mercoledì, giugno 24, 2009

The X






Ho già parlato di un po’ dei miei artisti preferiti: Area (11 giugno 2009),Statuto (3 aprile 2009) ,Clash (13 marzo 2009) Small Faces (6 feb 2009) , Rolling Stones (23 genn 2009) De Andrè (8 genn 09) Beatles (9 dic 08), Graham Day (27 ott 08), Oasis (7 ott 08), Paul Weller (27 mag 08) Prisoners (6 giu 06), , Ruts (23 sett 06), Who (22 mag 06), Monkees (28 giu 06).

Oggi tocca agli X, mitica band di Los Angeles.
La cantante Exene Chervenka ha appena annunciato di essere ammalata di sclerosi multipla. La cosa non cambierà i programmi immediati della band, ma sta ovviamente segnando profondamente la vita di Exene.

Nato nel 1978, esploso due anni con lo stupendo esordio di “Los Angeles”, il quartetto di Exene, John Doe, Billy Zoom, DJ Bonebrake è stato tra i nomi più originali della scena americana (post) punk, mischiando graffianti e grezzi suoni mutuati dal punk rock a melodie vocali non lontane dall’insegnamento dei Jefferson Airplane, oltre a dosi consistenti di roots music americana.
7 album (oltre ad una serie di live ed antologie), che, partendo da una proposta estremamente originale e personale, degradano poi verso un sound convenzionale quasi hard rock (soprattutto dopo la dipartita del chitarrista Billy Zoom nel 1986).
Passati attraverso varie reunions, attualmente in circolazione sui palchi americani e con all’attivo numerose, seppur poco interessanti, prove soliste, lasciano agli anni tra il 1980 e il 1983 la loro epoca d’oro.

Los Angeles (1980) 8
Stupendo esordio, prodotto da Ray Manzarek dei Doors (di cui e con cui rifanno anche “Soul kitchen”), è uno stupendo quadro dell’urgenza punk dell’epoca, lontano dalle esagerazioni un po’ “plastiche” di certo punk inglese, molto stradaiolo e allo stesso tempo estremamente poetico (la strada è in effetti poesia). “Los Angeles” , “Johnny hit and run Paulene”, “Nausea” sono inni insuperati

Wild gift (1981) 6.5
Una copia sbiadita del precedente, meno irruente e con canzoni meno efficaci.
Ci sono “We’re desperate” , “Adult books” e “White girl” a rinverdire i fasti dell’esordio, ma in generale rimane tutto sotto tono

Under the big black sun (1982) 9
Primo album per una major e capolavoro assoluto della musica rock americana.
Un lavoro maturo, eccelso, con canzoni stupendamente scritte e interpretate, dove furore, melodia, poesia e assalto sonoro si mischiano alla perfezione
Insuperabile, tra i miei preferiti di sempre

More fun in the new world (1983) 6
Non mancano i buoni spunti, ma, alla ricerca del successo commerciale, gli X appiattiscono e “ripuliscono” un po’ il sound, pur non rinnegando sè stessi
Il risultato è una specie di “X che rifanno gli X”, nonostante alcune gemme come “Devil doll”, “We’re having much more fun” e la grande “I must not think bad thoughts” (con il testo...”civil wars and unciviled wars” che dice molto più di tante parole)

Ain’t love grand (1985) 5
Esplicitamente alla ricerca di un’affermazione di classifica, si buttano su un sound spesso vicino al rock FM, rifanno perfino gli Small Faces (“All or nothing” in una versione trascurabile), ma la trasformazione non convince.
Il successo non arriva, se ne vanno i vecchi fans e anche il chitarrista Billy Zoom

See how we are (1986) 6
Sotituito Billy Zoom con Dave Alvin dei Blasters e poi da Tony Gilkyrson dei Lone Justice, sfornano un buon album, molto roots rock, con qualche buona canzone ma piuttosto impersonale e che non si fa certo ricordare.

Hey Zeus (1993) 5
Dopo una lunga pausa e il live “Live at Whiskey at go go” (buono ma non eccezionale come era lecito aspettarsi da un live degli X) , ci provano di nuovo con un nuovo lavoro di studio, dove l’antica magìa si perde definitivamente in suoni assolutamente lontani da ogni buon ricordo della band che furono

Oltre ad alcune antologie è stato pubblicato un CD + DVD registrato nel 2005 “ X - Live in Los Angeles” che documenta la reunion della line up originale del novembre 2004, con Billy Zoom.
Brividi ed emozione, ancora energia da vendere, ma anche una cartolina da un lontano passato che non tornerà più e, avendolo vissuto così intensamente, nessuno sente più la mancanza.

Io e gli X
I Not Moving furono spesso paragonati agli X, nei primi anni.
Ma noi scoprimmo la band solo tempo dopo rispetto a quando componemmo i primi brani in stile...X.
Incontrammo la band allo “Slego” di Rimini alla fine di un loro concerto e rimanemmo a bocca aperta nello scoprire che conoscevano i Not Moving....ci fecero i complimenti perchè non capivano come potessimo suonare più o meno come loro non avendo le stesse radici musicali.
Scambiai una serie di lettere e pacchi con Exene e John Doe mandando loro bootleg su cassetta e vinile degli X che trovavo in giro per l’Italia.
Conservo ovviamente ancora gelosamente le cartoline e le lettere.


www.xtheband.com

27 commenti:

  1. Oh, che tristezza. Mi spiace che Exene sia malata.
    Non lo sapevo.
    Grandi X

    RispondiElimina
  2. Visti nei primi anni 80 al Big club,se non sbaglio...tra i migliori concerti di quel periodo,bravissimi!

    fuori post: la mail di Virgilio è bloccata solo per me o non funziona per tutti? Adesso mi viene il dubbio...

    RispondiElimina
  3. grandi, mi dispiace moltissimo,..mi ricordo che poi Exene fece un book con LYDIA LUNCH ,..e soprattutto mi piacque quell'album roots dei KNITTERS che erano una side band loro (coinvolti anche i BLASTERS se non ricordo malaccio)

    Mich.

    RispondiElimina
  4. anch'io rattristato x Exene..
    C

    (ursus a me funziona sempre TUTTO)

    RispondiElimina
  5. Anche ma funziona,adesso...

    E' morto anche SKY SAXON,che brutta cosa !

    RispondiElimina
  6. anche King MICHAEL JACKSON..un grandissimo (e oggi non vorrei sentire cazzate)
    C

    RispondiElimina
  7. Quali cazzate,Cris?
    Permettimi di obiettare che la musica è un conto,il comportamento pubblico è un altro...per me Jackson come personaggio era repellente e se non fosse stato ricco e famoso avrebbe finito i suoi giorni in galera.
    Detto ciò ribadisco:la musica è un altra cosa...ma io da "vecchio fricchettone" continuo a non saper discernere gli artisti dai messaggi che loro trasmettono...
    Sky Saxon trasmetteva ben altro...ed anche FARAH FAWCETT,attrice e donna stupenda!

    RispondiElimina
  8. cosi x dire Ursus, ma ti sei autocoinvolto da solo quindi..
    Detto cio' capisco il tuo discorso,ci mancherebbe.
    Farah? quella era Farah Dibah..scherzo neh
    C

    RispondiElimina
  9. aggiungo..poi basta..anche JL LEWIS era un pedofilo secondo la morale USA, ma so che si potrebbe aprire un ginepraio. io parlo dell'artista.
    C

    RispondiElimina
  10. well, però i JACKSON FIVE hanno fatto alcuni dischi molto buoni,devo dire...da qui però a paragonare Michael Jackson ai BEATLES (????) come hanno fatto certi ignorantotti dei media ittaglioti in base a certi criteri puramente quantitativi ( vedi copie vendute) ci piove!!!..e PARECCHIO!... un'ulteriore (ri)prova che l'Ittaglia sta andandosene ormai a puttane e a fare in culo totalmente,...by the way,....ho guardato ,mentre pranzavo, un attimo studdio apperto,un'esperienza quasi mistica, oserei dire...ahooo ma dove le prendono quelle giornaliste con l'accento da "figglia di pappà antipatica come uno sputo in un "ècchio" e , perdipiù, educata dalle Orsoline???"

    Mich.

    RispondiElimina
  11. Mich,ti ho inviato l'intervista ai VOLTI...ma hai visto che foto?
    Mi vien da dire:ma chi cazz se ne frega di studioaperto,quando vedo queste cose io vado in estasi...e poi chiamatemi illuso,frikkettone,nostalgico...va tutto bene,io godo!!!

    RispondiElimina
  12. ..ho visto ora, sono davvero fantastiche,...quasi quanto il doppiomento da "sbaffffatore de abbacchi a tradimenddddo " del Liquori

    Mich.

    RispondiElimina
  13. Ti ho inviata un'altra versione dell'intervista riveduta e corretta dallo stesso Enzo...adesso è ottima.

    RispondiElimina
  14. sì, ho visto,...devo dire che la scena beat torinese, conoscendola ora bene, era molto valida,peccato non aver potuto ascoltare il 45 dei VOLTI 70....but,per ritornare nel faceto, e della scena oi-punk-roots folk-rock-anglo-scoto-irlandese di Ardcore che diciamo??....pare , da indiscrezioni di un ASS-essore feltroniano di Viggiù che Apicella bazzicasse assiduamente il Virus prima della recente svolta "gioca joueriana":)

    Mich.

    RispondiElimina
  15. ...cmq devo dire che riascoltando, dopo aver letto questo post, la mia vecchia cassetta "K7" (w le k7 e VAFFANCULO i cd ) del primo EP dei NOT MOVING era davvero un gran bel disco r'n'r e le assonanze con gli X o i PENETRATION o i BAGS ( do ya remember?= o certe cose che stavano sperimentando allora i CRAMPS e i GUN CLUB sono molto evidenti ( anche gli ALLEYCATS erano grandi, ho il 2° lp in vinile),....ribadisco ancora una volta che le uniche bands con uno spessore r'n'r "universale" e non meramente italico eravate voi,i BOO HOOS e gruppi neo-psych come l'Ursus, BIRDMEN OF A. , SICK ROSE e pochi altri ( anche i TECHNICOLOUR DREAM) ...mentre su certi gruppi clone-dark scopiazzatori dei Joy D. meglio tacere vah

    Mich.

    RispondiElimina
  16. Secondo me erano terribili anche una lunga serie di gruppetti hard-core tutti uguali,tutti stra-incazzati che urlavano "Fotti di qua e fotti di là" (cantavano rigorosamente in italiano,anche se non si capiva un cazzo)...gli unici che si sono elevati da quel troiaio sono stati NEGAZIONE e KINA,che hanno trovato una loro giusta dimensione,il resto era una cosa senza senso.

    RispondiElimina
  17. concordo,...capolavori assoluti dell'hardcore (ma era ancora punk 77 evoluto) erano dischi che comprai a 14-15 anni come lo straordinario EP 12" dei BLACK FLAG (copertina gialla) e "Group Sex" dei CIRCLE JERKS ( e anche quello degli ADOLESCENTS, grandissimo),..poi il genere si isterilì in maniera impressionante ,...soprattutto in Europa ... a parte il primo lp che ho dei G.B.H. che era fantastico, ....poi ho tutti i primi singoli dei DISCHARGE che eran validi e un'altra band inglese , i SUBHUMANS di cui ho 2 45,...per il resto du palle pazzesche

    Mich.

    RispondiElimina
  18. Vai Mich,hai fatto un post magnifico

    http://popartx.blogspot.com/

    RispondiElimina
  19. ?? ma io ho scritto solo la cazzata di Cobram,..l'intervista è tua,...cmq un altro grande disco che dimenticavo è Hardcore '81 dei D.O.A. ma quello è ancora punk rock + che hc

    Mi.

    RispondiElimina
  20. Ah! ah! La coppa cobram e il torneo della montagna,allora vi aspetto tutti per una bella sgambata...ci facciamo una bella salita a Pinerolo in bicicletta(io e Cris siamo avvantaggiati,per voi sono bitter cocks!)Venghi ragioniere...

    RispondiElimina
  21. la corazzata kotiomkin è una cagata pazzescaaaaa

    Joe

    RispondiElimina
  22. Ursus,batti lei????
    C

    RispondiElimina
  23. esatto..non gli stavo dando del TU
    C

    RispondiElimina
  24. Quello è da AMICI MIEI...noi parlavamo di FANTOZZI.

    Tony è già in ferie?

    RispondiElimina
  25. Fantocci che fa, mangia?

    Cmq tornando su Ray Davies, ho messo su YT alcuni video del concerto di sabato a Hampstead. Diluvio improponibile nella second aparte del concerto, i video sono quello che sono ma tant'e'.

    Li trovate qui

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails