lunedì, maggio 21, 2012

Sublimazione di Max Pezzali e gli 883



Ho conosciuto personalmente MAX PEZZALI e l’ho incontrato un paio di volte (oltre a qualche mail di cortesia).
Persona attenta, intelligente, curiosa, arguta, al passo con i tempi, che conserva gelosamente i dischi di hardcore punk (mi parlò di GBH, Crass, Discharge) e post punk che ascoltava da giovanissimo, persona che segue con competenza le nuove direzioni musicali.
Venne a vedere i Not Moving a Pavia nel 1982, concerto in cui Dany, il nostro bassista, si tirò una lamettata in un braccio finendo il concerto tra schizzi di sangue (e 14 punti...).
Rimasi di stucco vedendo citare i Not Moving da Pezzali in un’intervista al Corriere (e ripetendolo in altre occasioni) come primo concerto visto.
Lo contattati per coinvolgerlo nel progetto del DVD dedicato alla nostra band, “Live in the 80’s” del 2005 e rispose subito, entusiasta di dare il suo contributo, accogliendomi nel suo negozio di Harley a Pavia.
E poi di nuovo ci vedemmo in provincia di Piacenza prima di un suo concerto.
Insomma, stima per la persona Max relativamente alla mia esperienza.

Recentemente il portale Rockit.it ha dedicato in modo ironico, provocatorio e “leggero” un tributo compilation (più o meno riuscito come sempre in questi casi) agli 883 a cui hanno partecipato vari nomi della scena “indie rock” italiano.
Successivamente da più parti su internet e non solo si è assistito da parte di una serie di “insospettabili” fruitori di ben altra musica ad una SUBLIMAZIONE della MUSICA degli 883 e di Pezzali, “testimoni generazionali”, interprete di un “pop italiano intelligente”, “al passo con i tempi” etc etc.

Perchè in Italia la memoria è sempre così corta ?
Perchè (in ambito indie/rock/alternativo/underground etc) ora anche gli 883 assurgono ad una “dignità” alternativa ?
Perchè in Italia viene sempre tutto riazzerato all’insegna “siamo tutti uguali”, “siamo sulla stessa barca”, “tutti amici” ?
Ora anche la MUSICA di 883 e Pezzali ha una collocazione “alternativa” ?
Davvero ?


60 commenti:

  1. Mah, boh....a me con quel faccione tondo da cartoon giapponese sto tizio come musicista non mi ha mai detto molto. I pezzi degli 883 mi facevano ribrezzo anni fa e tutt'ora ascoltandoli se capita in radio mi fanno lo stesso effetto che mi fa la canzone "delle fragole in un letto di nuovole...etc etc"(a proposito chi canta sto scempio?). Facevo il bagnino quando usci Hanno Ucciso l'Uomo Ragno e io ho maledetto la Marvel per quattro mesi filati. Ho letto con interesse invece alcune sue interviste in cui il buon Max svelava dei gusti musicali sorprendentemente simili ai miei. Insomma, grande Max se solo tu ti fossi limitato a fare l'ascoltatore saresti stato uno con le orecchie casulissime...

    Charlie

    @ Tony ma la mia mail all'indirizzo di Lilith l'hai ricevuta?

    RispondiElimina
  2. Credo che la motivazione sia la stessa per la quale vanno così forte le sigle dei cartoni animati anni '80 e simili ricordi del bel tempo che fu.. Perché noi nati negli anni '80 non solo siamo dei bambinoni, ma il "sistema" si compiace nel vederci rimanere tali. Ed ecco perché tutti gli zuccherini come questo, a farci pensare che era così bello ai nostri tempi.. E tutto il recupero del "trash" o presunto tale, tanto per colmare le nostre serate (soprattutto universitarie) con un tocco di magia.
    Per me Pezzali e gli 883 hanno sempre avuto la dignità di essere semplicemente nulla più di ciò che erano, senza pretese di universalità e rappresentavano la vita media dei ragazzi qualunque di provincia alla perfezione. Fortissime secondo me "Week end" e "La dura legge del gol" ma non solo.. Ma da qui a dargli questa "dignità alternativa" ce ne passa..
    Che poi sinceramente, la parola "alternativa" da un pò di anni ha assunto tratti anche grotteschi..
    Paolo*

    RispondiElimina
  3. personalmente potrei farvi una imbarazzante lista di 'canzoni pop' italiane che mi sono piaciute nel corso degli anni, titoli da far rabbrividire chi cool lo è di natura. ma onestamente non ce n'è neanche una di pezzali... :)

    RispondiElimina
  4. Anche a me piacciono un sacco di canzoni pop italiane, più o meno (molto meno) riuscite.

    Ma perchè chiedersi se è alternativo, generazionale, bla bla bla?

    La domanda è semplice: ti piace? non ti piace?

    Comunque la cover di "Voglia di cosce e di sigarette" (Mauro Repetto, si quello che non faceva un cazzo negli 883 a parte scrivere qualche pezzo e far finta di ballare, che però dimostrò una certa dignità-coerenza) dei MAISIE è bellissima!

    AndBot

    RispondiElimina
  5. La ragione è semplicissima: nostalgia. E' arrivato il turno di quelli che gli 883 li hanno ascoltati da quindicenni.

    RispondiElimina
  6. Ad ogni modo decisamente più inascoltabili Discharge, GBH e Crass! ( e detta da me...)

    L' effetto nostalgia è evidente, anche se io non ne provo molta per Pezzali e soci. Ma la musica popolare si basa su ricordi e suggestioni, soprattutto legate alla gioventù: così mi sono beccato tutti i revival, dai 60's (intramontabili) in poi. Adesso sarà il turno dei novanta.

    AndBot

    RispondiElimina
  7. Poi, diciamola tutta: le mode passano ma la qualità resta.

    Quest' anno Rihanna (per dire) venderà più dischi di Hendrix, ma in 50 anni non c'è storia e in due secoli e mezzo Bach fa il culo a entrambi!

    AndBot

    RispondiElimina
  8. Ho sentito la compilation, è una merda. Sguaiata, gratuita, indice di quanto quella famiglia di "musicisti" (la parte più esposta) chiamata indie nostrano sia una non-scena, ma un discount che anela al sucesso pop da centro commerciale senza avere alle spalle una produzione degna. Un gruppo su tutti? I cani. Il loro disco è fatto per imparare a memoria qualche slogan para-cinico per teenagers senza contenuto ma pieno di moraline da twitter. Cita personaggi e situazioni a sproposito, spacciando per coraggio quella "Fabiovolite" mediocre e ingenua che tanto ci piace. La cover qui proposta è disagiante, incapace di passare quella (già misera immagine) della canzone originale. Per il resto, non vedo perchè si dovrebbe proporre musica "nuova" quando nella realtà la "vecchia" era già aberrante di suo, quindi, ben vengano compilation approssimative. Aspetto i Modena City Ramblers e Capossela che coverizzano i successi di Scatman John, intanto ascolto i Negazione e mi sento piacevolmente retrò.

    RispondiElimina
  9. Infatti la differenza sta tutta lì :
    60es intramontabili,mentre per tutto il resto roba da una o due stagioni e poi si cambia di nuovo.

    Mi facevano ridere alquanto le definizioni tipo "i nuovi Beatles" e via dicendo,puntualmente abbinate a qualsiasi gruppaccio o cacciatore di fama ecc...
    ma pure io,come AndBot,butterei giù dalla torre i succitati (proprio dovendo scegliere di cosa morire).

    RispondiElimina
  10. L'errore è stato pensare che questa nuova "scena indie" sia la prosecuzione di quanto iniziato alla fine dei 70's con il punk, proseguito poi con HC, garage, post punk, new wave etc.
    In realtà sono due cose diverse che non hanno nulla a che fare.

    Per una certa generazione gli 883 rimangono un riferimento, intriso di nostalgia e di ricordi, per quella precedente una merda trascurabile.
    Nel frattempo quante volte sento dire che i Duran Duran però facevano delle belle canzoni, suonavano bene, avevano un gran gusto per gli arrangiamenti ed erano pieni di influenze soul e funk.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tony, scusa se mi sono permessa di disturbarti, ma avrei bisogno di un favore. come posso contattarti via mail?

      Elimina
  11. Io sono convinto DA SEMPRE che qualunque tipo di musica esprime le emozioni ed i sentimenti di chi ne attraversa le vicende,che non sono soltanto sonore ma anche sociali ecc...
    ciò non vuol dire che chi è nato 10 anni fa non possa apprezzare la "nostra" musica,così come io amo e vivo tuttora Beethoven o Strawinsky.
    Alcune forme,però,le vedo unicamente dettate dalle mode : l'indie di per se era cosa finita già 20 anni fa,forse perchè la si identificava con l'underground,che come dice giustamente Tony è un altra cosa.
    Debbo dire che sul fronte di altri revival,comunque,non c'è molto di meglio : personalmente ritengo che la "scena" neo-prog che ogni anno tira fuori 3 o 4 tributi ai vari Yes,Genesis ecc...
    oppure i gruppazzi neo-garage che rifanno per l'ennesima volta i Sonics ripassati attraverso i Fuzztones,non siano tanto diversi da 883 e similia.
    Ci sarebbe bisogno di una nuova rivoluzione in campo musicale o perlomeno di un briciolo di CORAGGIO in più,ma ce lo aspettiamo dai giovanissimi,noi come si suol dire abbiamo già dato.

    RispondiElimina
  12. La nostalgia non mi interessa.
    Il discorso e' quello che diceva AndBot: ti piace? non ti piace?

    Secondo me "Come Mai" e' una canzone POP perfetta.

    (la storia di Repetto-Baloo e' una cazzata)

    C

    @Galletti: grande PRO!! ero aggiornato in tempo reale..che acqua eh?

    RispondiElimina
  13. Ha ha ha, una mia vecchia conoscenza.
    Il successo venne con testi retrospettivi di un 25/30enne che si ricordava gli anni delle superiori e tutto il mondo che gli orbitava intorno all'epoca. In metà di quei posti c'ero stato pure io allo stesso tempo (abbiam la stessa età).
    Ovviamente fece successo coi 15/16 di 10 anni dopo.
    Comunque è un tipo sincero e non se la mena per niente, la musica che ascolta non è mai stata quella che fa, direi che potrebbe venire tranquillamente con noi a Vigevano.
    Poi non era indipendente, lo ha sempre prodotto Claudio Cecchetto, ma non ne ha mai fatto mistero.

    RispondiElimina
  14. Acqua a secchi, ma l'ho presa proprio volentieri.

    GRANDE PRO!
    Ma tu pensa se va in Serie B!

    RispondiElimina
  15. Non c'entra col post,ma ho visto che pure Red Ronnie è diventato esperto dei Maya e della simbologia esoterica.

    RispondiElimina
  16. sarebbe un sogno!..quando capita di vedere 3 squadre piemont..azz..2..il Toro e' salito in serie A,gia'...!
    C

    RispondiElimina
  17. ANNUNCIAZIO'-ANNUNCIAZIO':

    Il casula CORTEZ sta organizzando un pulmino navetta x Vigevano stile "Hop-On Hop-Off". Partenza da Genova,poi sale a Torino,riscende a Pavia,prosegue verso Piacenza e carica per ultimi i Casula di MIlano.
    (Stax e' il solito raccomandato e mentre noi ci faremo divorare dalle zanzare lui sara' backstage con Paolino e tutte le facilities del caso.)
    Metallurgicamente vostro.

    C

    RispondiElimina
  18. la madonna, mica male come idea !!!

    RispondiElimina
  19. Red Ronnie è un altro personaggio che andrò ad indagare presto..povera bestia...e dire che era partito bene

    RispondiElimina
  20. Lasciamo lavorare Max in pace ed in quello che sa fare meglio cioè vendere Harley.
    A proposito devo comprarmi una fionda per far fuori il tipo che passa alle tre di notte sotto casa mia con la sua HD.

    RispondiElimina
  21. Itinerario un po sacramentato però.....

    RispondiElimina
  22. Popsylon: una fionda?!?!? uno che disturba a quell'ora e soprattutto su una MOTO (fuckin' rocker)lo abbatterei col Bazooka!!!


    C

    RispondiElimina
  23. AGGIORNAMENTO DA CORTEZ (via sms):

    "Sono disposto a caricare tutti su un VW anni 70 dipinto flower power) a patto che siano vestiti stile freak con zampa d'elefante,texani,giacche scamosciate a frange..poi in biglietteria diciamo che volevamo vedere gli Allman Brothers come da programma e facciamo scoppiare un bel casino.."

    C

    RispondiElimina
  24. Cremonini non e' ancora venuto fuori oggi

    RispondiElimina
  25. Esatto,Red era partito benissimo ed io ricordo sia le fanzine "Red Ronnie's bazar" (1979) che gli articoli su POPSTER,fino a "Bandiera gialla" ed il fatto (abbastanza personale) che mi diede un notevole aiuto nella diffusione di "Manifesto beat"...
    chissà perchè la gente si guasta così in fretta...

    RispondiElimina
  26. Direi che Red Ronnie da quando faceva le interviste alle bimbe isteriche che volevano sposare Simon Le Bon ha iniziato un vertiginoso sprofondamento nell'inutilità....le profezie Maya sono solo l'ultimo (fa forse purtroppo non sarà cosi..) colpo di coda.

    Charlie

    RispondiElimina
  27. Cremonini esce domani e non vedo l'ora di ascoltarlo.
    Purtroppo non ho l'abbigliamento da Almann Bros o ZZTop ma l'idea non era male (con tanto di striscione Casula Freaks)

    RispondiElimina
  28. Io non salgo su un VW flower power.
    Non ho vestiti da freak, sono un mod.
    Io farei il contrario, andiam dentro in scooter vestiti da mod a un festival di hippies e facciamo un bel casino!
    e poi suoniamo noi!!!!

    RispondiElimina
  29. Ad ogni modo ci sono un paio di problemi con Pezzali

    1) E' un fuckin' motociclista
    2) è interista

    in virtù di questi irrimediabili difetti l'aspetto musicale diventa assolutamente trascurabile!

    RispondiElimina
  30. hahah! Albe t'las propi rasun!
    C

    RispondiElimina
  31. OT: Urca, ragazzi. Dopo lo scossone tellurico dell'altra notte, qui a Parma ne arriva un'altra...Federico Pizzarotti del Movimento 5 stelle è il nuovo sindaco col 60% delle preferenze...

    W

    RispondiElimina
  32. ho visto...e mo' so cazzi oppure una nuova alba...non saprei veramente cosa prevedere.
    Spero solo che sia DIVERSO

    RispondiElimina
  33. Come fa ad essere diverso quando le cose da fare sono le stesse?

    RispondiElimina
  34. Qui sotto la Lanterna ha vinto Marco Doria, figlio di Giorgio detto il "Marchese Rosso" discendente di una illustre famiglia genovese, che fu Vice Sindaco nella prima giunta Socialcomunista di Fulvio Cerofolini (1975), tranviere, socialista. In campagna elettorale son riuscito soltanto a dire Forza Marco perchè il cognome mi riusciva difficile pronunciarlo.

    Ma il risultato più bello e meritato l'ha ottenuto mio fratello, primo tra gli eletti in Consiglio comunale per numero di preferenze, farà parte della nuova giunta al fianco di Marco. Se fosse qui mio padre ne sarebbe orgoglioso, emigrato dal profondo nord senza una palanca, precario sulle banchine del porto negli anni 50, mancinante e gruista poi assistente prima del pensionamento. Un altro mondo, un altro paese.

    Questa vittoria è anche tua, ciao Pà

    RispondiElimina
  35. Io sono dell'86 e ovviamente quando avevo 8/10 anni gli 883 li sentivo ovunque.
    Crescendo però mi sono reso conto che,pur essendo un gruppo totalmente mainstream e apparentemente insignificante, gli 883 raccontavano molto bene la provincia italiana.
    E l'Italia come ben si sa , apparte Milano, Torino e Roma è tutta una provincia; quindi, parlando per me e per quello che vedevo, certi testi erano/sono davvero azzeccati (Weekend, Con un deca, etc).
    Per quanto possa contare dopo di loro, a livello così commerciale, non ci sono stati altri in grado di fare questo.
    E sicuramente a livello "alternativo" il discorso del realismo (se cosi si puà dire) lo si affronta in un altro modo e con tematiche meno leggere (mi viene in mente l'oi! ad esempio).
    Poi io ho altri ascolti ed altri gustie gli 883 li ho conosco per semplice questione generazionale, però personalmente porto rispetto a loro.

    Alberto

    RispondiElimina
  36. il ragionamento "ti piace o non ti piace" di andbot è nella sua crudezza, fondamentalmente vero. se un pezzo piace 'un ce so cazzi: piace e basta e non esiste contraddittorio possibile. se piace cos'altro vuoi aggiungere?puoi mica dire che non è vero che quel pezzo ad un altro piace!
    per fortuna a parlare di musica siamo noi e non il creatore di facebook e quindi il discorso di solito prende subito altre strade. una è quella che di Cristiano che dice: mi piace perché "come mai" è una canzone pop perfetta. ad esempio questo è opinabile. certo per lui resterà tale anche qualora io dicessi quel che pesno e cioè che la trovo una lagna arrangiata con suoni agghiaccianti, mix che non mi accompagna affatto laddove un pezzo pop dovrebbe portarmi. però qui siamo già su un punto di vista sul quale si può argomentare, anche avendo opinioni differenti.

    m.

    m.

    RispondiElimina
  37. i titoli dei giornali di oggi osannano la sinistra (e va' bene), ci dicono che la lega e' alla canna del gas (benissimo!) e il pdl non esiste piu'. Peccato che a Parma si sia intrufolato nella gang di Grillo. Occhio, cari June, fate la guardia a questi ceffi bruttissimi.

    RispondiElimina
  38. Cortez: grande Pa'!bello il ricordo..e un brindisi al Bro.

    M: esattamente. Ed e' questa la magia.

    C

    RispondiElimina
  39. "Come mai" mi fa rabbrividire, ma non certo per l' emozione.

    Il pop perfetto mi sembra altra cosa e quoto M.: suoni terribili, melodia patetica e banale, voce che non si può sentire...ma se piace? Va benissimo!

    Una canzone di pop italiano che trovo perfetta è "Un' estate al mare" di Giuni Russo: c'è l' arrangiamento raffinato, una bella melodia, suggestione, il ritornello appiccicoso...e una voce della madonna!

    AndBot

    RispondiElimina
  40. Infatti..allora se devo stilare classifiche del POP perfetto direi ovviamente molto dell'altro..e' il fatto che una melodia possa catturare comunque anche persone decisamente insospettabili,come me, e aggiungerei MALGRADO le cose che avete detto anche voi lo trovo molto affascinante di per se'..
    Ci siamo capiti,credo..

    Poi sapete che sono un romantico..per voi che invece amate scatenarvi e fare i matti consiglierei l'irresistibile "Nord Sud Ovest Est"..chi riesce a ballare come Repetto gli pago da bere,Galletti escluso..

    (che IO mi trovi a "difendere" Pezzali e la sua voce di emme e' veramente da CASULA)

    C

    RispondiElimina
  41. Miglior canzone pop italiana: Tony Renis - Quando quando quando, ma bella anche un'estate al mare, ma credo che se c'è qualcosa che non manca da noi sian proprio le belle canzoni pop.

    RispondiElimina
  42. Si, tutto sommato la tradizione melodica non ci manca proprio: forse l' unico problema è l' assoluta mancanza di rinnovamento in ambito pop italiota.

    AndBot

    RispondiElimina
  43. Ecco, questo senz'altro. Si avvicina un periodo dell'anno in cui uscivano un fracco di canzoni che sarebbero poi diventate successi nell'estate. Ce n'eran di belle e parecchie ascoltabili.
    Ultima canzone pop ascoltata (bella), 10 minuti fa in macchina

    Johnson Righeira e non so più chi - Papalla

    RispondiElimina
  44. Hit-tone estive dove siete?

    Disimpegno e casulismo!

    Sabrina Salerno: "Boys" (X3) (tanto quanto i suoi tettoni! E vai!)

    And Boy Bot

    RispondiElimina
  45. E Sei un Pirla e hai la faccia da pirla
    DJ Charlie (?)

    RispondiElimina
  46. Sunshine Reggae dei laidback

    RispondiElimina
  47. Disimpegno e casulismo!

    Loredana Bertè - In alto mare

    RispondiElimina
  48. E quella di quegli zarri austrici ( o tedeschi) che favevano LIFE IS LIFE o come cazzo si chiamava? na na na na naaa..forse la piu' brutta della terra come loro!

    Ma sapete che Boss Tony era un patito del pezzo "Carbonara" (e una coca cola..)"..tecco mecco.."haha!

    Vai Tony fai outing

    C

    RispondiElimina
  49. ha ha ha ha ha ha ha ha ha
    allora:

    Life is Life - Opus
    Carbonara - Spliff

    orribili

    RispondiElimina
  50. E la madonna..."Carbonara" l' avevo totalmente rimossa: una roba indescrivibile, ti spinge all' emarginazione più totale...

    AndBot

    RispondiElimina
  51. Qualche tempo fa in un'intervista Mauro Repetto, ex componente degli 883, aveva raccontato i motivi che l'avevano spinto a lasciare il gruppo proprio nel momento di maggiore successo. Adesso però sembra proprio che gli 883 torneranno insieme dopo vent'anni. Su Twitter infatti è spuntata una foto che ritrae Max Pezzali e Mauro Repetto in compagnia di J-Ax. Ad aggiungere carne al fuoco, come fa sapere TGCom, è arrivato Nikki che dai microfoni di "Radio Deejay" ha fatto sapere di aver casualmente incontrato i due mentre cantavano in un bar-karaoke milanese. Comunque il 5 giugno uscirà "Hanno ucciso l’uomo ragno 2012" con le hit dell'album rilette da Pezzali e con l'inedito "Sempre noi" con J-Ax. Chissà che il progetto non preveda anche il ritorno del figliol prodigo Repetto...

    RispondiElimina
  52. e speriamo!
    Io alla notizia mi son già tutto bagnato!!!

    RispondiElimina
  53. Sei tu che li aspetti così trepidante???

    RispondiElimina
  54. Dai ragas non scherziamo,gli 883 hanno fatto solo canzoni di merda. Il fatto che siano stati di riferimento per una certa generazione è tra l'altro agghiacciante. Significa che non c'era un cazzo di altro.
    Questi specialisti di Rockit potevano pensare a Battisti,Vasco,Litfiba,Dalla,De Gregori...
    Però se fanno il secondo tributo suggerirei Ramazzotti,o Paola e Chiara (musicalmente fanno cagare ma sono 2 fighette niente male).
    Ma per piacere....

    A

    RispondiElimina
  55. Direi che Vasco, Litfiba e io ci metto pure Ligabue possono andare tranquillamente con Pezzali. Per Dalla & De Gregori discorso diverso, ma non certo rock.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il discorso non era sul rock o non rock,era sul significato artistico...

      Elimina
  56. Ma dove si compra questo dvd?????

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails