venerdì, maggio 27, 2011

Mod Heroes: Georgie Fame






GEORGIE FAME (nato in Inghilterra nel 1943 ), fu, giovanissimo, uno degli acts più seguiti dalla scena original mod dei primi 60’s, grazie ad un repertorio fedelmente vicino al rythm and blues più genuino.
Look cool, gusto impeccabile, suoni e grooves perfetti e sinceri, tastierista eccellente, cantante raffinato,
Suonava regolarmente al “The scene” e al “Flamingo” (dove registrò il mitico esordio "Rhythm and Blues at the Flamingo", uno dei primi live della storia del rock)
Con i suoi Blue Flames fu il primo a suonare brani ska e ad incorporare elementi giamaicani nella sua band (come il trombettista Eddie Thornton che qualche anno dopo suonerà in “Got to get you into my life” dei Beatles !).
Fu anche l’unica band bianca a d essere inserita nel tour inglese della Motown nei mid 60’s a fianco di Supremes, Stevie Wonder, Martha & the Vandellas.

La carriera di Georgie Fame conoscerà in seguito numerosi alti e bassi, ma il suo nome tornerà periodicamente ai vertici (vedi il successo di “The ballad of Bonnye and Clyde” del 1967, “Rosetta” del 1971 in coppia con l’ex Animals Alan Price con cui incise il buon album “Together”).
Si muoverà spesso tra jazz e album più leggeri, ma soprattutto come tastierista di Van Morrison, nei Rythm Kings di Bill Wyman e come turnista di Eric Clapton, Count Basie, Muddy Waters, Verve.

DISCOGRAFIA CONSIGLIATA

Rhythm and Blues at the Flamingo (1964)
Georgie Fame: Mod Classics 1964–1966
Somebody Stole My Thunder: Jazz-Soul Grooves 1967-1971


PS: Il suo “Somebody stole my thunder” è uno dei miei brani preferiti di sempre (tra i famosi 10 da portare su un’isola deserta) tanto da averlo roposto due volte nella mia discografia, prima con il LINK QUARTET , strumentale in “Beat.it”, poi con la TONY FACE BIG ROLL BAND in “Old soul rebel” cantata da Chris Philpott degli Small World.

19 commenti:

  1. Ma, Tony, in Beat.it non ci cantava qualche fanciulla?
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  2. aaaaaaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  3. Un grandissimo, un gigante, costante per tutti i 40 anni della sua pregevolissima produzione.

    RispondiElimina
  4. voce, organo e stile, tutto eccelso.

    per diversi anni di suo ho posseduto solo una raccolta 64-66, poi il live.

    per me (ma credo per molti della mia generation, creciuta con le beat/rock bands inglesi, poi il punk, poi mod79) il suo suono era troppo "leggero" pur essendo lui un supermod in tutto.

    incredibilmente ho scoperto "thunder" molto molto più tardi, dopo averla sentita a qualche rimini mid-90s, e tramite le mitiche cassette fatte da bailey in uk e da franz in italia.
    capolavoro di canzone, concordo con tony.

    molta della sua produzione fine 60 la trovo ancora adesso troppo leggerina (bonnie & clyde....), ma ad esempio un album come "sweet thing" del 66 è da inserire nella discografia consigliata, tanti classici soul rnb rifatti con stile.

    l'ho visto dal vivo ahimè solo una volta, al blue note qui a milano e, come forse ho già scritto qui, fece un set molto jazzato, quasi tutto pianoforte, poco o niente hammond. memorabile l'incontro con il suo amico degli early early 60s, il milanese ronnie jones, salito sul palco come guest.
    so che invece in uk ogni tanto si diletta a fare set rigorosamente mod, con la band più tight, hammond etc.

    buon venerdi'
    f

    RispondiElimina
  5. Il compianto amico Pierfranco Colonna (alias Franco Castellani,fondatore dei RAGAZZI DEL SOLE) era compagno di avventure di George Fame,negli anni 63-64 (erano nello stesso hotel),tanto che se lui non avesse trovato il successo in patria sarebbe potuto emigrare (artisticamente) qui in Italia,come già fecero i Rokes ad esempio...peccato che da lui non abbia avuto altre informazioni,su quel periodo pionieristico,con i mezzi attuali avrei potuto scrivere molte più cose (se ne vanno sempre i migliori).

    RispondiElimina
  6. Giusto, anche Sweet things e un buon album.
    Ne ho altri tra 60s e 70s abbastanza buoni.
    E anch io ho scoperto Thunder molto, molto tempo dopo.

    x Marco, si un ragazza di Piacenza canta If I could only be sure di Nolan Porter

    RispondiElimina
  7. Se il Galletti non si fà vivo nemmeno su George Fame inizio a preoccuparmi sul serio.
    Ma e' vero che è stato visto l'ultima volta una 10 di giorni fà su una barca a remi stracolma di vino e birra, prender il largo cantando 'serie B serie B' dopo di che non si hanno avuto più sue notizie?

    RispondiElimina
  8. A me hanno detto che l hanno visto l ultima volta cantare serie B serie B a Sanpierdarena....

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Fide è vero, è sparito Galletti!
    ricompari, che il 4/6 ti aspettiamo a Nibbiano!!!
    Casula!!

    RispondiElimina
  11. ah, maledizione, stupida memoria fallibile.... ovviamente, nel momento in cui ho letto "if i could..." il sound è ritornato in testa.
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  12. Son qui ragazzi, son qui,uuffff...

    allora:
    Grazie Tony, Georgie Fame è il mio idolo number one, non ha una cosa fuori posto, stilisticamente è perfetto e la collocazione spazio-temporale ideale (diciamo Londra '64-67) fanno di lui una figura centrale nel panorama non solo mod, delle cose UK che contano.
    Spmebody stole my thunder è un capolavoro! Ma io non so come mai,sono completamente partito per la sua versione del classico di Don Covae "See saw" che ha un tiro micidiale. Mi rendo conto come ben sottolinea il Capitano, che la sua provenienza jazz, più che soul, lo porti oggi, a decenni di diatanza a privilegiare questo aspetto,che comunque come dice Carlo è sempre un bel sentire. Il fatto che in patria si lasci andare a set "vecchi tempi" è dovuto alla certezza del pubblico che si trova davanti (stessa storia del pubblico del calcio).

    UN GIGANTE! ha ottenuto consensi enormi non spostandosi mai da un'ideale 2°/3° fila puntando sulle doti di musicista sue e dei suoi blue flame, tastierista di indiscusso valore dotato di una voce intrigante e ben adattata alla sua linea musicale: UN MAESTRO degli arrangiamenti.
    Sposò la moglie di un Lord dopo una relazione clandestina che fece più scalpore della scandalo Profumo, ma grazie alla sua "intoccabile" posizione di artista riuscì a venirne fouri: UN IDOLO!
    Per chi come me ha un provenienza mod più 60s che '79 il faro illuminante.
    Mi hanno accompagnato in questo intervento le sue seguenti canzoni:
    Sitting in the park
    Sunny somebody stole my thunder
    See saw
    Get on the right track baby
    Madness
    Beware of the dog.

    Vi ringrazio per esservi ricordati di me per via di questo post, è un attestato di stima di grande valore. Vi abbraccio

    Pibio ci vediamo a Nibbiano,

    Da quando sono retro-CESSI non ho più pensato ai ciclisti, che probabilmente si saranno consolati con la concomitanza del Giro, ha ha ha ha

    A.G. (non riesce più a postare dall'account)

    RispondiElimina
  13. cazzo!! scusate..ma continuo l'isolamento!!
    casula!!
    C

    RispondiElimina
  14. Casula of the world unite:

    COME ON MUFC!!!! Smash the bloody spaniards

    C' moooooooooooon!!!!

    A.G.

    RispondiElimina
  15. galletti ispanici TRIIISSSS!!!
    hahahah!!!!
    arriba arriba..
    torero!

    RispondiElimina
  16. Ho visto,
    fuckin' wimps!

    RispondiElimina
  17. meritata la copa,cabrones!!

    RispondiElimina
  18. Yeah, and stick it up your ass!

    RispondiElimina
  19. you wankers learn to win a match

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails