mercoledì, agosto 01, 2012

Il meglio di luglio 2012



Metà del 2012 e un po’ di nomi che ritroveremo nella top a fine anno. Patti Smith, Garland Jeffreys, Jack White, Paul Weller, Motorpsycho, Quantic+Alice Russell, Leonard Cohen, Dojo Cuts, Micatone , Mark Lanegan, Fay Hallam, Off! , Neneh Cherry and the Thing, Men of north country
Tra gli italiani Julie’s Haircut, Mr.T-Bone & Young Lions, Infernal Quinlan, Giardini di Mirò, Mike Painter/Viola Road, Redska, Lo.Mo, Sir Frankie Crisp, Glincolti, Rookies, Gugnol, Liars.

ASCOLTATO
MEN OF NORTH COUNTRY - s/t
Esce per l’Acid Jazz un ottimo album che arriva direttamente da Tel Aviv, ISRAELE. Insospettabile ma come in quasi tutto il mondo c’è una scena mod anche da quelle parti e i MONC ne sono la migliore rappresentanza sonora.
Nell’album si mischiano soul, northern soul, le atmosfere 80’s di bands come Truth, o Dexy’s, eccellenti canzoni, ottimi arrangiamenti ed un approccio molto energico ed elettrico.
C’è anche uno stupendo ska che rinverdisce i fasti degli Ordinary Boys Da cercare ed ascoltare.

THE LIARS - The true sound of Liars
Preziosa compilation che immortala le gesta di una delle migliori garage bands italiane degli 80’s, i LIARS, da Pisa.
All’attivo un eccellente album “Mindscrewer” e varie pubblicazioni minori tra 45 e miniLP. In questo doppio CD di Area Pirata tutta la produzione con inediti tra aggressioni garage punk, folate psichedeliche in una serie di eccellenti brani.

LUCA SAPIO - Who knows
Ex voce di Accelerators e Quintorigo affronta la difficile ARTE del SOUL con coraggio e ampio dispendio di mezzi, registrando a NY sotto l’egida della Daptone e con l’aiuto della chitarra di Thomas Brenneck (Amy Winehouse, Sharon Jones, Charles Bradley) e membri dei Dap-Kings, Budos Band, Menahan Street Band e le Gospel Queens di Naomi Shelton.
Il risultato è un album di deep soul che suona perfettamente 60’s/Daptone su cui la voce di Luca non sfigura.
Il tono è forse troppo slow e manca qualche sferzata ritmica in più.
In ogni caso piacevolmente sorprendente.

GUIGNOL - Addio Cane!
Quarto album per i milanesi Guignol di Pier Adduce e miglior lavoro della loro carriera.
Le strade battute sono quelle poco praticate che stanno in bilico tra una canzone d’autore personalissima, blues, accenni al miglior Nick Cave, sferzate punk n roll.
Tra i top italiani dell’anno.

FUNNY DUNNY - The waiting grounds
Da Avellino con la forza di un robusto garage sound, influenze Fleshtones e di tutto il background 60’s del caso in pieno stile party band.

DAYNA KURTZ - Secret canyon vol.1
Cantautrice americana in uno splendido album BLUES tra brani di Floyd Dixon, Nat King Cole ed altre perle minori del songbook statunitense.
Voce intensissima alla Billie Holyday , mood della migliore Norah Jones e un tocco alla Ani Di Franco rendono l’album godibilissimo e intenso.

BOOGIE SPIDERS - Fuzz your soul
Guitar sound sporcato di garage, punk e rock n roll e di tanto fun fun fun.
Il tutto suonato con energia, pochi accordi, approccio minimale e ruvido.

TIMMY’S ORGANISM - Raw Sewage Roq
Punk rock 76/77 stile J.Thunders & Heartbreakers, glam, grezzi, anthem da curva. Bella band.

ASCOLTATO ANCHE:
SOUNDTRACK OF OUR LIVES (il gruppo svedese ci aveva abituato ad ottimi album di pure delizie elettriche 60‘s. Il sound rimane più o meno lo stesso con sprazzi Who e jingle jangle ma quello che manca sono le canzoni. E i ltutto sfila via senza lasciare molto), DILOUYA (dalla Francia un funk soul molto easy e commerciale con ampie dosi di avid jazz. godibile), SHONEN KNIFE (le giapponesi propongono uno sciapo album di canzoncine di sapore raw 60’s. noiosetto), THE VIEW (rock pop brit che si dimentica in fretta), CROOKES (scimmiottano gli Smiths, un po’ di alt pop, davvero poco altro), LIANNE LA HAVAS (soft soul vicino ad una Norah Jones meno raffinata. Molto gradevole, altrettanto noioso), ADELE & GLENN (duo pop australiano con sonorità 60’s gradevoli ma che non lasciano segno), PITCH & SCRATCH (duo di DJ e produttori tedeschi alle prese con soul, funk e affini con pause hip hop. Non male ma...plastic soul, man, plastic soul (cit. Paul McCartney alla fine di una take di “I’m down” del 1965).

LETTO
WU MING/MOHAMED ANTAR - Timira
Splendido romanzo storico sulla figura di Isabella Marincola “donna libera e appassionata”, italiana di pelle scura, nata in Somalia dalla relazione tra una autoctona e un conquistatore italico.
Tra razzismo, guerre, una carriera di attrice, un carattere fiero e impossibile, una bellissima storia da leggere.

PAOLO HEWITT / MARK BAXTER - The A to Z of Mod
Ne abbiamo già parlato sul blog per esteso in modo non propriamente positivo a causa della superficialità con cui viene trattato l’argomento MOD, le omissioni, inserimenti di nomi discutibili (nonostante la curatissima parte fotografica e una serie di aneddoti poco conosciuti lo rendano comunque interessante).

RAYMOND CARVER “Cattedrale”
RAYMOND CARVER “Se hai bisogno chiama”

Non conoscevo Carver.
Il primo approccio è attraverso uno dei suoi più riusciti lavori “Cattedrale” e una raccolta postuma di racconti ritrovati.
L’America della banalità quotidiana, travolta da abissi di dolore, disperazione, in un neo realismo estremo, colorato da una capacità di scrittura enorme.
Non tra i miei preferiti ma mi piace. Approfondirò ulteriormente.

VISTO
“Il pranzo di Babette” di G.Axel
Molto interessante, piacevole, sobrio ed elegante. Ottimo film.
“A history of violence” di Cronenberg
Un thriller esagerato e grondante sangue facile, molto americano.
Bella la storia, scarsa la resa.
“Moana”
Il “famoso” omaggio a Moana è uno dei filmTv più insulsi e incredibilmente mal recitati della storia. Da vedere per constatarne la bruttezza estrema. Quasi bello nella sua nullità.
“Glory Road”
Bel film estivo, leggero e dal finale buono su l’epopea (storia vera) di una squadra di basket americana i Texas Western Miners che schierando una serie di giocatori neri nei mid 60’s in un America razzista e intollerante alla fine vince il torneo dei College.
“Il gioco di Ripley” di Liliana Cavani
Ottimo thriller, a tratti eccessivo e poco credibile ma sostanzialmente godibile.

COSE & SUONI
Un po’ di pausa nell’attività di Lilith and the Sinnersaints dopo una quindicina di date promozionali del nuovo album “A kind of blues”.
Si riprende in autunno.

www.tonyface.it
www.lilithandthesinnersaints.com
News sui Beatles su www.pepperland.it by me

CALCIO E SPORT
Olimpiadi a go go, sempre un grande spettacolo.
Benino l’Italia fino ad ora e grande gioia per le sconfitte della Pellegrini, la sportiva in assoluto più antipatica della storia d’Italia.

IN CANTIERE
Prosegue bene il libro sugli Statuto.
Presto qualcosa anche di stampo calcistico (ancora in fase embrionale).
Si torna a suonare con Lilith in autunno (Aosta, Torino, Brescia, Milano già confermate).
Del libro su Weller boh ????

31 commenti:

  1. Sapio dal vivo è abbastanza godibile, l'ho ascoltato di striscio a Trasimeno Blues dove invece mi sono ribaltato con i Nine Below Zero gente con passione ed attitudine, se la tirano molto meno di diversi gruppetti italiani del cazzo che dopo un solo singolo pensano di essere i THE WHO. I Crookes fecero un disco carino, molto Smiths, due anni fa ma mi par di intuire che non abbiano fatto progressi con secondo album (quello più difficile...Caparezza dixit). I M.O.N.C mi interessano, sai mica che tipo di distribuzione hanno in Italia? Se devo impazzire li cerco nella perfida Albione tre un paio di settimane.

    Charlie

    RispondiElimina
  2. NOn credo che i MONC abbiano una distribuzione da noi ma però essendo usciti su Acid Jazz si possono anche trovare. In UK di sicuro (anche se l'Acid Jazz non brilla per tempestività nelle uscite e nella distribuzione)

    RispondiElimina
  3. Carver fra i miei preferiti: imbattibile nel racconto breve e nel trasformare la banalità (e la solitudine) del quotidiano in moderna poesia.
    Leggerlo è come guardare i quadri di Hopper, ci ritrovi la stessa America (anche se il messaggio è universale, in fondo).

    AndBot

    RispondiElimina
  4. Avid Jazz: in it for the money?

    W

    RispondiElimina
  5. Concordo: Timira molto bello. Wu Ming difficilmente tradiscono le aspettive

    RispondiElimina
  6. ehhh giusto: Avid Jazz, anche se ha fatto grandissime cose ed è tra le mie etichette preferite.

    Carver mi piace ma me lo aspettavo più "duro", incisivo.
    E' invece spietato nel descrivere realtà desolanti da paura.
    Angoscianti e angosciose.
    Angosciante anche nel dettagliare con puntiglio estremo ogni azione nei suoi racconti

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo nemmeno Wu Ming (se non per l'hype intorno alle varie cose fatte ma mai letto nulla).
    Invece questo libro è affascinante, bello, fatto molto bene (nonostante la protagonista mi stia amabilmente sui coglioni)

    RispondiElimina
  8. Ahahahahah, ma Avid Jazz esiste sul serio?! Pensavo ad ua licenza causula...

    W

    RispondiElimina
  9. Ma dove l'hai letto Avid Jazz ?

    RispondiElimina
  10. Il mio meglio di luglio rispecchia il caldone che ci stiamo ciucciando:
    Luca Sapio al primo posto;
    .........................
    al secondo posto...I grandi successi di Renato Rascel! Come bere un'acqua e menta ghiacciata, dissetante e rinfrescante. E dai, e' il primo di agosto..
    Stasera Stanley Road a manetta.

    RispondiElimina
  11. A proposito della Fede(nome già di per se impegnativo visto cotanto conduttore tv)Pellegrini e della sua proverbiale scarsa simpatia: già la situazione è quella che è se poi ci si mette pure Capezzone nei social network a difenderla siamo alla frutta!! :-)

    Charlie

    RispondiElimina
  12. Ne: ASCOLTATO ANCHE... DILOUYA (dalla Francia un funk soul molto easy e commerciale con ampie dosi di avid jazz...

    RispondiElimina
  13. fusione generale
    C

    RispondiElimina
  14. Che la Pellegrini se la tiri da qui al Brennero é noto, d'altronde resta cmq una grande del ns. nuoto. Se ci metti poi che é pure gnocca, un po' di spocchia ci può pure stare. Pure le tre del fioretto tanto simpatiche non sono. Meglio i tre arcieri, che danno l'idea di alternare gli allenamenti con delle belle grigliatone innaffiate da rossi robusti: superuomini va bene, ma anche la panza vuole la sua parte.

    Fabio T.

    RispondiElimina
  15. Pellegrini insopportabile. Guadagna 2 milioni di euro all'anno, si crede una dea ed è solo una testa di cazzo.
    Troppo contento dei due fallimenti !
    Esaltato invece dalla medaglia nell'arco, finale bellissima e i tre arcieri troppo belli da vedere con quelle facce da vacanzieri a Fregene tra , come dice Fabio, una grigliata e una partita a bocce, vicini ai tre figaccioni americani, battuti all'ultimo tiro per un punto. APOTEOSI.
    Più antipatica delle Pellegrini c'è forse solo la Vezzali.
    Ma Fede ha in più il coglionazzo del moroso Magnini.
    Affoghino tutti

    RispondiElimina
  16. RIP Aldo Maldera
    C

    RispondiElimina
  17. Infatto ho goduto parecchio anche per la Vezzali...vai a farti toccare da Silvio, vai...anche Montano è inguardabile...

    W

    Anche Maldera...

    RispondiElimina
  18. Anche Maldera, nel senso che se ne è andato anche lui, non che sia inguardabile, eh...

    W

    RispondiElimina
  19. o son sempre qui, o meglio... non sono io, ma ho trovato il modo di postare le risposte in maniera automatica, per essere alla altezza dei post autonymatici di questo periodo....

    la risposta di oggi al post ||||mercoledì, agosto 01, 2012 Il meglio di luglio 2012||||

    è ||||cazzostaseracèpaulwellerinstreamingliveindirettadal100clubsperiamochesivedainiitalia||||

    RispondiElimina
  20. concordo con Tony sulla Pellegrini,
    per gli amanti della musica in levare volevo segnalare l'ultimo lavoro di Jimmy Cliff,rebirth,finalmente un bel disco dopo taanto tempo.
    bella la cover di guns of brixton
    buone ferie a tutti.
    aldo

    RispondiElimina
  21. wow! jimmy cliff is back!
    curioso di sentirlo..tanx Aldo
    C

    RispondiElimina
  22. oh ragazzi, ma tony è tornato?
    ieri sera mi son visto -in diretta- il paolino al 100 club. indipendentemente dalla performance che puo o non puo piacere (versione corta del concerto di vigevano) è stato spettacolare. l'ho visto in hq su schermo intero, era come essere là, le riprese a distanza 3 cm dalle facce... ho contato le carie del paolino

    RispondiElimina
  23. yesss Capt! in HD si vedono le rasature di barba piu' o meno perfette..spettacolo! ottimo che il short-gig sia stato all'altezza !
    C

    RispondiElimina
  24. Paolino in gran forma in questo periodo (pare abbia mollato un po 'con il bere. Ha descritto "Sonik Kicks" come il primo album realizzato da SOBER dopo molto tempo...forse un goccetto ogni tanto, almeno durante le session di registrazione gli farebbe bene. Nonostante SKicks continui a piacermi abbastanza).
    Pheeega Cap aspetto ancora quella roba là eh !!!

    RispondiElimina
  25. paolino continua a bere come on

    RispondiElimina
  26. mi viene in mente quello che ha detto il capitano su Luca Sapio appena siamo arrivati a Vigevano....

    RispondiElimina
  27. Olimpicamente parlando, la BBC stà facendo i numeri.
    L'altro giorno servizio su Bradley Wiggins, comincia sulle note di Baba O'Riley e poi continua con una fantastica selezione Weller/TSC (secondo me le canzoni le ha scelte lui), il giorno dopo ha vinto la medaglia d'oro della cronometro individuale, MOD HERO, pheega, cancella il post su quel tamarro inguardabile di sopra, non riesco a guardarlo 'al ma fà tra sù'!

    Grandissimo anche Phelps che battuto nei 200 farfalla dal giovanissimo sudafricano De Clos dopo la premiazione si congratula e lo accompagna nel salutare il pubblico e benchè gli sia appena sfumato il record totale mondiale di medaglie d'oro olimpiche è disponibile con pubblico, stampa/tv e avversario: CHE CAMPIONE! Si rifà subito vincendo la staffetta. Phenomenal, e un ragazzo davvero umano.Ieri altro oro, mai una parola fuori posto, impagabile.

    RispondiElimina
  28. Phelps proprio come la Pellegrini e Magnini...

    RispondiElimina
  29. ahaha! rido x non piangere..grande Phelps!
    C

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails