sabato, gennaio 14, 2012

C'è del buono nelle infradito





Una strana ma, una volta tanto bella ed edificante, di infradito (l'odiosa e antiestetica calzatura che ai primi caldi incomincia ad imperversare in ognidove!) già di uso comune nell'antica Roma ed in Grecia, calzature tradizionali in Giappone
Le classiche infradito di gomma costano poco, durano poco, una stagione o poco più, ma costano pure pochissimo.

La storia particolare è che una società keniota, la UniquEco, si occupa di recuperare e riciclare i milioni di ciabatte che ogni anno vengono spinte dalla correnti sulle coste del Kenya, provenienti da India, Cina e Malesia, dove questo tipo di calzatura è diffusissimo.
Dalla loro lavorazione nascono borsette, braccialetti, collanine ma anche giochi e vere e proprie opere d'arte.
Il tutto permette di far lavorare un gran numero di persone in Africa, ripulire il mare, riciclare tonnellate di plastica e reinvestire i proventi in progetti di aiuto ai più bisognosi.

C'è del buono persino nelle infradito !!!

12 commenti:

  1. Mai messe.
    Grandioso Tony Face!

    RispondiElimina
  2. Mai messe.
    Grandioso Tony Face!

    RispondiElimina
  3. Bellissima iniziativa, non c'è che dire.
    L'uomo è capace di ricavare qualcosa di buono anche dal marcio che lui stesso produce.

    Laurent

    RispondiElimina
  4. Da piccolo mi facevano venire le vesciche...mai più messe da una vita !

    RispondiElimina
  5. ...'azz! Io le metto tutti i giorni.

    Ci ho perfino visto un concerto dei June ha ha ha, mi ritiri la patente càsula Tony?

    RispondiElimina
  6. Pratiche, essenziali, superfreak
    ho un paio di havaianas che resistono bene da tre estati e che si calzano con quasi tutto il guardaroba estivo (stanno bene anche sui jeans), dalle mie parti le infradito sono obbligatorie da giugno a settembre, per scongiurare le vesciche

    bella iniziativa, le comprerò ancora

    cortez

    RispondiElimina
  7. Ahahahahah! Pavia, piazza della Vittoria. 3 settembre 2011. Un diluvio universale interrompe il sound-check sul palco dove dovrebbero suonare i june per la notte bianca. Serata dedicata ai beatles. Mi guardo intorno da un'oretta cercando di individuare l'autoctono Galletti mai visto prima di persona. Conosco prima il grande Carlo Hot Mama, che mi fa: Galletti? Dovrebbe essere già qui. Improvvisamente, tra le pozzanghere e sotto le cateratte arriva un tipo in polo, jeans e INFRADITO DELUXE! E' il Galletti, che poi mimerà una punizione storica di Gascoigne scagliando la ciabatta destra!... Da patente Casula C e D!

    Comunque, bella iniziativa... in tv avevo visto anche di un progetto in Africa (non ricordo in quale paese) in cui un'associazione europea realizza abitazioni utilizzando le "nostre" bottiglie di plastica come materiale edile...

    W

    RispondiElimina
  8. ..secondo me pure Gazza con le infradito ci tirava le punizioni :-)

    Charlie

    RispondiElimina
  9. galletti (e Cortez) Vergogna!!
    C

    RispondiElimina
  10. te ne spedisco un paio, 42, 43 o 44?? verdeoro!!

    RispondiElimina
  11. Rigorosamente da abbianare al bermudone lungo fino a metà polpaccio...mammamia...

    L'infradito solo ai piedi femminili (e non tutti)

    W

    RispondiElimina
  12. odiosa e antiestetica calzatura??????? 0.0 ma davvero????? flip flop tutta la vita per sempre nei secoli dei secoli amen che ti piacciano o no..

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails