lunedì, luglio 16, 2007

Uscito vivo dagli anni 80

E' uscito (vivo) da poco più di un mesetto e un po' di soddisfazioni me le ha date (considerando che volevo stamparmelo in 100 copie da regalare qua e là e venderene qualcuno giusto per tirare su due soldini) tra recensioni e tante impressioni di amici e conoscenti (e sconosciuti).
A settembre poi vado in tour in mezza Italia a presentarlo e anche quella è un'esperienza nuova e fa sempre piacere fare cose nuove.
Vi farò sapere le date
Nel frattempo mi sono quasi commosso a leggere questo:

I DIECI BESTSELLER DEL MESE DI NDA

01. L arte del Prof. Bad Trip (ShaKe)

02. Uscito vivo dagli anni 80 (NdA Press)

03. La famiglia fantasma (Fabio Croce Ed.)

04. Otto, nove, dieci (Black Velvet)

05. Post-Punk (Isbn Edizioni)



33 commenti:

  1. Arrivato venerdì. Letto, divorato e finito.
    Ci ho ritrovato un po' di racconti ascoltati in qualche viaggio insieme, i racconti del Boz (a proposito, a casa dell'Elisa c'è un manifesto fatto da lui a china dei Not Moving che non ho visto sul libro... bellissimo fra l'altro). Inaspettato il racconto sulla festa a casa della sorella di Devoti, che abitava sopra le mie cugine e una volta mi ci hanno portato che avrò avuto 7/8 anni e ne sono uscito un po' flashato... sarà per questo che poi il destino mi ha portato a combinar stronzate con te?
    Ma soprattutto la VOLVO ROSSA. Hai messo l'epilogo, ma non il prologo... ha mollato in modo quasi definitivio in autostrada in piena magozia mentre andavamo a girare un trashissimo video intitolato "Le Nokia Angels"... non so se rendo... secondo me la Volvo si è solo rifiutata di prestarsi e ha cominciato lì a dire "Non mi prenderete viva!"

    RispondiElimina
  2. Me la ricordo la Volvo che si è piantata in Magozia (autostrada) bruciando il motore e lasciandomi con 2.500.000 di lire per rifarlo completamente.

    Mi rendo conto solo ora della coscienza politoca che aveva la mia Volvo ROSSA, sempre all'avanguardia in tutte le lotte, refrattaria ad ogni imposizione, orgogliosa del suo colore, impavida contro ogni padrone.

    Non ne fanno più di quello stampo.

    Di foto ne avevo un pacco ma sono state scelte dall'editore e non tutte sono belle come quelle che avrei voluto io, ma va bene lo stesso.

    COMUNICAZIONE DI SERVIZIO:
    dal 28 luglio sono in zona, prepoar una boccia di rosso e un salam che passo per di lì a ricordare un po' di debiti (e non sono quelli di gratitudine)

    RispondiElimina
  3. ?????? che zona?????

    RispondiElimina
  4. Davide scrive da Bardi (Alta ValCeno, montagne pranzane, ovvero parmensi).
    Io me ne vado nel mio eremo in Alta Valnure, a 1.000 metri, sul confine con Parma.

    In linea d'aria una decina di KM, per strada una 40ina di curve e saliscendi, per i sentieri una ventina.

    La prossima settimana vi posto un po' di indirizzi di osterie valide e luoghi da visitare nel piacentino se ci capitate.

    RispondiElimina
  5. grande tony, addirittura hai distrutto post punk che e' un libro a dir poco seminale!!!!!

    noi rockerz cremonesi/bresciani/torinesi l'abbiamo acquistato in quantita'....si sa mai nella vita.

    nn t ho piu' chiamato x' la giornata a grigliare nel parco e' saltata,causa indisponibilita' della casa.


    ahime'.


    ma a cr passi a presentare il libro????


    intanto saluti a te ed alla tua signora.



    adonis

    RispondiElimina
  6. Salume di maialino nero, può andare?
    Viva la Libé e l'IVRI che mi ha scritto proprio oggi... Ma quel che conta è il maialino nero e il resto valaciapa

    RispondiElimina
  7. gran bella soddisfazione!
    ti aspetto a Torino allora ;)

    Magnolia Blanika

    RispondiElimina
  8. Per Adonis.
    non l'ho ancora letto ma me ne dicono un gran bene di quel libro.
    No probl per la grigliata, ci si vede in altre occasioni più "rock" e meno agresti....
    Per il momento ancora nulla per Cremona, ma milano si, in settembre credo.

    Per Davide.
    Sono praticamente vegetariano, ma partendo dall'assunto che IL SUINO E' UN VEGETALE e salame,coppa, prosciutto,pancetta, mortadella sono le sue foglie o radici, va benissimo anche il salame di cinghiale nero.

    Per Magnolia
    A Torino praticamente sicuro da Feltrinelli in ottobre.
    A breve tutte le date del book tour

    RispondiElimina
  9. divorato anch'io, mi è piaciuto perchè è lontano da qualsiasi retorica,presto recensirò...la scena del "processo politico" al Virus cui vi hanno sottoposti è da antologia del surrealismo,...questi fondamentalismi ideologizzanti sono veramente l'esatta antitesi dello spirito punk originario,..sicuramente questi intelligentoni avrebbero "bocciato" come non punk i Ramones o i Damned o i Dead Boys o il 99% delle bands punk pre-1980,...veramente surreale

    RispondiElimina
  10. Non "avrebbero", HANNO bocciato tutta quella scena e quello spirito.

    Ricordo un'aspra contestazione ai Raw Power al Virus o al Leonka perchè suonarono "Big woman" dei GBH che irrideva le femministe estremiste.
    Gl ivenne dato del fascio maschilista etc.
    E pure con noi no nfurono mai teneri "poseurs", "sfruttatori del punk" , "venduti" etc etc.

    Tra i protagonisti dell'episodio uno gira in BMW, ingegnere, nel weekend sempre in Costa Azzurra a farsi di coca.
    Un altro l'ho beccato a fari il buttafuori in una discoteca in abiti sadomaso, strafatto.

    che merda..quanta gente con l ospirito sincero rovinata da sti stronzi integralisti

    RispondiElimina
  11. Il fatto che certi personaggi siano finiti nel mondo in cui è stato(perfettamente integrati in quel sistema che a parole rifiutavano)non stupisce affatto,questi coglioni passavano il tempo a parlare sempre degli altri(naturalmente male)proprio perchè,evidentemente,non avevano nulla da dire di se stessi...anche Tony sa perfettamente quanto era difficile,ai tempi,esporre alcuni concetti elementari e semplicissimi,che però venivano censurati per moda o per comodo...I nomi che cita Michel(Damned,Ramones ecc.)venivano snobbati solo perchè era evidente che nessuna aveva inventato nulla dal nulla:il punk 77 in fondo era solo beat "incattivito"(di nuovo c'era solo il look,ma neanche troppo!)ma per qualcuno era inaccettabile perchè bisognava rinnegare le radici,tipico atteggiamento superficiale da snob,senza neppur parlare di quanto fosse difficile re-introdurre il discorso "psichedelia",perchè questa era associata ai soliti luoghi comuni di capelloni,canne,pace&amore e cazzi vari...in questo senso oggi c'è meno prevenzione e maggiore apertura,purtroppo c'è anche meno coraggio da parte di chi dovrebbe produrre e lanciare qualche nome non conformista o meno compromesso,perlomeno una volta qualcuno ti faceva suonare anche se non richiamavi folle colossali,oggi il locale che gestisce nomi nuovi è diventato un oasi quasi invisibile.URSUS

    RispondiElimina
  12. @ URSUS: ho letto la tua intervista su Misty Lane e le avventure di fine '60, primi '70 dei Templari ed altre band...interessantissima,
    massimo rispetto!
    @ Tony: sono contentissimo per il tuo libro, una lezione di stile e onestà (e di vita).
    Fantastico.

    Vorrei anche aggiungere che nel mio piccolo, con i Dumspsters, fummo sempre velenosamente accolti nei centri sociali, a causa del "disimpegno" e un po' anche dei ns., capelli (avendo noi 16-18 anni e amando i Ramones alla follia, come potevamo avere i capelli? come loro!!)
    Proprio noi che eravamo fin troppo agonisti, dal punto di vista prettamente musicale, e quando il pop punk saturò tutto quanto ('94-'95 circa) sciogliemmo brevemente la banda. (ma anche per altri motivi in realtà...)

    RispondiElimina
  13. Credo che tutti noi abbiamo mille e mille esempi della coglionaggine di certa gente..
    La cosa che negli anni ha cominciato a gratificarmi e' che il TEMPO FA LA SELEZIONE NATURALE..e in qualche modo e'"bello" trovare l'intransigente (ex)punk che fa il buttafuori magari x la fattanza borghese del weekend e strafatto pure lui..son soddisfazioni.
    W i viados e la Sorella Maldestra.
    Massimo rispetto.
    Cristiano

    RispondiElimina
  14. Avete tutti una gran ragione. Anche la mia esperienza mi ha portato spesso a dovermi scontrare con certe ottusità. Quando cominciammo a suonare un po' in giro, ricordo che erano i tempi delle "posse" e del cosiddetto "movimento". Se non avevi dei proclami politici nei pezzi, non andavi da nessuna parte. Il bello è che noi ce li avevamo eccome... eppure, ugualmente, non andavamo bene perché ironici e, si sa, nel rock mica puoi ridere. Devi essere accigliato e torvo. Bah...
    Ma non è tutto: come è evidente il lato politico usciva sempre quando non doveva... In locali storici come il Thunder Road, per aver fatto una battutina (innocente) su Bossi... ci beccammo fischi e qualche oggetto sul palco. Fortunatamente nulla di grave... ma non fu piacevole nemmeno scoprire che ci avevano tubato i copricerchi delle macchine e lasciato qualche graffito non richiesto sulle carrozzerie.

    RispondiElimina
  15. off topic, perdonatemi... consiglio anche la visione di THIS IS ENGLAND, anche questo solo in inglese, storia di un ragazzino dodicenne che si imbatte in un gruppetto di skinhead, e diventa uno di loro... comunque, giovedì parto per la spagna, volo fino a barça e da lì interrail, zaino in palla e via. slauti
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  16. "Misty lane" è già uscito?Non l'ho ancora visto...l'intervista è di pochi mesi fa,ringrazio per i complimenti!Ci sono anche progetti di tipo sonoro con loro,spero vadino in porto al più presto.
    URSUS

    RispondiElimina
  17. Joyello: che pezzi di emme..fosse successo a me tornavo la sera dopo col bazooka..giuro.

    Marco:ma e' un film? lo cerchero e BUONE VACANZE. Spacca tutto.

    Ursus:hai x caso "il beat (?) nel canavese" ? (scusa non ricordo bene il titolo. un libro scritto dal tipo dei rangers di castellmonte (o ivrea..). Io l'ho preso nel negozio di dischi di ivrea. e' molto bello.

    C

    RispondiElimina
  18. sì, this is england è un film, mi pare del 2005, ha vinto anche diversi premi, se non sbaglio. ieri sera ho cercato un po' qualche serata in giro per la spagna in questi giorni, e naturalmente l'euroyeye a gijon inizia il giorno dopo che noi siamo tornati indietro... signori, ci si legge ad agosto!!
    Marco MODS Trieste

    RispondiElimina
  19. No,beat nel canavese non ce l'ho,anche se credo di sapere chi l'ha scritto...si trova ancora?
    Michel dovrebbe pubblicare "Torino beat" sul blog,il problema è che le foto de I CUORI DI PIETRA tardano ad arrivare,perchè sono in movimento(stile video)e stiamo cercando il mondo di ridurle a foto semplici,forse Photoshop??
    URSUS

    RispondiElimina
  20. Buon viaggio Marco, ci risente più in là !

    RispondiElimina
  21. Ah, nel frattempo i POOH (si i POOH !!) hanno annunciato un album di covers di gruppi beat degli anni 60 (dicono anche 70...???...) che li hanno maggiormente influenzati.

    Vediamo se ci sarà qualche "perla"

    RispondiElimina
  22. Il primo LP dei POOH "Per quelli come noi" è uno dei migliori di tutto il panorama beat italico,tra le covers bellissime "Vieni fuori" ("Keep on running" di Spencer Davis gr.)"Nessuno potrà rider di lei"("Till the end of the day" dei Kinks)"Ora che cosa farai"("La la la lies dei Who)ma sopratutto il pezzo originale "Brennero 66" sul terrorismo altoatesino dell'epoca(colpito dalla censura democristiana)una gemma!URSUS

    RispondiElimina
  23. ..yeah, penso che moltissimi gruppi validi che non si conformavano ai diktat dell'epoca (es. fare testi alla Discharge su guerra-bombardamenti-bambini uccisi dal napalm-donne che piangono stringendo cadaveri di bambini in braccio e rotture di palle del genere e via discorrendo!!) siano stati costretti all'oblio,....anch'io ricordo la supponenza pseudo-intellettuale di certi coglioni (che poi non erano intellettuali per niente!)...che si credevano i ducetti alternativi di questo o quel locale,....d'altronde allora era di moda fare "i punx politicizzati" , quindi molti seguirono il trend per poi mollarlo dopo 2 anni o anche meno, gli esempi abbondano,...è per questo che alcuni di noi iniziarono ad ascoltare Chesterfield Kings ecc. a 16-17 anni, perchè non se ne poteva più di quella musica che stava diventando troppo noiosa e conformista,...tra l'altro MUSICALMENTE meglio i Chesterfield direi
    Mich.
    Mich.

    RispondiElimina
  24. Ursus: sono piu' preciso..
    Il libro e': "I Beatles e i Genesis in canavese (storia della musica beat&pop in canavese dal 1962 al 1974)" di Gianpiero Madonna ed. Lampi di Stampa 2005.
    E' completissimo (ovviamente riferito a quell'area geografica),con foto biografie racconti etc etc (poi come saprai alle Due Rotonde di Cuorgne han suonato tutti!!).
    Io l'ho trovato da "Discoccasione" negozio di Ivrea, il tipo fa anche mercati quindi son sicuro che lo conosci anche perche' e' un "tuttologo" come te..
    Tu dimmi, se interessa io vado su una volta al mese se vuoi te lo prendo. se non ce l'ha in negozio me lo faccio portare, no problem. ok?

    Mich:purtroppo il "mio" blackout sul tuo blog prosegue..e ne avro' ancora x la prox settimana ma proseguo cio' che sai..

    Tony: scusa se uso il tuo blog x queste comunicazioni, ma non riesco neppure ad aprire il POST sul clima dove avevo scritto (e forse mi hai risposto..)

    Cristiano

    RispondiElimina
  25. tranquillo, nessun problema, figuriamoci..

    RispondiElimina
  26. Si,se il libro è ancora disponibile prendimelo pure,quando ci si vede sistemiamo(per il prezzo)...l'autore dev'essere un mio ex cliente di negozio che non vedo da parecchi anni,salutamelo!
    Visto"Misty lane":ottimo numero,devo ancora sentire il CD...URSUS

    RispondiElimina
  27. Yess tony..tanx

    Ursus: ok la prima volta che vado lo prendo cosi x quando sara' che ci si vede oltre a Zombie avremo validi argomenti su cui disquisire.

    C

    RispondiElimina
  28. ho letto il tuo libro che è davvero bello, bellissima la parte delle ciambelle senza buco e la storia del raduno comunque è tutto esagerato...un saluto da pisa

    RispondiElimina
  29. esagerami le palle anonimone di pisa.lili'

    RispondiElimina
  30. Meno male che gli era piaciuto,se no cosa diceva???
    Joe

    RispondiElimina
  31. Beh , caro anonimo di Pisa.
    La mia consorte ha riassunto in una battuta il mio pensiero che più estesamente ti vado ad esporre.

    Non c'è nulla di esagerato, anzi, al contrario, ho deliberatamente cercato di eliminare ogni esagerazione.
    Prorpio per non cadere nell'enfasi e nella retorica di molti libri e articoli sull'argomento.

    Ho lasciato qualche episodio significativo ma se avessi messo tutto quello che abbiamo vissuto (molte cose non si possono proprio dire perchè sono da vera denuncia e comunque troppo private ed estreme)allora si che avresti potuto dire "esagerato".

    Va bè, spero ti sia piaciuto lo stesso.
    Bye

    RispondiElimina
  32. pisani tutti appesi!!
    un saluto da livorno

    RispondiElimina
  33. sono l'anonimo di pisa:"esagerato"scusatemi se non mi sono espresso al meglio per me significa "bello esagerato"e quindi è un grandissimo complimento che ti faccio, ho dato per scontato che venisse compreso alla mia maniera e non intendevo per niente dire che all'interno del libro ci sono esagerazioni,è vero mi dovevo esprimere meglio.
    Un saluto di nuovo da Pisa grande Tony continua così!
    barba

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails