giovedì, marzo 08, 2012

8 marzo: Mod Girls






In occasione dell’8 marzo un veloce sguardo alla presenza femminile nell’ambito della mod music.
E’ risaputo come il movimento mod sia sempre stato prevalentemente maschile e la componente femminile decisamente minoritaria.
Caratteristica evidente anche all’interno della scena musicale.

Nei 60’s, eccettuate le icone soul e rythm and blues (dalle Supremes a Gloria Jones, da Aretha Franklin ai numerosi gruppi vocali di scuola Motown come ad esempio Martha reeves and the Vandellas, Marvelettes, Ikettes, Tina Turner etc) i punti di riferimento si possono individuare in Cathy McGowan, mitica presentatrice del “Ready Steady Go”, marginalmente in Lulu sia come solista che con i suoi Luvvers ebbe un minimo di seguito anche all’interno della scena (seppur giudicata troppo mainstream) con brani come “Shout”, “Here comes the night” (ripresa poi dai Them), “Surprise surprise”.
Ma il nome più vicino alla scena mod è probabilmente quello di P.P.ARNOLD proveniente dalle IKETTES (coriste di Ike and Tina Turner) e approdata alla corte di Steve Marriott e degli Small Faces con cui collaborò in “Tin Soldier” e per la quale Marriott e Lane composero “(If you think you’re ) groovy” (suonando come backing band in numerosi altri suoi brani).
Un album prodotto da Mick Jagger e Steve Marriott "The First Lady Of Immediate" e successivamente una lunga serie di collaborazioni (anche prestigiose) anche in ambito cinematografico e nel musical.
Nel 1985 apparve anche in “Mod Aid” (con Steve Marriott, Chris Farlowe, e varie mod star post 79) in una riedizione di “All or nothing” per aiutare Ronnie Lane degli Small Faces, colpito da scelrosi multipla.
Negli STEAMPACKET, molto apprezzati dalla scena mod, di Rod Stewart, Brian Auger e Long John Baldry spicca la voce di JULIE DRISCOLL ma è un’esperienza che dura poco.

Altrettanto scarsa la componente femminile nelle bands post 79 (esclusi nomi minori).
Nomi come TRACIE, DEE WALKER, l’improbabile ELEONOR RIGBY o la DC LEE alla corte di Paul Weller, sono esperienze marginali mentre è da ricordare la presenza alle tastiere di Elena Iglesias Sastre alle tastiere dei LOS FLECHAZOS, band spagnola attiva tra gli e i 90’s e tra le migliori in ambito mod.
Il nome più rilevante è invece quelli di FAY HALLAM.
Tastierista dei MAKIN TIME negli 80’s. protagonisti di uno dei migliori album mod di sempre, dal significativo titolo di “Rythm and Soul”, poi approdata con il marito Graham Day, ex Prisoners, nei Prime Movers, potentissimo combo che mischiava 60’s sound ad influenze psichedeliche e hendrixiane (alcuni ottimi album all’attivo) e infine ai Phaze.
Dopo un lungo periodo di silenzio è tornata alle origini Hammond Beat con il Fay Hallam Trinity (a breve in tour in Italia).

17 commenti:

  1. Va reso onore a Fabio T., frequentatore di queste pagine, di aver fortissimamente voluto e reso possibile il tour di Fay l'anno scorso e di replicarlo quest'anno.
    Si è prodotto in un grande sforzo spinto unicamente dalla passione nonostante gli appartenenti alla 'scena' non gli abbiano dato un grande appoggio..

    Giampaolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giampaolo!

      FABIO T.

      Elimina
  2. A parte qualche isola felice (Torino in particolare) non è che la "scena" si sia mai prodotta in particolari aiuti a chi fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte Andrea Mattioni degli Smart Drivers, che ha accettato subito la mia proposta di far suonare Fay Hallam alla prox edizione dell'Italian Job di Rimini.

      Fabio T.

      Elimina
  3. w le modettes....
    Ps: ma Lulu è la stessa che cantava To sir with Love nel film omonimo con Sidney Poitier? In quel film c'erano pure un bel paio di pezzi dei Mindbenders affatto male

    charlie

    RispondiElimina
  4. Si è lei ed è anche protagonista nel film

    RispondiElimina
  5. allora sarà la biondina che cantava...i suppose

    charlie

    RispondiElimina
  6. FAY HALLAM TRINITY in tour
    Dom 1 aprile
    UNGAWA! TIKI BAR - Bergantino (RO) - Italia
    Mar 03 Apr
    SIDRO LIVE CLUB - Savignano sul rubicone (FO) - Italia
    Mer 04 Apr
    UNITED CLUB - Torino (TO) - Italia
    Ven 06 Apr
    I VIZI DEL PELLICANO circolo arci - Fosdondo (RE)
    Sab 07 Apr
    HOTEL CICLAMINO - Pietramurata (TN) - Italia
    Dom 08 Apr
    BOUNTY rimini - Rimini (RN) - Italia
    Lun 09 Apr
    LA CASONA - Cassana (FE) - Italia

    RispondiElimina
  7. W le donne
    W le belle donne
    che sono le colonne dell'amor

    (e le Mod girls sono sempre le piu' belle)

    C

    (chi sono..terza foto?)

    RispondiElimina
  8. Lulu nel film non è proprio protagonista,ma amica della stessa...
    I Mindbenders hanno sempre suonato dell'ottimo beat,soprattutto nel primo periodo con Wayne Fontana alla guida del gruppo : i primi ad aver lanciato "A groovy kind of love" (molto prima di Phil Collins).

    RispondiElimina
  9. noterete che nel tour di Fay rimane scoperta la data di giovedì 5/04 se qualcuno riuscisse a trovare un locale per quella data sarebbe cosa gradita, Fay suona per una cifra ridicola + vitto e alloggio.

    Giampaolo

    RispondiElimina
  10. @ Tony: l'hai seguito un pò il vangelo del Nonno Fiorucci?

    Charlie

    RispondiElimina
  11. Un ringraziamento a Tony per aver ricordato Fay Hallam quale figura mod femminile di rilievo.
    Ne approfitto biecamente per sottolineare che come Giampaolo ha scritto sarà qui con i Trinity dal 1 al 9 aprile. Merita una segnalazione la sua partecipazione all'evento Top Soul di Ferrara, presso La Casona, fortemente voluto da Frank del pub Il Molo. Si comincia l'8 aprile con un allnighter, mentre il giorno dopo ci sarà un raduno scooteristico alla mattina, poi grigliatona e a seguire 4 live set: Marianne, The Bang, Cosmic Box e per finire Fay Hallam Trinity.
    Termino ricordando che è imminente l'uscita del nuovo album di Fay, fatto in stretta collaborazione con Nasser Bouzida (BigBossMan, The Bongolian), per la Blow Up di Londra.
    Ah, volevo ricordare che i due babbioni che organizzano il tour di Fay sono sempre il sottoscritto coadiuvato dal grandissimo Luca Re, frontman dei mai troppo lodati Sick Rose. Più una serie di affiliati quali Giampaolo Corradini (The Substitutes) e Gabriele Longoni (The 5 Quid, The Coys).

    Fabio T.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails