lunedì, giugno 05, 2017

Facebook spiegato da Alessandro Manzoni



dai Promessi Sposi Capitolo XIII pagina 310.

Le diatribe dialettiche su Facebook e i social spiegati da Alessandro Manzoni nel 1.825

Chi forma poi la massa e quasi il materiale del tumulto, è un miscuglio accidentale d'uomini che, più o meno, per gradazion indefinite, tengono dell'uno e dell'altro estremo:
un po' riscaldati, un po' furbi, un po' inclinati ad una certa giustizia, come l'intendon loro, un po' vogliosi di vederne qualcheduna grossa, pronti alla ferocia e alla misericordia, a detestare e ad adorare, secondo che si presenti l'occasione di provar con pienezza l'uno o l'altro sentimento; avido ad ogni momento di sapere, di credere, qualche cosa grossa, bisognosi di gridare, d'applaudire a qualcheduno d'urlargli dietro.

Viva e moia, son le parole che mandan fuori più volentieri;
e chi è riuscito a persuaderli che un tale non meriti di essere squartato, non ha bisogno di spender più parole per convincerli che sia degno d'essere portato in trionfo.: attori s, spettatori, strumenti, ostacoli, secondo il vento, pronti anche a stare zitti, quando non sentan più grida da ripetere, a finirla quando manchino gli istigatori, a sbandarsi quando molte voci concorsi e non contraddette l'abbiano detto.....


4 commenti:

  1. Insomma il popolino.
    Nessun progresso o quasi dal 1628.

    RispondiElimina
  2. Grande don Lisànder: foto a colori.

    RispondiElimina
  3. Bravo Ale, avantissimo
    C

    RispondiElimina
  4. Una foto perfetta e ahinoi senza tempo

    Charlie

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails