lunedì, ottobre 12, 2009

L'Italia di Lippi



Sono sinceramente felice che l'Italia vada ai Mondiali.
Anzi non vedo l'ora che arrivi giugno prossimo.

La Nazionale di Lippi è lo specchio fedele dell'Italia di oggi.
Un personaggio arrogante e un tantino compromesso da strane storie alla guida, che si affida a giocatori altrettanto discussi e discutibili (Cannavaro), pressochè finiti (Gattuso, Zambrotta e altri), in declino (Camoranesi, Buffon, Pirlo), mai iniziati (Iaquinta, Pepe, Palombo), incomprensibili (Le Grottaglie).

Un'Italia che si arrangia, arranca (vincendo un girone con squadre scarse e mediocri), che non guarda avanti, si affida al vecchio, spera in una serie di colpi di fortuna e circostanze irripetibili (Mondiale 2006).

Sono felicissimo di vedere l'Italia ai Mondiali 2010, perchè amo l'Italia e gli italiani, nonostante tutto, ma, come cantavano i Persuaders nel 1971 (magicamente ripresi poi dai Pretenders in "Learning to crawl" nel 1984):
IT'S A THIN LINE BETWEEN LOVE AND HATE

20 commenti:

  1. sempre e comunque..
    C

    RispondiElimina
  2. A volte è più hate che love, però si tifa sempre Italia in tutti gli sport, ricordandoci che lo psiconano comunque porta sfiga (e non solo nello sport).

    RispondiElimina
  3. Da quando c'è il nano di merda abbiamo perso un Europeo, la Confederations, lo sport italiano è in pauroso declino, ci sono stati terremoti, alluvioni, siccità, nevicate mai viste, disastri ambientali, recessione, povertà. nuove influenze, i cinghiali invadono le strade di pianura, squali nel Mediterraneo, siluri nel Po, lupi sugli Apennini, orsi sulle Alpi.
    E che cazzo !

    RispondiElimina
  4. per me é sempre stato un mistero il perché tifare italia. la squadra del cuore la scelgo, magari "aiutato" dal paparino o dagli amichetti. però in quel caso scelgo attivamente. anzi è il cuore che sceglie. l'italia si suppone doverla tifare in automatico per il fatto di essere nati in questo territorio. eppure io odio il 70% degli italiani, non mi riconosco in quasi nulla dei comportamenti dei gusti e delle passioni di chi mi circonda. quando vado all'estero (francia, spagna, germania, olanda, inghilterra, gracia), 90% delle volte mi trovo meglio. lippi e i suoi giocatori mi stanno quasi tutti sul cazzo. in più politicamente sono internazionalista e quindi non sento alcun trasporto per la bandiera ed i suoi valori. in sintesi: italia vaffanculo.

    RispondiElimina
  5. Rispetto le tue scelte.
    Personalmente invece sono attaccato all'Italia, sono contento (NON ORGOGLIOSO e varie cagate nazionaliste) di esserci nato e gli italiani in generale mi piacciono.
    Anche gli spagnoli,i greci, i francesi etc etc. mi piacciono e pure le loro terre e la loro storia molto spesso.
    Ma poi mi piace tornare in Italia.

    E quando c'è un avvenimento sportivo mi identifico con la nazionale italiana, mi entusiasmo se vinciamo, mi girano le palle se perdiamo (senza fanatismi).

    Detto questo è evidente dal mio post quanto mi stiano sul cazzo Lippi e i suoi giocatori in sospetto di doping, in sospetto di raccomandazione, in sospetto di procuratori prezzolati e che prezzolano, in sospetto che siano tutti una massa di stronzi.
    Mi spiace che ci sia lui a rappresentare l'Italia (pure se molto meno del dispiacere, rabbia, disgusto per il fatto che ci sia il fantoccio nano vecchio porco alla guida del paese)

    RispondiElimina
  6. amicoanonimo: si suppone che si debba tifare in automatico..a si? non lo sapevo o non mi sono mai posto il problema.
    viaggio molto e mi e' capitato di stare molto bene all'estero e altre volte meno bene..idem qui in italia.
    sono internazionalista (almeno credo nel senso che intendi tu,visto il tono del tuo discorso) ma non c'e' ancora una squadra che si chiama "Internazion....aaaahhhhh!!!!!!!!!!!!!!!!! ma cosa cazzo sto scrivendo??!!??.. quindi tifo Italia perche' mi va.
    Lippi stava sul cazzo a Tony anche prima del Mondiale,che pero' poi abbiamo vinto sotto la sua guida.
    la palla e' rotonda.
    e' una ruota che gira.
    non ci sono piu' le mezze stagioni..

    But go easy
    Step lightly
    Stay Free

    Cristiano

    RispondiElimina
  7. il vescovo del Ghana ha dichiarato che il mondo sarebbe pronto x un Papa nero.
    e Razzingher: ma..feramente..io sarei ankora fifo...

    RispondiElimina
  8. hahaha cristiano,
    io posso dirlo,
    sono "f.c. internazional-ista" :)

    indi per cui pur cio nonostante.. il nostro anonimo (perchè poi l'anonimato?) mi trova concorde, anzi tupolev, almeno a metà, almeno teoreticamente, sulle cose che ha scritto.

    f

    RispondiElimina
  9. sono l'anonimo incazzato con l'italia...

    x cristiano: con l'espressione "tifare in automatico" intendevo dire che in italia si tifa italia perchè è normale fare così essendo nati in italia.
    in italia ci sono nato, mi piace un sacco e credo di starci anche discretamente bene ma non per questo mi sento di dover tenere per gli atleti azzurri per questi motivi (che siano giocatori di calcio, basket, ecc). nel ciclismo, ad es., x molti anni sono stato un fan di pantani, non in quanto italiano, ma perchè rispecchiava un modo di intendere il ciclismo che mi appassionava (lasciamo stare il triste epilogo della sua carriera). è in questo che intendo che si sceglie per chi tenere. perché no? anche per la nazionale (o ci si astiene, come in politica e si guardano le partite senza trasporto emotivo).se l'italia di lippi (anche se vince il mondiale) mi fa cagare come gioco, come persone e per l'atteggiamento generale guarderò il mondiale senza dover necessariamente tifare per qualcuno. vedere la faccia di lippi amareggiato mi farà cmq godere.

    negli anni 70 ero piccoletto, ma tenevo per l'olanda perchè aveva un gioco magnifico e i giocatori erano dei fighi.

    d'altronde se mi fa cagare quasi tutta la musica italiana, perchè dovrei sentirmi emotivamente coinvolto da un gol di del pippa?

    m.

    RispondiElimina
  10. Anch'io rimasi affascinato dall'Olanda di Jonglbloed che usciva fino a centrocampo, Crujiff, Neeskens, Resenbrink, i fratelli Van De Kerkoef, Krol
    E poi quella maglia arancione. Stupenda !!
    Tifai molto per loro.

    Io la vivo sulla sottile linea tra odio e amore.
    Tifo e tiferò comunque Italia ma vedere certe facce di merda bastonate dall'Egitto in Confederations e umiliate poi dal Brasile è stato molto piacevole.

    RispondiElimina
  11. Chiaro esempio ieri sera: un' Italia inguardabile (pur con tutte le attenuanti di essere delle riserve, ma di fronte c'era Cipro, non credo ci sia molto da spiegare), Lippi piagnone che urla "vergogna" (vergognati tu e vai a lavorare almeno una volta, pirla !).
    Sotto di 2 gol in casa da Cipro.
    poi ne fa tre in pochi minuti e ti ritrovi a gioire, a sperare nel recupero e ad essere soddisfatto della vittoria comunque appassionante.
    IT'S a THIN LINE BETWEEN LOVE AND HATE

    RispondiElimina
  12. Anche a me non è simpatico Lippi ma il suo culo è ineguagliabile. Forza Italia !!

    RispondiElimina
  13. la bala es rotonda
    (herrera)

    RispondiElimina
  14. Rigore è quando arbitro fischia (Boskov)

    RispondiElimina
  15. il culo di luppi è pari non solo a quello di sacchi ma anche, dopo l'ennesimo "show" di ieri sera, alla sua presunzione ed arroganza. così di pelle direi che è anche un gran "falso". inutile dire che mi stanno pesantemente sul cazzo tutti e due, e ai tempi di sacchi, a casa mia abbiamo festeggiato la sconfitta ai mondiali, senza alcuna remora nazionalistica :)

    F

    RispondiElimina
  16. sara' capitato anche a voi di avere un casino in famiglia..il padre che ixxxxx la figlia...

    RispondiElimina
  17. ho una forte idiosincrasia per le cosiddette "minestre riscaldate". cazzo ma è possibile non riuscire puntare su volti nuovi? mi sembra che in italia allenatori validi ce ne siano. sono almeno altrettanto preparati e di sicuro meno mafiosi del lippoide. sarà forse che siamo affezionati ad esportare l'immagine mafiosa del nostro paese?

    m.

    RispondiElimina
  18. Quando dico che l'Italia Lippa è lo specchio dell'italia intera, intendo proprio questo.
    A noi piace la rassicurante figura di qualcuno che c'è da sempre, che sia potente, un po' stronzo e villano è meglio.

    E' anche vero che , discorso Cassano a parte, di ricambi non è che ce ne siano tantissimi (vedi le figure mediocri che da tempo fa l'under 21 e in cui non è che ci siano nomi pazzeschi).
    Il calcio, lo sport, come l'Italia intera , da noi è in declino totale.

    Stiamo in piedi arrancando, aggrappandoci, inciampando. E magari vinciamo il Mondiale, per il quale abbiamo le stesse possibilità come di uscire subito facendo solo un punto con l'Honduras.

    RispondiElimina
  19. io infatti non faccio un discorso tecnico sulle scelte di lippi. lui può convocare chi vuole, di sicuro ne capisce più di me.
    il problema è la persona. un vecchio, simpatico come una lisca di pesce in gola e coinvolto in vicende poco pulite.
    eppoi il simpaticone si incazza pure se la gente, che tra l'altro paga il biglietto, si permette di contestare.
    incredibile faccia di merda.

    mi sembra impossibile scindere il tifo dai soggetti verso cui esso è rivolto. e non mi riferisco solo a lippi, ma all'establishment che lo ha scelto e ai criteri che guidano da decenni questo paese.

    m.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails