venerdì, dicembre 12, 2014

Johnny Hallyday - s/t



GLI INSOSPETTABILI è una rubrica che scova quei dischi che non avremmo mai pensato che... Dopo Masini, Ringo Starr, il secondo dei Jam, "Sweetheart of the rodeo" dei Byrds, Arcana e Power Station, "Mc Vicar" di Roger Daltrey, "Parsifal" dei Pooh, "Solo" di Claudio Baglioni, "Bella e strega" di Drupi, l'esordio dei Matia Bazar e quello di Renato Zero del 1973, i due album swing di Johnny Dorelli, l'unico dei Luna Pop," I mali del secolo" di Celentano, "Incognito" di Amanda Lear, "Masters" di Rita Pavone, Julian Lennon, Mimmo Cavallo con "Siamo meridionali"e i primi due album dei La Bionda di inizio 70's, il nuovo album dei Bastard Son of Dioniso, "Black and blue" dei Rolling Stones, Maurizio Arcieri e al suo album "prog" del 1973 "Trasparenze", Gianni Morandi e "Il mondo di frutta candita", il terzo album degli Abba, "666"degli Aphrodite's Child, la riscoperta di Gianni Leone in arte Leonero, il secondo album di Gianluca Grignani, Donatella Rettore e il suo "Kamikaze Rock 'n' Roll Suicide", Alex Britti e "It.Pop", le colonne sonore di Nico Fidenco , il primo album solista dell'e Monkees, Davy Jones, Mike McGear (fratello di Paul McCartney), Joe Perrino, il ritorno di Gino Santercole, torniamo al 1969, in Francia, quando JOHNNY HALLYDAY incise un album con gli SMALL FACES.

Le altre puntate de GLI INSOSPETTABILI qui
:
http://tonyface.blogspot.it/search/label/Gli%20Insospettabili

All fine dei 60’s Johnny Hallyday è la più grande star della musica pop francese, dopo aver portato per primo il rock n roll dalle sue parti.
Riempie locali, stadi e spadroneggia nelle classifiche.
Porta nei suoi dischi Jimmy Page e Big Jim Sullivan (già con Alexis Korner e Georgie Fame) ma soprattutto per l’album del 1969 “Johnny Hallyday” convoca gli SMALL FACES che nell’album suonano (alla vigilia dello scioglimento ormai) come backing band, con Peter Frampton alla chitarra (che di lì a poco si unirà a Steve Marriott - che lo avrebbe voluto negli Small Faces, con il parere contrario degli altri- negli Humble Pie), appena uscito dagli Herd.
Disco prodotto da Mick Jones degli Spooky Tooth e futuro membro dei fortunatissimi Foreigner, decisamente rockeggiante con brani rock n roll (“Je suis nè dans la vie”), proto hard (“Viens”) e con qualche influenza tardo psichedelica.
Tra i momenti più interessanti la versione di “That man” degli Small Faces, reintitolata “Amen (Bang bang)”, bene eseguita, più “rock” ma molto più moscia rispetto all’originale.
“Reclamations” è invece un brano firmato da Steve Marriott che comparirà lo stesso anno nell’esordio degli Humble Pie “As Safe as yesterday is” con il titolo di “Bang!”.
La versione di Hallyday è più soul/60’s e meno hard con un grande lavoro di Ian McLagan all’Hammond. Bella anche la ballata in pieno mood Small Faces di “Regarde pour moi” che sempre nello stesso album degli Humble Pie avrà il nome di “What you will”.
Potentissimo il rhythm and blues di “Je n’ai besoin de personne” con il basso di Ronnie Lane in grande evidenza e chitarre distorte in disordine sparso e discreta l’atmosfera blues di “Les anges del nuit” con un flauto alla Jethro Tull in tutto il brano.
Una delle vette del disco è la psichedelica “Voyage au pays des vivants” con Ian Mac Lagan in gran spolvero con un Hammond ficcante e protagonista. Dalle stesse registrazioni anche “Que je t’aime” , apparso solo su singolo con un orchestrazione e sezione fiati.

25 commenti:

  1. Malgrado le frequentazioni non sarà mai grande quanto Serge Gainsbourg!

    RispondiElimina
  2. E' il disco che duplicai al Paolino menzionato sul post di John Weller.

    Annissimi fa tentai di isolare la voce di JH dalle backing tracks per avere solo gli SF con questo risultato ibrido https://www.youtube.com/watch?v=2nOFvdmo6zU

    RispondiElimina
  3. E' un'atra cosa Sir..Paragone non calzante (ehehe)
    Visto l'assist fornitoci da Cpt Stax qualche post fa avrei giusto chiesto maggiori numi su questo disco..ed eccoli qua! Splendido.
    Mi permetto di aggiungere una sua celebre cover di un brano ancor piu celebre..(e che video!)
    Enjoy

    https://www.youtube.com/watch?v=J4YVImCvH0E

    C

    RispondiElimina
  4. ha ha ha ha ha ha ha ha improponibile!
    sarà la lingua.....

    Débâcle Cremonini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si vive e parla solo in inglese,Sir
      (potrei dirti che a me il francese cantato piace mentre lo spagnolo e' ridicolo)
      C

      Elimina
    2. No infatti a me Serge Gainsboug piace molto, e forse Charles Trenet ancora di più.

      Elimina
    3. Anche a me piace molto Gainsbourg (forse piu di Hallyday che comunque pratico poco)..e forse Brassens ancora di piu..per non parlare di J Brel
      C

      Elimina
  5. Ti concedo il paragone non calzante,
    ma che c...o me ne frega degli Small Faces con un cantante francese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che c...o ne so
      A me invece interessa parecchio (fosse solo perche e' una vera e propria chicca..tanx Boss e Cpt)..ed evidentemente non solno l'unico.

      Ti piace Bowie che canta in italiano? e Jagger?

      C

      Elimina
    2. ok anche a me,ma e' un "sapere" in piu..chicche appunto da Tonyblog (come le tue super disgressioni calcistiche. Dei MUST!)
      C

      Elimina
    3. Ok, finchè c'è da leggere e non da ascoltare (l'ho fatto!), son d'accordo.
      Del resto (per fortuna), neppure io canto!

      Elimina
  6. (Sir stanotte ho sognato che ti ricoveravo in TSO al Mondino..davvero!)
    C

    RispondiElimina
  7. l'ultima foto potrebbe essere dei Prisoners o meglio ancora dei Dexys!
    Cool look..
    C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella in alto invece è proprio uno spettacolo!

      Elimina
  8. ahaha! quello sempre..ma credo che fosse per via del corso aggiornamento della giornata visto il tema..quanto a Te come soggetto sai che ti penso sempre daily&nightly
    C

    RispondiElimina
  9. Mi spiace davvero che ti senta poco bene....ma ti passerà vedrai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I'm in a Great Shape,Sir
      C

      Elimina
  10. Ricordo che quand'ero un boccia mi stava sulle palle un casino perché andava con Sylvie Vartan, che a me piaceva moltissimo .........

    GMV

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh visto che ci siamo..
      A Sylvie Vartan scrissi una lettera da bambino perche avevo trovato su Topolino l'indirizzo (chi si ricorda la mini rubrica sugli indirizzi dei personaggi famosi?).
      Nessuna risposta.
      C

      Elimina
    2. A me piaceva anche Dalida ........

      GMV

      Elimina
  11. Al di là di tutto questo è un BUON DISCO con un impronta RnB e il marchio Small Faces MOOOOOOLTO evidente in buona parte dei brani

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails