lunedì, giugno 06, 2011

White Riot Tour 1977






Il 1° maggio del 1977 prende il via il White Riot Tour , con Clash, Jam, Buzzcocks, Subway Sect, Slits.

29 date fino al 31 maggio tra Inghilterra, Scozia, Galles e una puntata ad Amsterdam.

Ma dopo il concerto al “Rainbow” di Londra i Jam abbandonano il tour.
Tra le ragioni il diverso trattamento (economico e logistico) riservato a Weller e soci rispetto ai Clash ma anche la crescente tensione tra le due bands dopo la provocatoria intervista di Weller al NME in cui disse che avrebbe votato Conservatore (stanco dell’atteggiamento finto rivoluzionario, nichilista e da dito medio alzato del punk alla Sex Pistols).
In alcune date suonarono i Prefects e gli Aggravators.

May 1 Civic Hall, Guilford
May 2 Rascals, Chester
May 3 Barbarella, Birmingham
May 4 Affair, Swindon
May 5 Erics, Liverpool
May 6 University, Aberdeen
May 7 Playhouse, Edinburgh
May 8 Electric Circus, Manchester
May 9 Rainbow, London
May 10 Town Hall, Kidderminster
May 12 Palais, Nottingham
May 13 Polytechnic, Leicester
May 14 Brakke Grond Amsterdam
May 15 Fiesta, Plymouth
May 16 University, Swansea
May 17 Polytechnic, Leeds
May 19 Rock Garden, Middlesborough
May 20 University, Newcastle
May 21 City Hall, St. Albans
May 22 Skindles, Maidenhead cancelled
May 22 Wolverhampton Civic Hall
May 23 Top Of The World, Stafford
May 24 Top Rank, Cardiff, Wales
May 25 University of Sussex, Brighton
May 26 Colston, Bristol
May 27 Pavilion, West Runton
May 28 Odeon, Canterbury
May 28 De Montfort Hall, Leicester
May 29 Chancellor Hall, Chelmsford
May 30 California Ballroom, Dunstable

44 commenti:

  1. lamadonna!
    ecco dove avrei voluto essere con la Macchina Del Tempo!

    Cristiano

    Ivy League -Tossin' and Turnin'

    RispondiElimina
  2. ciumbia! un inizio soft per questo grigio monday morning.

    vi saluto e vi sputo
    a dopo
    f

    RispondiElimina
  3. a proposito, "oh, ragazzi!"... nuovo uncut con small faces in copertina e cd "early mod" (tutta robbabona 1957/1960 al max) è arrivato nelle edicole italiane. necessario direi, anche se non ci sono foto inedite degli sf e la storia di marriott come esposta è anche un po deprimente.

    anche il nuovo mojo è in edicola, popmallo in copertina e speciale su di lui, un bell'articolo sui troggs, ed un cd su una nuova etichetta folk londinese dove però spicca la mia canzone soul preferita del momento (il primo brano) di Michael Kiwanuka. la adoro.

    risputo a tutti

    RispondiElimina
  4. Il White Riot Tour!!! quello che l'Anarchy Tour avrebbe voluto/dovuto essere ma non fu...
    Concordo in pieno con Cris!

    RispondiElimina
  5. Bè, line-up più che notevole! Capisco l' astio di Weller nei confronti della retorica (finto)nichilista dei Pistols. A volte mi irrita un po' anche quella del tipo: il teppista da strada conosce la vita, etc. che passavano i Clash...ma poi le canzoni sono così belle e indimenticabili che li perdòno subito. Forse è per questo che preferisco London Calling rispetto all' esordio...che però, in quanto a impatto, rimane insuperabile.

    AndBot

    RispondiElimina
  6. Sarei curioso di sapere chi, tra i grossi nomi di adesso, riuscirebbe a tenere 29 date in un solo mese. Ma l'Uncut con SF e cd uscito in Italia?
    Marco MODS Trieste

    Kula Shaker - All dressed up

    RispondiElimina
  7. All' epoca del tour, però, non erano grossissimi nomi...nel senso che anche i Black Flag facevano 59 date in 60 giorni vivendo sopra un furgone, ma non erano famosi. Credo che oggi sarebbe impossibile...

    AndBot

    RispondiElimina
  8. io sono uno dei 2 o 3 pirla nel mondo che ogni volta che può mette su "Give 'em enough rope", che per me è splendido, meraviglioso etc. etc.
    Purtroppo certo "punk" tipo i Pistolos, essendo sostanzialmente una provocazione pop, andrebbe presa per quello che è. E' nel suo DNA essere "tutto e il contrario di tutto". Me li vedo McLaren e Lydon leggere sul giornale la dichiarazione di voto di Weller mentre si pisciano addosso dal ridere!!
    I Clash no, loro avevano un etica. E per giunta socialista!!

    RispondiElimina
  9. McLaren era un situazionista, un provocatore, uno al quale fregava nulla della musica...ma lo stesso Lydon si stancò presto di lui.
    I Clash erano tutt' altra cosa, anche se a volte, secondo me, affiora un pizzico di retorica populista (ma credo fosse in buona fede). Ma sono d' accordissimo sul fatto che avessero una loro etica.
    Credo che quel genere di tour massacranti li puoi sostenere soltanto all' inizio (soprattutto se dietro c' è comunque una certa attitudine punk, come nel caso), dopo di che diventa dura...gli stessi Clash, una volta famosi, viaggiavano comodi...
    I Fugazi fecero un tour mondiale in cinque (e quattro erano loro).

    "Give' em enough rope", per me, è uno dei loro album peggiori, ma non significa nulla, ovviamente. La musica è soprattutto una questione di gusti. Amo tanti dischi considerati, dai più, come "minori"...

    AndBot

    RispondiElimina
  10. Credo che anche gli stessi Clash non avessero amato molto "Give 'em enough rope" perchè fù mixato in regime di quasi imposizione dalla cbs.
    Sandy Pearlman ( produttore di hard rock) non amava molto la voce di Joe così che la batteria e le chitarre risultano mixate più alte, cosa che secondo me penalizza l'album.0
    Tommy Gun con la batteria mitragliatrice di Topper resta comunque una pietra miliare .

    RispondiElimina
  11. Concordo con Pibio riguardo Clash, socialismo ecc...
    Jam a parte, il gruppo che probabilmente ho ascoltato di piu' in quel periodo e che continuo ad ascoltare.
    Bello pure il live pubblicato l'anno scorso dei Clash.
    Credo fosse il loro ultimo concerto.

    Spostandosi leggermente piu' avanti nel tempo, ammetto di aver amato molto gli Smiths.
    E' bello riascoltare anche la musica 'del passato' mi piacciono molto meno le reunion o cose similari.
    Sono quasi sempre cose tristi e con poco senso.
    Sarebbe ,secondo me, come se uno nel 2011 si mettesse a scrivere un libro sui Jam e Weller in generale...
    Ha ha ha !!!
    Cristiano: Nella mia prossima puntata su ModRadio, che parte domani sera, dedicata ai Sixties, e che stavo riascoltando ora, ho selezionato , tra le altre, Ivy League - 'Tossin' and Turnin'.
    Se non è telepatia questa!

    Everybody cheers.

    Plastic Penny - Your way to tell me go

    RispondiElimina
  12. Davide: e se ti dico che mi son tornati in mente (cd doppio antologico e 45 originali)perche'in una delle tue ultime trasmissioni hai messo "Wait A Minute"????

    CASULA TELEPHATY,bro! Cheeeeers...

    C

    RispondiElimina
  13. volevo ringraziare chi ha citato in qualche post precedente gli Olivia Tremor Control, ottimi!

    Tra l'altro in "Dusk at Cubist Castle" c'è una traccia strumentale con piano e batteria (o percussioni varie) paurosamente simile ad una traccia di 22 Dreams. Molto molto simile..

    Fine dell'OT..

    Strummer inviò un telegramma a Weller: "Maggie Thatcher ti aspetta per la messa a punto degli obiettivi la prossima settimana".

    Entrambi due miti.

    RispondiElimina
  14. Grazie a te, "Zio"...credo che Olivia Tremor Control sia una di quelle band da (ri)scoprire nel panorama neo-psichedelico 90's.

    AndBot

    RispondiElimina
  15. Io invece volevo rilanciare i grandi PLAYN JAYN..grande Mod-oriented-psycho band from London mid 80s.
    Un bel disco in studio,un altro super dal vivo e poi l'oblio.
    Singolare formazione a due cantanti.
    Forse l'unica pecca stava nei suoni in studio, richiami "anniottanta" di batteria gonfia ecc ecc.
    Ma tant'e'.
    Un aneddoto circa uno dei due cantanti che raccontero' poi..
    L'altro cantante purtroppo e' scomparso l'anno scorso.RIP
    Gli altri membri scomparsi letteralmente dal cosmo dopo lo split della band.

    C

    RispondiElimina
  16. Grazie anche all'ispirazione di AndBot, che in un commento di una altro argomento ha scritto: Ora, 'da buon casula, dirò una cosa che non c' entra un kaiser:' e, grazie a quanto avvenuto tra me e Cristiano, direi che anche oggi potremo aggiungere un mattoncino al futuro Casula-dizionario.

    Kaiser-telepatia: stato di contatto tra due menti che puo' portare alla condivisione o scambio di pensieri.
    Generalmente riguardano 3 grandi macro-argomenti:
    1)La musica;
    2)'Quella cosa là';
    3)Calcio e altri sports.

    Può anche avvenire in presenza di altri pensieri, ma è molto raro.
    La danominazione 'Kasula' telepatia stà a significare che NON si tratta di telepatia comune ma di una particolare e ben piu' evoluta forma di telepatia che puo' avvenire ECLUSIVAMENTE tra un Casula e un altro Casula.

    Cheers.

    Tower of power - I thank you.

    RispondiElimina
  17. Ma lo sapete cos' è la casula?

    Ed ora, da buon kasula: lo sapevate che traducendo dall' italiano all' inglese, con google traduttore, Mino Reitano, si ottiene Minor Threat?

    AndBot

    RispondiElimina
  18. Hahahahahaha!!!!!
    Stupendo!!!

    Gioco nuovo, mi ci butto!

    Minaccia minore.... ahahahahahah!!

    RispondiElimina
  19. ci sono (per quanto possa essere interessante):

    The Olivia Tremor Control: "Frosted Ambassador"

    e

    Paul Weller Song For Alice.

    Poi magari è un viaggio mio...

    Fine di un altro OT.

    RispondiElimina
  20. e intanto il St. Pauli è retrocesso...

    RispondiElimina
  21. beh al di là della retorica e del gesto estetico forse i Clash si sono incazzati anche perchè si sapeva chiaramente cosa sarebbe successe se avesse vinto la Thatcher, come poi avvenne nel '79. Infatti: guerra nelle Falklands, stretta sui lavoratori, raddoppio dei licenziamenti, scontro con i minatori, amicizia con Reagan e Pinochet, un clima sociale di merda per 18 anni in Inghilterra e chi più ne ha più ne metta. Detto questo non è stato giusto sbattere fuori i Jam dal tour ma con tutto il mio grande amore per Weller e soci, devo dire che quella non fu una delle loro prese di posizione più felici...

    RispondiElimina
  22. Inoltre il mio amico Ben che era al Rainbow e poi a Chelmsford mi ha sempre detto (ogni qualvolta gli chiedevo di Weller) che lui e tutti gli altri presenti se ne andavano al bar a bere quando suonava lui e aspettavano che arrivassero i Clash. La maggior parte pensava che fossero degli sfigati tremendi e li ignoravano, secondo me è per questo che furono estromessi, magari anche come conseguenza della dichiarazione.

    E'retrocesso anche il West Ham, e maybe pure il Piacenza, esequie, come avrebbe detto Toto'.

    A.G.

    RispondiElimina
  23. Quest anno disastro sportivo...retrocessi St Pauli, West Ham e Piacenza.
    Nel basket fuori ai playoff per la A2....ed siamo alla solita inutile estate senza mondiali, europei o olimpiadi...e piove !

    I Jam non furono estromessi ma se ne andarono di loro spontanea volonta.
    Erano fuori luogo e leggendo le recensioni dell epoca vengono presi per il culo perche suonavano Batman o Heatwave.

    La storia che avrebbero votato Conservatori era solo una provocazione fatta da un ragazzino con le idee un po confuse e a cui della politica non interessava ancora granche e a cui fu suggerito di dire qualcosa di eclatante per farsi notare.
    Weller viene da una famiglia working class che con i Tories ha sempre avuto niente con cui spartire

    RispondiElimina
  24. Quella posizione di Weller,come giustamente puntualizza il boss,mi ricorda tante posizioni "eclatanti" e "di protesta" che han portato Leghe,Trote e barotti li' dove sono :nel luogo del potere centralista piu' da loro sputtanato e cioe'Roma
    vabbe'..
    e piove.

    "Rainy Day,Dream Away" J.Hendrix Exp.

    Casula!

    (Kaiser tel.---- grande Davide!)

    Cristiano

    RispondiElimina
  25. lo so Tony figurati...sulle credenziali working class di Weller c'è poco da dubitare e anche sulle sue convinzioni politiche (ampiamente dimostrate in seguito). Completamente d'accordo anche sulla natura di sparata provocatoria della famosa dichiarazione. Quello che volevo dire nel post sopra (kozmik sono io) è che visto il clima politico che si respirava all'epoca non mi sorprende che qualcuno l'abbia presa male.
    a presto
    Ferruccio/CUT

    RispondiElimina
  26. Tra l'altro all'epoca Weller aveva letto, per sua ammissione, al massimo George Orwell (il suo "politico" di riferimento) e si confrontava con menti come quelle di Strummer (già 25 enne) o ad esempio Hugh Cornwell degli Stranglers che alle spalle avevano Marx, Marcuse etc e ben altra preparazione politica.
    Il suo "voteremo conservatore" aveva la stessa valenza del dito medio di Johnny Rotten o della svastica di Sid Vicious, con i dovuti distinguo.

    RispondiElimina
  27. Weller cos' aveva, all' epoca, 19 anni? Di cazzate a 20 anni ne abbiamo sparate tutti, io continuo a farlo tutt' ora. Alla sua età manco sapevo dell' esistenza di Orwell...fra l' altro, mi chiedo, come avrà fatto a leggere 1984 già nel '77? Mah..

    AndBot

    RispondiElimina
  28. haha!! Vero AndBot!!! Nel 1977 non c'era ancora 1984!!!!!
    Checazzata...visto che c'eravamo
    C

    RispondiElimina
  29. Weller bugiardo !

    RispondiElimina
  30. L'abbiamo scoperto: bugiardo, conservatore e reazionario!

    AndBot

    RispondiElimina
  31. Joe Strummer sentenzierebbe per Paolino l'ascolto forzato in loop di "ROCK EL CASBAH" by Rachid Taha

    C

    (Fortune Faded- RHCP-- fighissima)

    RispondiElimina
  32. I Clash (al loro apogeo) danno l'idea di vero e proprio plotone d'esecuzione, implacabili sul palco e giù dal palco...qualche apprensione magari l'avrà messa al giovane Weller suonare di spalla alla più grande band del mondo. Non deve essere semplicissimo aprire per i Clash, nè Tony??
    ;-)

    RispondiElimina
  33. Quando hai 18, 20 anni anche se io ne avevo 23, non ti fai problemi ad avere davanti 12.000 persone che ti insultano e Paul Simenon a fianco che ti ascolta. L attitudine...voi chi cazzo siete ? Noi siamo i Not Moving, andatevene affanculo !

    RispondiElimina
  34. Noi siamo i Casula e voi non siete un cazzo!

    RispondiElimina
  35. Pibio, nel 77 i Clash non erano (ancora) la piu' grande band del mondo ma probabilmente questa affermazione ti serviva x dare il famoso "la" a Tony che ai Clash ha fatto da spalla davvero!
    Purtroppo QUEI Clash erano alla frutta ma io a quel concerto c'ero!
    Nulla a confronto della mia prima volta nell'81 al Vigorelli x il tour di Sandinista!
    Quella sera eran presenti altri futuri Casula,ancora ignari del loro destino..

    C

    (Noi siamo i Casula, sucate!)

    RispondiElimina
  36. I Clash del 1984 erano una parodia...

    RispondiElimina
  37. blog di komunisti!!!!

    nel 77 in UK c'erano i laburisti al governo, partito tra i più conservatori e corporativi della scena socialista europea sino alla svolta blairiana, prendersela con loro fu qualcosa di più di una boutade, il giovane weller era più avanti son convinto, poi certo dopo i disastri sociali della signora tàccer ha dovuto rettificare le affermazioni ma il clima culturale dell'epoca mi pare venga colto nel film "Billy Elliot" che ha pure una bella colonna sonora


    Police - Deathwish

    RispondiElimina
  38. Fu il fallimento totale di un intera società.
    Il governo laburista aveva imposto tassazioni esorbitanti per mantenere le industrie di stato: carbone, acciao, auto,aeronautica, con l'unico risultato di farle fallire e mettere l'intera nazione sul lastrico,non solo i ricchi depredati di ogni avere ma pure i lavoratori che persero il posto. Avevano perfino l'energia elettrica razionata. I disastri sociali dell'era Thatcher sono da attribuire al decennio precedente.
    Non è il primo ministro che bisogna odiare ad ogni modo, ma il lavoro, è lui la causa scatenante di tutto 'sto merdaio. Ho sempre considerato (e tuttora continuo) Weller una persona piuttosta confusa, non credo abbia mai fatto boutade ma è sempre "convinto" (sic)di quello che dice.
    Ad ogni modo il primo disco dei Clash è un autentico portento.
    Bella Cortez, Deathwish è un pezzo!

    A.G.

    Ennio Morricone - Allegretto per signora

    RispondiElimina
  39. Secondo me nel '77 la band più grande del mondo erano gli Eagles, tallonati dai Kiss, ha ha ha ha

    ca-asula!

    Nino De Luca - Ragazza con la pistola

    A.G.

    RispondiElimina
  40. primissimo concerto della mia carriera i Rockets al palasport 1980, la hit era Galactica ah ha ha dio gelato se ci penso...

    sarò espulso dal blog dal Soviet Supremo?

    AG la questione del rifiuto del lavoro è intrigante e rivoluzionaria (a proposito di 77) ma temo che sia una discussione senza via d'uscita


    I Trilli - Olidin Olidena

    RispondiElimina
  41. Infatti il lavoro non da vie d'uscita!
    Primo concerto: al mare 1981 Franco Battiato al Campo Sportivo Comunale di Andora, con grave ritardo nel rincasare e conseguente castigo, ricordo altresì uno strano odore (che poi imparai a conoscere) che veniva su a zaffate improvvise, Popivoda tu mi capisci...

    Soul Bossa Trio - Sally

    A.G.

    RispondiElimina
  42. Trilli Trilli Trilli ci sono piu' Musse che mandrilli..!!!
    Casula presente all'appello,caro Andrea "Cortez"(?!)

    Popivoda capisce tutto,Galletti..ehehe

    casula!

    C

    RispondiElimina
  43. Grande Popivoda !!!
    il ritornello è trilli trilli trilli t'aè ciù musse che mandilli, mandilli nun ti ne t'aè ciù musse che dinè, dove "musse" è in questo caso nell'accezione di pensieri o "grilli per la testa" mentre mandilli significa fazzoletti dall'arabo "mandil", dinè è soldi (facile)

    W i Casula

    Cortez (the killer)

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails