giovedì, novembre 24, 2011

Quadrophenia








“Quadrophenia” è l’album MOD per eccellenza.
Paradossalmente è musicalmente il più lontano possibile dai gusti sonori dei MODS.
Rock dalle tinte hard, gonfiato di synth , archi, fiati, sinfonico, pomposo, con aperture alla musica classica, complesso, raffinato, elaboratissimo.
Ma l’omaggio di PETE TOWNSHEND e soci alla CULTURA MOD riesce a cogliere nel modo migliore l’anima mod.
Altrettanto complessa quanto l’opera rock, lontana dallo stereotipo del teppista in scooter impasticcato (così enfatizzato nel film di Frank Roddam del 1979).

I testi di Townshend colgono perfettamente il disagio adolescenziale di chi non si vuol piegare all’oppressione di una sistema piatto, conforme e omologato ma che vive una realtà dura in modo romantico con una sensibilità portata all’estremo.
Sospesa tra rabbia e stile, tra violenza ed eleganza.
E la voce di Daltrey rende perfettamente, come lui stesso ha spiegato “l’urlo della strada” dell’adolescente Jimmy.
L’irruenza di John Entwistle e Keith Moon fanno il resto.

L’album esce il 19 ottobre del 1973, raggiunge le vette delle classifiche inglesi e americane, diventa l’ultimo GRANDE album degli Who e un classico della musica rock.
La complessità degli arrangiamenti renderà difficoltosa e caotica la resa dal vivo, fino a costringere la band a d abbandonare parte dell’album nelle esecuzioni sul palco.

Adesso, alla fine del 2011, esce una splendida versione Deluxe con l’aggiunta di 25 demo nel cofanetto “Quadrophenia: The Director’s Cut”, che contiene anche il Dvd del film diretto da Franc Roddam nel 1979 e altre rarità.
Demo interessantissimi molto spesso vicinissimi alla versione che poi troveremo suonata dagli Who, altre volte con tutt’altra anima (vedi il tono quasi cabarettistico di “Bell boy”).
Notevoli anche i numerosi inediti (bellissima “Get inside”)

Ha dichiarato Pete Townshend:
Questa riedizione è quella con il sound che io avevo in testa nel 1973: non è troppo pesante, a differenza di quel che si possa aspettare, anzi, ci sono molte raffinatezze».
Quadrophenia: The Director’s Cut” è in pratica la definitiva “Quadrophenia”, così come l’ho sempre pensata, pur essendo molto contento dell’opera sin dall’inizio. L’ho sempre considerato il lavoro migliore che abbia fatto insieme agli Who.


Grazie ad Eleonora Bagarotti per le info e le parole di Townshend

28 commenti:

  1. nulla da aggiungere. vangelo.
    C

    RispondiElimina
  2. più che vangelo direi Bibbia

    Charlie

    RispondiElimina
  3. E' vero hai detto tutto.

    RispondiElimina
  4. La confezione deluxe solito mutuo per comprarla ??

    RispondiElimina
  5. GUARDA C'E'BONZO!!!
    BONZOOOOO!!!
    BONZOOOOOO!!!

    RispondiElimina
  6. CE n'è per tutte le tasche , dai 23 euro ai 100 in base a quanta roba c'è dentro....

    RispondiElimina
  7. Oddio, definirlo come album mod per eccellenza forse no.

    E' stato un disco molto importante per molti mods (soprattutto, molti mods non inglesi, in momenti in cui l'informazione che girava era molto poca).

    Ma direi che non è il disco mod per eccellenza... forse nessuno lo è; anche se personalmente penso "The New Religion" di Jimmy James & The Vagabonds si avvicini molto al concetto.

    Comunque, sempre pareri sono.

    Saluti a tutti!

    A-

    RispondiElimina
  8. Immortale !
    E chiuso il discorso !

    RispondiElimina
  9. Il disco forse piu' vicino all'idea di perfetto album mod e' Rhythm & Soul dei Makin' Time.

    Fabio T.

    RispondiElimina
  10. Decisamente fuori tempo massimo per poter essere il disco mod perfetto. E sono d'accordissimo con te niente di più lontano dal sound mod,mai piaciuto un granchè. Come potere evocativo invece possiamo dire che è al top

    A.G.

    Beach Boys - Surf's up

    RispondiElimina
  11. Musicalmente e concettualmente ci sono ben altri "album mod per eccellenza" da "Rythm and blues at the Flamingo" di Georgie Fame o allo stesso "My generation" degli Who e poi ancora "Glory Boys" dei Secret Affair e i due citati da Albert e Fabio.

    Ma "Quadrophenia" è un album che parla di cultura mod e mods in modo "competente" a appunto "fuori tempo massimo", senza sfruttare il momento.

    Musicalmente è a tratti irritante ad un'orecchia mod.
    A me piace come opera, come concetto, come idea.
    E la prendo per buona nella sua totalità.
    E rimane il mio album preferito di sempre (con "London calling" e il "White album")

    RispondiElimina
  12. hahah! Ciao Galletti..Surf's Up!
    C

    "Bonzo Theme" Bonzo and The New Casula

    RispondiElimina
  13. Surf's up. Lo stavo riascoltando un paio di settimane fa, che disco della stramadonnazza! Sulla copertina c'è l'indiano morente di 'End of the trail'. Poco dopo riprendo in mano Ubik di Philip K. Dick (1969) e ritrovo, anzi il protagonista ritrova, la stampa di 'End of the Trail' appesa al muro del suo appartamento 'regredito'. La sera stessa accendo la TV e cosa mi ritrovo a tutto schermo (avete presente quando si blocca il dgitale terestre e resta la stessa immagine per un paio di minuti?) La scultura di 'End of the Trail', gigantesca e minacciosa perchè ripresa dal basso.
    Coincidenza, ovvero l'effetto noto di causa ignota.

    RispondiElimina
  14. molto suggestive queste coincidenze Pibio.
    sara' l'effetto magico che mi ha sempre fatto il disco ed il pezzo omonimo.

    Columnated ruins domino

    Child is the Father of the Man

    C

    RispondiElimina
  15. TELEPATIA CASULA!!!!
    Mentre lo ascoltavo ieri sera mi messaggia il Cortez consigliandomi qual'era la miglior versione da cercare,folgrato! Doveva per forza esserci anche qualcun'altro, grande Pibio, ma in che razza di casìno ti trovi con 'sto libro tra le mani, ha ha ha ha ma forse hai ragione l'Inter di oggi è assai più allucinatoria!

    Io comprai Quadrophenia impiccando gli unici soldi che avevo in tasca al momento con un'aggiuntina visto che era doppio:rimasi malissimo!e in bolletta, ricordo che fui tentato di spezzarli in due! Ridondante,sinfonico, complesso, fate vobis , ma spariamo ad alzo zero (anche giustamente) su Genesis e Led Zeppelin per non parlare più di 3/4post fa di ri-editions di roba che non se ne può più, ma questo va bene? I don't understand...
    Nel 1973 tra l'altro il look degli Who era a dir poco aberrante per non parlare del basso di Entwistle con 10 cm di barba in più lo avrebbero preso negli ZZ Top, ma daaai....cosa c'entravano i mods? Quadrophenia è' (al pari di Tommy) l'espressione più genuina della mente del menosissimo Townshend che sfoga la sua (tanta) repressione e (poca) rabbia in lunghe elucrubazioni teatral/rock/musicali. E' legato solo al potere evocativo delle immagini ad esso associate.

    Ciao Cris ora Surf's up me lo esploro per benino

    RispondiElimina
  16. Quadrophenia capolavoro. Punto.

    RispondiElimina
  17. Ciao AlbertoG!
    Surf's Up lo consiglio come pezzo,ma anche il disco intero..Come vedi ci si contagia a vicenda (io te Cortez Pibio).
    Quadrophenia? ottiche diverse..
    secondo me gia solo leggerne la storia all'interno ha gia un potere evocativo senza eguali. Ilfilm viene dopo (mai associato a quelle musiche le immagini del film, per il film c'e' la soundtrack)
    e i testi?
    Come on come on

    C

    RispondiElimina
  18. Who in odore di prog - Sir Galletti si incazza!!! Ahahahahah!!! Ma io non scomoderei Genesis, Yes e compania baroccheggiante... Secondo me l'alone di leggenda lo ha reso un disco mitico...in realtà musicalmente è un bel disco, con episodi stupend, 5:15, The real me (aka: at the barbera gates), ecc... certo ha tanti difetti... sulla questione dei mods è chiaro che loro nel 73 non eran più mods da tempo e il disco non vuole essere un disco mod per i mods, ma un'opera rock (in senso più ampio) che parla di uno che era un mod...poi è chiaro che non poteva non diventare un simbolo per i modernbisti a venire...

    W

    RispondiElimina
  19. Ciao Cris.

    Ok, un passo indietro:
    sul potere evocativo (ri-sottolineo) legato alle immagini niente da dire, l'ho citato io.
    Sui testi dovrei ripassare.
    Secondo me il film è mod, il disco no,e aggiungo il disco sarà un capolavoro (ma sono solo un ascoltatore e il mio giudizio è ovviamente carente),mentre il film senz'altro non lo è, ma il disco non mi piace e il film si, anche se cattura una prospettiva molto ristretta. Ad ogni modo sono solo le mie opinioni personali. Il disco è un esercizio personale in retrospettiva, sicuramente è onesto intellettualmente da parte dell'autore ma tradisce clamorosamente dal punto di vista dei contenuti musicali che sono solo l'evoluzione della saga Townshendesca,punto.
    Ieri sera poi mi sono ascoltato l'lp Party dei BB con pezzi dei Beatles etc, leggerino ma bello.

    RispondiElimina
  20. Albe,centrato il punto (personale che sia)..
    (BBoys? sfondi una porta aperta. Prosegui (pre-pet sounds) con BBoys Today e Summer Days Summer Nights). Bye!

    W,esatto. ben riassunto lo spitrito di Pete.

    E tutti insieme At The Barbera Gate!

    C

    RispondiElimina
  21. Jezabel-Herman's Hermits
    C

    RispondiElimina
  22. Ha ha grande Cris, son ben fornito coi BB,anche pre-Pet Sounds, e ogni tanto mi ci diverto.

    RispondiElimina
  23. Non sarò mods, sarà filo prog, troppo rock,non lo so, so solo che quando metto su il disco mi vien voglia di accendere la Vespa e andare.
    Fabio brutus

    RispondiElimina
  24. The real me, Love reign o'er me, the punk and the godfather son capolavori. ci trovo un pò la summa di intimismo, rabbia, stile e sfrontatezza mods

    surf's up versione "smile sessions" è supercool, bellissima, da paura!!!

    cortez

    ennio morricone - l'estasi dell'oro (the good, the bad, the ugly)

    RispondiElimina
  25. BBoys Today e Summer Days Summer Nights per me sono 2 dischi MUST, mooolto meglio di Pet Sounds (bello, suoni incredibili ma dopo un po' che du balle!!)

    RispondiElimina
  26. Si Pibio, concordo. Picchi fenomenali in Pet Sound ma anche roba noiosa, gli altri due da te citati son belli davvero.

    RispondiElimina
  27. Anche a me quando metto Qadrophenia vien voglia di accendere la vespa, così posso scappare, dopo aver sfaasciato giradischi e disco, così non ci penso più, ha ha ha ha

    Beach Boys - When I grow up (to be a man)

    NEVER!! hahahaha

    RispondiElimina
  28. il cofanetto de lux di quadrophenia director's cut è piuttosto caro è vero, ma è una tale chicca che non sono riuscita di farne a meno, ne ho fatto un discorso da collezionista. Suggerisco ai vari who fan interessati al prodotto e che non sono disposti a farsi spennare...di andare su AMAZON.it li troveranno quadrophenia ad un prezzo molto più accessibile rispetto ai negozi, te lo consegnano a domicilio e non paghi la consegna...volete che sia più esplicita? euro 75 contro i 109.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails