mercoledì, giugno 07, 2017

Varg Vikernes Burzum



Le precedenti puntate della rubrica CRIMINAL WORLD ovvero i criminali che hanno avuto connessioni con la musica e l'arte, (dedicate ai Kray Twins, Ronnie Biggs, Luciano Lutring, Gary Gilmore, Janie Jones, i Moor Murders Ian Brady e Myra Hindley, Bonnie & Clyde, Hattie Carroll e William Zantzinger, Stagger Lee, Charles Manson, Ted Bundy, John Wayne Gacy il Killer Clown), Ed Gein, Leonarda Cianciulli, Mark David Chapman, Jack H Abbott, Charles Starkweather e Caril Ann Fugate, Georgie Davies, Derek Bentley sono qui:
http://tonyface.blogspot.it/search/label/Criminal%20World

Varg Vikernes è noto per essere il fondatore e ormai unico esponente dei Burzum, nati nel 1991 e diventati uno dei principali esponenti del black metal norvegese.
Il progetto parallelo era quello di portare l’oscurità nel mondo.

Varg si diede subito da fare e nel 1992 diede fuoco a tre chiese norvegesi(le macerie carbonizzate di una campeggia sulla copertina dell'EP "Aske" del 1993) nonostante abbia sempre preso le distanze dal satanismo, dichiarandosi fedele al culto Odalista.
Nel 1993 uccide a coltellate Euronymous, leader della black metal band Mayhem in cui suonava al tempo.
La dinamica non è mai stata chiara nè le ragioni dell'omicidio ma nel 1994 fu condannato a 21 anni di carcere.
Ne scontò quasi 16 e fu rilasciato nel 2009 dopo essere evaso per un paio di giorni nel 2006.
E' in libertà vigilata e non manca di tornare a più riprese agli onori dell cronaca con affermazioni piuttosto discutibili (vedi una sorta di appoggio alla strage di Breivik).

Nel frattempo si è sempre più avvicinato a teorie affini al nazismo esoterico, al culto degli antichi miti nordici e ha dirottato la direzione artistica verso sonorità ambient che alterna ad album affini alle origini black metal.

5 commenti:

  1. Mai capito il black eppure alcuni dei suoi dischi si lasciano ascoltare, devo ammetterlo. A volte, ero sobrio, ho persino trovato affinità con i My Bloody Valentine di Loveless, non per il suono in se quanto per la sensazione trasmessa.
    Capita di non avere una grande opinione della persona dietro l'artista ma lui è proprio detestabile ed ormai fa pena per quanto è andato fuori di cocomero.

    RispondiElimina
  2. Un coglione metal
    C

    RispondiElimina
  3. Un coglione e basta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma "metal" per definione equivale a coglione quindi nel suo caso en plein!

      Elimina
  4. Classico caso di cervello che si incarta con un coriandolo.

    Charlie

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails