martedì, aprile 25, 2006

25 aprile : non dimenticare

Sono passati sessantunanni dal 25 aprile del 1945, data che segna la Liberazione delle principali città del Nord Italia dal dominio nazifascista e la fine di fatto della seconda guerra mondiale in Italia.
Quella data segna un discrimine tra gli anni della dittatura e la costruzione di un paese democratico.

25 Aprile 1945

Non maledire questo nostro tempo
Non invidiare chi nascerà domani
Chi potrà vivere in un mondo felice
Senza sporcarsi l’anima e le mani.
Noi siam vissuti come abbiam potuto
Negli anni oscuri senza libertà.
Siamo passati tra le forche ed i cannoni
Chiudendo gli occhi e il cuore alla pietà.
Ma anche dopo il più freddo degli inverni
Ritorna sempre la dolce primavera,
La nuova vita che comincia stamattina,
In queste mani sporche ha una bandiera.
Non siamo più né carne da cannone
Né voci vuote che dicono di sì.
A chi è caduto per la strada noi giuriamo
Pei loro figli non sarà così.
Vogliamo un mondo fatto per la gente
Di cui ciascuno possa dire “è mio”,
Dove sia bello lavorare e far l’amore,
Dove il morire sia volontà di dio.
Vogliamo un mondo senza patrie in armi
Senza confini tracciati coi coltelli.
L’uomo ha due patrie, una è la sua casa,
E l’altro è il mondo, e tutti siam’fratelli.
Vogliamo un mondo senza ingiusti sprechi,
Quando c’è ancora chi di fame muore.
Vogliamo un mondo in cui chi ruba va in galera,
Anche se ruba in nome del signore.
Vogliamo un mondo senza più crociate
Contro chi vive come gli piace.
Vogliamo un mondo in cui chi uccide è un assassino,
Anche se uccide in nome della pace.


Tradizionale inciso da Milva e ripreso da Lilith nell'album "Lady sings love songs" del 1992 (Face Records)

2 commenti:

  1. time for a change22 aprile 2006 11:58

    .........Vive La Resistance.......

    RispondiElimina
  2. w la resistenza
    w tony
    un abbraccio forte
    stefano

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails