mercoledì, gennaio 20, 2016

Il paese dei coppoloni di Vinicio Capossela



Vinicio Capossela si mette in viaggio nella sua terra di origine, l'Irpinia, e ne racconta radici e tradizioni ("il sangue, le ossa ci riportano inconsapevolmente alle nostre radici"). Lo fa in un docu film al cinema solo per due giorni (ieri e oggi).
Un viaggio suggestivo, profondo e poetico ma che dopo un po' finisce per avvitarsi su sè stesso, diventare tremendamente statico e autoreferenziale.
Alla fine inconcludente per quanto interessante se si ama il personaggio e un certo tipo di "mondo".

PS: non so se sia una specificità di Piacenza ma 13 euro di ingresso mi sembrano un'esagerazione (per usare un eufemismo)

44 commenti:

  1. "Inconcludente statico e autoreferenziale."
    Qualche anno fa andai a un concerto di Sergio Caputo a Milano, locale raccolto qualche centinaio di persone non di più. Appoggiato al palco con un paio di amici ci gustammo l'ottima performance del nostro. Alla fine andammo a prenderci una birra, staccai la locandina dal trepiede all'ingresso e tornai, fendendo la ressa, verso il palco. Mi feci autografare la locandina da Sergio e dai membri della band e stavo complimentandomi e facendo quattro (insperate) chiacchiere col cantante quando ecco sto tipo che salta su si piazza tra me e Caputo e comincia a parlargli, la faccia di Sergio fu un programma.Riusccì a ringraziare a malapena e mi feci indietro. Morale il tipo, Vinicio Capossela, si sedette al piano e cominciò a cantare una canzone sua costringendo più o meno i cinque ad unirsi a lui (non ricordo ma forse lo mollarono dopo un paio di minuti)lui proseguì e fece due/tre pezzi:malato di protagonismo e totalmente fuori luogo.
    Dopo aver sentito il meglio del repertorio di Sergio Caputo le sue due/tre canzoni facevan cagare, fortunatamente non lo cagò quasi nessuno.
    Anche un euro direi troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacevano i suoi primi dischi, fino a "Camera a Sud", gli altri sono delle ciofeche.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Ahahahahaha......
    Anche gratis sarebbe quasi troppo.
    E' uno dei misteri che non riesco a capire. Fa' un disco di....mariachi: capolavoro. Fa' un disco di musica greca (?), che nessuno si sognerebbe di suonare:capolavoro. Rumiz fa' un giro per gli Appennini, per uin pezzo di strada lo accompagna Capossela. Va' a Calitri, tira fuori la banda del paese, ci fa' un disco: capolavoro.
    Oh, o sono rincoglionito io o qui piu' di qualcuno ci marcia che e' un piacere.

    RispondiElimina
  3. Gallo pensa una finale Juve-Alessandria...e solo per il miracolo in corso la Coppa dovrebbe essere "grigia" !!!
    C

    RispondiElimina
  4. A me alcune sue cose piacevano. Poi è crollato e mi sembra che ogni cosa che faccia sia (appunto) un capolavoro.
    Questo film uguale: bla bla bla, un po' di riprese carine, qualche effetto "rurale" (il vecchio del paese che suona il violino, l'altro vecchio che canta una canzone dei nonni, qualche battuta in dialetto "lingua arcaica" etc etc). Va bene eh ma se vado a Centenaro una domenica con una telecamera lo faccio molto meglio

    RispondiElimina
  5. Eh, sarebbe bello ma le favole si sa finiscono, spesso sul più bello

    RispondiElimina
  6. Comunque nella Coppa Italia 1935/36 l'Alessandria andò in finale contro il Torino eliminando il Milan (1-0)in semifinale. Qualche analogia cè: stesso avversario in semifinale ed eventuale finale contro compagine torinese (l'altra in questo caso), ma in quella stagione i Grigi erano in Serie A .
    Ora sono due categorie sotto e le partite sono due, un po troppo così ad occhio.

    RispondiElimina
  7. A memoria ricordo il Plymouth Argyle al tempo in III Divisione semifinalista di FA Cup nel 1983/84 battuto dal Watford (I Divisione) al Villa Park in semifinale.

    RispondiElimina
  8. O il fantastico RC Calais finalista in Coupe de France nel 2000 dopo aver battuto RC Strasbourg e Bordeaux (clamoroso 3-1 in semifinale) di I Divisione. In vantaggio contro il Nantes subirono il pari e poi persero al 90' su rigore inesistente in quella che ricordo come una delle cose più crudeli che abbia mai visto su un campo da calcio.

    RispondiElimina
  9. Contro il Nantes in finale of course.

    RispondiElimina
  10. Tra l'altro se l'Alessandria andasse in finale con la Juve passerebbe dritta all'Europe League (considerato che la Giuve nelle prime tre ci finisce). O no?

    RispondiElimina
  11. Anche se le semifinali sono andata e ritorno e il Milan pur sgangherato di adesso non dovrebbe avere troppe difficoltà a passare sulle due partite

    RispondiElimina
  12. Il Milan è comunque una squadra in ripresa e due partite sono troppe quando la differenza è tanta

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. Anche ammettendo che i Grigi vincano l'andata poniamo 3-1, come fece il RC Calais contro il Bordeaux (che era campione di Francia uscente e quell'anno fin' quarto), un 2-0 nel ritorno di S.Siro sarebbe ampiamente alla portata del Milan.

      Elimina
    2. Comunque non direi purtroppo.
      Il calcio è così ed è bello anche per questo, i Grigi erano più o meno spacciati anche a Palermo.
      La cosa fantastica è esserci. Se non la si vede così tutto perde significato.

      Elimina
  14. Questo aumenta le recriminazioni genoane.
    Sono felicissimo per il cammino dell'Alessandria in Coppa, spero davvero che continui.
    Certo che se il Genoa fosse andato avanti qualche chance di finale adesso le avrebbe, con Perotti e il recupero di squalificati ed infortunati vari, oggi possiamo schierare una squadra in grado di competere contro questo Milan (che non significa vittoria certa).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gallo mercoledi sera? what's about?

      Elimina
    2. Martedì sera, sorry.
      Semifinale di Coppa Italia andata
      Alessandria - Milan allo Stadio Olimpico di Torino, stò cercando i biglietti e un socio che si smazzi la spedizione con me.

      Elimina
    3. ok ok..poteva anche funzionare l'ipotesi Juve Inter..ma dove giocano?

      Elimina
    4. Allo Stadio Olimpico, Corso Sebastopoli, dovresti conoscere il posto.......

      Elimina
  15. per me rimmarrà sempre il Comunale

    RispondiElimina
  16. Galletti, bigolo! Riesci ancora a guardare il calcio?
    Io ho fatto uno sforzo: un tempo di Napoli-Inter (du bal da cumbatiment!...e da interista eh) e un tempo di Lazio-Giuve (orchite....non mi ricordo un tiro in porta. E i telecronisti che alla fine ti dicono bella partita, veloce, copovolgimenti di fronte.....per la velocita' rimettete la corsa degli asini di Miradolo). Mah....
    Alla fine ho pensato che fosse meglio l'Anderson East ai Fame Studios e via andare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto anche Sampdoria - Juventus in tv bel secondo tempo.
      Ma di partite di merda ne ho viste una fila anche negli anni 80/90.
      Juventus 1-0 Como
      Inter 1-0 Cremonese
      Cremonese 0-1 Lazio
      Juventus 1-1 Avellino
      Juventus 0-0 Inter
      Genoa 1-0 Savoia
      Genoa 1-0 Cittadella
      etc etc etc...........

      non guarirò mai.......

      Elimina
  17. Allo stadio non ci sono telecronisti.

    RispondiElimina
  18. Genoa - Alessandria (con telecronaca inglese) e Genoa - Sampdoria allo stadio, Genoa - Palermo in tv (commento in italiano direi non fastidioso e comunque ero a pranzo dal Gino e mi bastava guardare...) decisamente godibili.

    RispondiElimina
  19. Ma ti do ragione i commentatori RAI contribuiscono a rendere una partita più brutta e sciatta di quello che in realtà è. La maggior parte di loro poi sembra costretta a dipingere gli incontri come belle partite anche quando non lo sono per vendere il loro prodotto.

    RispondiElimina
  20. Sefifinaliste di Coppa Italia 2015/16

    Milan
    Alessandria
    Inter
    Juventus

    wow! in ottima compagnia, i Grigi ci fanno un figurone. Spero di riuscire ad andare all'andata, di sicuro sarò a S.Siro al ritorno appuntamento con la storia del calcio italiano , per me imperdibile a prescindere (un po come il disco degli Statuto).

    RispondiElimina
  21. Il problema è riuscire ad andarci allo stadio. Ok è un caso specifico di tifoserie rivali ma leggevo ieri sulla Gazzetta di come un signore, tifoso Grigio, abbia dovuto rinunciare a Spezia-Alessandria, per un eccesso di controlli allucinante.

    RispondiElimina
  22. devo fare la tessera del tifoso per comprare il biglietto dei distinti perchè sono residente in Lombardia, se l'avversario fosse stato la Roma e non il Milan non serviva. Per S.Siro posso comprarlo senza tessera anche se vado per sostenere l'Alessandria.
    No comment

    RispondiElimina
  23. Succede sempre, vado a S.Siro a vedere il Genoa niente, vado a Marassi a vedere Genoa - Milan sono genoano residente a Pavia ci vuole la tessera del tifoso.
    No comment.
    Cosa ci aspettiamo da una legge concepita da Maroni...

    RispondiElimina
  24. Calcio moderno di merda
    C

    RispondiElimina
  25. A VR 14 euri !

    Non mi intendo di calcio ;-)
    ma il film invece mi è piaciuto molto, il tutto rientra nella testa di Vinicio, lo vive, lo racconta, affabula, reinterpreta ci gioca ... lo so a tutti piace ma è così prendere o lasciare.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails