lunedì, maggio 25, 2009

Mods In Italia . Sixties.





Con queste poche righe cerchiamo di fare luce sui gerni del MOD in Italia nei 60’s
Grazie alla consulenza di Salvatore Ursus D’Urso (le cui parole sono mischiate alle mie in questo articolo e acui devo la lista dettagliata finale) proviamo a vederci meglio.

La ricerca di bands connesse al mod-ism nei 60’s italiani è sempre stata infruttuosa , anche perché è improbabile che ci sia stato un reale riferimento .
In Italia arrivava tutto molto in ritardo e il più delle volte in maniera del tutto approssimativo e il termine mod veniva poco usato, in quanto tutto veniva inglobato nel BEAT senza troppi distinguo.


Ma qualche germe buttato qua e là è senonaltro divertente segnalarlo.
Il riferimento più noto è quello di Ricky Shaine che nel 1966 incise due singoli “Uno dei mods” e “Vi saluto amici mods” e girò pure un film sul tema.
Peccato che il ragazzo si vestisse come Elvis Presley e che nel film ci fosse parecchia confusione sull’estetica mod e rocker (si vedono scontri tra le due fazioni con “mods” con i capelli lunghi e dai vestiti abbastanza improbabili).

RICKY SHAINE esordì nel 1965 con il film "La battaglia dei mods" ed il singolo "Uno dei mods" e arrivò nello stesso anno in un'altra pellicola, con DINO (Eugenio Zambelli), chiamata "Altissima pressione": qui lo stile dei protagonisti era mod, in effetti, ma il termine vero e proprio non si usava, credo perchè associato a fenomeni di violenza e risse tra bande che la censura cercava di rendere impopolari (benchè ci fossero alcuni episodi simili anche da noi).
Lo stile che prevaleva, però, era quello beatlesiano,con i capelli più lunghi e gli stivaletti a punta.

Il primo nome dei Camaleonti fu Mods , mentre un altro gruppo I Mods di Roby Castiglione incise nel 1965 il singolo (cover di “Keep searching” di Del Shannon ) “Fuori dal mondo” (quest'ultima incisa anche da I GIGANTI) con sull’altro lato il brano “Faccia gialla”


Dall’Inghilterra arrivavano con un’ estetica mod gli Scotch che incisero in italiano nel 1966 ( ed operarono nel nostro paese) una cover di “Sha la la lee” degli Small Faces.
I Cuccioli nel 1967 fecero la cover di “Kids are alright” degli Who intitolandola “Tu non sai” (ripresa anche dagli Statuto) ,e gli Uragani coverizzarono a loro volta due volte gli Who nel 1966 con “Con quella voce” (“Can’t explain”) e “Giusto o no” (“Anyway anyhow anywhere”)

Brani italiani dei 60’s ascrivibili all’area mod.


GLI ANGELI - Dove vuoi (I'm a boy THE WHO)

I BARABBA - Sono stufo di te (I need you KINKS)

I BLUE DANDIES - Sha la la lee (SMALL FACES)

I 4 CALIFFI - Ti giuro è così (You really got me KINKS)

I CORVI - Che strano effetto (This strange effect KINKS)

I CUCCIOLI - Tu non sai (The kids are alright THE WHO)

ELSA & I BEATS - Sha la la la lee (SMALL FACES)

EQUIPE 84 - Sei felice (Tired of waiting for you KINKS)

I JAGUARS - Il tempo passerà (Hey girl SMALL FACES)

MAURIZIO - Guardami,aiutami,toccami,guariscimi (See me feel me THE WHO)

I NOMADI - 4 lire e noi (My mind's eye SMALL FACES)

Insieme io e lei (Days KINKS)

Un figlio dei fiori non pensa al domani (Death of a clown KINKS)

NUOVI ANGELI - L'orizzonte è azzurro anche per te (Sunny afternoon KINKS)

I POOH - Nessuno potrà ridere di lei (Till the end of the day KINKS)

Ora che cosa farai (La la la lies THE WHO)

I POPS - Un uomo rispettabile (A well respected man KINKS)

RAGAZZI DAI CAPELLI VERDI - Ma saprei (It's too late KINKS)

RANGERS - Non scocciare (Understanding SMALL FACES)

RENEGADES - Lola (KINKS)

SILVIO ROSSI - Se rimango qui (If I stay too long CREATION)

SCOTCH - Sha la la lee (SMALL FACES)

STORMY SIX - Oggi piango (All or nothing SMALL FACES)

I TEMPLARI - Splende il sole negli occhi tuoi (Hitchycoo park SMALL FACES)

URAGANI - Con quella voce (I can't explain THE WHO)

Giusto o no (Anyway,anyhow anywhere THE WHO)

21 commenti:

  1. non so, sarà per il senno di poi, ma il tentativo di "importare" il modernismo in Italia fa sorridere. Mentre i tentativi attuali o comunque più recenti di importare tutto quello che va all'estero (hip hop o altre culture) fanno veramente inorridire.
    Sembra quasi che ci fosse più innocenza e meno presunzione...

    RispondiElimina
  2. Nei 60's lo stile dei mods inglesi prendeva a piene mani dall'estetica quotidiana dell'italiano comune (taglio di capelli, look, scooters etc.

    Difficile importare un'estetica che qui era la normalità.
    Diverso il discorso musicale (evidentemente)

    Totalmente diverso il discorso alla fine dei 70's / inzio 80's.

    RispondiElimina
  3. Si,le situazioni di Italia ed UK in quegli anni erano ben differenti.
    Basti pensare che storicamente l'Inghilterra aveva già una tradizione liberal-borghese da almeno due secoli(pur essendo una monarchia)e che tutto sommato non vigeva una morale così clerical-repressiva come da noi,che reduci da vent'anni di fascismo e da una guerra catastrofica ci vedevamo improvvisamente in preda al benessere ed al boom economico.
    Il fenomeno beat (ma ancora prima il rock'n'roll) qui da noi fu sì visto come un'importazione dai paesi più permissivi e illuminati,ma venne vissuto in maniera nostrana,con tutte le varianti del caso...che arrivasse sempre tutto in leggero ritardo,però,non è sempre vero:grazie alla presenza delle basi nato in Italia e delle radio estere(Radio Louxembourg in primis!)la musica si ascoltava in tempo reale e in alcuni casi le versioni locali uscivano sul mercato discografico ancor prima degli originali.
    Mi dicevano gli APACHES,ad esempio (vedi TORINO BEAT su POPARTX) che loro eseguirono "You really got me" ancor prima dell'uscita del singolo e con quel suono spopolarono in breve tempo per tutti i locali della mia zona,oltre a mostrarsi con un estetica molto simile ai KINKS del primo album.
    Anche i RAGAZZI DEL SOLE proponevano un immagine abbastanza mod,visto che il loro fondatore FRANCO CASTELLANI aveva già coabitato a Londra con gente come Rod Stewart e George Fame.

    RispondiElimina
  4. grazie tony/ursus, bel post come al solito.

    f

    RispondiElimina
  5. Comunque la lista che riguarda i YARDBIRDS è meno lunga,per cui eccovela:

    ASTRALI - Non siamo come voi (Mr.You're a better man than I)
    JAGUARS - Non ti voglio più (Evil hearted you)
    I LATINS - La moralità (Over,under,sideways,down)
    OMBRE DI BRONZO - Finirà (For your love)
    I PERSIANI - Piccoli giochi (Little games)
    I SATELLITI - Finirà (For your love)
    I TEMPLARI - Tornerà (For your love)
    - Non importa (Shapes of things)

    RispondiElimina
  6. ottimo post dursus/tony!

    Giro a tutti un quesito arrivatomi via sms:

    "La sigla pubblicitaria di Controcampo e' un DUB particolarmente evocativo.."
    sai cos'e'?

    A me non viene in mente il brano..a qualcuno di voi??
    Tanx
    C

    RispondiElimina
  7. shane mc gowen si e' messo la dentiera
    C

    RispondiElimina
  8. La sigla non ce l'ho presente...se mi capita di sentirla ci faccio caso.
    In genere non guardo mai i programmi sul calcio,si parla solo delle solite squadre(tra cui quella di Cristiano)mentre di noi,anche se andiamo in B,non frega un caz a nessuno!

    RispondiElimina
  9. ok Ursus grazie..
    la domanda pero' sorge spontanea:
    leggi i giornali (sportivi e non)nelle pag dello sport? vedi le tv private?..
    solo perche' se tu lo facessi vedresti invece quanto "Toro" c'e' tutti i giorni.
    C

    RispondiElimina
  10. A Torino,ma non a livello nazionale!
    Come è ovvio che in Sardegna si parla di Cagliari,ma al di fuori?
    Francamente non si può più amare uno sport in cui dominano 4 o 5 squadre,sempre quelle più ricche e più in grado di condizionare tutto,arbitri compresi.
    Io personalmente trovo che non sia più uno sport popolare,ma semmai populista,fatto per addormentare gli animi e per distrarre dai problemi reali...non a caso l'economia si incrocia con la politica,qui in modo sempre più invadente purtroppo.
    Il problema non sarebbe neppure la serie B...anzi,mi sembra ancora un campionato più umano,ma in quanto a seguito mediatico peggio ancora!
    OK,meglio seguire il rugby...

    RispondiElimina
  11. concordo..discorsi gia vecchi...

    RispondiElimina
  12. Vecchi senz'altro...ma è sempre così (e non cambia)

    RispondiElimina
  13. meglio la palla a volo

    RispondiElimina
  14. o forse la pallabase

    RispondiElimina
  15. ursus sempre che si lagna

    RispondiElimina
  16. mimi' coco' cacamucazz'

    RispondiElimina
  17. meglio la palla avvelenata

    *Jeffrey*

    RispondiElimina
  18. come la palla prigioniera?

    RispondiElimina
  19. No
    In molti confondono Palla avvelenata con Palla prigioniera
    Hanno regole diverse

    http://it.wikipedia.org/wiki/Palla_avvelenata

    *Jeffrey*

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails