mercoledì, aprile 26, 2006

Vennt'anni da Chernobyl


Per chi vaneggia di ritorno al nucleare...
Io c'ero e non voglio che si ripeta MAI PIU'.

Da unita.it

Nella notte del 26 aprile 1986, per l'esattezza all'1 e 23, due esplosioni successive nel reattore numero quattro della centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina, rilasciano 11 miliardi di miliardi di baquerel di radioattività.
Per capire: un valore circa 30 miliardi di volte superiore alla dose massima utilizzata per terapie radiologiche di tumori.
Le radiazioni contaminano un'area tra Russia, Birlorussia ed Ucraina grande circa il doppio dell'Irlanda.
Nei primi giorni dopo le esplosioni muoiono 6 pompieri, 24 dipendenti, 4 piloti di elicotteri e 31 “liquidatori”. Ossia gli uomini delle squadre di soccorso che, una volta domato l'incendio (e ci vollero 10 giorni) si occuparono di raccogliere le macerie radioattive, radunarle sopra ciò che era rimasto del reattore esploso e coprire tutto il più in fretta possibile.

Si trattava soprattutto di militari chiamati in servizio un po' da tutte le Repubbliche dell'Urss.
Ma anche contadini, operai, studenti e chiunque fosse abile: dai 300mila agli 800mila uomini.
Nel frattempo, nel raggio di 30 chilometri dalla centrale, venivano evacuate circa 130mila persone.

Fra queste i 50mila abitanti della cittadina di Pripjat che non sono più potuti tornare nelle loro case.
E che comunque, benché la cittadina si trovasse a soli 18 km dalla centrale e fosse stata letteralmente avvolta dalla nube radioattiva, vennero allontani solo due giorni dopo l'esplosione.
Ma le vittime di Chernobyl non si fermano qui.

Si calcola che dall'86 il disastro di abbia causato la morte di circa 150mila persone.
Ad uccidere, di anno in anno, è quello che in gergo viene chiamato il fall-out radioattivo, la contaminazione della terra, del cibo, dell'acqua causata dall'eplosione che ha interessato oltre 1500 chilometri quadrati di territorio dell'ex Unione Sovietica.
In primis la Bielorussia. Qui la ricaduta radioattiva (il 70% del totale) ha contaminato il 23% del territorio. «Se nell'86 ci fu una enorme responsabilità del governo dell'ex Urss che non avvertì la popolazione di quello che stava accadendo e mandò a morire senza nessuna precauzione migliaia di liquidatori - spiega all'Unità on line Angelo Gentili responsabile del “Progetto Cernobyl” di Legambiente - oggi ci sono altrettante responsabilità del governo Bielorusso, ma anche della comunità internazionale, che non fa niente per queste popolazioni».
Ancora oggi circa 7 milioni di persone sono infatte esposte al rischio delle radiazini.

La maggiore fonte di pericolo, allora come oggi, viene dal cibo e le principali vittime sono i bambini. L'Aiea (Agenzia Onu per l'energia atomica) ha ufficialmente censito 1800 casi di cancro alla tiroide nei bambini che all'epoca dell'incidente avevano un'età compresa tra i 0 e 14 anni.
«La popolazione vive letteralmente ai limiti della decenza- spiega ancora Gentili - continua a mangiare cibi radioattivi e a vivere in zone altamente contaminate.
Nonostante questo il governo bielorusso pensa addirittura di ripopolare le zone che vennero evaquate subito dopo l'esplosione mentre quello di cui ci sarebbe bisogno sono investimenti per la prevenzione e il monitoraggio della salute di queste persone. Senza dimenticare che, come Hiroshima e Nagasaki insegnano, gli effetti maggiori dell'esplosione nucleare si vederenno soprattutto nei prossimi anni».
Anche se la centrale è stata definitivamente chiusa il 15 dicembre del 2000, a 20 anni da quella tragedia Chernobyl è ancora una vera e propria bomba ad orologeria.

«La situazione più grave è quella del “sarcofago”, la struttura protettiva con cui è stata ricoperto il reattore esploso - spiega Gentili - Ci sono buchi e crepe un po' ovunque e il tetto rischia letteralmente di crollare».
Secondo il rapporto di Legambeinte Chernobyl, trent'anni dopo, il sarcofago (costruito in tutta fretta nei mesi sucessivi all'incidente e destinata a durare per circa 30 anni) oggi presenta circa 100 metri quadri di crepe e fessure dalle quali, ogni anno, si infiltrano circa 2200 metri cubi di acqua piovana.

All'interno si trovano ancora circa 180 tonnellate di combustibile radioattivo.

11 commenti:

  1. riguardo al disastro di chernobyl sul mio blog ho linkato 2 filmati sconvolgenti:
    1 mostra i liquidators in azione sul tetto del reattore 3.
    l'altro è un giro a prypiat dopo la botta. (ci sono immagini di gente che porta i bambini al parco giochi, mentre sullo sfondo il reattore è a cielo aperto e nussuno aveva ancora avvertito nessuno)
    mamma mia che tristezza.

    RispondiElimina
  2. HIT PARADE NUCLEARE:
    1)We've got the Neutron Bomb:The Weirdos
    2)Nagasaki Nightmares: Crass
    3)Nuclear War:Sun Ra and His Arkestra
    4)Ten seconds over Tokyo:Pere Ubu
    5)Drop the Bomb:Trouble Funk
    6)Hiroshima Mon Amour:Ultravox
    7)Doomsday:Discharge
    8)Enola Gay:OMD
    9)Radioactivity:Kraftwerk
    10)Atomic:Blondie

    RispondiElimina
  3. Scusate ancora, ho un appello importante:
    Dal 3 aprile al 3 maggio puoi aiutare Soleterre ONLUS ad acquistare cibo e nutrizione via flebo, attrezzature sanitarie e diagnostiche
    garantendo ai bambini ricoverati nell’ospedale oncologico di Kiev Un sorriso in corsia. Per sostenere questo progetto invia un SMS del costo di 1 euro al numero 48582 dal tuo telefonino per clienti Tim, Vodafone, Wind e dai telefoni di rete fissa Telecom Italia abilitati o effettua una chiamata del costo di 2 euro al numero 48582 da rete fissa Telecom Italia.
    grazie

    RispondiElimina
  4. fatto,pibio..
    NO MORE!
    Cristiano

    RispondiElimina
  5. notte tony!!!^^

    adonis

    RispondiElimina
  6. atomic garden- bad religion
    cristiano

    RispondiElimina
  7. - Ci sono anche "London Calling" dei Clash ("A nuclear error but I have no fear cos London is drowning now and I live by the river") e sempre di Strummer e soci "Atom tan" .
    - Poi "Chemical warfare" dei Dead Kennedys (è anche un brano degli Slayer).
    - "Nuclear device" degli Stranglers
    - "Nuclear war" dei Voivod
    - No nuclear war" di Peter Tosh e l'immortale "A hard rain's gonna fall" di Bob Dylan

    RispondiElimina
  8. FALL OUT primo single dei Police
    L'ATOMICA CINESE guccini/nomadi
    "..mettete dei fiori nei vostri cannoni,perche' non vogliamo piu nel cielo MOLECOLE MALATE,ma note musicali.." Giganti (vale?)
    Cristiano

    RispondiElimina
  9. 1)Radioactive chocolate:MDC
    2)Redemption Song:Bob Marley(emancipate yourselves from mental slavery,none but ourselves can free our minds........i've no fear of ATOMIC ENERGY,cause none of them can a stop the time)
    3)Euroshima mon amour:UART

    RispondiElimina
  10. "GOING UNDERGROUND" the JAM !!!
    "..I'm so happy and you're so kind
    You want more money of course I don't mind
    to buy NUCLEAR TEXTBOOKS for ATOMIC CRIMES...."
    Cristiano

    RispondiElimina
  11. atoms for energy-
    the great complotto
    Cristiano

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails