venerdì, dicembre 02, 2011

Teenage Kicks: Wandervogel






Teenage Kicks, una rubrica settimanale che andrà alla ricerca dei movimenti giovanili pre 50’s che hanno preceduto di decenni il mood di quello che ritroveremo poi nei teddy boys, nei mods, nei punks, skinheads etc.
Ribellione all’autorità, individualismo, aggregazione, fiera opposizione all’omologazione e ai valori dominanti.


Nel 1896/1897 ragazzi di 15/16 anni di un liceo a Steglitz (oggi parte di Berlino) si divertono camminando fuori nella campagna e nei boschi della regione. Da questo divertimento semplice si forma un piccolo gruppo, ma anche una forma di ribellione giovanile contro il mondo degli adulti, contro la mentalità piccolo borghese dei loro genitori, contro la civiltà urbana ed anche contro la vita normale dei giovani coetanei.
Questo gruppo si chiama "Wandervogel" ("uccello migratore") ed è uno dei più singolari e di difficile interpretazione, in bilico tra una dimensione libertaria proto hippy e una visione ancestrale del mondo di stampo fascista ai limiti con il razzismo.

Erano nudisti, viaggiatori e curiosi, forgiati da un forte senso di appartenenza alla terra e alla comunità.
In pochi anni si diffusero rapidamente gruppi simili in tutta la Germania e non soltanto in Germania: anche a Vienna, a Praga e in altre città dell'Austria. 
Nel 1910 si contavano già 120 gruppi locali del "Wandervogel" basati su una filosofia di

· autodeterminazione ed indipendenza dagli adulti; 

· sentimento di solidarietà e di amicizia in un gruppo di coetanei; 

· principio di un capo della stessa età, scelto in virtù del suo "carisma", 

· applicazione seria e profonda della "filosofia di vita", coltivando più la sfera estetica ed emozionale che le capacità intellettuali; 

· la ricerca di nuove forme di vita basate sul senso antico il viaggio di un gruppo, meglio di viandanti, che camminano a piedi con la chitarra, cantando le canzoni "popolari" o quelle del movimento, vivendo spartanamente, riscaldandosi la sera accanto ad un fuoco di bivacco, sognando, cantando, raccontando favole o storie romantiche, e dormendo nella tenda o in un fienile.

Dopo la Prima Guerra Mondiale, i Wandervogel si divisero in diversi gruppi e fazioni, dai proto-hippy della comune di Ascona al gruppo proto-fascista dei Cavalieri Bianchi.

Alcuni aderirono alla Gioventù Hitleriana, altri la combatterono (come i Pirati della Stella Alpina) altri si riunirono in gang come Apache Rossi, Amore Nero, Bandiera Nera e Pirati della Foresta. Si mantenevano con attività criminali: piccoli scippi, furti e prostituzione, sia maschile che femminile.

Il nazismo e la seconda guerra mondiale spazzarono via il tutto.
Il movimento sopravvive ai giorni nostri con circa 5.000 aderenti

"Fuori delle mura delle città grigie

camminiamo in bosco e in campagna;

chi vuole vada alla malora
noi ci incamminiamo attraverso il mondo..."


31 commenti:

  1. ehhh più o meno...
    ma una parte ha invece combattuto il nazismo (c'erano gruppi di Wandervogel composti da soli ebrei)
    Ma l'impronta è un po' ambigua, in generale.

    RispondiElimina
  2. 5000 aderenti? mizzega.

    ma per curiosità, secondo voi mischiando mods, ex-mods evoluti, mods "a volte ritornano", hard mods, giovani anziani, simpatizzanti, combattenti e reduci di 3 o 4 generazioni, etc etc viventi allo stato attuale che cifra mondiale spannometrica si raggiunge?

    RispondiElimina
  3. MAh, se consideriamo che in Inghilterra nei 60's si parlava di centinaia di migliaia di mods, che i Jam vendevano centinaia di migliaia di dischi (in buona percentuale a mods e simpatizzanti), che il film Quadrophenia ha fatto sicuramente migliaia di vittime e che dal 79 in poi il movimento ha continuato a girare su e giù per il mondo, direi che un tot di centinaia di migliaia ce li metterei.
    Forse addirittura MILLIONS LIKE US.

    In Italia direi, dal 79 in poi, qualche migliaio.

    RispondiElimina
  4. Dovremmo inserirlo nelle cartelle del censimento che girano in questo periodo.
    Sei mai stato mod ? Si No Simpatizzante
    Se hai segnato NO: vai in culo rocker di merda
    Se hai segnato Simpatizzante: bravo, potevi sforzarti un po' però.
    Se hai segnato SI: per quanto tempo lo hai fatto ? Quante volte ?
    Sei pentito ? Ti piace di più Weller o Dc Lee ? Graham Day o Fay Hallam ?
    Meglio i Chords o i Secret Affair ? etc etc etc

    RispondiElimina
  5. sarebbe più divertente compilare il modulo!!
    charlie

    RispondiElimina
  6. su ad Ascona negli anni 10-20 c'era una comunità di naturisti, nudisti e vegetariani molto attiva, che tra l'altro vide la frequentazione anche dello scrittore Hermann Hesse; questi pre-hippies amavano ballare nudi all'alba nei campi che attorniavano la comune e gli sbigottiti abitanti svizzerotti (immaginateli!!) li sfottevano chiamandoli "Balabiòtt" (trad. dal dialetto varesino-ticinese) quelli che ballano nudi; oggi il termine sta a significare praticamente uno stupidotto, un "pirla".

    RispondiElimina
  7. Dunque i Balabiott erano dei Wandervogel....come suona meno romantico

    RispondiElimina
  8. Oh! ma qui non era proibito il tedesco????

    RispondiElimina
  9. ha ha ha non so se son più fuori loro o tu che ti occupi e pubblichi roba tedesca. Fuorissimi costoro ma secondo me come follia pura appena dietro gli zairoti.
    W Popivoda e l' Eintracht Braunschweig!
    auf-wiedersen
    Mi unisco a Pibio e ti do un cartellino giallo

    A.G.

    RispondiElimina
  10. ma questi dove li hai pescati? ;o)

    RispondiElimina
  11. MA NON ERANO VIETATE LE PAROLE TEDESCHE?!?!?!?!?!? ahahahah

    Si sa qualcosa del repertorio musicale di questi uccelli migratori?

    W

    RispondiElimina
  12. al ragoo tanti tanti anni anni fa 2 miei amici dj avevano una serata/dj set e si facevano chiamare i Wanderwogel!!! mettevano su lounge,shake e roba polizzzziotttesca.
    ecco da dove usciva il nome!

    valo drynamil

    RispondiElimina
  13. W POPIVODA ed il compianto Martiradonna
    C

    RispondiElimina
  14. Vero Tony, non ti sei ricordato del Grande Mario eroe dello scudetto '70.
    Ho sentito tre pezzi di Apollo ieri sera al Madly troppo fracasso, già i rock-prog di prima mi avevano sfracellato i coglioni, mi ero pure addormentato su un divanetto,poi ero troppo stanco e son rientrato,mah riproviamo il 18.
    Domani vengo a pranzo a Casaliggio,dovrei essere vicino, quante trattorie ci sono? Vieni a prendere un caffè? minimo dopo le tre.

    Il problema dei tedeschi è che fanno tutto troppo sul serio

    RispondiElimina
  15. Ho letto che anche Nenè non se la passa per niente bene...

    Scorribande gastronomiche fuori porta per Sir Galletti!!! Albert, ti porti la chitarra e ti spogli nel pioppeto?!?!?!? Ahahahahah!!!

    W

    RispondiElimina
  16. Ha ha ha ha la chitarra ce l'ho!!!!

    RispondiElimina
  17. Galletti ti abbiam beccato!Caro Uccello Migratore che ti aggiri con chitarra per pioppeti..era chiaro dopo aver visto impressionante sominglianza nella prima foto..il chitarrista in primo piano (l'altro e' evidentemente un "poseur"), mentre il Boss,primo a sinistra,batte il ritmo col pede con autorevolezza!
    Buona gita
    Isn't it good? Norwegian Wood

    C

    RispondiElimina
  18. E' morto Socrates, rip

    ex nazionale della Selecao, mediano intelligente coi piedi buoni, giocò nella Fiorentina, era laureato in medicina

    Un esempio di giocatore straordinario in un sistema omologato e ruffiano.


    Brasile, Mondiale 1982

    Valdir Peres
    Leandro
    Oscar
    Luisinho
    Junior
    Cerezo
    SOCRATES
    Falcao
    Serginho
    Zico
    Eder

    grande team, sfortunati in quel mondiale, in Italia arrivarono anche Zico, Falcao, Cerezo...


    cortez

    RispondiElimina
  19. Ha ha ha
    ho vagato nella nebbia
    nel pioppeto fitto
    del boss nessuna traccia
    ma consolato dal convitto.

    RispondiElimina
  20. Brasile '82 un invenzione dei nostri soliti incompetentissimi giornalisti e dei boriosissimi cariocas, Brera li aveva smascherati prima che il torneo iniziasse "compatti e ripartendo li battiamo":
    Portiere inesistente
    centravanti inesistente
    ala sinistra (Eder pheega fa gol su calcio d'angolo dicevano) inesistente
    Socrates poveretto ci stava dentro appena, senza passo e sempre col pieno di vino.
    La squadra migliore fu l'Italia che coniugò alla perfezione capacità individuali, acume tattico, spirito di gruppo e capacità di sacrificio e difatti trionfò. L'esperienza del Dottore in viola fu un disastro, prigioniero del suo colpo di tacco (un suo goffissimo tentativo finì in un rovinoso capitombolo)e della bottiglia dimostrò tutti i suoi (tanti) limiti, Eraldone Pecci al confronto era Pelè.
    Fu un grandissimo fuori dal campo, era un medico e aiutò sempre i bambini,RIP.

    RispondiElimina
  21. Meglio Graham Day e Fay Hallam di Paul Weller e Dc Lee.

    Fabio T.

    PS: Fay qui per Pasqua. Graham magari.

    RispondiElimina
  22. Hey Galletti sei stato bene a Casaliggio da Pinocchio ?
    Io non ero in zona.
    Bella nebbia comunque, da noi sempre.

    Onore al povero Socrates

    RispondiElimina
  23. massimo rispetto x il grande Dottor Socrates RIP
    Ma,Cortez,quella nazionale nell'82 l'abbiamo aggiustata noi ehehehe
    C

    RispondiElimina
  24. evviva galletti con le gambe sotto al tavolo..
    albe ti mando un paio di belle foto!
    check it out!
    C

    RispondiElimina
  25. Son stato bene si! Primi ottimi tutto benone, anche il conto.
    Nebbia imbattibile,ma anche noi non scherziamo infatti non mi sono accorto della differanza fino a casa, ho podù fa al balbiùt
    e as n'è incoort nesùn.. Poetry geard by Gutturnio,oh yes!
    Ciao Cris manda le foto

    RispondiElimina
  26. La prossima volta ti consiglio a un km da lì "La Famiglia" a Tuna, ancora meglio.
    Pinocchio è a 800 metri da casa mia, La Famiglia a 700...sono in un triangolo di osterie.
    Se si vuole alzare il tiro c'è poi Giovannelli a Sarturano (tortelli piacentini ultra)

    RispondiElimina
  27. Ha ha grande Tony, ci son stato alla Famiglia un paio di volte, concordo è migliore, ma qui ero in comitiva ho seguito la mandria.Da Giovannelli non vado da almeno 10 anni, mi portava mio padre, i tortelli me li ricordo eccome! Siccome venivo da Rottofreno son passato davanti a Braghieri alla frazione Centora (mi pare), com'è lo conosci?
    Ad ogni modo il paesaggio avvolto nella nebbia era assai suggestivo.

    RispondiElimina
  28. Di Braghieri si dice un gran bene ma manco da tempo....

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails