lunedì, gennaio 24, 2011

Fenomenologia dei Nomadi





Nati nel 1963, sopravvissuti a lutti, cambiamenti, stravolgimenti di formazione e a tutte le mode, I NOMADI si avviano verso i 50 anni di carriera senza mostrare la corda, con un fedelissimo seguito di fans che si rinnova e si ricambia generazione dopo generazione.

Della formazione originale è rimasto il solo Beppe Carletti, che fondò la band con quello che è rimasto il simbolo dei Nomadi, Augusto Daolio, scomparso nel 1992.

35 album all’attivo (alcuni dei quali piuttosto validi, come “I Nomadi interpretano Guccini” (1974) o “Naracauli e altre storie” (1978), brani epocali (“Dio è morto” su tutti), migliaia di concerti (da stadi ricolmi a sagre di paese - li vidi a Gragnano (PC) nei 70, davanti a un centinaio di persone ) e , al di là dei gusti musicali e del percorso artistico discutibile, una coerenza, una dignità, un attitudine di altri tempi.

Ci sono da sempre.
Un gruppo simbolo della musica italiana più vera e sincera.
Che piacciano o meno.

21 commenti:

  1. Gruppo di tipica inconsistenza tutta italiana

    RispondiElimina
  2. A me non piacciono, li trovo enfatici, semplicistici, spesso superficiali e musicalmente altrettanto spesso insopportabili.
    Ma sono assolutamente sinceri e coerenti e questo me li fa ammirare.

    RispondiElimina
  3. il mio primo concerto, credo avessi 7-8 anni (chiedo conferma, teo). comunque, credo che nel momento in cui si cita "dio è morto" che è di guccini come uno dei brani epocali, qualcosa non va.
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  4. Il compositore è Guccini ma la versione che andò in classifica etc etc è la loro.
    Ma aldilà di quello comunque hanno composto altre cose decenti.
    Pure un dei brani peggiori di sempre: "Io vagabondo"

    RispondiElimina
  5. Dio E' Morto e' uno dei testi italiani migliori di sempre.
    e pure la loro versione.
    e pure la copertina del 45

    cosa c'e' che non va?

    C

    RispondiElimina
  6. "Spegni Quella Luce" dal loro primo LP è un pezzo fantastico, sorvolando pure sul fatto che è scopiazzato in parte da "Sunny Afternoon" dei Kinks; l'intro di chitarra è unico, con quel suono inimitabile che sembra venga da lontano...ed è un'invenzione di Franco Midili (all'epoca, chitarrista della band) - assolutamente geniale, da riscoprire!!!

    RispondiElimina
  7. Sui Nomadi la penso come Freak Antoni, quelli veri sono quelli con Augusto Daolio.

    RispondiElimina
  8. Anche per me quelli dopo Daolio sono un'altra cosa.

    OT: a proposito di "vecchi" c'è un bellissimo nuovo album di WANDA JACKSON "Ain't no party" (la prima donna a cantare rock n roll nei 50's) registrato con Jack White dei White Stripes ed altri del suo giro.
    Rock n roll, rockabilly, rythm and blues (c'è una bellissima versione di "Busted" di Ray Charles), new soul (cover di un brano di Amy Winehouse) e cose davvero ruscitissime.
    E la ragazza ha 73 anni.
    E canta da paura.

    RispondiElimina
  9. pur con caratteristiche "catto-comuniste" (scusatemi il termine!) quelli BEAT sono indispensabili come ci segnala Luca M., quelli dei 70s piu' trascurabili e noiosi anche se con quealche bella canzone..intendo ad es. "Tutto A Posto" "Pugno Di sabbia" "Mille e una Sera"..
    Il periodo successivo ha creato la grande coesione dei loro fans fino alla scomparsa di Daolio.
    Il seguito non lo considero proprio ma ho una sincera ammirazione x l'inossidabile Carletti (avete presente il look sulla cover di Dio e' Morto?)

    C

    RispondiElimina
  10. Il paragone è azzardato ma il seguoto che hanno i Nomadi è paragonabile a quello che avevano i Grateful Dead, seguiti in ogni concerto, iniziativa, disco etc etc.
    Gente che ci crede.
    E gli stessi (nuovi) Nomadi ci credono.
    Un fenomeno unico e tutto particolare anche perchè lontano dalla commercialità e dai lustrini della tv o della grande ribalta.

    RispondiElimina
  11. onestamente, a parte quei 2 o 3 brani soliti della vecchia fomazione, non li conosco e non ho neanche quel minimo di curiosità che mi faccia venir voglia di andare a sentire qualcosa in più....

    uè giovanotti, parliamo di cose belle.... aspetta che mi predispongo a dirlo con tutta l'enfasi del caso....hahaha....venerdi' sera ho la anteprima mondiale del nuovo minilp di andy lewis "41" (carino) che uscirà poi in febbraio su itunes e in marzo in cd... quindi anche voi, esimi esidgezzari ed elite modernista, sintonizzatevi alle 20.30.

    ovviamente presentazione anche del nuovo link quartet "4" e tante altre cose nuove, buone e giuste, nostro dovere e fonti di salvezza, rendere grazie etc etc.

    ciao f

    RispondiElimina
  12. cristiano, con svetlana ho fatto una sveltana....

    RispondiElimina
  13. Oilà Andy Lewis...bene bene.
    Di Paolino intanto si ascoltano cose nuove qua e là dal vivo.

    RispondiElimina
  14. Si' Marco, anche meno probabilmente. In piazza a Gemona se non sbaglio

    RispondiElimina
  15. esatto Tony, il paragone con i DeadHeads e' decisamente centrato..
    cosi come la loro collocazione "gallettiana" a Radio Maria,d'altronde!

    Grande Stax!
    Il nostro IVOR!!!!!!! daghe giu!!!

    C

    RispondiElimina
  16. Ha ha ha
    il funambolico Stax....grande!

    RispondiElimina
  17. altro che nomadi... rivalutiamo gianni morandi! (e il suo discepolo tony troja)
    http://www.youtube.com/watch?v=XpTG7HGCpSA

    RispondiElimina
  18. you are forgiveeennnn,Svetlana, you are forgiveeeennn...

    RispondiElimina
  19. I NOMADI erano Augusto,altro non posso dire perchè vado di corsa...saluto tutti !
    URSUS

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails