lunedì, marzo 21, 2011

Dalla parte giusta




Giovedì io e Rita (Lilith) siamo volati a Torino a provare un paio d’ore (le uniche..) con gli International Jetset. Il giorno dopo abbiamo suonato, dando come sempre tutto, al Primavera Beat ad Alessandria.
La cosa più bella delle poche ore trascorse con Luca, Giorgio, Lallo e Robbo sono stati i racconti delle migliaia di concerti che, messi insieme, abbiamo fatto praticamente in tutto il mondo. Per passione, due soldi due, per cercare un ‘ALTRA STRADA.
Alla ricerca di un’ IDENTITA’, di uno SPIRITO di APPARTENENZA, di una nostra CULTURA.

Il giorno dopo al “Primavera Beat” ad Alessandria abbiamo visto Salvatore Coluccio, Anna Paola Falzoi e tanti altri loro amici sbattersi all’inverosimile (e difenderla con le unghie e i denti quando è stato il momento) per la loro creatura, un festival di musica (dove c’erano banchetti in cui si vendevano LIBRI , FILM e DISCHI, cioè CULTURA)
Alla ricerca di un’IDENTITA’ con SPIRITO DI APPARTENENZA, creando e facendo CULTURA.

Il sabato siamo volati a Savignano sul Rubicone, in Romagna, al “Sidro” di Leo Cola, una persona che, comunque la rivolti, fa sempre rima con PASSIONE e ROCK n ROLL.
Ogni settimana porta nell’entroterra romagnolo rock, punk, garage da ogni parte del mondo.
In nome di un’IDENTITA’, SPIRITO di APPARTENENZA, proponendo CULTURA.

Alla fine del concerto siamo andati a ballare fino all’alba in un piccolo pub dove un paio di DJ passavano una raffinata e competentissima selezione di oscuri brani latin soul, freakbeat, psichedelici, beat e decine di ragazzi la ballavano fieri e contenti della loro IDENTITA’ , con SPIRITO di APPARTENENZA, all’interno di una CULTURA.

CULTURA di cui avevo parlato nella presentazione di “Mod Generations” sul palco del “Sidro” (per la prima volta in piedi su un palco con il microfono in mano da front man, dopo 33 anni dietro ad una batteria o a delle percussioni. Emozionante).
La CULTURA, l’IDENTITA’, lo SPIRITO di APPARTENENZA dei mods.

Poco dopo a metà del concerto di Lilith & the Sinnersaints (dove c’era un banchetto in cui si vendevano LIBRI, FILM e DISCHI cioè CULTURA) sono entrati nel “Sidro” dei tizi vestiti di nero, più o meno da ufficiali nazisti, anche i calzoni, ma con una striscia rossa.
Quelle persone a cui “la disoccupazione ha dato un bel mestiere, mestiere di merda....”.
Dovevano “fare un controllo”.
Un cazzo di controllo a due passi da centinaia di discoteche dove ogni weekend a migliaia di giovanissimi viene rifilato pessimo alcool e montagne di fetenti droghe sintetiche.
Ma quelle il controllo, mai.
E hanno fermato il concerto per mezzora.
Fermare un concerto anche di un gruppo sfigato come il nostro, è come BRUCIARE UN LIBRO, chiudere una BIBLIOTECA, buttare giù un CINEMA, trasformare un TEATRO in un parcheggio.
Poi abbiamo ricominciato con “Hammer ring”, un canto di speranza degli SCHIAVI neri, che riaffermavano la propria IDENTITA’, il proprio SPIRITO di APPARTENENZA, la propria CULTURA.

I ragazzi e le ragazze che ho citato hanno scelto di stare da una parte.
Dove c’è IDENTITA’, SPIRITO di APPARTENENZA, CULTURA.
Cioè dalla PARTE GIUSTA.
E IO STO CON LORO.
E li ringrazio di esserci.
Fanno delle nostre vite qualcosa di più bello
.

Buenaventura Durruti:
“Le rovine non le temiamo.
Ereditiamo la terra.
La borghesia dovrà farlo a pezzi il suo mondo, prima di uscire dalla scena della storia.
Noi portiamo un mondo nuovo dentro di noi, e questo mondo, ogni momento che passa, cresce.
Sta screscendo, proprio adesso che io sto parlando con te.”


30 commenti:

  1. Grande Tony! Oltre a dirti che siamo tutti sulla stessa barca, mosche bianche in un cielo grigio tendente al nero, queste serate, festival e altro sono la nostra benzina. Belli sfiniti, a fine weekend, ma con sorrisi stampati sulle ghigne, che sembriamo ebeti con paresi facciali. Sono le cose belle della vita.. E purtroppo sono le cose che danno fastidio a troppi servi di regime.

    RispondiElimina
  2. un paio di video della serata
    Kissin' cousins
    http://www.youtube.com/watch?v=zgtkSEUS174

    Get Ready
    http://www.youtube.com/watch?v=D1lpKxCUVvA

    RispondiElimina
  3. Strano che non siano venuti anche ad Alessandria...

    La gente che locali di intrattenimento (posti piccoli soprattutto) si scontra con questa merda ogni giorno, con l'aggravante che ci deve tirar fuori da vivere ed è in balia dei controlli della legge e vive costantemente nel panico. Questo è il paese dove vivi (e dove vuoi morire anche, forse l'unica cosa che si possa fare in questo merdaio senza rotture di coglioni eventuali,che però stai tranquillo ricadranno su chi rimane), la loro bandiera è la stessa che hai tu, l'hai esposta l'altro giorno?
    Le droghe (anche l'alcool lo è) non sono un esclusiva di quegli altri locali.

    Fuck-off!

    RispondiElimina
  4. Bellissimi i video !!!
    Internationa Jetset replicano a Trento l'11 giugno al Ciclamino PArty Festival.
    Get ready !!

    RispondiElimina
  5. Bandiera esposta.
    Ci voglio vivere e morire per cambiarlo 'sto merdaio e farlo diventare un po' migliore. Mica tanto, ma solo un po'.

    Droga e alcool sono dappertutto (dal parlamento e il vaticano fino alle peggiori bettole di Caracas), ma in certi posti vanno bene e si può fare, in altri no.

    RispondiElimina
  6. Hey anonimo. Riesci a farmi avere un DVD con i videos. Mi contatti via FB o a info@lilithandthesinnersaints.com ? thanx

    RispondiElimina
  7. Anche io ero al Sidro,
    mi dispiace per quello che é successo,io vivo tutti i giorni le contraddizioni che ha raccontato Tony,e che ,nel mio piccolo cerco di combattere da anni.
    purtroppo non è la prima volta che vedo uno spettacolo interrotto,da qualche forza dell'ordine,quando a qualche chilometro di distanza nelle discoteche della riviera si consuma di tutto(e non parlo di sostanze lecite) senza parlare dell'alcool.
    il Sidro poi vi assicuro chè è un posto assolutamente pulito,io ci vado spesso a vedere concerti,è una piccola oasi in romagna,un posto da difendere con il coltello tra i denti.
    Lilith era delusa a fine concerto,mi diceva che l'interruzione aveva rovinato l'atmosfera.
    Ma proprio il riprendere da dove si era stati interrotti,la band con lo spirito di prima ed il pubblico al proprio posto,è la prova (ce n'era bisogno ?)che per Noi un concerto non è solo un esibizione di un ora,un libro non è solo un mucchio di fogli,ed un disco non è solo una raccolta di canzoni,è molto di più.
    quel di più che non ci toglieranno mai.
    Aldo

    RispondiElimina
  8. Grazie Aldo. E' esattamente così. Alla fine poi però non eravamo tanto delusi per noi, ma per il pubblico a cui non abbiamo potuto dare il meglio.
    E non è giusto.

    RispondiElimina
  9. betty blu ha almeno ballato?

    RispondiElimina
  10. ultimamente Galletti e' molto piu' Casula del solito
    C

    RispondiElimina
  11. Si un po', ma su "Soul drummers" di Ray Barreto si è accasciato...

    RispondiElimina
  12. haha!! Mitico BB!!
    C

    RispondiElimina
  13. Non si abbandonano i Casula così...

    RispondiElimina
  14. SPIRITO DI APPARTENENZA TONY!
    NESSUN ABBANDONO AI CASULA.

    Solo un incontenibile giramento di coglioni

    RispondiElimina
  15. abbiamo notato Galletti..
    ci si congeda sempre con un bel Fuck Off!
    casula Rules OK!

    C

    RispondiElimina
  16. x rimanere IN TOPIC: avete notato che strano odore hanno i nuovi sacchetti biologici della spesa?
    terribbbbile...
    C

    RispondiElimina
  17. sa di bruciato-tostato

    RispondiElimina
  18. Questo è il PADRE di tutti gli Off Topic !

    RispondiElimina
  19. purtroppo caro Tony, questo è un paese "democratico", dove se ti vesti, ti comporti, pensi e agisci a modo (cioè in maniera uniforme al gusto corrente) sei a posto e puoi fare (tutte) le cazzate che vuoi, tanto sei nella norma; ma se invece pensi e agisci e ti comporti con la tua testa e proponi musica, arte e cultura diverse da quelle accettate e/o omologate dal buon senso; sei semplicemente visto come un alieno...e ne paghi le conseguenze! Logico quindi che i servi del potere costituito (qualunque esso sia) vadano a rompere le palle dove non serve e chiudono uno-due occhi dove è necessario....

    RispondiElimina
  20. orcomondo Tony che citazione nel post!

    però stride con quello risorgimentale del tricolore di mazziniana memoria cioè senza Patria o con la Patria

    RispondiElimina
  21. Può sembrare contraddittorio ma non lo è.
    Il mio paese è bello e anche tanta della sua gente e qui voglio vivere e morire.
    Ma è rovinato da una merda di faccendieri, politici, mafiosi che desidero ardentemente che muoiano tra mille tormenti e lascino l'Italia ad un "mondo nuovo"

    RispondiElimina
  22. tony copia le citazioni dai dischi degli Area
    Gola Profonda

    RispondiElimina
  23. embe, certo è uno dei miei gruppi preferiti !
    qusta era dentro a "Crac" del 1975, uno dei migliori, se non IL migliore.

    RispondiElimina
  24. Beady Eye, Primal Scream and Paul Weller are among the acts set to play a London benefit show for the victims of the recent tsunami and earthquakes in Japan.

    The gig, which will take place on April 3 at the O2 Academy Brixton, will also feature sets from Graham Coxon, The Coral and Richard Ashcroft.

    RispondiElimina
  25. non posso non dire la mia su questo argomento !
    I SACHETTI DELLA SPESA NUOVI PER ME SANNO DI SOIA !

    Giampaolo

    RispondiElimina
  26. i sacheti sanno di soia, i sacChetti di mais.
    dite la vostra

    RispondiElimina
  27. facciamo un Benefit x le vittime dei sachetti puzzolenti!!
    CASULA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  28. Io sento poco l'odore dei nuovi sacchetti, perchè ne ho presi 3o4 e li ho plastificati...

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails