mercoledì, novembre 11, 2009

Secret Affair






Ho già parlato di un po’ dei miei artisti preferiti: Kinks (15 settembre 2009) The X (24 giugno 2009), Area (11 giugno 2009),Statuto (3 aprile 2009) ,Clash (13 marzo 2009) Small Faces (6 feb 2009) , Rolling Stones (23 genn 2009) De Andrè (8 genn 09) Beatles (9 dic 08), Graham Day (27 ott 08), Oasis (7 ott 08), Paul Weller (27 mag 08) Prisoners (6 giu 06), , Ruts (23 sett 06), Who (22 mag 06), Monkees (28 giu 06).

Probabilmente la band che più si è “compromessa” con il mod movement del 1979, attirandosi non pochi strali e scomuniche da esponenti più o meno autorevoli della scena (Paul Weller definì Ian Page un’idiota nel suo scritto “Total look”).
I SECRET AFFAIR, per bocca di Ian Page, si autoproclamarono leader della scena mod, realizzandone con l’esordio “Glory boys” una sorta di manifesto etico/estetico.

IAN PAGE e DAVE CAIRNS provenivano dalla sfortunata esperienza power pop con i NEW HEARTS.
Reperirono il bassista DENNIS SMITH dagli Advertising (altra band di powerpop dove militava anche il batterista Paul BULTITUDE, più tardi con i JETSET , con gli stessi Secret Affair nel terzo album e produttore di Moment e Rinaldi Sings) e il batterista SEB SHELTON (che lascerà la band dopo il secondo album per unirsi ai Dexy’s Midnight Runners e poi gestire il management di varie band tra cui Julian Cope e Woodentops).

Tre splendidi album all’attivo prima dello scioglimento nel 1982.
IAN PAGE inciderà un paio di deludenti singoli come Ian Page & the Bop, si dedicherà alla scrittura e tonerà in scena come IAN PAGE & the AFFAIR nel 1999 con il discreto 45 “Prove it”
DAVE CAIRNS forma i mediocri THE FLAG (un rock robusto con toni alla Who tardo 60’s) con Archie Brown dei Bureau e poi si dedica alla progettazione di chitarre (tra cui modelli per Noel gallagher e Jimmy Page)
Dopo una breve reunion nel 2002 per 3 concerti i SECRET AFFAIR con una nuova line up sono ritornati in scena e pare anche in studio per un nuovo album.

DISCOGRAFIA

45 giri
"Time For Action" - 1979 -
"Let Your Heart Dance" - 1979 -
"My World" - 1980 -
"Sound Of Confusion" - 1980
"Do You Know" - 1981

LP
Glory Boys - 1979 8
Uno dei più importanti dischi mod di sempre.
Un perfetto mix di rabbia adolescenziale, beat, rythm and bues (la grande cover di “Going to a go go” di S.Robinson) e hits senza tempo come “Time for action” , “Glory boys” , Let your heart dance”

Behind Closed Doors - 1980 7
La band cerca di uscire dalla ricetta semplice e diretta dell’album precedente, raffina gli arrangiamenti (si aggiungono archi e sonorità quasi sinfoniche a tratti jazzy), le composizioni si fanno complesse e più ricercate. Meno immediato ma di nuovo validissimo

Business As Usual - 1982 8.5
Il loro capolavoro. Composizione mature dove pop, beat , 60’s e nuovo si fondono alla perfezione. Non avrà fortuna e la band si scioglierà

inoltre (oltre ad un paio di esaustive compilations)
CITY OF DREAMS (1988. Vinile in 1000 copie. Registrazione del concerto al "Mods Mayday 1979)
LIVE AT THE SCALA (un live + DVD del 2003)
NEW HEARTS - A secret Affair
Un CD con 29 brani del periodo New Hearts con alcuni brani in versione demo che finiranno negli album dei Secret Affair

50 commenti:

  1. we know we're right looking good's the answer and living by night

    a proposito di nostalgia...


    m.

    RispondiElimina
  2. Com'è che lo zio Paul ce l'aveva con Ian Page ??

    RispondiElimina
  3. St, credo che Paul pensasse di lui che fosse poco piu' che un "poseur" modaiolo come tanti di fronte ad un trend nuovo (parlo di 79)..la questione e' aperta.

    Il primo disco che acquistai dei SECRET AFFAIR fu "Glory Booys" nell'82 ma nell'edizione TEDESCA,che aveva in copertina la loro celebre foto in fisheye, molto meglio a parer mio dell'originale, e soprattutto conteneva "MY WORLD" una delle migliori MOD POP song di sempre (rapinata al successivo "Behind.." e che Tony NON cita!).
    Inutile dire che fu rivelazione anche grazie a quel capolavoro.
    Tempo dopo scoprii che la mia non era l'edizione originale ma..meglio cosi!!
    Concordo sul giudizio di "Business.."ocvviamente.

    ragazzi..meglio Seb o Paul B.?

    Cristiano

    RispondiElimina
  4. "Prats like Ian Page, a once failed Punk Star who then tried his hand at Mod, told the lads that punk was dead and had never lived up to its promises anyway, and the only way to win in the rat race was by joining the bastards in their own game!
    What? It was the complete antithesis of the original '60s Mod movement.
    They didn't want to join in anyone's fucking game, they played their own and made their own rules; if you didn't like it you could f-f-f-fade away!"

    Paolino riteneva che Ian Page si volesse appropriare di uno stile e di un'etica che oltre a non essere sua (di Ian) era in antitesi con quello che lo stesso Ian predicava.

    In effetti i vari incitamenti al "Time for action" etc etc erano un po' vuoti, populisti e demagogici, ma si trattava pur sempre di un adolescente o poco più che lanciava il suo inno e diceva la sua.

    RispondiElimina
  5. My world è un pezzo bellissimo, melodicamente, ma non mi è mai piaciuto l'arrangiamento con gli archi e dai tratti sinfonici (Quadrophenici, direi).
    Seb Shelton era molto più pulito, Bultitude più anonimo.

    RispondiElimina
  6. anche per me il primo disco acquistato fu gloryboys e proprio nell'edizione tedesca. da ragazzino l'ho consumato tanto mi piaceva. myworld è un gran pezzo. la produzione a mio avviso è in generale su tutto l'album un pò datata, in particolare in certi arrangiamenti (concordo con tonyf per quanto riguarda myworld), nel suono poco incisivo delle chitarre e in quella batteria un pò troppo "normale". però va bene così. sempre meglio che una reunion :-)


    m.

    RispondiElimina
  7. noi giovani mods (e uno skin) triestino ci siamo autoproclamati glory boys. ogni nostra serata si apre e chiude con quel pezzo. e il 45 di time for action è ospite fisso...
    Marco GLORY BOYS Trieste

    RispondiElimina
  8. beh... che dire? paolino aveva torto marcio, anche lui puo sbagliare no? :) a parte che quella dichiarazione è un po strana in quanto i new hearts furono scelti, non so se da lui o da suo padre a questo punto.., come band di supporti per i tour dei jam nel 78.

    grandi s.a., la band più completa, sia tecnicamente che compositivamente, che esteticamente, del mod revival. tutti i loro album (da me acquistati ahimè ...vista la mia vecchianza.. rigorosamente ed orgogliosamente inglesi quando uscirono) sono stupendi, e sono totalomente in disaccordo con "m.", in quanto per me "sopportano il test del tempo" dopo 30 anni.

    un paio di chicche post-scioglimento i "bop" (presi anche quei singoli!...;) con facciata A commerciale e disco, ma con bellissime B sides, registrarono anche l'album, "city of dreams" (mi sembra...devo andare a vedere i miei incartamenti a casa..) ma visto il fallimento dei singoli, cancellato dalla pharlophone. bene quell'inedito che nessuno conosce è stato per un breve periodo (5 /6 anni fà) tra i miei sogni di papabile "ristampa improbabile" della mia "etichetta" (etichetta solo sulla carta, la sgr), presi contatto con ian page per avere più informazioni e sapere chi deteneva masters e diritti.
    più recentemente page mi disse che alcune canzoni di quell'album sono state prese in considerazione per il nuovo album dei secret affair (i pezzi nuovi proposti sul loro myspace sono buoni!!)

    cairns (grande, generalmente molto, troppo, sottovalutato come chitarrista, compositore ed arrangiatore) invece pubblicò un album nel 85 come "flag" in collaborazione con l'ex cantante dei bureau (che poi erano gli ex-dexys, che stoorie, che incroci, che inciucci..:). purtroppo l'album (non facile da reperire, ristampa cd inesistente, ritrovato in vinile usato solo pochi anni fa, e very cheap too!) fa abbastanza cagare, canzoni anche belle ma rovinate da una produzione e percussioni elettroniche classiche dei mid 80s)

    let our hearts dance!
    F

    RispondiElimina
  9. ops scusa toni non avevo letto che avevi già menzionato i flag!

    RispondiElimina
  10. Paolino ogni tanto si è lasciato andare a dichiarazioni un po' sopra (o sotto) le righe.

    Ma forse non aveva tutti i torti nel vedere che qualcuno voleva in qualche modo "appropriarsi" della scena e dirigerla, quando invece , ai tempi, uno degli aspetti più entusiasmanti erano la freschezza e la spontaneità.
    In qualche modo volere mettere subito dei codici fece arrabbiare l'arrabbiato giovane uomo mod da Woking.

    RispondiElimina
  11. Anch'io comprai gli album "in diretta" ai tempi (30 -TRENTA ! - anni fa)
    "Glory boys" nella versione inglese
    Ne facevamo una versione dal vivo con i Chelsea Hotel nel 1980 (insieme a a brani di Clash, Jam, Ramones, Uk Subs, Dead Boys...di tutto un po'...nei volantini scrivevamo "punk-mod band")
    Un frammento c'è sul mio album solo

    Quello dei Flag è davvero bruttino come album
    Suonarono parecchio in USA (soprattutto a supporto dei Foreigner .... !)

    RispondiElimina
  12. Vero,Tony..sopra o sotto le righe.
    Ricordate quelle "famose" sul votare Tory (e quindi la Tatcher)?

    Trovo il dvd concerto della Scala mooolto suggestivo e ho visto gli AFFAIR (non Secret..solo Page e Winthrop)alcuni anni fa.
    Mi sono divertito ed emozionato a vedere Ian all'opera once again.
    Reunion? Si,direi..
    O dobbiamo dire: Hope YOU die before YOU get old?

    C

    RispondiElimina
  13. La storia di Weller che diceva che avrebbe votato Tories era una provocazione che gli "aveva messo in bocca" il management per rimarcare ancora più il distacco, a livello d'immagine, con il punk "anarco sinistroide".
    E di cui si è poi pentito (e comunque ampiamente rifatto)

    Anch'io avevo visto gli Affair ad un raduno in Liguria. Eccellenti

    RispondiElimina
  14. c'ero anchio ai mitici bagni colombo (il piu bel locale per feste mod che ho visitato in italia). non erano i secret affair ma l'emozione è stata fortissima.

    mi jhai fattto venire in mente che
    la mia "accompagnatrice" di allora (da non leggere escort haha) ha scattato un po di foto dalle balconate interne dei colombo che devo ritrovare.

    i secret affair di oggi sono una ottima live band. degli originali "solo" page e cairns, ma con sezione fiati e un hammondista come bryn barklan (ex mother earth e captain hammond) hanno un suono bello grasso e completo.

    f

    RispondiElimina
  15. Della discografia hai dimenticato l'album live postumo "City of Dreams" dei S.Affair, che si distribuì soltanto per posta.

    L'album dei BOP doveva invece portare il titolo "Unity Street".

    RispondiElimina
  16. vai Flav esci le foto!!!!!
    C

    RispondiElimina
  17. ciao albertzz, hai ragione su "city of dreams" era il live postumo dei sa!!

    mentre posso confermare che l'album dei bop era "children of the city" (ho trovato l'incartamento :)) e non "unity street" che era il singolo.
    f

    RispondiElimina
  18. Giusto, Cap!

    Oramai la mia attività neuronale è quella che è...

    Glug!

    AlbZZZZZZZZZZ

    RispondiElimina
  19. lamadonna . hai ragione ! City of dreams !! e ce l'ho anche ! Con la copertina in B/W con il foglio incollato sulla busta bianca (mi sembra...stasera ci guardo)
    E' la registrazione del Mods Mayday, uscita nel 1988, giusto ?

    RispondiElimina
  20. http://www.youtube.com/watch?v=DHxvyg-EyFM

    per chi vuole farsi male e non conosce i bop, questo era il primo singolo. il secondo era allo stesso livello "dance" ma forse meglio. le bsides invece erano degnissime, "worlds collide" potente strumentale che inserimmo nella prima ed unica download compiletion (illegale, non ditelo a ian :) di milanomods, e "mr lonely" una bella soul ballad.

    RispondiElimina
  21. Piccola correzione da pignolo. Ian Page & The Affair avevano suonato al TKB (Takabanda) a Varazze e non ai Bagni Colombo. Bagni Colombo che sono, effettivamente, il locale piu' fico dove sono mai stato in Italia. Avevano poi suonato a Torino anche l'anno dopo mi pare, con i Minivip a supporto.

    Per quanto riguarda la diatriba Weller - Page: io la vedo legittima come sputtanata, nel senso che Weller veniva da un background di anni di concerti nei pub (prima di spostarsi a Londra) nei quali aveva suonato pezzi R&B, in parte riconducibili alla scena Mod 60s, e vi e' sempre rimasto legato in tutta la sua carriera. E va anche ricordato che stiamo parlando id ragazzi che all'epoca avevano 20 21 anni, ci sta...

    RispondiElimina
  22. Confermo i Bagni Colombo come il locale più "60's" in assoluto

    RispondiElimina
  23. confermo gli affair ai bagni colombo, ma io parlo del 1999 ottobre. (matteo credo che tu ti riferisca ad un tour successivo, dorse un paio d'anni dopo) :)

    f

    RispondiElimina
  24. io credo ian page & affair al tkb nel 2003, a pasqua (anche se non c'ero, ma quello successivo è stato il mio primo raduno. giusto teo?) e a torino han suonato nel 2005, in occasione di mod mania. evento al quale la sera prima han suonato minivip e link quartet, e noi da trieste abbiamo cenato con i panini del link quartet...

    Marco MODS Trieste, nonchè GLORY BOYS Trieste, nonchè dj alla GLORY NIGHT.

    RispondiElimina
  25. precisazioni..

    la mia edizione di Glory Boys e' quella U.S.A.,ma la questione cover e' la stessa.

    Confermo Flav circa le date di Ian & Affair del 99 e a Vatazze TKB 03.

    A Torino (Settimo T.se)x ModMania 05 con cena luculliana dei nostri ed una cospicua serie di "pussa-caffe'" (grappini..grappini..grappini).
    Nunzio "Ometto" sul palco x una delle sue "solite" comparsate live..

    MARCO MODS:avete fatto benissimo ad espropriare i panini del Link, Tony&Lilith&SS fanno di solito lo stesso con le Onion Rings altrui..ahaha!!(Tony remember?).
    In bocca al lupo x le Glory Nights!

    Cristiano

    RispondiElimina
  26. bagni colombo.albissola.no varazze

    RispondiElimina
  27. Aiuto. Non me ricordo piu' un proverbiale...

    RispondiElimina
  28. Deve essere l'aria del torinese...

    RispondiElimina
  29. Tony!

    Si, si... penso sia proprio quello 'City of Dreams'! Concerto della Bridgehouse del 79 mai uscito all'epoca. Io non ce l'ho, comunque; e sono contento con i tre album in studio.

    Come curiosità, molti arrangiamenti del secondo album li firma Dave Winthrop, sassofonista degli (arrrghh) Supertramp...

    RispondiElimina
  30. confuso dall'aria torinese posso solo essere io (e Ursusdursus)..Matteo credo stia un po' piu' a Norte, at the moment

    C

    RispondiElimina
  31. no, dicevo che l'esproprio (proletario o meno) di panini e onion rings avvengono prevalentemente in zona Torino e dintorni, a quanto pare

    ma..è lo stesso Dave Winthorp ?
    Allora capisco il perchè di certi arrangiamenti con tutti quegli archi ....

    Comunque "City of dreams" ha solo valore come documento..qualità così così...

    RispondiElimina
  32. haha! capito Tony..
    ma forse non hai ancora avuto modo di testare un'altra usanza in voga in questa zona:"la legge del boccale incustodito"..va da se'..occhio a dove lasci il bicchiere,specie se pieno!
    C

    RispondiElimina
  33. nella line up piu' recente dei SA figurano,tra l'altro Russ e Sean alla sezione ritmica,ovvero 2/3 dell TRINITY di Fay Hallam!!
    C

    RispondiElimina
  34. a me My World piace proprio x QUEGLI arrangiamenti! pure POP music!
    un plauso agli STATUTO x averla scelta come finale di ogni loro set!
    C

    RispondiElimina
  35. --un plauso agli STATUTO x averla scelta come finale di ogni loro set!--

    oltre ad essersi ispirati non poco per il ritornello di Pugni chiusi

    RispondiElimina
  36. vero, "pugni chiusi" è metà secret affair / metà jam (non mi ricordo adesso se thats entertainment o when you're young)

    RispondiElimina
  37. e ci sono anche i supergrass all'inizio

    RispondiElimina
  38. In ogni caso non di plagio si tratta ma di omaggio voluto e consapevole ad alcuni maestri

    RispondiElimina
  39. Sono andato a vederli, un anno fa all'Astoria, a Londra. Con Carnis alla chitarra è tutta un'altra storia rispetto agli Ian Page & The Affair. Oltretutto la sezione fiati è spettacolare, capeggiata da Rinaldi. Russ Baxter è un ottimo batterista, ma difetta sulle rullate: presente quelle rullatine fulminanti di Bultitude? Beh lui non le fa, e si sente. Comunque, è stato uno dei più bei concerti della mia vita, roba da lacrime agli occhi. Peccato che non abbiano suonato manco un pezzo dei New Hearts.

    PS Meglio i Jam... :P

    W il mod revival

    Ennio - Piazza Statuto Mod

    RispondiElimina
  40. ennio, è stato proprio al concerto degli affair a settimo torinese che ci siamo conosciuti... ed ho scoperto che non ero più il più giovano mod in italia!!!
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  41. Già mi ricordo, avevo 15 anni! Di recente, oltretutto, ho trovato le foto che avevo fatto con una usa e getta, e in una foto al pubblico ci sei anche te con tuo fratello con addosso una felpa del West Ham, se non sbaglio!

    Ennio - Piazza Statuto Mod

    RispondiElimina
  42. Capt Flav si riferisce al coro dell'intro di "Pugni chiusi" mutuato da quello di "When You're young"..oooh..oooh...

    Parlano di batterismo (e' x quello che lo chiedevo all'inizio)trovo che SEB SHELTON vada molto piu' di RULLATINE secche (e beat)rispetto a Bultitude..(ciao Ennio!).
    Personalmente non riesco a paragonare Jam SA tecc tra di loro..

    Cristiano

    RispondiElimina
  43. Mi son confuso non volevo dire Bultitude ma Shelton... Scussate.

    Ennio - Piazza Statuto Mod

    RispondiElimina
  44. tony amputa le mani x molto meno

    RispondiElimina
  45. Infatti per questa volta passa perchè sei giovane , altrimenti non so cosa poteva succedere

    RispondiElimina
  46. Komeini è nulla al confronto

    RispondiElimina
  47. Vlad invece IMPALAVA

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails