lunedì, marzo 07, 2011

Internet ci rende più idioti ?



Nella foto: Steve Jobs e Bill Gates

Stiamo diventando più superficiali e smemorati, e la colpa è di Internet.

È la tesi di Nicholas Carr, giornalista del New York Times e di Wired, nel suo nuovo saggio The shallows. What the Internet is doing to our brains , corposo approfondimento di un articolo del 2008, Is Google making us Stoopid?: «Quando siamo online si rinforzano i circuiti neurali che usiamo per analizzare superficialmente e rapidamente grandi quantità di informazioni, e si indeboliscono quelli che ci permettono di capire a fondo ciò che stiamo leggendo... le persone più vulnerabili alle distrazioni sono coloro che fanno uso intensivo di email, sms, siti web, social network.
Col tempo il cervello si abitua ad un processo di attenzione "dal basso", dove ogni minimo stimolo diventa importante e la scelta sulle cose da osservare o ignorare diventa sempre meno consapevole».

Ci concentriamo meno. E ricordiamo meno.

"Lo scopo di Google è di attrarre velocemente gli utenti sul motore di ricerca e "mandarli via" con altrettanta velocità. Google monetizza i nostri click con i suoi sistemi di advertising: è nel business della distrazione».

«Sia che si tratti di Facebook o di Twitter, ciò che la Rete ci offre è un flusso costante di interruzioni: e la loro assenza può farci sentire socialmente isolati. E questo è vero soprattutto per i più giovani».

55 commenti:

  1. ...piu' idioti no, piu' vuoti si' (almeno per me). Non e' peggio della televisione, di certi giornali e di altre cento cose che "possono fare male". Sarebbe importante non abusarne. Io uso internet per lavoro e ogni tanto divago. Non so' cosa sia feisbuc, tuitter..e non ci sto' neanche male. Appena posso sto' con la morosa, qualche amico a fare dei tiramulini di discorsi...Il Gallo ne sa qualcosa, nel senso che se viene a casa mia, come minimo si stappa una bottiglia, si pilucca qualcosa e vai con musica, sport e altre balle. Come diceva in una bellissima pubblicita' d'altrin tempi Ernesto Calindri: " contro il logorio della vita moderna..."
    P.S. Tony, contento tuo filglio? Albert, hai sognato per dieci minuti, poi Eto'o s'e' incazzato..

    RispondiElimina
  2. Eh lo so , ma non abbiamo un'età che ha visto ARRIVARE internet con annessi e connessi, ne è rimasta incuriosita e poi è tornata alle buone vecchie abitudini, CONVIVENDO con la nuova tecnologia, usandola, ma non facendosi usare.
    Al contrario vedo gente giovane e giovanissima completamente schiava, scambiare il virtuale come realtà.
    Diventando idiota.

    Bella partita, Inter impressionante (difesa imbarazzante però...)

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo...anzi come in una vecchia intervista televisiva di Luigi Garzya: "sono completamente d'accordo a meta'". Mi sa che non ci sono solo i giovanissimi, ma tanti vecchietti che si fanno fagocitare dalla rete. Mezz'ora fa' un collega, che viaggia verso la mia eta', mi ha chiesto se ho un profilo feis...al lunedi' mattina! Ho un profilo basso, da weekend duro, quello si'.
    La difesa dell'Inter, forse, rispecchia l'allenatore brasileiro. E qui da noi il primo non prenderle e' fondamentale. Guarda quanti gol ha preso il Milan negli ultimi due mesi e la sua classifica, e capisci perche' vincera' lo scudetto.

    RispondiElimina
  4. Difficile sapere cosa ci aspetta. L' uso che faccio di Internet è davvero limitato: il mio primo computer l' ho avuto a 31 anni e per due anni l'ho usato solo per masterizzare. Da un po' di tempo, invece, mi sono convertito ad un moderato e mirato utilizzo di Facebook: per lo più cose che riguardano musica, libri, films...anche per dire due cazzate.

    Insomma, quello che succede anche su questo blog. Non riesco a trascorrere più di 15 minuti per volta davanti ad un monitor e ringrazio dio di non essere costretto a passarci ore per lavoro.
    Che dire?
    Tony ha ragione: per i giovani ed i giovanissimi, può essere un problema serio. Tuttavia noto, ad esempio, come molti ragazzi raggiungano un livello di "conoscenza", ad esempio in ambito musicale, elevato ed in breve tempo: io alla loro età non ne sapevo manco la decima parte.
    Un bene? Un male? Chissà.
    Sono trasformazioni sulle quali possiamo porci, giustamente, domande, ma in definitiva sarà sempre e soltanto il tempo a darci, forse, le risposte.

    AndBot

    RispondiElimina
  5. Il Milan non vincerà un bel niente.

    RispondiElimina
  6. Forse Tony si riferiva alla difesa del Genoa.

    Non mi sono illuso, come sempre so i risultati alle 8 di sera a cose fatte. Ieri l'ho saputo da un compagno di squdra (interista abbonato) che mi ha chiamato per altre cose premettendo "non ti chiamo per la partita" Perche? gli faccio io; e allora mi ha spiegato l'accaduto. per fortuna mi ero appena finito di gustare l'incredibile vittoria dell'Inghilterra sul Sud Africa al mondiale di cricket (sul web, guarda un po!).
    Io sul web mi svago passo un po di tempo piacevole,come faccio qui ad esempio e casomai mi arricchisco sempre un po, rincretinirsi no sicuro. Meglio passare a trovare il Burro certo ma con almeno una bottiglia di mezzo ci vuole tempo, certo i discorsi, così come gli incontri son sempre magnifici. Mi rivedo in quel Carosello di Calindri, grande!
    Mio figlio più grande ci passa del tempo,tiene contatti con gli amici, cerca e ascolta musica, insomma non mi pare idiota noi ovviamente gli stiamo appresso.Dipende che uso se ne fa come tutto del resto, ogni epoca ha avuto giovani e giovanissimi ai quali è sfuggito di mano quello che era l'equivalente dell'epoca del web oggi.

    W il Genoa sempre

    RispondiElimina
  7. Aggiungo:

    è comunque vero che si ha la tendenza a fare tutto velocemente; ed è vero che ogni tanto capita di perdersi per via della possibilità di una ramificazione della ricerca pressochè infinita.

    RispondiElimina
  8. I rischi esistono,ma come al solito le generalizzazioni INGANNANO.
    Concordo con Tony sul fatto che la nostra generazione ha visto di meglio,anche sul piano umano e comunicativo,però in mezzo a tanto svacco e superficialità esistono cose davvero interessanti e la rete amplifica anche queste,ci permette di far viaggiare le emozioni in tempo reale.
    I rischi sono un po' quelli che nasconde sempre ogni massificazione,per cui tutto rischia di divenire uniforme e poco credibile...inoltre credo che le persone che divengono schiave di internet hanno già dei problemi di per se : quando non c'era internet lo stesso tipo di persone diventava schiava del gioco d'azzardo,delle droghe o di certe manie ossessive (negli USA esistono addirittura cliniche di disintossicazione dall'abuso di SESSO !) quindi è un discorso molto più vasto,che riguarda la cultura e certe abitudini di vita,che invece dovrebbero cambiare,con internet occorre trovare un equilibrio come in tutti i settori...musica compresa,visto che oramai sembra che qualunque pirla si senta in grado di pubblicare dischi e farne commercio come se si trattasse SEMPRE di capolavori!
    Certa gente che mette video su youtube fa paura !

    RispondiElimina
  9. ABBIANO anzichè HANNO,pardon...

    RispondiElimina
  10. E' un cambiamento radicale per l'utilizzo della memoria e della modalità di applicazione della memoria stessa alle nostre funzioni.

    Per scrivere "Mod Generations" ho messo a frutto la mia memoria, la mia esperienza, i miei dischi, ma soprattutto INTERNET, su cui in pochi minuti ho trovato tutte le info necessarie.

    Ursus per scrivere il suo "Manifesto Beat" sulle bands degl ianni 60 ha dovuto mettere mano a memoria e dischi stessi da cui prendere informazioni. Tutto un altro modo di far lavorare la testa.

    Sto scrivndo LA STORIA DEL ROCK A PIACENZA dal 1960 ad oggi.
    Su internet c'è poco o nulla prima degli anni 90. Sto cercando le persone ad una ad una annotando i loro ricordi e dati su un quaderno per poi mettere insieme un mosaico intricatissimo di informazioni e date.

    quello che paventa l'autore del libro di cui si parla nel post è un progressivo addormentarsi delle nostre capacità intellettive e mnemoniche, affidandoci solo ad internet (DOVE PERALTRO NON SEMPRE LE COSE SONO CORRETTE, sempre generalizzando)

    RispondiElimina
  11. Io voglio una clinica per INTOSSICARMI di sesso!

    AndBot

    RispondiElimina
  12. Senza Internet e Facebook io e Luca Re non saremmo riusciti a mettere in piedi il tour per l'amica Fay per il prossimo aprile. Per me non è poco.

    Fabio T.

    RispondiElimina
  13. SI,infatti esistono moltissime cazzate in rete,senza ombra di dubbio !
    Le stesse cazzate però le troviamo nella vita quotidiana,nelle televisioni,nei giornali o nei locali pubblici...per cui credo che come sempre il tempo stia facendo la sua selezione naturale,infine rimarranno molte cose importanti e tutto il resto si perderà inutilmente.
    La fatica enorme che si faceva un tempo per scrivere libri od articoli,infatti,aveva l'effetto NEGATIVO di essere molto lunga e di risultare molto inadeguata,incompleta...di contro l'effetto POSITIVO era quello di essere puramente frutto di passioni e non di calcoli razionali o di interesse,per cui le due cose si compenetravano.
    Direi però che queste dichiarazioni di esponenti del giornalismo o della sociologia sono sempre da prendere con le molle,perchè MOLTI di questi hanno interessi reali a denigrare internet e gli stessi mezzi televisivi lo fanno (vedi Emilio Fede o altri) perchè internet sta portando via un grosso bacino di utenza ad altri settori dell'informazione : è un po' la stessa cosa che si diceva tempo fa riguardo alle nuove tecnologie,quando compare un mezzo più moderno e di facile utilizzo c'è sempre qualcuno che esclama "Era meglio prima!"...ma c'è da stare attenti a certi tranelli.

    RispondiElimina
  14. Il web è una cosa super!
    Forse personalmente mi sono rincogninito un po'
    ma quando mi INTERessa qualcosa soddisfo instantaneamente la mia voglia di sapere...
    Fantastico.
    Dipende cmq d cosa ci fai col web. Ormai esistono vere e proprie patologie (ansia da mail, per esempio o per non parlare di quelli che giocano),
    C'è tutto. Senza la rete come fareste ad appassionarvi ai post di Tony Face?

    RispondiElimina
  15. Giusto Tarkus!

    AndBot: chiedi ad Ursusse

    C

    RispondiElimina
  16. x TUTTI:

    UN CASULA SECONDO VOI PUO' "PILUCCARE"?

    RispondiElimina
  17. No. Esattamente come non può "turbarsi".

    AndBot

    RispondiElimina
  18. Comunque, personalmente, ero già abbastanza rincoglionito anche pre-internet. Non credo di essere peggiorato. Nemmeno migliorato, certo.

    Nel dubbio vi saluto e vado a farmi un bicchierino.

    AndBot

    RispondiElimina
  19. interessante la tesi di Nicholas Carr. adesso vado su google e cerco qualche approfondimento

    RispondiElimina
  20. La clinica per intossicarsi di SESSO esiste: in Ungheria hanno aperto un locale in cui il pubblico va liberamente a trombarsi delle zoccole locali (molto belle!) senza pagare un centesimo,debbono solo rilasciare l'autorizzazione ad essere ripresi di nascosto per siti internet e video hard...sapete chi sono il 90 % dei "clienti" ?
    ITALIANI ! Ma qualcuno è già stato pizzicato dalle rispettive mogli ed è successo un bel casotto (in tutti i sensi)...sto lavorando anche io per un sito del genere,ma non posso fare reclame
    CONSIGLI PER GLI ACQUISTI !

    RispondiElimina
  21. dai ursus che veniamo tutti dopo il pranzocena sociale

    RispondiElimina
  22. bum bum amore lungo?

    RispondiElimina
  23. Non la sapevo questa di Budapest, e ci sono anche stato mannaggia!!

    RispondiElimina
  24. Vergognatevi !!!
    Non c'è più religione...Tony,digli qualcosa a questi zozzoni !

    RispondiElimina
  25. E bastato un post tutto IN TOPIC per scatenare un immediata reazione

    RispondiElimina
  26. Oh, sul giornale 'libertà' c'è la storia di un tizio che ha fatto da Fiorenzuola a Kiev su un Apecar! che grande.

    RispondiElimina
  27. Internet mi sta fottendo i neuroni, se non fosse per le splendide teste di cazzo che ho conosciuto (Casula Boys) e per la condivisione che ne è scaturita (comunismo?), l'avrei già spento da un pezzo ma sono un animale di relazione e il moderno passa per una fottuta tastiera con monitor.

    Albe, grande compilation hai ragione le tue osservazione sono giuste, il Soul e il Funk sono per gente col cazzo duro (scusate il francesismo ah ah aha)

    Massimo Rispetto per Curtis Mayfield

    W i Casula

    RispondiElimina
  28. Ho letto con attenzion tutto qello che avete scritto, perche' io sono persna attenza oltrehc intleigente,
    Non ho capito soo una cisa, ed essendo anche umile io chiedo.
    Cosa è internet?

    RispondiElimina
  29. Grazie ANDREA B..una mimosa anche x Te
    C

    RispondiElimina
  30. da oggi verra' bandito il TURPILOQUIO specialmente quello dei CASULA LIGURI, gente grezza si sa
    C

    RispondiElimina
  31. Noooo Cris, il torpiloquoi e un must per i CASULA. Gentlemen, posati e cool, ma il torpiloquio e necessita !!!

    RispondiElimina
  32. Gente ruvida da millenni i Liguri.
    Tra l'altro popolazione di origine non-indoeuropea, al pari di Etiopi e Sciti. La più antica popolazione europea quindi (il caso degli Iberi è ancora aperto, ma pare derivino da un ceppo africano).
    Anche il piacentino era tutto in mano ai Liguri (e agli etruschi).
    Direi quindi ai leghisti di stare in campana, perchè verrà il giorno che diremo 'padroni a casa nostra' e ci libereremo di loro, brutti invasori Barbari Celti zozzoni!

    RispondiElimina
  33. I liguri non sono mai stati sconfitti dai Romani. Si rintanarono in Alta Valnure e da li non riuscirono mai a schiodarli. Fanculo ai Celti

    RispondiElimina
  34. I leghisti non hanno mai capito un cazzo di storia...tanto che riportano per simbolo Alberto Da Giussano,che dovette combattere pure CONTRO i piemontesi ! Quindi Borghezio e soci restano buoni per fare salsicce e cotechini,giusto per una sagra paesana.

    RispondiElimina
  35. Quello che fa' girare i coglioni, pero', e' che questi bovari sono strapagati per.....fare cosa? Non mi viene nulla...Tipo il figlio del loro capo, uno che non riesce a fare la O con il bicchiere...Mah!

    RispondiElimina
  36. ok Tony ricevuto.
    W le E con l'accento,pero'
    segnorosso
    C

    RispondiElimina
  37. Bel simbolo, tra l'altro, Alberto da Giussano. E' una leggenda, come re Artù di Camelot e il Milan...roba che in realtà non esiste.

    RispondiElimina
  38. Mi fa piacere che almeno Gipo Farassino li abbia abbandonati,di lui avevo ancora un ottimo parere...per cui SANGON BLUES perlomeno si è salvata e la posso canticchiare ancora !
    W GIPO !

    RispondiElimina
  39. Per tornare in topic:
    A me l'Internet mi ha miglirato ma forse ha scelt solo la via più facile: Rendermi PIU' idiota di quanto già non fossi era un'impresa titanica

    RispondiElimina
  40. vietato tornare IN topic
    Il Trota

    RispondiElimina
  41. blog di sibaryti

    RispondiElimina
  42. orgoglioso di essere figlio di immigrati dell'oltrepò pavese che misci (tasche vuote) raggiunsero la Superba in cerca di miglior vita

    i Liguri sono una razza selvatica, ti accettano se ti comporti come loro (Casula Rule)

    popoliamo un territorio difficile per morfologia con il fianco meridionale che impedisce qualunque espansione se non a remi, a vela o a motore, quello settentrionale come tutte le località di montagna è popolato dai più teste di cazzo in assoluto perchè gli manca l'immaginazione che viene dal mare quando soffia la tramontana

    RispondiElimina
  43. E quando si sono mossi per mare hanno conquistato il mondo!

    RispondiElimina
  44. fecero del Mediterraneo un grande Emporio, tra una guerra e l'altra, ci mangiarono e crebbero tutti da Gibilterra alla Crimea, da Alghero a Tripoli, erano già globalizzati 500anni fà senza Internet

    RispondiElimina
  45. E negli anni 80 esportarono in tutto il globo le tette di Carmen Russo !

    RispondiElimina
  46. nei 90's mandarono nello spazio il primo astronauta italiano Franco Malerba originario di Busalla (Valle Scrivia)

    RispondiElimina
  47. Anche Moana Pozzi,se non sbaglio,era ligure !

    RispondiElimina
  48. e anche quello fissato che voleva andare nelle indie e ha scoperto l'america era genovese! alcuni dicevano addiruttura d'origine piacentina, ma la storia è stata in parte smentita.
    Colombo bettolese come Bersani? mah...

    RispondiElimina
  49. su la Pibio ! che paragoni....

    RispondiElimina
  50. eh bè!
    tutti e 2 han fatto/fanno/faranno disastri
    :-)

    RispondiElimina
  51. ma solo noi abbiamo il PIAN DELLA MUSSA!!!!!
    hahahah!!
    C

    RispondiElimina
  52. Cris il Metallurgico subito Doge della Suberba

    Ah ha ha!!

    RispondiElimina
  53. Prima di Colombo,nelle americhe ci mise piede CESARE RAGAZZI : è tutto documentato !
    Tanto sul web,ormai,passa qualsiasi panzana,potrebbe passare pure questa !

    RispondiElimina
  54. Doge della Superba Mussa!
    cavoli..suona come LOVE SUPREME

    C

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails