebbe far schifo e invece mi ha acchiappato. Forse non è così "finta" come potrebbe sembrare a primo impatto. Voto 7

    Irene Fornaciari: Non certo un capolavoro ma devo dire che questa canzoncina di Van de Sfross è gustosa. Lei è molto molto brava, la preferisco al padre. Voto 6+

    Celentano: "hanno abolito le carrozze letto per cancellare un altro pezzo del nostro passato". Passato come identità, elogio della lentezza. Questo non è populismo, questa è saggezza. Chi dà del populista a Celentano è uno stupido. Celentano è così, lo è da una vita, è uno "semplice", che ci crede, uno VERO, uno che viene dal popolo, un figlio del popolo. Uno che ha così tanto talento, palle e personalità che può dire tutto quello che vuole. L'analisi politica è quella che è, un mix di saggezza e ingenuità varie ma almeno si sente una passione che non è il tentativo patetico di tanti personaggi dello spettacolo di oggi di assecondare le mode del momento, una passione che viene da lontano. Il siparietto con Pupo è un tentativo surreal-teatrale mal riuscito. Il ragionamento del paradiso l'ho trovato molto intenso. Una di quelle cose che susciteranno sarcasmi a catena da parte dei tanti gaudenti disperati. Perchè oggi avere una spiritualità e non vergognarsene è il peggiore dei peccati a quanto pare. Per mondarsi bisogna dire almeno 20 bestemmie. E poi Adriano canta e quando canta è DIO. Celentano, sei un grande e con quella bocca puoi dire (e cantare) ciò che vuoi. Voto 10+

    Emma Marrone: folgorante incipit fascio-populista con la rima paese/mese. Il testo sembra scritto da Pierluigi Bersani con Pierluigi Diaco, con la collaborazione esterna di Roberto Fiore e Beppe Grillo. Melodia odiosa. Interpretazione insopportabilmente enfatica. Voto 2

    Marlene Kuntz: Ma come cazzo canta Godano? Sembra uno di quei maniaci sessuali che molestano le signore al telefono. La canzone è una delle loro migliori di sempre. Un rhythm'n'blues adrenalico con un arrangiamento iper catchy. Davvero niente male. Voto 7

    Eugenio Finardi: La voce è sempre stupenda (e riascoltarla è emozionante), lui ce la mette tutta a interpretare (usa anche le braccia, in maniera un filino imbarazzante) ma la canzone non esiste e l'arrangiamento è orribile. Voto 3

    Gigi D'alessio e Loredana Bertè: composizione certo non sconvolgente ma senza dubbio vitale e accattivante. Si tratta di un bel funkettone "melodico" dal sapore anni '70. Lui canta benissimo e lei è la solita leonessa, anche se non al massimo della forma (e infatti Gigione la guarda un po' preoccupato). Mi piace. Voto 7+

    AndBot

    RispondiElimina
  16. E non è finita!


    Nina Zilli: una merdaccia, il corrispondente femminile di Francesco Renga. L'inutilità fatta cantante. Robaccia da pianobar raffinato (ehm...). Caricatura vivente. Prima voleva essere Mina, ora Amy Winehouse ma resta solo uno sgorbio. La canzone è adeguata al personaggio. Voto 0

    Pierdavide Carone e Lucio Dalla: su Carone non avrei scommesso un euro, ne’ come cantante ne’ tantomeno come autore. Magari come autore è rimasto scarso, non saprei. La canzone è dolce, aggraziata e persino commovente ma sembra opera al 100% di Lucio Dalla. Però come cantante, cavolo, ha tirato fuori la migliore interpretazione maschile della serata. Voto 7+

    Arisa: immagino che dovremmo stupirci del fatto che hanno trasformato Minnie in Celine Dion. Un po’ come quando Giorgia si presentò con il look sexy. Che palle! La canzone è ne’ brutta ne’ bella, una roba anonima, petto di pollo bollito. Voto 4

    Matia Bazar: loro sono uno dei miei gruppi preferiti in assoluto ed ero curiosissimo di vederli di nuovo all’opera con Silvia Mezzanotte. Questa non è certo la loro miglior canzone ma, signori, che incredibile classe, che eleganze, che gusto, questo si, davvero raffinatissimo. Senza tempo. Chapeau! Voto 7+

    Rocco Papaleo simpaticissimo. Gianni Morandi conduce con gusto, sobrietà e misura. Entrambi però imbrigliati dai testi di quel coglione di Moccia.

    AndBot

    RispondiElimina
  17. And Bot Nostro inviato A SanRemo per radio Casula.
    Mito !!!!
    Perchè c'è Milan Arsenal e desidero vedere i rossoneri farsene infilare tre o quattro (ma con il culo che hanno finisce 1-1) altrimenti me lo guardavo anch'io S.Ramo stasera

    RispondiElimina
  18. Pheega andbot mi dai il nome del tuo fornitore di Bonrada (o qualsiasi altra cosa ti fornisca), mi serve per finir di guardare Milan-Arsenal

    RispondiElimina
  19. San Ramo è il ramo casula del festival, le nostre speranze sulla partita sono andate aff.....o.
    Ma io mi chiedo,come si fa a prestare un'attenzione simile e anche qualificata aggiugerei, ad una roba del genere?
    Mi consolo guardando la faccia di quel pirla di Arsene (Weenge) Wenger che mi stà da sempre sui coglioni mentre finisco la mia bottiglia di dolcetto.
    Augh!

    RispondiElimina
  20. Ah ah ah!

    Allora, due cose: la prima è che il Milan me lo sono guardato pure io. La profezia di Tony si è materializzata! Al contrario, però...

    La seconda è che non voglio prendermi meriti per il reportage, quelli vanno quantomeno divisi in modo equo con il Maestro Alberto Scotti (poi spiego).

    I demeriti, quelli si, li rivendico tutti per me!

    Alberto Scotti: leader dei Maisie, amico e aggiungerei Maestro di Stile & Vita.

    Colui che tempo fa, se non proprio la vita, cambiò la mia prospettiva, dicendomi:

    "Vedi, Andrea, qualsiasi pseudo-intellettualoide del cavolo può sostenere che gli piace la musica d' avanguardia. Ma con il pop non si può barare: per amarlo sul serio servono cuore e fegato!"

    P.S. Se mai doveste imbattervi in "Balera Metropolitana" dei Maisie, il mio umile consiglio è di non esitare. Un piccolo-grande capolavoro, un gioiellino di freak-pop italiano che non sfigurerebbe sotto la dicitura genio italico.

    Ma esisterà una sorta di kermesse Sanremese in BELGIO?

    Devo informarmi...

    AndBot

    RispondiElimina
  21. Fornitura di BONRADA per tutti i Casula a SanRAMO..promettiamo bene!
    C

    RispondiElimina
  22. vinoNuvo..e se il piano dovesse fallire,allora fuori col PLAN B..irra B..elga

    Dexys-Plan B

    C

    RispondiElimina
  23. C'ho beccato proprio con Milan Arsenal...inglesi inguardabili, meglio se mandavano la Primavera che facevano una figura migliore...ha segnato perfino due gol Robinho....

    MAISIE grandissimi anche se a volte indigesti. Ho due o tre cose loro.

    RispondiElimina
  24. Olimpiadi in Belgio
    SanRamo in Belgio
    Birra in Belgio
    Maratona "Marvin Penz Gaye Jr" (Ostend)

    La frase di A.Scotti semplice e universale

    C

    RispondiElimina
  25. MAISIE:

    Il nome del gruppo nasce dal titolo dell'omonima canzone di Syd Barrett, contenuta nell'album Barrett.

    La band prende vita da un'idea di Alberto Scotti e di Cinzia La Fauci. Il primo demo dal titolo Marguerite Saqui viene pubblicato dalla tape label Snowdonia, all'epoca gestita da Marco Pustianaz. L'esordio discografico ufficiale risale al 1997 con Maisie and the Incredible Strange Choir of Paracuwaii[1]. Una particolarità della band consiste nell'affidare alcune delle loro composizioni all'esecuzione libera di altri gruppi. Queste instant cover vengono puntualmente inserite nei loro dischi accanto alle esecuzioni originali.

    Nel 2001 esce Do you still remember when you have found your iud in my nostri?. La propensione no wave del gruppo si radicalizza dando vita a 24 canzoni volutamente stonate, graziate, monche, sbilenche, spesso urlate o biascicate, eppure con un loro cuore "pop"[2]. Pare che la maggior parte delle canzoni siano state suonate con chitarre e basso mancanti di una o più corde. Il risultato finale ricorda molto da vicino gli esperimenti più radicali di band come Residents e Half Japanese[senza fonte].

    Il 2002 è l'anno della pubblicazione di Music is a fish defrosted with a Hair-Dryer. Il disco è un ccocktail di lounge, jazz, canzoncine circensi e avanguardia[3]. In questo caso i Maisie, con un procedimento del tutto inusuale in ambito rock[senza fonte], si presentano in veste di compositori, affidando l'esecuzione delle partiture al polistrumentista e cantante francese Falter Bramnk.

    È del 2003 la pubblicazione di Bacharach for president, Bruno Maderna Superstar!. Il disco rappresenta una svolta verso una canzone pop d'autore che però non rinuncia al loro personale gusto per la bizzarria. Gli arrangiamenti si fanno sempre più ricercati.[senza fonte] In questo album compare come ospite in due brani il trombettista Roy Paci. L'interesse nei confronti della band cresce anche a livello internazionale, tanto che la label statunitense Acidsoxx realizza una versione americana dell'album[4].

    Nel 2005 esce Morte a 33 giri che segna il passaggio dall'uso della lingua inglese all'italiano[5]. Il cantautore Bugo è presente in qualità di ospite in due brani: "Sottosopra" e "Finché la borsa va lasciala andare".

    Dopo quattro anni di lavoro, la band torna nel 2009 con l'album doppio dal titolo Balera Metropolitana. Tra gli ospiti presenti: la jazzista e polistrumentista americana Amy Denio e i cantautori Flavio Giurato e Mario Castelnuovo.

    AndBot copia-incolla Wikipedia.

    RispondiElimina
  26. L'inviato da San Ramo mi ha un pò spiazzato: non ho visto ne sentito una sega perchè martedi ero in diretta in una web radio e ieri ho visto il capolavoro al contrario di Arsenico Wengherio TUTTAVIA l'estate scorsa senti la Zilli dal vivo e mi piacque. Ovviamente è una interprete e poco più però il suo concerto, complice una band soul coi controcazzi, fu godibile.
    @ Galletti: Dunne e Collins sono da arresto ma la banda Koscileny, Vermaelen e Djourou(calamità biblica) non sono da meno.

    Charlie

    RispondiElimina
  27. Si e pensa che ci siam fatti rimontare da 2-0 in venti minuti. Io sono anni che Dunne lo voglio far fuori è un bastardo e per di più sputa nel piatto dove mangia,ma non mi meraviglio, è irlandese,pezzo di merda. L'altro invece è uno sfigato.
    Quando l'Arsenal viene fracassato io sono sempre felice, godo a vedere la faccia di Wenger.
    UTV

    RispondiElimina
  28. lamadonna Galletti posta in tempo reale e con che virulenza casula!!!!

    AndBot:Ullapeppa!! Giaggia' SNOWDONIA! Ecco cosa mi ricordava..
    Richiesi a fine 90 per curiosita da loro direttamente la raccolta "Snowdoniani Baccelloni..", interessante nel complesso (come tutte le cose veramente indie),ostica talora,ma sempre da conoscere. Devo recuperarla a questo punto per un meritato ripasso.
    Tutto cio al rientro da Madrid (parto domattina e torno lunedi sera,con le tue info in saccoccia)
    C

    RispondiElimina
  29. Hei buon weekend C, fate buon viaggio

    RispondiElimina
  30. UHM SE CONFESSO CHE A ME DUNNE NON DISPIACE(A PICCOLE DOSI PERO') GALLETTI MI FUCILERA' SUL POSTO?
    :-)

    CHARLIE

    RispondiElimina
  31. PLOTONE ATTENTI!
    CARICARE!
    PUNTARE!
    FUOCO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  32. Buon weekend, allora!

    Mi raccomando, alla larga dalla Chueca! ah ah ah!

    Snowdonia una label interessante, con robetta anche un po' ostica, confermo...

    Ultimamente più pop e melodia.


    AndBot

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails