mercoledì, luglio 07, 2010

Happy birthday Ringo






Ringo Starr compie 70 anni.
Come regalo chiede che a mezzogiorno in qualsiasi parte del mondo ci troviamo, qualsiasi cosa stiamo facendo, urliamo "Peace and love".

LA DISCOGRAFIA IN DETTAGLIO DI RINGO STARR è qui:
http://tonyface.blogspot.com/2008/12/difficile-accostarsi-alla-discografia.html nel post del 24 dicembre 2008.

20 commenti:

  1. una bella notizia, oh boy..
    Buon Compleanno RINGO!!
    ci sentiamo a mezzogiorno allora

    Cristiano

    (scusate..rido da solo sentendo notizia alla radio..un qualche capetto leghista di qualche comune padano e' andato a fare un "sopralluogo" in pompa magna in un campo nomadi e gli hanno ciulato il portafogli!!..hahah..scusate..Rom-Ladron..hah!)

    RispondiElimina
  2. Alberto Galletti7 luglio 2010 09:57

    I'd like to be under the sea...in an octopus' garden in the shade.
    Balleremo e canteremo tanto nessun ci troverà ah ah!


    happy birthday RINGO!

    RispondiElimina
  3. Ho letto del legaiolo. Dio esiste !

    Mi raccomando a mezzodì : "Peace and love" (che detto tra noi NON SOPPORTO. Ogni volta che apre bocca Ringo dice peace and love. Va bene, va benissimo, ma non hai altro da dire ?)

    RispondiElimina
  4. E' il mio Beatle preferito da sempre... oltre che l'unico dei quattro rimasto in vita, quindi teniamocelo buono.
    30 di questi giorni, sir!

    RispondiElimina
  5. No dài Paul fa ancora eccellenti concerti e discreti album

    RispondiElimina
  6. lamadonna Joyello !! :-)
    C

    RispondiElimina
  7. ore 12 tengo la promessa

    PEACEEEEEEE & LOOOOOOOVEEEEEEEEEE !!!!!!

    C

    RispondiElimina
  8. Alberto Galletti7 luglio 2010 12:14

    Peace & Love!!!

    RispondiElimina
  9. con un po' di ritardo...Peace & Love
    tanti anguri Ringo
    Aldo

    RispondiElimina
  10. heyy ma è vera la storia che gli Aquilani stanno assediando la residenza di Papi???

    Mich.

    RispondiElimina
  11. ..sempre W l'AQUILA RUGBY!!!!
    MIch.

    RispondiElimina
  12. Alberto Galletti7 luglio 2010 15:49

    Andai ad un suo concerto (Ringo Starr & His All Stars Band credo si chiamassero) a Brescia nel '90 o giù di lì col figlio Zak alla batteria e il bassista degli Eagles tra gli altri, infatti suonarono anche I Can't tell you why e altre che non ricordo per rimpinguare lo sterminato repertorio del nostro eroe!

    RispondiElimina
  13. C'ero !! Concerto un po' così così ma alla fine si applaudiva per simpatia

    RispondiElimina
  14. Alberto Galletti7 luglio 2010 16:00

    Ebbi le stesse identiche reazioni!!

    RispondiElimina
  15. Mich x papi ci vorrebbe BRICKS&MORTAR altro che Peace & Love

    C

    RispondiElimina
  16. Happy Birthday Ringo!!
    Mi rimane simpatico nonostante la pochezza compositiva come solista.
    Tra i batteristi massimo rispetto per la precisione, il portamento, il groove personale.
    George Martin diceva che durante le prove in studio non capitava mai di dover interrompere le registrazioni per causa sua. Un grande.

    Andrea

    RispondiElimina
  17. Alberto Galletti8 luglio 2010 08:37

    Condivido i complimenti di Andrea.

    Ieri sera ho ascoltato qualche canzone tra le quali "Rain" dove il nostro ci fa sentire chi è!

    Un grande

    RispondiElimina
  18. buon compleanno carissimo ringo. e w magic christian, sempre!

    RispondiElimina
  19. Qualcuno l'ha descritta come "mezza reunion dei Beatles" anche se, in realtà, è stato semplicemente il compleanno di Ringo Starr al quale ha partecipato Paul McCartney. Tuttavia, indubbiamente, il momento è stato "storico" in quanto sono ormai ben rare le occasioni di vedere i due soli sopravvissuti dei Fab insieme sul palco. E' accaduto ieri sera alla Radio City Music Hall di New York, dove il batterista ha deciso di festeggiare le 70 candeline con dei vecchi amici. Dall'iniziale "It don't come easy" del 1971 con Ringo affiancato da -tra gli altri- Edgar Winter, e fino alla beatlesiana "I wanna be your man", lo show è stato un viaggio nella memoria. Nel finale, per "With a little help from my friends", tutti insieme: con Starr hanno cantato Mick Jones dei Foreigner, Yoko Ono, Joe Walsh, Angus Young e Nils Lofgren. E, quando pareva fosse arrivato il momento d'uscire dala sala, un roadie è apparso sul palco portando con sé il famoso basso Hofner di Paul McCartney. I due hanno suonato insieme "Birthday", pezzo da "The Beatles", il doppio LP comunemente chiamato "White album".

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails